Il dittatore romano Cincinnato: modello di un politico onesto?

Cincinnato che riceve i delegati del Senato.
Cincinnato che riceve i delegati del Senato.
Lucio Quinzio Cincinnato è una figura del primo periodo repubblicano della storia di Roma. Cincinnato (soprannome che gli era stato dato per i suoi capelli ricci) era un aristocratico appartenente alla classe patrizia. Il suo compito principale era quello di un agricoltore, anche se serviva, con grande efficienza, come console e, in seguito, come dittatore (in due occasioni separate, per la precisione).

In quest'ultimo ufficio, a Cincinnato fu data autorità quasi assoluta. Tuttavia, a causa della sua condotta mentre occupava questo incarico, in particolare le sue immediate dimissioni una volta passate le crisi che lo elevavano a tale posizione di potere, Cincinnato è ricordato come un modello di virtù civica. Mentre gli è stato concesso un grande potere e l'ha accettato, l'ha tenuto solo per il tempo necessario a servire il suo paese.

I primi giorni di Cincinnato e le difficoltà con suo figlio

Non è chiaro quando nacque Cincinnato, anche se possiamo supporre che visse durante il V secolo aC, poiché sappiamo che fu nominato console della Repubblica romana nel 460 aC. Nella Storia di Roma di Livio, Cincinnato viene introdotto per la prima volta in relazione a suo figlio, Caeso Quinczio. Livio descrive Caeso come tale:

"Caeso era un membro della casa dei Quintici, e la sua nobile discendenza e grande forza fisica e statura lo resero un giovane audace e intrepido. A questi doni degli dei aggiunse qualità militari brillanti ed eloquenza come oratore pubblico, in modo che nessuno nello Stato fosse tenuto a superarlo né in parole né in azioni. Quando prese la sua posizione nel mezzo di un gruppo di patrizi, tra tutti spicca, portando con se nella sua voce e nella sua forza personale tutte le dittature e consulsioni combinati, fu lui a resistere agli attacchi dei tribuni e alle tempeste di indignazione popolare ".
Cincinnato lascia l'aratro per la dittatura romana - Juan Antonio Ribera, c. 1806.
Cincinnato lascia l'aratro per la dittatura romana - Juan Antonio Ribera, c. 1806.
Livio continua dicendo che Caeso ei suoi uomini inseguivano frequentemente i tribuni dei plebei del Foro, rendendo così difficile per loro partecipare alla vita politica della repubblica: "Sotto la sua guida i tribuni venivano spesso cacciati dal Foro, i plebei sono scappati e cacciati via, chiunque si è fermato sulla sua strada è andato fuori spogliato e picchiato ".

La prova di Caeso

Il comportamento di Caeso fu visto come una minaccia per la Legge, e alla fine fu messo sotto accusa da Aulus Verginius su una carica capitale. Una delle persone registrate da Livio per aver parlato a nome di Caeso nel giorno del processo fu suo padre, Cincinnato:

"Tra quelli che parlavano per lui c'era suo padre, L. Quinczio Cincinnato. Non ripassò più tutti i suoi meriti, per paura di aggravare il sentimento contro di lui, ma pregò per l'indulgenza agli errori della gioventù; egli stesso non aveva mai fatto del male a nessuno, né con le parole né con le azioni, e per il suo stesso bene li implorava di perdonare suo figlio ".

Caeso fu poi rilasciato su cauzione, e "andò la notte seguente in esilio tra i toscani". Il processo, tuttavia, continuò, e poiché Caeso era assente, Cincinnato fu costretto a pagare: "Il denaro fu spietatamente estorto dal padre, che ha dovuto vendere tutte le sue proprietà e vivere per un po 'come un uomo esiliato in una capanna fuori dall'altra parte del Tevere. "

Statua di Cincinnato di Denis Foyatier, nel giardino delle Tuileries, Parigi.
Statua di Cincinnato di Denis Foyatier, nel giardino delle Tuileries, Parigi.

 Il risparmiatore nominato di Roma

Un anno dopo il processo di Caeso, Cincinnato fu eletto console per sostituire Publio Valerio Poplicola, ucciso dai ribelli plebei. Ha ricoperto questo ufficio per l'anno stabilito. Dopo che il suo mandato era finito, tornò alla sua fattoria.

Poco dopo, nel 458 a. C., Roma era in guerra con i suoi vicini latini, cioè i Sabini e gli Aequi. Roma stava perdendo la guerra, poiché un esercito sotto il comando del console Minucio, che era stato inviato contro gli Aequi, fu invece intrappolato da loro. Inoltre, i Sabini si stavano avvicinando rapidamente alle mura di Roma. Fu durante questa emergenza che Cincinnato fu nominato dittatore per salvare Roma dalla distruzione.

Cincinnato, il riluttante dittatore

Secondo le fonti antiche, i senatori che furono inviati a informare Cincinnato della sua nomina lo trovarono a lavorare sul campo. Nella Storia di Epifano di Roma di Florus, ad esempio, è scritto che: "È accaduto di essere nel bel mezzo della stagione della semina, quando il littore ha trovato il patrizio davvero al lavoro chinarsi sull'aratro."

Questo può essere visto anche nelle antichità romane di Dionisio di Alicarnasso: "Fabius, il prefetto della città, mandò degli uomini ad invitare Quinzio a venire per assumere la sua magistratura. È accaduto che Quinto sia stato in questa occasione impegnato in qualche lavoro di allevamento ".

Dionigi di Alicarnasso.
Dionigi di Alicarnasso.
Anche Livio fornisce la stessa storia: "Lì fu trovato dalla delegazione del Senato scavando un fossato o arando, in ogni caso, come generalmente concordato, intento nella sua agricoltura".

Invece di sentirsi contento di aver ricevuto un tale onore, sembrava che Cincinnato fosse infastidito dall'appuntamento. Dionisio, per esempio, fece mettere queste parole nella bocca di Cincinnato dopo aver sentito la richiesta:

"Anche il raccolto di quest'anno sarà rovinato, quindi, a causa dei miei doveri ufficiali, e andremo tutti terribilmente affamati."

Cincinnato, senza perdere tempo, ha iniziato e concluso la sua campagna contro i nemici di Roma in soli 15 giorni, dopo di che si è dimesso dalla sua posizione di potere e è tornato nei suoi campi. Florus, ad esempio, ha scritto questo dell'evento:

"Partendo di là dal campo di battaglia, per mantenere la tradizione del suo impiego rustico, fece passare i suoi nemici conquistati come bestiame sotto il giogo. Conclusa la campagna, questo contadino che aveva goduto di un trionfo tornò ai suoi buoi, e voi, Cielo, con quale velocità! Perché la guerra era iniziata e finita in quindici giorni, così che sembrava per tutto il mondo come se il dittatore si fosse affrettato a tornare indietro per finire il lavoro che aveva lasciato ".

Ahala, maestro del cavallo, presenta il morto Maelius a Cincinnato, affresco del Beccafumi al Palazzo Pubblico di Siena.
Ahala, maestro del cavallo, presenta il morto Maelius a Cincinnato, affresco del Beccafumi al Palazzo Pubblico di Siena.

 Per cosa è meglio conosciuto Cincinnatus?

Cincinnato fu nuovamente nominato dittatore nel 439 aC per risolvere un'altra crisi che stava affrontando Roma. Come la sua prima dittatura, Cincinnato mantenne la sua posizione solo per il tempo necessario a risolvere il problema. È grazie a tali virtù - la modestia, la guida, il servizio disinteressato a Roma e la mancanza di ambizione personale - che Cincinnato divenne un modello di virtù civica.

Poco si sa della morte di Cincinnato, a parte la sua morte intorno al 430 aC. E, se vi state chiedendo, vale la pena ricordare che sì, la città di Cincinnato, New York, e la città di Cincinnati, Ohio, prendono il nome da questo unico statista romano.

Statua di Cincinnato, Cincinnati, Ohio. Foto di Rick Dikeman, 2004.
Statua di Cincinnato, Cincinnati, Ohio. Foto di Rick Dikeman, 2004.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia