La politica occidentale che promuove l'assassinio di Putin

Nelle ultime due settimane, la senatrice statunitense Lindsey Graham ha chiesto tre volte l'assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Le dichiarazioni hanno provocato una reazione rabbiosa da parte russa. Ma un amico e alleato del compianto John McCain non è solo. Un altro senatore repubblicano, Marco Rubio,  crede anche che "sarebbe fantastico se qualcuno all'interno del Paese prendesse e distruggesse questo ragazzo". Tutto ciò potrebbe essere attribuito all'eccessivo zelo dei repubblicani di destra. Lo stesso Graham negli ultimi anni ha chiesto un cambio di regime in Siria, Iran e Arabia Saudita. Ora, tuttavia, idee simili sono condivise non solo dai falchi repubblicani.

Chiede un colpo di stato

Il presidente del Council on Foreign Relations (CFR) Richard Haas chiede un colpo di stato in Russia. A suo avviso, il leader russo non si tirerà indietro finché non schiaccerà il regime filo-occidentale dell'Ucraina. Tuttavia, la leadership statunitense ei suoi alleati potrebbero cercare di costringere il presidente russo a cambiare idea.

“Può essere spinto a negoziare. In linea di principio, tale pressione potrebbe provenire dal basso: una versione russa del "potere popolare" in cui i servizi di sicurezza sono sopraffatti, come è avvenuto in Iran alla fine degli anni '70. Oppure la pressione può venire da un lato, dai pochi che hanno il potere nella Russia di oggi e possono decidere che devono agire”,  sottolinea  Haas.

La pressione dal basso è l'organizzazione di azioni di protesta basate su tecnologie elaborate durante le varie “rivoluzioni colorate”. La pressione laterale è un appello aperto, per quanto possibile, a un colpo di stato, rivolto agli agenti di influenza occidentali.

La posizione di Haas è condivisa anche da Fiona Hill, originaria della Gran Bretagna che è riuscita a lavorare come analista dell'intelligence nelle amministrazioni di George W. Bush e Barack Obama. Dal 2017 al 2019 ha guidato la direzione russa ed europea del Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti. Fiona Hill è anche membro del CFR.

Secondo Hill, "una cabala interna di persone dell'intelligence, dell'esercito e dei servizi di sicurezza" potrebbe opporsi al presidente russo. Secondo lei, "il leader russo potrebbe essere respinto da quelle persone che pensano che tutto non sia andato come previsto". Hill ha anche  accennato al fatto che il leader russo teme un attentato alla sua vita.

Non è chiaro a chi si riferiscano Hill e Haas. Il CFR in Russia è stato tradizionalmente associato ad organizzazioni di esperti: il Council on Foreign and Defense Policy (SVOP), il Russian International Affairs Council (RIAC) e la Russia in Global Affairs. Queste strutture sono collegate con circoli diplomatici, militari in pensione, esperti, funzionari responsabili della difesa e della politica estera e formano una fitta rete di legami intersecanti. Degna di nota è l'appartenenza di Fiona Hill  al Supervisory Board  della Eurasia Foundation. Il successore di questa fondazione, che ha lasciato la Russia all'inizio degli anni '90 a seguito di uno scandalo di spionaggio, è stata la New Eurasia Foundation. Il suo direttore  era Andrey Kortunov, l'attuale capo del RIAC. I contatti della rete CFR in Russia, sullo sfondo delle dichiarazioni estremiste dei rappresentanti di questa rete negli Stati Uniti, richiedono un'attenta verifica.

preparazione delle informazioni

La possibilità e persino l'opportunità di un colpo di stato in Russia è stata attivamente discussa nei giorni scorsi sia dalla stampa americana che britannica. Ha fatto molto rumore la dichiarazione dell'ex comandante del contingente britannico in Afghanistan, il colonnello Richard Kemp. Crede che il Regno Unito dovrebbe preparare un piano per assassinare il leader russo. "Il comandante supremo delle truppe russe, che ha ordinato la guerra illegale di aggressione, è un obiettivo legittimo",  hanno affermato  i militari . “La nostra priorità dovrebbe essere quella di facilitare la sua rimozione. Se viene esercitata una pressione sufficiente sugli oligarchi di Putin, potrebbe portare a un colpo di stato a palazzo".

A sua volta, uno degli  editorialisti del Times  Bernard Rabik,  riferendosi  a foto e video falsi della parte ucraina, manipola i lettori:

"Le azioni atroci di Putin che portano alla morte di persone innocenti sono ragioni proporzionate per il suo assassinio?".

Anche il vicepresidente degli Stati Uniti Kamala Harris ha parlato delle "atrocità" durante una recente visita in Europa. Questa retorica non è diversa dalla retorica del Congresso degli Stati Uniti, che ha adottato all'unanimità una risoluzione che accusa la leadership russa di crimini di guerra.

Il Daily Beast  avrebbe intervistato un agente dell'intelligence francese della DGSE specializzato in omicidi. "Sarà un lavoro costoso, una fortuna  ", dice  . “Secondo la mia esperienza, scommetto che l'agente è già al suo posto. È sempre così».

Sean Hannity, uno dei popolari  conduttori di Fox News , oltre a chiedere l'assassinio del presidente russo,  ha invitato la  NATO a colpire i convogli militari russi in Ucraina.

Queste e altre argomentazioni sulla possibilità di un colpo di stato in Russia e l'organizzazione di un attentato al leader russo,  ad esempio a Vox , creano il necessario  background informativo che prepara il pubblico occidentale ai passi più radicali contro la Russia.

tattiche di pressione

Le accuse alla Russia di crimini di guerra, espresse a livello ufficiale dal primo ministro britannico Boris Johnson e dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden, chiudono ogni prospettiva di trattativa con l'Occidente. Ciò è facilitato anche dalle idee di cambio di regime in Russia, esagerate dai media, dagli esperti e dai politici.

Ovviamente l'Occidente comprende di aver esaurito tutte le leve di pressione diretta su Mosca. Se i leader di Stati Uniti, Gran Bretagna e paesi europei non chiedono direttamente un cambio di potere violento in Russia, ciò non significa che tali tentativi non verranno fatti.

 Gli strumenti del sabotaggio e della guerra terroristica possono essere usati per combattere la Russia e il suo leader. Inoltre, non sono esclusi i tentativi di utilizzare reti di influenza che sono ancora operative in Russia. I messaggi sulla possibilità di un colpo di stato a Mosca hanno un altro scopo: cementare il pubblico occidentale, creare l'impressione che il regime politico in Russia sia instabile, instillare l'idea di un'imminente vittoria dell'Occidente nel confronto geopolitico.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Link e materiale non pertinente sarà eliminato.

Nuova Vecchia