Il governo Canadese è citato in giudizio per aver calpestato i diritti umani


Da reclaimthenet


La Canadian Civil Liberties Association (CCLA) ha annunciato di aver citato in giudizio il governo canadese per aver invocato l'Emergencies Act, sostenendo che i poteri di emergenza sono una violazione dei diritti umani.


Il direttore esecutivo del CCLA Noa Mendelsohn ha affermato: "I poteri di emergenza non possono e non devono essere normalizzati". Ha aggiunto che l'atto "viola gravemente i diritti della Carta dei canadesi".


L'atto è stato approvato dal parlamento nel 1988. È stato utilizzato per la prima volta dal governo di Trudeau, con la giustificazione che le proteste per le libertà civili sono una minaccia per l'economia e la sicurezza pubblica del Canada.


"La protesta è il modo in cui le persone in una democrazia condividono i loro messaggi politici di ogni tipo, siano essi attivisti ambientali, studenti che scendono in strada, difensori della terra indigeni, lavoratori in sciopero, persone che sanno che le vite dei neri contano e altri che si oppongono alle misure del governo di tutti i tipi", ha detto Mendelsohn.


Amnesty International ha anche criticato il Canada per aver invocato l'Emergencies Act, sostenendo che "solleva preoccupazioni e questioni relative al rispetto dei diritti umani".


Abbiamo ottenuto una copia del deposito del tribunale per te qui.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Link e materiale non pertinente sarà eliminato.

Nuova Vecchia