Studio della FDA associa le Miocarditi nei giovani ai Vaccini Covid, ma nessuno ferma la strage

 


Da healthimpactnews

La FDA e il CDC hanno ammesso da tempo che i vaccini COVID-19 stanno causando malattie cardiache nei giovani, in particolare miocardite e pericardite. Eppure continuano a raccomandare di iniettare ai bambini questi colpi mortali, affermando che questi casi sono "rari" e che il rischio per questi giovani di morire a causa del COVID-19 è maggiore.

Questa è la loro più recente dichiarazione ufficiale pubblicata sul sito web del CDC a partire da ieri, 25 febbraio:

La miocardite e la pericardite dopo la vaccinazione contro il COVID-19 sono rare. La miocardite è un'infiammazione del muscolo cardiaco e la pericardite è un'infiammazione del rivestimento esterno del cuore. La maggior parte dei pazienti con miocardite o pericardite dopo la vaccinazione contro il COVID-19 ha risposto bene alla medicina e si è riposata e si è sentita meglio rapidamente.

Al 17 febbraio 2022, VAERS ha ricevuto 2.248 segnalazioni preliminari di miocardite o pericardite tra persone di età pari o inferiore a 30 anni che hanno ricevuto vaccini COVID-19 .

La maggior parte dei casi è stata segnalata dopo aver ricevuto Pfizer-BioNTech o Moderna (vaccini mRNA COVID-19), in particolare negli adolescenti maschi e nei giovani adulti. Fonte .)

Da questa pagina, il CDC si collega quindi a una pagina speciale pubblicata lo scorso novembre che afferma questo:

CDC e i suoi partner stanno monitorando attivamente le segnalazioni di miocardite e pericardite dopo la vaccinazione COVID-19. Il monitoraggio attivo include la revisione dei dati e delle cartelle cliniche e la valutazione della relazione con la vaccinazione COVID-19.

La miocardite  è un'infiammazione del muscolo cardiaco e la  pericardite  è un'infiammazione del rivestimento esterno del cuore. In entrambi i casi, il sistema immunitario del corpo provoca infiammazione in risposta a un'infezione o a qualche altro fattore scatenante. Ulteriori informazioni su  miocardite e pericardite.icona esterna Cerca assistenza medica se tu o tuo figlio avete sintomi di queste condizioni dopo la vaccinazione COVID-19.  Raramente sono state riportate miocardite e pericardite, specialmente negli adolescenti e nei giovani maschi adulti entro diversi giorni dalla vaccinazione contro il COVID-19.

Cosa hai bisogno di sapere

  • Casi di miocardite segnalati al  Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS)icona esterna sono capitati:
    • Dopo la vaccinazione con mRNA COVID-19 (Pfizer-BioNTech o Moderna), soprattutto negli adolescenti maschi e nei giovani adulti
    • Più spesso dopo la seconda dose
    • Di solito entro una settimana dalla vaccinazione
  • La maggior parte dei pazienti con miocardite o pericardite che hanno ricevuto assistenza ha risposto bene ai farmaci e al riposo e si è sentita meglio rapidamente.
  • I pazienti di solito possono tornare alle loro normali attività quotidiane dopo che i sintomi sono migliorati. Coloro a cui è stata diagnosticata la miocardite dovrebbero consultare il proprio cardiologo (cardiologo) in merito al ritorno all'esercizio o allo sport. Ulteriori informazioni verranno condivise non appena disponibili.

Sia la miocardite che la pericardite hanno i seguenti sintomi:

  • Dolore al petto
  • Fiato corto
  • Sensazione di avere un cuore che batte veloce, svolazzante o martellante

Cerca assistenza medica se tu o tuo figlio avete uno qualsiasi dei sintomi specifici o generali di miocardite o pericardite, specialmente se è entro una settimana dalla vaccinazione COVID-19.

Se hai problemi di salute dopo la vaccinazione, segnalali a  VAERSicona esterna.

Operatori sanitari: per ulteriori raccomandazioni e indicazioni cliniche, visitare  Considerazioni cliniche: miocardite dopo mRNA Vaccini COVID-19 | CDC .

Devo comunque vaccinare me stesso o mio figlio?

Sì. Il CDC continua a raccomandare a tutti di età pari o superiore a 5 anni di vaccinarsi per COVID-19 . I rischi noti della malattia COVID-19 e delle relative complicazioni, forse gravi, come problemi di salute a lungo termine, ospedalizzazione e persino morte, superano di gran lunga i potenziali rischi di avere una rara reazione avversa alla vaccinazione, compreso il possibile rischio di miocardite o pericardite.

Se hai già ricevuto la prima dose del vaccino Pfizer-BioNTech o Moderna, o se tuo figlio ha già ricevuto la prima dose del vaccino Pfizer-BioNTech, è importante assumere la seconda dose a meno che un fornitore di vaccinazioni o il tuo medico non ti dica di no capirlo. Fonte .)

Mi chiedo quanti genitori sappiano che il loro stesso governo sta dicendo loro che stanno mettendo i loro figli a rischio di sviluppare malattie cardiache e di distruggere le loro vite, forse anche uccidendoli, se ottengono una vaccinazione COVID-19 che viene ancora promossa come " sicuro ed efficace”?


Il CDC e la FDA hanno finanziato uno studio per determinare quanto fossero gravi i rischi per le malattie cardiache per i giovani che assumevano i vaccini COVID-19, ed è stato appena pubblicato un paio di settimane fa sul Journal of American Medical Association .

Ho fatto una ricerca nelle notizie su Google e Bing per vedere come i media aziendali hanno coperto questo studio e non ho trovato nulla.

Ecco l'estratto:

Astratto

Importanza   La vaccinazione contro il COVID-19 offre chiari benefici per la salute pubblica, ma la vaccinazione comporta anche potenziali rischi. I rischi e gli esiti della miocardite dopo la vaccinazione contro il COVID-19 non sono chiari.

Obiettivo   Descrivere segnalazioni di miocardite e tassi di segnalazione dopo la vaccinazione COVID-19 basata su mRNA negli Stati Uniti.

Progettazione, impostazione e partecipanti   Studio descrittivo di segnalazioni di miocardite al Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) che si sono verificate dopo la somministrazione del vaccino COVID-19 a base di mRNA tra dicembre 2020 e agosto 2021 in 192 405 448 individui di età superiore ai 12 anni negli Stati Uniti; i dati sono stati trattati da VAERS al 30 settembre 2021.

Esposizioni   Vaccinazione con BNT162b2 (Pfizer-BioNTech) o mRNA-1273 (Moderna).

Principali risultati e misure   I rapporti di miocardite a VAERS sono stati aggiudicati e riassunti per tutti i gruppi di età. I tassi di segnalazione grezzi sono stati calcolati in base all'età e agli strati di sesso. I tassi attesi di miocardite per età e sesso sono stati calcolati utilizzando i dati sui sinistri 2017-2019. Per le persone di età inferiore ai 30 anni, sono state condotte revisioni delle cartelle cliniche e interviste ai medici per descrivere la presentazione clinica, i risultati dei test diagnostici, il trattamento e gli esiti precoci.

Risultati  Tra 192 405 448 persone che hanno ricevuto un totale di 354 100 845 vaccini COVID-19 a base di mRNA durante il periodo di studio, ci sono state 1991 segnalazioni di miocardite a VAERS e 1626 di queste segnalazioni hanno soddisfatto la definizione di caso di miocardite. Di quelli con miocardite, l'età mediana era di 21 anni (IQR, 16-31 anni) e il tempo mediano di insorgenza dei sintomi era di 2 giorni (IQR, 1-3 giorni). I maschi costituivano l'82% dei casi di miocardite per i quali è stato riportato il sesso. I tassi di segnalazione grezzi per i casi di miocardite entro 7 giorni dalla vaccinazione COVID-19 hanno superato i tassi attesi di miocardite in più strati di età e sesso. I tassi di miocardite erano più alti dopo la seconda dose di vaccinazione negli adolescenti maschi di età compresa tra 12 e 15 anni (70,7 per milione di dosi del vaccino BNT162b2), negli adolescenti maschi di età compresa tra 16 e 17 anni (105. 9 per milione di dosi del vaccino BNT162b2) e in giovani uomini di età compresa tra 18 e 24 anni (52,4 e 56,3 per milione di dosi rispettivamente del vaccino BNT162b2 e del vaccino mRNA-1273). Ci sono stati 826 casi di miocardite tra quelli di età inferiore ai 30 anni che avevano a disposizione informazioni cliniche dettagliate; di questi casi, 792 su 809 (98%) presentavano livelli elevati di troponina, 569 su 794 (72%) avevano risultati elettrocardiografici anormali e 223 su 312 (72%) avevano risultati anormali di risonanza magnetica cardiaca. Circa il 96% delle persone (784/813) è stato ricoverato in ospedale e l'87% (577/661) di queste ha manifestato la risoluzione dei sintomi con la dimissione dall'ospedale. Il trattamento più comune erano i farmaci antinfiammatori non steroidei (589/676; 87%). rispettivamente). Ci sono stati 826 casi di miocardite tra quelli di età inferiore ai 30 anni che avevano a disposizione informazioni cliniche dettagliate; di questi casi, 792 su 809 (98%) presentavano livelli elevati di troponina, 569 su 794 (72%) avevano risultati elettrocardiografici anormali e 223 su 312 (72%) avevano risultati anormali di risonanza magnetica cardiaca. Circa il 96% delle persone (784/813) è stato ricoverato in ospedale e l'87% (577/661) di queste ha manifestato la risoluzione dei sintomi con la dimissione dall'ospedale. Il trattamento più comune erano i farmaci antinfiammatori non steroidei (589/676; 87%). rispettivamente). Ci sono stati 826 casi di miocardite tra quelli di età inferiore ai 30 anni che avevano a disposizione informazioni cliniche dettagliate; di questi casi, 792 su 809 (98%) presentavano livelli elevati di troponina, 569 su 794 (72%) avevano risultati elettrocardiografici anormali e 223 su 312 (72%) avevano risultati anormali di risonanza magnetica cardiaca. Circa il 96% delle persone (784/813) è stato ricoverato in ospedale e l'87% (577/661) di queste ha manifestato la risoluzione dei sintomi con la dimissione dall'ospedale. Il trattamento più comune erano i farmaci antinfiammatori non steroidei (589/676; 87%). e 223 su 312 (72%) hanno avuto risultati di imaging di risonanza magnetica cardiaca anormali. Circa il 96% delle persone (784/813) è stato ricoverato in ospedale e l'87% (577/661) di queste ha manifestato la risoluzione dei sintomi con la dimissione dall'ospedale. Il trattamento più comune erano i farmaci antinfiammatori non steroidei (589/676; 87%). e 223 su 312 (72%) hanno avuto risultati di imaging di risonanza magnetica cardiaca anormali. Circa il 96% delle persone (784/813) è stato ricoverato in ospedale e l'87% (577/661) di queste ha manifestato la risoluzione dei sintomi con la dimissione dall'ospedale. Il trattamento più comune erano i farmaci antinfiammatori non steroidei (589/676; 87%).

Conclusioni e rilevanza  Sulla base della segnalazione di sorveglianza passiva negli Stati Uniti, il rischio di miocardite dopo aver ricevuto vaccini COVID-19 a base di mRNA era aumentato in più strati di età e sesso ed era più alto dopo la seconda dose di vaccinazione nei maschi adolescenti e nei giovani uomini. Questo rischio dovrebbe essere considerato nel contesto dei benefici della vaccinazione COVID-19. Fonte .)

Il CDC e la FDA sanno che i colpi di COVID-19 causano malattie cardiache nei giovani. Ma li raccomandano comunque perché “ Questo rischio dovrebbe essere considerato nel contesto dei benefici della vaccinazione COVID-19 ”.

Davvero? Qual è il rischio che i giovani muoiano a causa del COVID-19 secondo le statistiche ufficiali sui decessi attribuiti al COVID-19 negli ultimi due anni?


Questo è un omicidio. Questo è criminale.

Il COVID-19 non entrerebbe nemmeno nella top 10 delle malattie che affliggono i giovani di età inferiore ai 30 anni.

Ma le lesioni da vaccino COVID-19 lo sarebbero.

Se consenti a tuo figlio di ricevere un vaccino contro il COVID-19, stai rischiando la sua vita e il potenziale di dover convivere con quel senso di colpa per il resto della tua vita.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Link e materiale non pertinente sarà eliminato.

Nuova Vecchia