Le potenti sacerdotesse della Sacra Fiamma di Roma

Le vergini vestali che tendono al fuoco sacro.
Le vergini vestali che tendono al fuoco sacro.
Nella Res Gestae Divi Augustus ("Le azioni del divino Augusto"), Augusto dimostra la sua pietà affermando che era un membro di tutti e quattro i maggiori sacerdozi a Roma - i Pontifices, Augures, Quindecemviri e Septemviri. C'era, tuttavia, un collegio religioso romano che era off limits per gli uomini, anche per il devoto imperatore stesso. Questo era il College of the Vestals, popolarmente conosciuto come Vestal Virgins, che aveva solo donne tra i suoi ranghi.

Qual era il ruolo delle vergini vestali?

Il Collegio delle Vestali era un'istituzione importante che serviva a garantire il benessere e la sicurezza di Roma. Le vergini vestali erano sacerdotesse di Vesta, la dea del focolare, e una delle loro funzioni più importanti era il mantenimento del fuoco sacro all'interno del Tempio di Vesta sul Foro Romano.

Sacrificio alla dea Vesta di Sebastiano Ricci.
Sacrificio alla dea Vesta di Sebastiano Ricci.
Secondo lo scrittore romano Plutarco, il Collegio delle Vestali fu fondato dal secondo re leggendario di Roma, Numa Pompilio. Durante il regno di Numa, c'erano solo due vergini vestali, e Plutarco nomina le prime due vergini vestali come Gegania e Verenia, che furono successivamente succedute da Canuleia e Tarpeia. Plutarco fornisce un suggerimento sul perché Numa possa aver ordinato alle sacerdotesse di mantenere la loro verginità mentre vegliavano sulla fiamma sacra, scrive che Numa avrebbe potuto "considerare la natura del fuoco pura e incorrotta e quindi affidarla a corpi incontaminati e incontaminati".

Durante la regalità di Servio Tullio, il numero delle vergini vestali fu aumentato a quattro. Qualche tempo dopo, il numero delle vergini vestali aumentò di nuovo fino a sei, e questo numero rimase fino alla dissoluzione dell'istituzione alla fine del IV secolo d.C.

Dedica di una nuova vergine vestale (1710) di Alessandro Marchesini.
Dedica di una nuova vergine vestale (1710) di Alessandro Marchesini.

Com'è stato vivere come una vergine vestale?

Le vergini vestali furono selezionate da famiglie patrizie in giovane età, di solito tra i sei ei dieci anni. Per i primi 10 anni, le ragazze sarebbero servite come novizie. Dopo di ciò, verrebbero pienamente riconosciuti come vestali vergini per i prossimi 10 anni.

Durante gli ultimi 10 anni del loro servizio, sarebbero stati i supervisori responsabili della formazione dei nuovi novizi. Dopo 30 anni di servizio, le Vestali vergini sarebbero state liberate dalle loro funzioni e avrebbero potuto vivere una vita privata.

Avevano il permesso di sposarsi, ed era considerato un grande privilegio per un uomo sposare un'ex Vergine delle Vestali. Tuttavia, dal punto di vista della Vergine Vestale, il matrimonio era considerato sfortunato, poiché erano stati consacrati alla dea Vesta per la maggior parte della loro vita e molti sceglievano di continuare a vivere in una sola vita.

'Una vergine vestale che tende al fuoco' di François Lemoyne.
'Una vergine vestale che tende al fuoco' di François Lemoyne.

Obblighi e privilegi per una sacerdotessa di Vesta

Mentre la cura del fuoco sacro è la funzione principale delle vergini vestali, avevano anche altre funzioni. Per esempio, le vergini vestali erano responsabili della preparazione della salsa mola ("farina salata"), che viene usata in tutti i sacrifici statali.

Inoltre, le vergini vestali erano detentori di volontà e prendevano parte a numerose cerimonie. A giugno, il festival di Vestalia sarebbe stato celebrato e il sancta sanctorum del santuario circolare di Vesta nel Foro Romano sarebbe stato aperto alle donne comuni per portare offerte. Quest'area era solitamente accessibile solo alle Vestali e al Pontifex Maximus. Alla fine del festival, il tempio fu purificato ritualmente.

‘Le Vestali’ (1693-1699) di Anthoni Schoonjans.
‘Le Vestali’ (1693-1699) di Anthoni Schoonjans.
Gli antichi romani credevano che le vergini vestali avessero una sorta di magia su di loro. Questa convinzione era così forte che alcuni dissero che le sacerdotesse potevano "fermare uno schiavo fuggitivo sulle sue tracce" e che le persone condannate a morte dovevano essere liberate se avessero attraversato il sentiero di una vergine vestale quando il condannato era stato portato alla morte. Plutarco accenna alla loro natura mistica quando scrive che "erano anche custodi di altri segreti divini, nascosti a tutti tranne che a se stessi".

Durante i periodi pacifici, le vergini vestali hanno goduto di un certo numero di privilegi. Ad esempio, non erano soggetti al pater potestas ("potere del padre") dei loro padri. Inoltre sono stati autorizzati a gestire le loro proprietà e ad impegnarsi in contratti legali. Quando viaggiavano per la città, potevano usare le carrozze e avevano posti speciali in prima fila nei vari giochi.

La fine del collegio delle vestali

Quando Roma sperimentò la sfortuna, tuttavia, le vergini vestali furono incolpate, e alcuni li hanno visti come capri espiatori per i problemi affrontati da Roma. Per esempio, quando Roma ha dovuto affrontare la sconfitta militare, potrebbe essere opportunamente incolpata del mancato mantenimento del sacro fuoco da parte della Vergine Vestale o della sua perdita di verginità.

Per questioni così gravi, una Vergine Vestale potrebbe essere punita con la morte. Poiché era proibito uccidere o danneggiare una Vergine delle Vestali, venivano invece usati altri modi crudeli di esecuzione. Per esempio, la Vestale Marcia, che fu accusata di prendere un amante, fu lasciata morire di fame in una tomba sigillata nel 114 aC.

Cornelia, la Vergine Vestale, era sepolta viva circondata da ossa nella prigione sotterranea. Incisione linea di G. Machetti secondo B. Pinelli.
Cornelia, la Vergine Vestale, era sepolta viva circondata da ossa nella prigione sotterranea. Incisione linea di G. Machetti secondo B. Pinelli.
I giorni della vergine vestale si sono conclusi con l'avvento del cristianesimo. L'ultima vestalis maxima conosciuta ('capo Vestale') fu Coelia Concordia, che visse durante il regno di Teodosio I. Nel 394 d.C., Teodosio, che era cristiano, sciolse il Collegio delle Vestali, ponendo così fine a questa antica istituzione romana .

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia