La politica sulla marijuana di Biden non libera nessuno

 


Di Margaret Kimberley


L'annuncio di Biden della grazia per le condanne federali per possesso di marijuana non ha senso. Le grazie non liberano nessuno dal carcere e non cancellano nemmeno i record.

"Quindi non ci sono persone attualmente in una prigione federale solo per semplice possesso di marijuana". 

Citazione di un  alto funzionario dell'amministrazione

L' annuncio  di Joe Biden  che avrebbe perdonato tutte le condanne federali per possesso di marijuana è stato subito accolto con entusiasmo. Non è difficile capire perché sarebbe così. Tutti sanno che gli Stati Uniti sono il più grande carceriere del mondo, con più di 2 milioni di persone dietro le sbarre, e che le varie “guerre alla droga” hanno contribuito a questa discutibile distinzione.

Ma dopo un esame, l'annuncio è risultato privo di significato. Chiunque pensasse che migliaia di persone sarebbero state liberate dal carcere ha avuto una sorpresa. La maggior parte delle condanne in questo paese si verificano a livello statale, non federale, quindi qualsiasi grazia Biden avrebbe un impatto su un piccolo numero di persone. Inoltre, pochissime persone vengono condannate esclusivamente per possesso di marijuana o di qualsiasi altro narcotico. Di solito sono condannati anche per vendita, distribuzione o cospirazione. Per definizione, pochissime persone avrebbero diritto alla grazia.

Circa 6.000 persone sono state condannate per possesso di marijuana negli ultimi 30 anni, ma nessuna di loro è attualmente incarcerata. L'annuncio di Biden non libererà nessuno dal carcere. Né la grazia cancella una fedina penale. Le persone graziate avranno ancora condanne nei loro precedenti che possono renderle non ammissibili all'alloggio o al lavoro. Per usare un'espressione abusata, il perdono della marijuana di Biden è un enorme nienteburger.

Questo tentativo di far passare milioni di occhi dovrebbe essere condannato a gran voce. Molte di quelle 6.000 persone condannate sono state vittimizzate dal Crime Bill del 1994, sostenuto da un senatore di nome Joe Biden. All'epoca si vantava che la legislazione faceva " tutto tranne che impiccare le persone per jaywalking  ". O addirittura mandarli in prigione per possesso di marijuana.

Non solo Biden ha fatto una grande dimostrazione di non fare assolutamente nulla, ma ha anche ammesso tacitamente di avere il potere di porre fine a qualsiasi possibilità di condanne federali sulla marijuana. La marijuana è attualmente classificata come una  droga della Tabella 1  nell'elenco delle sostanze controllate, proprio come l'eroina e la cocaina. Ora, poche settimane prima del giorno delle elezioni, afferma che cercherà di apportare un cambiamento che avrebbe potuto apportare non appena fosse entrato in carica.

Ronald Reagan ha avviato le leggi draconiane che hanno creato una  disparità di condanna  di 100 a 1 per crack di cocaina. Bush, Clinton, Bush e Obama non hanno fatto nulla per cambiare quelle dure regole di condanna. Anche quando la disparità è stata ridotta a 18 a 1, quelli già dietro le sbarre non hanno avuto ricorso. È stato Donald Trump a firmare il  First Step Act che ha fornito la possibilità di esentare la condanna, sebbene anche quella legislazione  non sia stata all'altezza  e abbia liberato molte meno persone di quanto avrebbe dovuto.

Il fumo e gli specchi di Biden sono un insulto diretto ai neri, che sono stati danneggiati più di qualsiasi altro gruppo nella lunga guerra alla droga che punisce i condannati per anni dopo che potrebbero essere liberati dall'incarcerazione. Ma uno sforzo dell'ultimo minuto per mascherare le vetrine e trucchi dimostra solo perché Biden e il partito democratico hanno fatto così tanto male.

Quando la stampa fine è diventata evidente, l'annuncio della grazia è stato scomparso dall'amministrazione e dai suoi amici sui media aziendali. Questo spiacevole episodio è un'ulteriore prova di come la trappola del duopolio ferisca gli elettori neri, che sono già predisposti a venire in aiuto dei democratici anche quando non meritano l'aiuto.

Ovviamente anche la presenza di Biden come vicepresidente di Obama e poi beneficiario di ulteriori aiuti di Obama nel 2020 sono stati schiaffi in faccia. Jim Crow Joe dovrebbe essere un anatema per gli elettori neri, ma non lo è. Questa trovata elettorale dell'ultimo minuto è solo l'ultimo insulto nei suoi quasi 50 anni di carriera politica che gli permette di raccontare storie bizzarre su un uomo di colore di nome Corn Pop, fare osservazioni su una "giungla razziale" e insultare i neri in faccia.

Qualche "leader" nero ha affermato chiaramente che il perdono della marijuana di Biden è un brutto scherzo giocato su persone che vogliono vedere giustizia riparativa? La domanda è retorica perché i felici vassalli della classe politica nera continuano ad andare d'accordo per andare d'accordo. Alcuni giornalisti hanno scoperto la verità ma, a meno che il pubblico non sia interessato, potrebbero pensare che Biden abbia effettivamente fatto qualcosa di importante per loro conto quando in realtà non ha fatto nulla.

Biden ha cercato di coprirsi con un appello ai governatori per modificare le loro pratiche di condanna, ma finora nessuno si è fatto avanti. Ma non potrebbe essere altrimenti in un sistema dedicato a mantenere i neri controllati e puniti. Ogni sforzo per ridurre il complesso industriale carcerario incontra una feroce resistenza e il razzismo è la ragione per cui questo fenomeno persiste. Nessuno lo sa meglio dell'uomo noto come Jim Crow Joe. Qualsiasi pretesa che faccia sul miglioramento dell'incarcerazione di massa è destinata a essere falsa.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Link e materiale non pertinente sarà eliminato.

Nuova Vecchia