Niflheim nella mitologia norrena: terra dei morti e casa di Lady Hel

Niflheim, qui considerata la terra dei morti che morirono senza onore.  Fonte: Zaleman/Adobe Stock


Di Robbie Mitchell

Nella cosmologia nordica, l'universo era composto da nove regni distinti. Ognuno aveva i suoi abitanti e la sua mitologia unici, ma alcuni giocavano un ruolo più importante nella mitologia norrena rispetto ad altri. Uno dei più popolari nella cultura pop occidentale è Niflheim, che si fa strada nei film e nei videogiochi Marvel come God of War. Ma quanto sono accurate queste raffigurazioni e quanto sappiamo effettivamente di Niflheim nella mitologia norrena nel complesso?

Cos'era Niflheim?

Dei nove regni della mitologia norrena, sappiamo di più su alcuni di altri. Ad esempio, sappiamo molto di più su  Midgard  (Terra) e  Asgard  (dimora degli dei Aesir come Odino e Thor) rispetto a  Svartalfheim  (dimora degli elfi oscuri).

Niflheim è uno dei regni di cui sappiamo di più, sebbene le fonti tendano a contraddirsi a vicenda. Di solito veniva descritto come un regno oscuro e spietato caratterizzato da un freddo brutale. Anche se questo è in gran parte vero, la mitologia reale non è così semplice. Niflheim era composta da più di un'area, ciascuna con il proprio ambiente.


Niflheim era uno dei regni più importanti della  mitologia norrena , quindi non sorprende che fosse uno dei più accuratamente registrati. L'importanza del regno era triplice.


Niflheim, terra dei morti disonorati

In generale, la mitologia norrena divideva la morte in due categorie,  onorevole  e disonorevole. Il modo in cui una persona è morta ha deciso che tipo di morte aveva, che a sua volta ha deciso dove sono finite dopo la morte.

Se un vichingo moriva in battaglia, con la sua arma in mano, era considerata una morte onorevole e andò nel Valhalla.  Il Valhalla  è solitamente rappresentato come residente nei cieli, una grande sala circondata da splendidi campi. All'interno di questa sala le anime mortali potevano banchettare con gli dei e aiutarli a prepararli per la battaglia finale,  Ragnarok . Alcuni cultisti credevano anche che se si fossero sacrificati al loro dio o fossero morti al servizio del loro dio, ma al di fuori della battaglia sarebbero andati anche nel Valhalla.

Se un vichingo ha avuto una morte disonorevole, è finito a Niflheim. Quale parte di Niflheim dipendeva da quanto fossero stati vichinghi. La maggior parte delle persone sarebbe finita a Helheim, che era governata da uno dei figli di Loki, Hel. Helheim come luogo molto probabilmente non era poi così male, più analogo nella scrittura norrena all'idea cristiana del  purgatorio  piuttosto che all'inferno cristiano.

Il peggio è stato risparmiato per le anime dei trasgressori del giuramento, degli assassini e degli adulteri. Queste anime furono inviate a Nastrond che era situato vicino a Helheim ma ancora all'interno di Niflheim. Nastrond era un luogo oscuro e da incubo, descritto come una sala fatta di spine di serpenti. Se Nastro Helheim fosse il purgatorio, allora Nastrond sarebbe la versione norrena  dell'inferno .


Nastrond come rappresentato da Lorentz Frölich, 1895 (dominio pubblico)

Nastrond come raffigurato da Lorentz Frölich, 1895 ( Public Domain )

Tuttavia, essere nella terra dei morti comportava un importante vantaggio. A volte veniva indicato come il depositario di tutta la conoscenza poiché conteneva la stragrande maggioranza delle anime mortali. Quando gli dei, in particolare Odino, cercavano consiglio o aiuto, spesso venivano contattate dalle anime di Niflheim. Questa interpretazione positiva di Niflheim è andata in gran parte perduta nelle interpretazioni moderne.

Il cosmo nella mitologia norrena includeva un certo numero di regni con Neflheim vicino al fondo, come illustrato qui in un'immagine da "Histoire des peuples du nord, et des Danois et des Normands" di Henry Wheaton.  L'originale e le sue versioni digitalizzate appartengono alla British Library.  (Henry Wheaton / British Library / Pubblico dominio)

Il cosmo nella mitologia norrena includeva un certo numero di regni con Neflheim vicino al fondo, come illustrato qui in un'immagine da "Histoire des peuples du nord, et des Danois et des Normands" di Henry Wheaton. L'originale e le sue versioni digitalizzate appartengono alla British Library. (Henry Wheaton / British Library /  Pubblico dominio )

Niflheim e il mito nordico della creazione

La seconda ragione dell'importanza di Niflheim è che ha svolto un ruolo chiave nel mito della creazione norvegese. Poiché la religione nordica era in gran parte una tradizione orale, non esiste una versione definitiva del  mito della creazione nordica . Invece, gli studiosi hanno dovuto prendere frammenti sopravvissuti di storie e poesie e cercare di intrecciarli insieme per avvicinarsi il più possibile a una versione della storia.

In linea di massima all'inizio dei tempi c'era solo il  Ginnungagap , il grande vuoto vuoto. Senza preavviso (e per ragioni a noi sconosciute), iniziarono a formarsi due mondi, uno a nord del Vuoto e uno a sud. Il mondo settentrionale era Niflheim, una terra di ghiaccio, freddo e oscurità. A sud c'era Muspelheim, un mondo di  fuochi furiosi .

Ci sono voluti i due pianeti eoni per formarsi completamente. Alla fine, una volta completamente formati, il ghiaccio di Niflheim e il fuoco di Muspelheim si scontrarono. Le fiamme sciolsero il ghiaccio e si formò la prima pozza d'acqua. Da questa pozza sorse Ymir, il primo essere vivente della mitologia norrena.

Ymir sarebbe stato successivamente ucciso e smembrato da Odino e dai suoi fratelli. Queste parti del corpo sarebbero poi state utilizzate per creare Midgard, il regno dell'umanità. In quanto tale, Niflheim non solo gioca un ruolo importante nel mito della creazione nordico in generale, ma è anche direttamente collegato alla creazione di Midgard.

Se sappiamo una cosa su Niflheim nella mitologia norrena, allora è il freddo totale del luogo che non è molto diverso dal purgatorio nella tradizione cristiana.  SW Groenlandia Fiordo e montagna L'8 aprile 2011, preso dal Goddard Space Flight Center della NASA.  (NASA Goddard Space Flight Center / CC BY 2.0)

Se sappiamo una cosa su Niflheim nella mitologia norrena, allora è il freddo totale del luogo che non è molto diverso dal purgatorio nella tradizione cristiana. SW Groenlandia Fiordo e montagna L'8 aprile 2011, preso dal Goddard Space Flight Center della NASA. (NASA Goddard Space Flight Center /  CC BY 2.0 )

Niflheim e Yggdrasil

Nella mitologia norrena i nove regni sono tenuti insieme da  Yggdrasil . Yggdrasil era solitamente raffigurato come un gigantesco frassino sempreverde. Se Yggdrasil dovesse mai cadere, cadrebbe anche tutta la creazione, rendendolo Yggdrasil, l'albero della vita.

Sebbene tutti i regni avessero una forte connessione con l'albero, alcuni avevano connessioni più forti di altri. Niflheim aveva un legame particolarmente forte con Yggdrasil poiché le radici del grande albero erano poste a Niflheim. Quindi, si diceva che la base di Yggdrasail fosse a Midgard e i suoi rami superiori fiorissero ad Asgard e Vanaheimi, i regni degli dei.

Un aspetto importante della religione norrena era il ciclo di vita, morte e rinascita rappresentato da Yggdrasil. In questo ciclo la morte era rappresentata da Niflheim, rendendola una pietra miliare della religione norrena.

Conclusione

Oggi Niflheim è più strettamente associato al freddo gelido e come la casa dei morti. Sebbene questa rappresentazione sia sostanzialmente vera, non è accurata al 100%. Il popolo nordico probabilmente aveva una visione molto più positiva di Niflheim.


È probabile che l'etimologia confusa di Niflheim e Helheim sia in gran parte responsabile della rappresentazione negativa del regno. Quando gli studiosi cristiani iniziarono a cercare di registrare la storia delle tradizioni norrene, è probabile che Niflheim e Helheim fossero confusi con le idee cristiane dell'inferno.

In effetti, Niflheim era la chiave del ciclo nordico di vita, morte e rinascita. Capivano meglio di molti che senza Niflheim non ci sarebbero potuti essere Ymir e nessun albero del mondo. In breve, credevano che la morte non fosse qualcosa da temere, non poteva esserci vita senza morte e nessuna morte senza vita.

Immagine in alto: Niflheim, qui vista come la terra dei morti morti senza onore. Fonte:  Zaleman  /Adobe Stock



Originariamente pubblicato su: Ancient-Origins

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Link e materiale non pertinente sarà eliminato.

Nuova Vecchia