Civita di Bagnoregio - la città più incantevole e surreale d'Italia sta morendo

Civita di Bagnoregio un'antica città morente in cima a una roccia in rovina.
Civita di Bagnoregio un'antica città morente in cima a una roccia in rovina.
Civita di Bagnoregio è una piccola città situata a Viterbo, una provincia nella regione centrale del Lazio. La città si trova a circa 120 chilometri (75 miglia) a nord di Roma. Grazie alla sua posizione in cima a una torre vulcanica, la città è anche conosciuta come "La città nel cielo". Un altro dei soprannomi di Civita di Bagnoregio è La città che muore, che si traduce come "The Dying Town". Questo è un riferimento al declino nel numero dei suoi abitanti.

Secondo un rapporto pubblicato nel 2015, la popolazione permanente di Civita di Bagnoregio era di sei o otto anni, mentre un altro rapporto, scritto nel 2017, afferma che la città ospita solo dieci persone. Lo spopolamento di Civita di Bagnoregio avvenne già nel XVII secolo, anche se negli ultimi anni è stato ridato nuova vita grazie al turismo. Allo stesso tempo, tuttavia, il turismo incontrollato è anche una minaccia per l'esistenza stessa del sito.


L'istituzione di Civita di Bagnoregio

Si ritiene che Civita di Bagnoregio sia stata fondata dagli Etruschi circa 2500 anni fa. Gli Etruschi erano un antico popolo italico che aveva sede nella regione centrale d'Italia. Il cuore della loro civiltà è noto come Etruria e copre le aree della moderna Toscana, Lazio e Umbria.
Gli Etruschi si organizzarono in una lega di stati cittadini e la loro civiltà prosperò dal VII secolo aC in poi. Al culmine del loro potere, c'erano persino leghe etrusche nel nord Italia e in Campania nel sud.

Civita di Bagnoregio fu un importante insediamento etrusco in quanto situato lungo un'antica strada collegata a una rete di rotte commerciali. Pertanto, il controllo di questo sito ha permesso agli Etruschi di controllare la circolazione degli scambi in quella regione. Inoltre, posizionata sulla cima di una collina, Civita di Bagnoregio poteva essere difesa facilmente ed era protetta da inondazioni e scoppi di malaria che colpivano gli insediamenti costruiti lungo il fiume paludoso.

Territori etruschi e principali canali di diffusione delle rotte commerciali etrusche.
Territori etruschi e principali canali di diffusione delle rotte commerciali etrusche.
All'ingresso principale di Civita di Bagnoregio si trova un enorme passaggio in pietra scavato dagli Etruschi. Altre tracce dei fondatori etruschi della colonia si possono vedere nella necropoli che hanno fatto nella roccia sotto Civita di Bagnoregio. Queste tombe etrusche si trovano oggi sotto il Belvedere di San Francesco Vecchio. Una delle tombe a camera etrusche fu trasformata in una cappella cristiana durante il Medioevo e ora è conosciuta come la Grotta di San Bonaventura.

Grotta di San Bonaventura sotto il centro storico di Civita di Bagnoregio.
Grotta di San Bonaventura sotto il centro storico di Civita di Bagnoregio.

Occupazioni successive

Gli Etruschi furono gradualmente sostituiti dai Romani come la potenza dominante sulla penisola italiana. L'Etruria fu conquistata dai Romani durante il 3 ° secolo aC in seguito alle guerre romano-etrusche e intorno al 100 aC, le ultime città etrusche furono assorbite da Roma. Civita di Bagnoregio sembra essere stata un insignificante insediamento in epoca romana, poiché non sappiamo praticamente nulla di ciò durante quel particolare periodo della sua storia.

Civita di Bagnoregio fu catturata da Roma durante le guerre romano-etrusche.
Civita di Bagnoregio fu catturata da Roma durante le guerre romano-etrusche.
Invece, Civita di Bagnoregio è documentata per aver prosperato durante il successivo periodo medievale. Durante l'alto Medioevo gran parte della penisola italiana passò sotto il dominio dei Longobardi, che erano una tribù germanica. Fu un re longobardo, Desiderio, che chiamò l'antico insediamento etrusco "Balneum Regio", che significa "Il bagno del re". Questo era in riconoscimento delle proprietà terapeutiche di una sorgente calda nella zona, poiché le ferite del re erano guarite mentre vi facevano il bagno.

Desiderio fu anche l'ultimo sovrano longobardo prima che il Regno di Lombardia fu conquistato dai Franchi sotto Carlo Magno nel 774 d.C. La regione lombarda fu poi ceduta al Papato e Civita di Bagnoregio entrò a far parte dello Stato Pontificio. Dopo essere stato governato da una serie di signori feudali, l'insediamento divenne libero comune nel 1140.

San Bonaventura (nato Giovanni di Fidanza) è probabilmente la persona più famosa che sia stata accolta da Civita di Bagnoregio. Nacque lì intorno al 1217 e divenne uno dei più importanti teologi del suo tempo. Il santo è stato anche il 7 ° Ministro generale dell'Ordine dei Frati Minori (noto anche come Ordine Francescano) ed è stato nominato cardinale vescovo di Albano. Nel 1482 fu canonizzato come santo da Papa Sisto IV, mentre nel 1588 fu dichiarato Dottore della Chiesa da Papa Sisto V.

Come teologo, San Bonaventura ha prodotto molte opere durante la sua vita, tra cui numerosi commenti sulla Bibbia, il Breviloquium (che significa "Sommario"), che è un riassunto della sua teologia, così come il Viaggio della Mente a Dio, un lavoro sul la vita spirituale secondo gli ideali francescani. Come Ministro generale, San Bonaventura ha dovuto trattare con due gruppi contrapposti all'interno dell'Ordine Francescano.

A un'estremità dello spettro c'erano gli Spiriti, che promuovevano una visione rigorosa della povertà, mentre dall'altra parte c'erano i Relaxati, che erano favorevoli al rilassamento della regola di povertà di San Francesco d'Assisi. San Bonaventura riuscì a riconciliare i due gruppi, preservando così l'unità del suo ordine. Altri contributi degni di nota di San Bonaventura all'Ordine francescano comprendono la sua riforma nello spirito di San Francesco e la ricodificazione della sua costituzione.

San Bonaventura è la persona più famosa di Civita di Bagnoregio.
San Bonaventura è la persona più famosa di Civita di Bagnoregio.

Il declino di Civita di Bagnoregio

Nel corso del 14 ° secolo, la popolazione di Civita di Bagnoregio fu decimata da una pestilenza. Nel secolo successivo, tuttavia, fu ringiovanito in seguito a una forte ripresa sociale ed economica. Ben presto, gli abitanti della città volevano l'indipendenza e assediarono il castello della famiglia Monaldeschi, una potente famiglia nobile di Orvieto che dominava la Civita di Bagnoregio.

Per commemorare la loro vittoria, i cittadini hanno allestito una coppia di sculture sulla Porta Santa Maria. Le sculture raffigurano una coppia di leoni, ognuno con una testa umana decapitata. Le teste erano destinate a simboleggiare la famiglia sconfitta dei Monaldeschi. I cittadini di Civita di Bagnoregio, tuttavia, non sono stati in grado di mantenere a lungo la loro indipendenza.

Nel 1494, l'Italia fu invasa da Carlo VIII di Francia, che fece marciare il suo esercito fino a Napoli sud. L'anno seguente, una lega di stati italiani guidati da papa Alessandro VI fu costituita per opporsi ai francesi. Dopo che Carlo VIII fu espulso dall'Italia, Civita di Bagnoregio tornò a far parte dello Stato Pontificio.

L'anno 1695 segna una svolta nella storia di Civita di Bagnoregio, poiché segna l'inizio del declino della città. Tuttavia, già nel XV secolo, gli abitanti di Civita di Bagnoregio si sono trasferiti nella periferia della città di Bagnoregio. Infatti, Bagnoregio aveva sostituito Civita come città principale verso la fine del 16 ° secolo. Nel 1589, la Porta Albano fu eretta dal governatore di Bagnoregio, cardinale Gian Girolamo Albani. Questa era una dichiarazione non ufficiale che Bagnoregio non era più una zona suburbana di Civita, ma aveva assunto il suo status di centro urbano.

Gli abitanti di Civita di Bagnoregio si sono trasferiti nella periferia della città di Bagnoregio.
Gli abitanti di Civita di Bagnoregio si sono trasferiti nella periferia della città di Bagnoregio.
Uno dei motivi del trasferimento da Civita a Bagnoregio era il fatto che il primo era interessato dall'attività sismica. Pertanto, i suoi abitanti hanno ritenuto che fosse più sicuro vivere in periferia. Nonostante queste migrazioni, la città manteneva ancora una popolazione considerevole, e forse, ancora più importante, la sede del vescovo. Nel 1695, tuttavia, Civita di Bagnoregio fu colpita da un devastante terremoto. Oltre al grave danneggiamento degli edifici in città, il terremoto ha anche causato il collasso dell'intera sezione orientale di Civita di Bagnoregio (conosciuta come "Contrada Carcere" per la presenza della prigione lì).

Il terremoto del 1695 costrinse molti dei rimanenti abitanti di Civita di Bagnoregio a trasferirsi in periferia. Nel 1699 anche la sede del vescovo fu trasferita a Bagnoregio, dove fu costruita una nuova cattedrale, dedicata a San Nicola. Tuttavia, l'ex cattedrale, dedicata a San Donato di Arezzo, è stata mantenuta come chiesa poiché conteneva le reliquie di Santa Vittoria, un martire del 3 ° secolo d. C. molto popolare nella regione.

San Donato fu costruita durante il 5 ° secolo dC in stile architettonico romanico. Nel corso del XVI secolo, San Donato fu ristrutturata secondo il progetto dell'architetto Nicola Matteucci di Caprarol, che le conferì un aspetto più rinascimentale. Oltre alle reliquie di Santa Vittoria, la chiesa è anche nota per il suo crocifisso ligneo del XV secolo, realizzato dalla scuola di Donatello, e un affresco della scuola del Perugino.

Chiesa di San Donato a Civita di Bagnoregio.
Chiesa di San Donato a Civita di Bagnoregio.

Il turismo arriva a Civita di Bagnoregio

Nei secoli che seguirono, Civita di Bagnoregio continuò a decadere e oggi ospita solo una manciata di abitanti. Negli ultimi anni, tuttavia, la città morente è stata data una nuova prospettiva di vita grazie al turismo. Solo due decenni fa la città non era conosciuta da molti. Oggi, invece, i turisti arrivano a Civita di Bagnoregio a frotte.

Nel 2010, la città ha registrato un totale di 40.000 visitatori. Nel 2017, tuttavia, questa cifra è salita a oltre 850.000. L'afflusso di turisti ha contribuito a far rivivere la città morente. In un rapporto del 2017, il sindaco locale, Francesco Bigiotti, vantava un tasso di disoccupazione zero, grazie ai "400 posti di lavoro creati attraverso le circa 200 imprese legate al turismo che sono nate negli ultimi anni".

La popolarità del sito è vista anche dal fatto che ai turisti non importa pagare un biglietto d'ingresso per la città. Nel 2013 è stato addebitato un pedaggio di € 1,50 ($ 1,70) e da allora è stato aumentato a € 3,00 ($ 3,39) durante i giorni feriali e € 5,00 ($ 5,66) durante i fine settimana. Il ricavato dei biglietti ha anche permesso al sindaco di abolire le tasse comunali sia a Civita che a Bagnoregio.

Il turismo può aver giovato alla popolazione di Civita di Bagnoregio, ma è anche una potenziale minaccia per l'esistenza stessa della città. La città è fragile perché si trova su basi deboli. Fin dai tempi degli Etruschi, blocchi di tufo sono stati estratti dai fianchi del colle su cui è stata costruita Civita di Bagnoregio. Di conseguenza, le fondamenta della città sono state indebolite. Il segno più evidente della debolezza della città è il crollo della sua parte orientale durante il terremoto del 1695.

Oggi, erosioni e smottamenti sono le principali minacce affrontate da Civita di Bagnoregio. È a causa di questi fenomeni che la città divenne in primo luogo una "città nel cielo" isolata. L'erosione nel tempo ha causato il taglio della città dal resto dell'area, con solo un ponte di terra che lo collegava alla sua periferia, Bagnoregio.

Anche questo ponte di terra è crollato ed è stato sostituito da una passerella in acciaio e cemento, che continua ad essere utilizzata oggi. Erosioni e frane hanno anche provocato il costante restringimento di Civita di Bagnoregio. Nel corso degli anni, gli edifici sono crollati o sono semplicemente scivolati giù dalla scogliera. Per inciso, l'area della casa d'infanzia di San Bonaventura è scivolata anche dalla scogliera nella valle sottostante.

Il ponte di terra di Civita di Bagnoregio crollò e fu sostituito da una passerella di acciaio e cemento.
Il ponte di terra di Civita di Bagnoregio crollò e fu sostituito da una passerella di acciaio e cemento.
Il problema dell'erosione e delle frane è diventato più allarmante e sta peggiorando negli ultimi anni. Ogni anno vengono segnalate decine di frane e i geologi prevedono che questo aumenterà in futuro. Un fattore che aggrava il problema è il verificarsi di forti piogge, ad esempio nel 2018 le forti piogge hanno causato maggiori alluvioni e frane.

Il turismo incontrollato ha anche aggravato la situazione in quanto l'ondata di visitatori a Civita di Bagnoregio ha posto molta pressione sull'ambiente. La fragilità della città ha attirato molti turisti sul luogo, motivati ​​dall'idea che la città possa un giorno scomparire. È forse un po 'ironico allora che visitando il sito in così gran numero, l'idea di motivare questi turisti, cioè la città che scivola giù dalla scogliera, possa diventare una realtà.

Al momento, non ci sono restrizioni imposte al numero di turisti sul sito. Tuttavia, Luca Costantini, geologo del Museo geologico e delle frane, afferma che alla fine tali restrizioni dovranno essere imposte in modo da garantire la sopravvivenza della città. Un'altra mossa per salvare Civita di Bagnoregio è farla iscrivere come patrimonio mondiale dell'UNESCO. Questo sforzo è supportato da grandi nomi come Giorgio Napolitano, ex Presidente d'Italia, Bernardo Bertolucci, un regista premio Oscar e l'autore Andrea Camilleri. Costantini osserva che l'acquisizione di uno status così prestigioso conferirebbe a Civita di Bagnoregio "più visibilità e accesso a finanziamenti dedicati", che potrebbero essere utilizzati per la conservazione della città per le generazioni future.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia