Come il CDC si è Coordinato con i Big Tech per Censura su Web e Social

 


di Joseph Simonson


I Centers for Disease Control and Prevention si sono coordinati con le società di social media e Google per censurare gli utenti che hanno espresso scetticismo o critiche nei confronti dei vaccini COVID-19, secondo una raccolta di comunicazioni interne ottenute da America First Legal e condivise esclusivamente con il Washington Free Beacon .

Nel corso di almeno sei mesi, a partire da dicembre 2020, i funzionari del CDC hanno comunicato regolarmente con il personale di Twitter, Facebook e Google per "disinformazione sui vaccini". In varie occasioni, i funzionari del CDC contrassegnavano i post specifici degli utenti su piattaforme di social media come Twitter come "post di esempio".


In un'e-mail a un membro dello staff del CDC, un dipendente di Twitter ha affermato che "non vede l'ora di avviare chat regolari" con l'agenzia. Altre e-mail mostrano la programmazione degli incontri con il CDC su come controllare al meglio la presunta disinformazione sui vaccini COVID-19.

Sebbene molti dei post segnalati dal CDC contenessero informazioni false sui vaccini COVID-19, gli sforzi per la disinformazione della polizia hanno anche portato a errati atti di censura. Un'e-mail dell'aprile 2021 inviata da un membro dello staff del CDC a Facebook afferma che "gli algoritmi che Facebook e altri social network stanno apparentemente utilizzando per escludere la pubblicazione da parte di fonti di disinformazione sui vaccini stanno apparentemente escludendo anche i messaggi di salute pubblica validi, comprese le comunicazioni sulla salute [del Wyoming] ."


Le comunicazioni rivelano un alto livello di coordinamento tra il governo e l'industria tecnologica durante la pandemia e sollevano interrogativi sulla misura in cui altre società private stanno lavorando con il governo federale per censurare il pubblico. L'amministrazione Biden è stata criticata per essersi impegnata in quelle che alcuni hanno definito pratiche "orwelliane", come l'istituzione del Department of Homeland Security Disinformation Governance Board. Il Free Beacon ha riferito che il consiglio di disinformazione ora chiuso ha organizzato un incontro con un dirigente di Twitter che ha impedito agli utenti di condividere storie sul laptop di Hunter Biden.


Lo sforzo del CDC per controllare la presunta disinformazione si è esteso anche ad altre agenzie federali. Un'e-mail interna del marzo 2021 di un membro dello staff senior del CDC afferma "stiamo lavorando a un progetto [sic] con Census per sfruttare la loro infrastruttura per identificare e monitorare i social media per la disinformazione sui vaccini".

Un'e-mail mostra che un alto funzionario del CDC è apparso al "Trusted Media Summit" di Google del 2020. La conferenza, secondo il suo sito web, era "per giornalisti, verificatori di fatti, educatori, ricercatori e altri che lavorano nell'area del controllo dei fatti, della verifica, dell'alfabetizzazione mediatica e della lotta alla disinformazione in altro modo".


Uno degli organizzatori della conferenza ha chiesto all'alto funzionario del CDC il permesso di pubblicare le sue osservazioni su YouTube. Quel funzionario ha rifiutato, dicendo che non era autorizzata a parlare pubblicamente.

Nella stessa catena di posta elettronica con un alto funzionario del CDC, un membro dello staff di Google si offre di promuovere un'iniziativa dell'Organizzazione mondiale della sanità su "affrontare l'infodemia COVID-19 e rafforzare la resilienza della comunità contro la disinformazione". Lo stesso membro dello staff di Google si offre di presentare il funzionario del CDC a un collega di Google che sta "lavorando a programmi per contrastare la disinformazione sulle vaccinazioni".


Facebook ha anche assegnato al CDC 15 milioni di dollari in crediti pubblicitari per le piattaforme dell'azienda nell'aprile 2021, secondo diverse e-mail. "Questo regalo sarà utilizzato dalla risposta COVID-19 di CDC per supportare i messaggi dell'agenzia su Facebook ed estendere la portata dei contenuti Facebook relativi al COVID-19, inclusi messaggi su vaccini, distanza sociale, viaggi e altri messaggi di comunicazione prioritaria", si legge un promemoria interno del CDC.

Un funzionario di Facebook afferma che la piattaforma è stata trasparente sul suo lavoro con le organizzazioni di sanità pubblica "per affrontare la disinformazione sanitaria". La piattaforma afferma inoltre di aver chiesto al suo consiglio di sorveglianza interno di valutare se "la sua attuale politica di disinformazione COVID-19 è ancora appropriata ora che la pandemia si è evoluta".


Twitter e Google hanno rifiutato di commentare. Il CDC non ha risposto a una richiesta di commento.

Le tensioni tra i poteri del CDC e la protezione delle libertà civili del pubblico sono sorte dall'inizio della pandemia di COVID-19. Il consigliere medico capo della Casa Bianca, il dottor Anthony Fauci, ha definito "inquietante" un giudice che ha annullato il mandato della maschera del CDC. Le preoccupazioni per il giudizio del CDC hanno portato anche le città di New York e San Francisco controllate dai democratici ad ignorare la guida dell'agenzia sulle vaccinazioni contro il vaiolo delle scimmie.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Link e materiale non pertinente sarà eliminato.

Nuova Vecchia