Rivelati i piani statunitensi per la guerra e il terrore contro il Venezuela

 




WASHINGTON - Un nuovo libro dell'ex segretario alla Difesa Mark Esper ha rivelato nuovi dettagli scioccanti sulla guerra dell'amministrazione Trump al Venezuela. "A Sacred Oath: Memoirs of a Secretary of Defense during Extraordinary Times" ammette che l'amministrazione Trump ha complottato per invadere il Venezuela e ha discusso dell'assassinio del presidente Nicolas Maduro, dell'esecuzione di un'ondata di attacchi terroristici alle infrastrutture civili e della formazione di un esercito di mercenari per avviare un Guerra terroristica in stile Contra. Anche Esper conferma quasi del tutto il coinvolgimento di Washington nell'operazione Gideon , un'invasione militare fallita del paese e un attentato alla vita di Maduro nel 2018.

Sebbene poco coperte dai media occidentali, le confessioni di Esper hanno causato una tempesta di commozione nella nazione sudamericana. Tuttavia, Diego Sequera , un giornalista investigativo di Caracas, ha detto a MintPress che pochi sono rimasti sorpresi dalla notizia. “È, in un certo senso, scioccante. Ma d'altra parte, è praticamente normale per noi qui", ha detto, aggiungendo: "La notizia non è affatto sorprendente; noi in Venezuela ci siamo abituati. Dal 2004, quando è stata arrestata la prima unità paramilitare colombiana con un piano per assassinare il presidente [Hugo] Chavez, ci sono state molte denunce di questo tipo”.

 

“DAVVERO PARTE DEGLI STATI UNITI”

Donald Trump ha invitato l'autodichiarato presidente venezuelano Juan Guaidó a essere l'ospite d'onore al suo discorso sullo stato dell'Unione nel 2020, dove Guaidó è stato descritto come "il presidente vero e legittimo" e ha ricevuto una standing ovation sia da repubblicani che da democratici.

L'incontro post-SOTU di Trump e Guaidó è stato riportato dalla stampa come "incentrato su azioni per raggiungere la democrazia e la libertà". Il racconto di Esper, tuttavia, rivela che la conversazione ruotava attorno a un'invasione americana del paese. Trump, che secondo Esper era stato "fissato sul Venezuela sin dai primi giorni della sua amministrazione", ha chiesto direttamente a Guaidó: "E se l'esercito americano fosse andato laggiù e si fosse sbarazzato di Maduro?" L'offerta era musica per le orecchie del venezuelano, che ha risposto: "Ovviamente accogliamo sempre con favore l'assistenza degli Stati Uniti". Guaidó aveva già tentato quattro colpi di stato, ogni volta invitando il popolo e i militari a ribellarsi e unirsi a lui, ma aveva ricevuto una risposta tutt'altro che entusiasta.

Il racconto di Esper è in linea con quello di un precedente libro rivelatore del consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton. In "The Room Where It Happened: A White House Memoir", Bolton afferma che Trump ha affermato che sarebbe "cool" invadere il Venezuela perché "fa davvero parte degli Stati Uniti".


L'invasione ha avuto alcuni sostenitori rumorosi nella stanza, tra cui Mauricio Claver-Carone, direttore senior del Consiglio di sicurezza nazionale, e Robert O'Brien, consigliere per la sicurezza nazionale di Trump. Esper sentiva che il giudizio di Claver-Carone era offuscato dal suo investimento personale nel minare il socialismo latinoamericano, essendo com'era un membro della comunità virulentemente anticomunista Miami-Cuba. Spesso chiamata "la capitale dell'America Latina", Miami è piena di emigrati che spingono Washington a una posizione più aggressiva su Cuba, Venezuela e America Latina più in generale. Il libro di Bolton dipinge anche Claver-Carone e O'Brien come falchi.

Esper, tuttavia, era allarmato dalla prospettiva di un pantano militare e sospettava che Guaidó fosse molto meno potente di quanto credesse. Come ha detto Esper a Trump, l'opposizione venezuelana avrebbe combattuto solo fino all'ultimo americano. Quando ha chiesto direttamente a Guaidó se il "suo popolo" sarebbe disposto a organizzarsi, addestrarsi e combattere, la risposta è stata: "Sarebbe molto più facile e veloce se gli Stati Uniti lo facessero per noi".

 

OPERAZIONE GEDEONE

Invece, Esper e il presidente del Joint Chiefs of Staff, il generale Mark Milley, hanno suggerito di radunare un esercito di mercenari per condurre una guerra terroristica contro la popolazione venezuelana, sulla falsariga di ciò che gli Stati Uniti hanno fatto con i Contras in Nicaragua. Come ha scritto Esper:

Il generale Milley ha anche pensato che dovremmo considerare le opzioni di guerra irregolare, come l'addestramento e l'armamento degli espatriati venezuelani da parte degli Stati Uniti [REDATTO]. Gli Stati Uniti hanno avuto una lunga storia con questo tipo di operazioni. Era un'idea che valeva la pena sviluppare. Milley ed io ne avevamo discusso diverse volte prima.

Tuttavia, la squadra di Guaidó era più interessata a discutere di piani segreti di cui nemmeno Esper era a conoscenza. A un certo punto, uno dei colleghi di Guaidó si è chinato in avanti e ha detto: “Abbiamo dei piani su cui voi [il governo degli Stati Uniti] sapete su cui stiamo lavorando; semplicemente non sono ancora pronti”, ha fatto un rapido riferimento alla Florida e ha condiviso un sorriso, un cenno del capo e uno sguardo d'intesa con Claver-Carone.

A quel tempo, Esper afferma di essere rimasto perplesso da questo commento. Tuttavia, in seguito l'ha inteso come un riferimento all'operazione Gideon , un tentativo da parte di una ditta mercenaria semi-privata della Florida di organizzare un'invasione anfibia del Venezuela, farsi strada verso il palazzo presidenziale, catturare, detenere o "rimuovere" Maduro e installare Guaidó come "presidente".

L'operazione Gideon fu tentata solo poche settimane dopo l'incontro, ma fallì in modo spettacolare poiché i mercenari pesantemente armati furono sopraffatti anche prima di raggiungere la terraferma, quando gli aragoste scontenti del collettivo di pescatori locale li disarmarono con nient'altro che coltelli da pesca e vecchi revolver. Da allora l'evento è stato battezzato "Baia dei maialini" di Trump.

Sebbene l'operazione sia stata condotta con straordinaria incompetenza, la gravità dell'evento non va sottovalutata. Lo stesso Guaidó ha firmato un contratto con SilverCorp USA, un'azienda mercenaria legata a Trump, in cui si affermava che il gruppo sarebbe diventato il suo squadrone della morte personale dopo l'insurrezione, con il potere di uccidere e assassinare tutte le persone che resistevano al nuovo governo. Per questo servizio, Guaidó ha promesso di pagare a SilverCorp una commissione iniziale di circa un quarto di miliardo di dollari. L'accordo è stato firmato al Trump's Mar a Lago resort in Florida. I militari statunitensi che hanno partecipato all'operazione fallita sono stati condannati a 20 anni in una prigione venezuelana.



"Non sono stato affatto sorpreso dalle rivelazioni di Mark Esper, data la lunga e sordida storia di destabilizzazione di governi che non sono di suo gradimento da parte degli Stati Uniti", ha affermato Steve Ellner, professore in pensione di storia economica e scienze politiche all'Universidad de Oriente in Venezuela.

Ellner, un americano che vive in Venezuela da oltre 40 anni e ha studiato da vicino l'aumento delle tensioni tra le due nazioni, ha aggiunto:

Le rivelazioni di Esper portano nientemeno che alla conclusione che Washington è stata coinvolta nell'attacco fallito dei droni nell'agosto 2018, che è esploso in un evento pubblico che avrebbe dovuto uccidere Maduro, sua moglie Celia Flores e vari alti comandanti militari. Porta anche alla conclusione che Washington sia stata coinvolta nell'Operazione Gideon del 2020 che aveva come obiettivo il rapimento di Maduro".

Il libro di Bolton allude anche al coinvolgimento degli Stati Uniti nel tentativo di omicidio del 2018, che descrive come "esilarante". Poco dopo il tentativo, Trump ha chiesto a Bolton di "farcela" - "it" significa la rimozione di Maduro. "Questa è la quinta volta che lo chiedo", ha aggiunto.

 

SQUADRA DEL TERRORE

Il libro di memorie di Esper rivela anche che alti funzionari statunitensi hanno spesso parlato francamente e candidamente di effettuare ondate di attacchi terroristici alle infrastrutture civili venezuelane, una rivelazione che getta nuova luce su una serie di esplosioni , incendi , blackout e altri incidenti altamente sospetti all'interno del Venezuela - eventi che l'amministrazione Maduro ha a lungo incolpato gli Stati Uniti. I media occidentali, tuttavia, hanno regolarmente respinto queste accuse come teorie del complotto .

Esper afferma che il 9 giugno 2020 O'Brien ha proposto un attacco militare contro un porto costiero che gestiva gran parte delle importazioni ed esportazioni di petrolio del paese. "Il mezzo potrebbe essere un attacco aereo o l'uso di Navy SEAL", ha detto. L'effetto sarebbe quello di "interrompere ulteriormente le loro forniture di energia e provocare più disordini". Secondo Esper, il gruppo ha invece respinto il piano a favore di un attacco informatico coordinato alle infrastrutture critiche venezuelane.

Tuttavia, dieci giorni dopo, il governo degli Stati Uniti (compreso lo stesso Esper) ha accettato quello che ha definito lo sviluppo di “opzioni cinetiche e non cinetiche, sia palesi che [REDATTO], che potrebbero interrompere le spedizioni di petrolio e armi del Venezuela. Le opzioni dovrebbero includere azioni che avrebbero un impatto materiale su obiettivi industriali chiave e altri obiettivi di alto valore".

Poche settimane dopo questa decisione, l'ex agente dei marine statunitensi e della CIA Matthew Heath è stato arrestato fuori dal più grande complesso di raffinazione del petrolio del Venezuela. Quando è stato arrestato, Heath stava trasportando un fucile mitragliatore, un lanciagranate, quattro blocchi di esplosivo C4, un telefono satellitare, pile di dollari USA e informazioni dettagliate sul complesso. Sia il governo degli Stati Uniti che i media statunitensi hanno in gran parte ignorato il processo di Heath per terrorismo e traffico di armi, suggerendo fortemente che fosse stato effettivamente colto sul fatto mentre era in "affari ufficiali".


IL BETO O'ROURKE DEL VENEZUELA

Mentre Trump cantava pubblicamente le lodi di Guaidó, sostenendolo come il vero leader di un Venezuela libero, a porte chiuse, ha detto esattamente il contrario. Secondo Esper, Trump pensava che Guaidó fosse un politico notevolmente "debole", soprattutto rispetto al "forte" e "duro" Maduro.

Trump ha commentato il fatto che la moglie di Guaidó, Fabiana Rosales, non indossava nemmeno la fede, un altro segno di debolezza, secondo il presidente. In effetti, dice Esper, "Trump sembrava più colpito da Rosales che da suo marito", trovando sempre il tempo per parlare con lei piuttosto che con lui e trattandola molto calorosamente. Il presidente 73enne ha commentato che la 27enne Rosales sembrava "molto giovane" e attraente.

Il libro di Bolton menziona anche che Trump si è rapidamente inasprito con Guaidó ma è rimasto intensamente interessato a sua moglie. Dopo diversi colpi di stato falliti, Trump avrebbe preso a chiamarlo "il Beto O'Rourke del Venezuela", suggerendo che vedeva Guaidó come qualcuno che parlava bene ma non aveva sostanza o supporto alle sue spalle.

Donald Trump, Fabiana Rosales
Trump, a destra, incontra Fabiana Rosales, a sinistra, moglie di Juan Guaido nello Studio Ovale, 27 marzo 2019. Susan Walsh | AP


Il giudizio di Trump sembra essere stato migliore di quello di chi lo circonda. Dopo una serie di colpi di stato falliti e scandali di appropriazione indebita, il sostegno che Guaidó aveva avuto sembra essere svanito, con alcuni sondaggi che mostrano solo il 4% del pubblico venezuelano che lo sostiene. Mentre la popolazione soffre, Guaidó continua a vivere una vita di lusso estremo, principalmente dai fondi venezuelani confiscati dagli Stati Uniti "A questo punto, Juan Guaidó non è altro che uno scherzo in Venezuela", ha detto Ellner a MintPress , aggiungendo:

Lo dico non solo perché è totalmente screditato tra il popolo venezuelano, ma perché i leader della fazione intransigente dell'opposizione si sono allontanati da lui, e ovviamente ancora di più nel caso dell'altra metà dell'opposizione organizzata , che favorisce il dialogo con Maduro”.

Sequera ha accettato, definendo Guaidó il "frontman di un'operazione criminale che sta rubando i nostri beni".

 

TERRORISMO FINANZIARIO E INVASIONE DELL'AFRICA

L'amministrazione Trump ha anche stretto il cappio attorno all'economia venezuelana intensificando le sanzioni dell'amministrazione Obama. Le aziende ritenute in violazione del blocco economico statunitense potrebbero essere chiuse, multate e i loro dirigenti minacciati di decenni di carcere. Il risultato fu un crollo dell'economia venezuelana e un'enorme carenza di beni. Un relatore speciale delle Nazioni Unite che ha visitato il paese ha paragonato le azioni dell'amministrazione Trump a un assedio medievale, ha stimato che oltre 100.000 venezuelani sono stati uccisi di conseguenza e ha raccomandato alle Nazioni Unite di indagare sugli Stati Uniti per crimini contro l'umanità.

Esper afferma che mentre Venezuela e Iran cercavano di trovare modi di commerciare tra loro per prevenire il collasso delle loro economie e prevenire le morti di massa, il suo team "cercava modi per chiudere quelle attività". Uno di questi metodi era quello di arrestare e rapire l'uomo d'affari e diplomatico venezuelano Alex Saab, che stava viaggiando tra i due paesi per assicurarsi un accordo commerciale. Su ordine degli Stati Uniti, Saab è stato arrestato dopo che il suo aereo si era fermato a Capo Verde, una nazione insulare al largo della costa occidentale dell'Africa. Saab è stato arrestato e ora è tenuto in ostaggio in Florida. A novembre, MintPress si è recato a Caracas per parlare con la moglie di Saab, Camila.

La detenzione di Saab – che viaggiava per affari ufficiali utilizzando un passaporto diplomatico – è stata una grave violazione del diritto internazionale. Esper rivela che l'amministrazione Trump era paranoica sul fatto che la Russia, un alleato venezuelano, avrebbe organizzato una missione operativa speciale per salvare Saab. Per precauzione, il Dipartimento della Difesa ha immediatamente ordinato che la flotta statunitense nel Mar Mediterraneo fosse schierata a Capo Verde, tra cui migliaia di marines.

Un murale di Alex Saab che recita in spagnolo “Free Alex Saab. Non sono riusciti a piegarlo”, a Caracas. Ariana Cubillos | AP


Pertanto, gli Stati Uniti avrebbero effettivamente invaso Capo Verde con il pretesto che la Russia potrebbe tentare di liberare il diplomatico che avevano rapito. Esper e altri hanno posto fine a questo piano all'undicesima ora, ma gli Stati Uniti continuano a tenere Saab prigioniero fino ad oggi.

Al momento dell'affare Saab, Bolton era stato espulso dalla Casa Bianca. Ma il suo resoconto delle sanzioni statunitensi contro il Venezuela racconta una storia simile (sebbene usi un linguaggio molto più sadico di quello di Esper). Dal punto di vista di Bolton, "avevamo Maduro per la trachea e dovevamo costringerlo". "Abbiamo iniziato a escogitare misure da intraprendere immediatamente contro il regime di Maduro, e anche Cuba", ha spiegato, "Le sanzioni petrolifere sono state una scelta naturale, ma perché non dichiarare il Venezuela uno 'stato sponsor del terrorismo', qualcosa che ho suggerito per la prima volta il 1 ottobre 2018 , e anche riportare Cuba nella lista dopo che Obama l'ha rimossa?" ha chiesto, ammettendo così inavvertitamente che l' elenco degli Stati sponsor del terrorismo non ha nulla a che fare con il terrorismo ed è semplicemente un elenco di governi che gli Stati Uniti vogliono rovesciare.

Come afferma Bolton, una persona molto più apertamente a sangue freddo di Esper, le sanzioni non riguardano la giustizia, ma "l'uso dell'enorme potere economico dell'America per promuovere i nostri interessi nazionali".

 

COSA VIENE DOPO "SOCIOPATICO"?

In tutto il suo racconto, Esper si descrive come un burocrate longanime ma leale che stava cercando di fare la cosa migliore per il suo paese mentre era circondato da sciocchi e cannoni vaganti. Pur considerando l'idea di dimettersi per protesta, pur sapendo che sarebbe stato trattato come un "eroe" per averlo fatto, ha deciso di perseverare poiché "era la cosa giusta da fare per il nostro paese". "I miei soldati non possono mollare quando il gioco si fa duro, quindi non lo farò nemmeno io", ha aggiunto. In effetti, in alcuni punti, Esper si presenta come un vero santo, affermando che, “[in] più di un'occasione, Leah mi diceva: 'Come tua moglie, per favore smettila. Come cittadino americano, per favore rimani.'”

Nonostante le sue migliori intenzioni, Esper si presenta ancora come un sociopatico che tenta di intimidire il mondo fino alla sottomissione. In tutto il libro, rivela come ha dovuto reprimere costantemente il desiderio di Trump di porre fine a guerre infinite e perseguire la pace con gli avversari.

Lo stesso Trump ha proposto un ritiro completo delle truppe americane dall'Afghanistan e dalla Corea del Sud, nazioni in cui le forze statunitensi sono state di stanza rispettivamente per quasi 20 e 70 anni. Questo, per Esper, era "stravagante". Ha spiegato a Trump che, "[senza] [l'occupazione statunitense], sperpereremmo la leva che ci hanno dato una presenza militare americana continua e la minaccia della forza".

Esper era anche "disgustato" dalla proposta di Trump di incontrare i talebani per colloqui di pace che avrebbero potuto porre fine alla guerra. Secondo Esper, l'intera squadra era contraria alla fine dell'occupazione, affermando:

​​Mentre il presidente girava per la stanza, ognuno di noi cercava di dissuaderlo in modi diversi. L'ho sconsigliato, ricordandogli che "i talebani hanno il sangue dei membri del servizio americano nelle loro mani, per non parlare del loro ruolo nella morte di quasi tremila civili uccisi sul nostro stesso suolo l'11 settembre".

Esper si è trattenuto dal notare che nessuno dei dirottatori dell'11 settembre era afgano e la maggior parte proveniva dall'Arabia Saudita, alleata degli Stati Uniti.

Secondo quanto riferito, Trump era anche molto scettico sulla necessità di inondare l'Ucraina di armi, chiedendosi perché gli Stati Uniti dovessero sostenere un'amministrazione così corrotta come quella di Zelensky e chiedendo perché la Germania o altre nazioni europee non potessero farlo se fosse così imperativo. Con sollievo di Esper, i falchi nella stanza sono stati in grado di vincere la giornata anche su quella questione.

MintPress ha anche parlato con Joe Emersberger, coautore del libro "Minaccia straordinaria: l'impero degli Stati Uniti, i media e i vent'anni di tentativi di colpo di stato in Venezuela". Secondo Emersberger, "non c'è assolutamente alcuna base per dubitare della verità degli estratti di Esper che sono stati così ampiamente citati". Come ha spiegato:

Esper non sta "confessando" nulla che possa causare problemi legali a se stesso o ad altri funzionari statunitensi. Gli Stati Uniti hanno imposto sanzioni assassine e del tutto criminali al Venezuela in pieno giorno, ostentando la loro estrema impunità. Esper parla con [il] calmo candore di un sicario che ha già stretto un solido accordo con i pubblici ministeri e non teme nulla".

Trump era tutt'altro che un attivista contro la guerra, tuttavia, ed era impegnato nel cambio di regime in Venezuela, a qualunque costo. Secondo quanto riferito, il presidente miliardario lo vedeva come un enorme filatore di denaro ed era ossessionato dall'ottenere il controllo sui vasti giacimenti petroliferi del Venezuela, qualcosa che Esper considerava goffo. Esper era anche impegnato a rovesciare Maduro, ma solo "nel modo giusto, nel modo intelligente".

Esper, a sinistra, informa la stampa sull'operazione "antidroga" degli Stati Uniti intorno al Venezula, 1 aprile 2020, accanto al generale Mark Milley. Alex Brandon | AP


Secondo Emerberger,

Trump presumeva ignorantemente che il governo Maduro sarebbe stato un bersaglio facile, qualcosa a cui un bullo come Trump non poteva resistere, specialmente la prospettiva di un saccheggio diretto del suo petrolio. Quando si è reso conto del contrario, lui e la sua banda erano bloccati in un ciclo di escalation che Biden ha sostanzialmente mantenuto, facendo marcia indietro solo leggermente a causa delle ricadute della guerra in Ucraina".

Mentre Esper non era una colomba, altri nella cerchia ristretta di Trump sembrano essersi dilettati nella crudeltà. Esper afferma che il consigliere politico senior del presidente, Stephen Miller, ha sostenuto che le forze statunitensi in Medio Oriente dovrebbero tagliare le teste delle forze nemiche, imbrattarle con sangue di maiale (che i musulmani considerano empio) e mostrarle in pubblico come un mezzi di guerra psicologica.

 

Il nuovo libro di Esper fa anche una serie di altre affermazioni sensazionali su ciò che è successo alla Casa Bianca a porte chiuse. Tra questi c'è il fatto che Trump fosse furioso per le proteste di George Floyd a Washington, chiedendo al generale Milley perché non avrebbe semplicemente sparato a tutti loro alle gambe come aveva chiesto. Trump ha chiesto 10.000 soldati nelle strade della capitale della nazione per "ristabilire l'ordine".

Secondo quanto riferito, Trump ha anche discusso dell'invio di 250.000 soldati al confine messicano e del lancio di missili in Messico per distruggere i laboratori di droga gestiti dai cartelli. "Potremmo semplicemente sparare alcuni missili Patriot ed eliminare i laboratori in silenzio... nessuno saprebbe che siamo stati noi", ha insistito.

Trump, da parte sua, ha respinto i commenti sulla sparatoria alla gamba dei manifestanti, sebbene si sia rifiutato di commentare l'idea dei missili messicani. "Mark Esper era un duro che desiderava disperatamente non perdere il lavoro", ha ribattuto Trump. "Era un peso leggero e una polena, e me ne sono reso conto molto presto". Trump ha continuato dicendo che Esper era un "RINO [repubblicano solo di nome] incapace di guidare" e che lo chiamava "Yesper" - un soprannome che suggerisce che lo vedesse come uno smidollato yes man.

Mentre le rivelazioni sul Messico e le proteste di George Floyd hanno ricevuto un'attenzione significativa dai media aziendali, tale è il consenso bipartisan a Washington sul Venezuela che lo svolgimento di guerre, operazioni di cambio di regime, attacchi terroristici e tentativi di omicidio contro un capo di stato straniero eletto ha stato ignorato. Quando si tratta dell'impero degli Stati Uniti, sembra che tutti siano sulla stessa pagina.


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Link e materiale non pertinente sarà eliminato.

Nuova Vecchia