Gli Anunnaki e la loro ossessione per l'oro


Zecharia Sitchin e la sua scoperta

Zecharia Sitchin  è nata l'11 luglio 1920 a Baku, in Russia. Poco dopo la sua nascita, si trasferì con la famiglia in quella che allora era la Palestina, dove avrebbe scoperto  l' amore  per lo studio delle antiche lingue del Vicino Oriente. Per tutta la sua vita da adulto, dalla Palestina a Londra e infine a New York, Sitchin ha continuato questa storia d'amore con lingue e civiltà antiche, visitando numerosi siti archeologici in tutto il mondo ogni volta che ne aveva il tempo. In particolare, avrebbe diretto gran parte di questo amore, e gran parte della sua attenzione, verso gli antichi Sumeri.

La civiltà sumera è emersa per la prima volta circa 6.000 anni fa in un'area che fa parte degli odierni Iraq e Iran. Oggi sappiamo molto di loro perché hanno lasciato una registrazione dettagliata della loro esistenza su milioni di tavolette cuneiformi. Usando le sue abilità con la lingua antica, Sitchin studiò molte di queste tavolette, interessandosi in particolare a quelle che parlavano degli dei di Sumer, conosciuti come gli  Anunnaki .

Mentre la maggior parte credeva che  le storie  degli Anunnaki registrate nei testi antichi fossero poco più che un mito, lo studio approfondito di Sitchin lo portò a iniziare a prenderle più alla lettera, come una documentazione storica piuttosto che come un'allegoria. In tal modo, si è imbattuto in quella che credeva fosse una storia strabiliante sulla storia umana.

L'arrivo degli Anunnaki

La storia, secondo Sitchin, è la seguente:

Gli Anunnaki non erano dei ma visitatori venuti sulla terra dal pianeta Nibiru circa 445.000 anni fa. Non erano in vacanza; vennero sulla terra con uno scopo ben preciso:  cacciare l'oro .

Atterrarono per la prima volta nel Golfo Persico, guidati dai fratellastri Enki ed Enlil, dove, per molti anni, prosciugarono le paludi della costa settentrionale e crearono un vasto sistema di irrigazione tra i fiumi Tigri ed Eufrate, fondando una fiorente colonia Anunnaki . Durante questo periodo, tentarono di ottenere l'oro per cui erano venuti da sotto le acque del Golfo Persico. Ma quando questo si è rivelato troppo difficile, sono stati costretti a spostare l'intera operazione in un luogo che sapevano essere un hotspot dell'oro: il  Sud Africa .

 

Le creazioni umane degli Anunnaki

 Per oltre 100.000 anni, hanno estratto la zona, estraendo abbondanti quantità di oro, fino a quando, alla fine, gli Anunnaki di classe inferiore incaricati di lavorare le miniere, noti come gli  Igigi , si sono ribellati ai loro padroni per le dure condizioni di lavoro.

Avendo perso la loro forza lavoro ma desiderando ancora l'oro, Enki ed Enlil hanno escogitato un  piano radicale  per sostituire l'Igigi.

A quel tempo, il Sud Africa era la patria di esseri primitivi simili a umani conosciuti come Homo Erectus. Gli Anunnaki decisero che avrebbero usato la manipolazione genetica e la fecondazione in vitro per creare da questi esseri primitivi una specie di schiavi per le miniere. Di conseguenza, presero l'uovo di una femmina primitiva simile a un umano e lo fecondarono con lo sperma di un maschio Anunnaki, quindi misero l'uovo fecondato nel grembo di una femmina Anunnaki.

La progenie sarebbe stata chiamata “ Adamu ” – il “ primo uomo ”.

 Nel condurre questa procedura, gli Anunnaki hanno potenziato geneticamente l'Homo Erectus, conferendo loro l'intelligenza per lavorare nelle miniere, saltando milioni di anni di evoluzione quando l'Homo Erectus è diventato homo sapiens dall'oggi al domani. Tuttavia, gli Anunnaki stavano cercando lavoratori compiacenti per le loro miniere, non una specie autocosciente in grado di competere con loro, quindi hanno inserito barriere genetiche che impedivano all'Adamu di utilizzare tutti i poteri e le capacità del cervello umano.

Quando furono creati per la prima volta, agli Adamu fu concessa una durata di vita di circa  70.000 anni . Tuttavia, nella linea temporale degli Anunnaki, questo non era abbastanza lungo; i loro schiavi stavano morendo più velocemente di quanto gli Anunnaki potessero crearne di nuovi. Quindi, Enki ha escogitato un altro brillante piano. Manipolando nuovamente il codice genetico dell'Adamu, Enki rese possibile la riproduzione tra due umani. Dal materiale genetico dell'Adamu, Enki creò una donna umana.

Poiché ora gli esseri umani possono riprodursi, il loro ciclo di vita è stato ridotto da 70.000 anni a qualcosa di più simile a quello che è oggi. Tuttavia, gli umani riproduttori divennero rapidamente così numerosi che furono espulsi dalle città degli Anunnaki del Sud Africa, a quel punto si diffusero in tutto il mondo, fondando le civiltà umane che esistono oggi.

Questa storia potrebbe essere davvero possibile? Tutto ciò che sappiamo sulla storia umana, sull'evoluzione, potrebbe davvero essere sbagliato? Vale la pena notare che gli antichi testi dei Sumeri potrebbero non essere l'unico luogo in cui questa storia è registrata...

La storia della creazione degli Anunnaki e la Bibbia

Considera la storia biblica di Adamo ed Eva.

Lì, Adamo è creato da Dio, il primo uomo, proprio come l'Adamu degli Anunnaki. Eva viene quindi creata dalla costola di Adamo, proprio come la donna umana degli Anunnaki viene creata dal materiale genetico dell'Adamu.

Pensa al divieto di Adamo ed Eva di mangiare i frutti dell'albero della conoscenza del bene e del male. Non suona come se agli umani degli Anunnaki fossero state date barriere genetiche per impedire loro di realizzare la loro  piena intelligenza Pensa ad Adamo ed Eva che furono espulsi dal Giardino dell'Eden prima che potessero mangiare i frutti dell'albero della vita. Non suona come se gli Anunnaki abbiano ridotto la durata della vita dei loro umani quando hanno dato loro la capacità di procreare? E quando Adamo ed Eva furono cacciati dal Giardino dell'Eden, non suona come se gli umani degli Anunnaki fossero stati espulsi dalle città degli Anunnaki dopo che avevano iniziato a procreare?

La storia biblica di Adamo ed Eva potrebbe davvero essere solo una rivisitazione della  storia sumera degli Anunnaki , la vera storia delle origini umane?

È interessante notare che le tribù africane chiamano Enkai la divinità che ha creato l'umanità, forse una traduzione dell'Enki degli Anunnaki. Inoltre, il  sito del Calendario di Adamo , che nei tempi moderni sembra essere il centro di una massiccia civiltà antica centinaia di migliaia di anni, è noto alle tribù locali come “ Inzalo y'Langa ”  – “ il luogo di nascita del sole ” – il luogo in cui “ il cielo si è accoppiato con madre terra ”, cioè il luogo in cui l'umanità è stata creata dagli dei.

Sembra che l'antica storia sumera degli Anunnaki si ripeta nei miti degli altri.

Ma in realtà, va oltre il semplice mito...

Prove del DNA della connessione Anunnaki

Se i primi esseri umani fossero stati davvero creati dall'incrocio tra alieni chiamati Anunnaki e umani primitivi chiamati Homo Erectus, allora sicuramente questo sarebbe registrato nel nostro DNA oggi.

In effetti, potrebbe benissimo esserlo.

Basta guardare al seminale  Human Genome Project , che ha riunito i migliori scienziati di tutto il mondo tra il 1990 e il 2003 nel tentativo di mappare l'intera sequenza del DNA del genoma umano. Sorprendentemente, il progetto ha scoperto che il 97% del DNA umano non aveva nessuna funzione apparente ". Questo non aveva senso. Se il 97% del DNA non avesse "funzione", allora non potrebbe essere spiegato dall'evoluzione. Allora perché era lì? E come ci è arrivato? Un ricercatore del Progetto Genoma Umano ha avuto una  risposta ,

“Dobbiamo fare i conti con l'incredibile nozione che ogni vita sulla terra porta il codice genetico per suo cugino extraterrestre. La nostra ipotesi è che una forma di vita extraterrestre superiore fosse impegnata nella creazione di nuova vita”.

In altre parole, forse  gli esseri umani sono stati creati dagli alieni . Forse il nostro cugino extraterrestre è l'Anunnaki.

C'è di più, però. Nel 2010, uno studio pubblicato  sulla rivista Theoretical Population Biology  ha confermato che il " Мitocondriale Еve " dell'umanità visse circa 200.000 anni fa. Eva mitocondriale " è un termine scientifico per il primo antenato genetico femminile di una specie, cioè la femmina più recente da cui tutti i membri viventi di una specie possono risalire alla propria discendenza, il picco di una piramide genealogica ".

Quindi, in altre parole, la scienza ha ora dimostrato che la donna da cui tutti discendiamo esisteva proprio nel momento in cui gli antichi testi sumeri ci dicono che gli Anunnaki stavano creando donne umane. È solo una coincidenza? O è davvero possibile che gli esseri umani siano stati un esperimento genetico condotto da alieni per creare una specie di minatori schiavi?

C'è un'altra domanda che può essere posta qui. Se gli Anunnaki hanno creato esseri umani come schiavi per estrarre l'oro, perché? Perché volevano così tanto l'oro?


L'ossessione degli Anunnaki per l'oro

Secondo Zecharia Sitchin, gli Anunnaki usavano l'oro per uno  scopo molto specifico  : lo macinavano in una polvere fine e lo sospendevano nell'atmosfera attorno al loro pianeta per  proteggerlo  dai raggi cosmici. Nelle sue parole,

 “ Sul loro pianeta Nibiru […] il deterioramento ecologico stava rendendo la vita sempre più impossibile. C'era bisogno di proteggere la loro atmosfera in declino e l'unica soluzione sembrava sospendere le particelle d'oro sopra di essa, come uno scudo".

È interessante notare che la scienza moderna ha iniziato a esplorare un'idea simile per affrontare il nostro "deterioramento ecologico". Nel 2016, il National Energy Technology Laboratory degli Stati Uniti ha condotto uno  studio  che ha concepito e sviluppato un nuovo processo che utilizzava nanoparticelle d'oro per convertire la CO2 in sostanze chimiche e combustibili utilizzabili. I ricercatori credevano che la loro svolta fosse il primo passo nello sviluppo di un modo su scala industriale per ridurre le emissioni di carbonio utilizzando l'oro e salvare una "atmosfera in declino".

Quando questo tipo di pensiero è diventato una possibilità, la scienza ha iniziato a discutere seriamente della possibilità di " terraformare " altri pianeti come Marte, cioè di ingegnerizzarli per essere più simili alla terra e quindi più favorevoli alla colonizzazione umana. Nel 2017, la NASA ha persino  presentato  un modo per rendere Marte più abitabile dotandolo di un campo magnetico artificiale, che proteggerebbe gli esseri umani dalle radiazioni cosmiche e riporterebbe gli antichi oceani del Pianeta Rosso. Oggi, la terraformazione di Marte è diventata uno dei soggetti preferiti di fronti alte come  Elon Musk .

Potrebbe essere che gli Anunnaki stessero usando l'oro estratto dalla terra per fare qualcosa di simile al loro pianeta morente?

Impero Anunnaki intergalattico?

Forse c'è un'altra ragione più sinistra per cui gli Anunnaki erano alla disperata ricerca dell'oro.

Ogni anno impariamo di più su quanto l'oro sia cruciale per  la tecnologia avanzata . L'oro è  vitale  per molti dispositivi elettronici moderni in quanto conduttore flessibile e altamente efficiente che non si corrode. Viene utilizzato in  tutto  , da smartphone e computer a GPS e oltre.

Ma dove l'oro è più cruciale è nella  tecnologia aerospaziale . Durante i viaggi nello spazio, l'oro resiste meglio di altri metalli terrestri come l'argento e il rame, che si ossidano rapidamente. Viene utilizzato come lubrificante tra parti meccaniche nel vuoto dello spazio al posto dell'olio, che evapora rapidamente a temperature estreme. Inoltre, l'oro viene utilizzato per riflettere la radiazione solare al fine di stabilizzare la temperatura interna dei veicoli spaziali. Senza l'oro, le parti colorate di un veicolo spaziale assorbirebbero calore e radiazioni cosmiche, rendendo impossibile il viaggio umano nello spazio. Questo è il motivo per cui i veicoli spaziali e i satelliti sono dotati di una sottile pellicola dorata e anche le visiere dei caschi spaziali degli astronauti sono rivestite d'oro.

Più semplicemente, l'oro rende possibili i viaggi nello spazio e la tecnologia moderna.

Quindi, fai un passo indietro. La storia raccontata da Sitchin è che gli Anunnaki vennero sulla terra per estrarre l'oro perché ne avevano bisogno per riparare l'atmosfera del loro pianeta. Ma forse questa è solo la storia raccontata dagli Anunnaki per giustificarsi nella loro conquista. Forse hanno mentito; la storia dell'atmosfera è solo un intelligente pezzo di propaganda coloniale. Forse avevano davvero bisogno dell'oro per alimentare il loro impero intergalattico avanzato... e hanno creato gli umani come schiavi per ottenerlo.

La scomparsa degli Anunnaki

Ci si potrebbe chiedere, cosa è successo agli Anunnaki? Se sono venuti sulla terra per l'oro, dove sono andati? La Terra ha ancora l'oro; non ne hanno più bisogno? Forse lo fanno, ma forse ora lo ottengono in un modo diverso.

Secondo gli antichi testi sumeri, gran parte della popolazione umana appena creata fu spazzata via dal cataclisma inondazione registrato nella Bibbia e in molte altre tradizioni umane. Dopo il diluvio, gli Anunnaki fondarono la civiltà sumera prima di tornare sul loro pianeta natale per osservare e controllare gli umani da lontano.

Forse questo continua ancora oggi; forse gli esseri umani, come siamo stati fin dall'inizio, sono ancora schiavi.

Una persona che crede che sia così è  Michael Tellinger . Afferma  che "tutti  i governi del mondo sono burattini e strumenti per attuare la volontà di un piccolo gruppo di individui" e  inoltre che "i discendenti degli Anunnaki sono molto probabilmente la maggioranza dell'élite globale che controlla il nostro pianeta oggi. "

L'importanza dell'oro nella società umana

Indipendentemente dal fatto che questo sia vero o meno, è interessante notare quanto sia stato importante l'oro per gli esseri umani per l'intera nostra storia. Davvero, non puoi separare le origini umane dalla nostra  ossessione per l'oro . Fu il primo metallo menzionato nella Bibbia, nel capitolo 2 della Genesi, e fin dai tempi dei Sumeri è stato usato come riserva di valore e mezzo di scambio. In effetti, il moderno sistema economico globale è stato costruito sull'oro, che ha sostenuto a lungo tutte le unità di moneta cartacea in circolazione.

Perché a qualcosa che per così tanto tempo è stato poco più di un metallo lucente è stato assegnato un tale valore, plasmando l'economia e gli imperi, dirigendo la storia umana.

Forse la nostra ossessione per l'oro è in realtà l'ossessione degli Anunnaki.

Siamo schiavi allora?


Originariamente pubblicato su: Universe Inside You

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Link e materiale non pertinente sarà eliminato.

Nuova Vecchia