Il mistero irrisolto del killer dello Zodiaco

Il mistero irrisolto del killer dello Zodiaco


Il Killer dello Zodiaco era un assassino seriale che perseguitò alcune zone della California del Nord dal dicembre 1968 all'ottobre 1969. Attraverso una serie di lettere criptiche che inviò ai media e ad altri, il killer rivelò la sua motivazione per gli omicidi, offrì indizi su futuri omicidi e adottò il soprannome Zodiac.


Si è assunto la responsabilità di aver ucciso ben 37 persone, ma gli investigatori della polizia hanno confermato solo cinque morti e sette attacchi totali. Il Killer dello Zodiaco non è stato catturato.


Primo attacco

Il 20 dicembre 1968, Betty Lou Jensen, 16 anni, e David Arthur Faraday, 17 anni, erano parcheggiati in un posto isolato su Lake Herman Road sul lato est di Vallejo, California.


I testimoni notarono la giovane coppia rannicchiata insieme sul sedile anteriore della Rambler station wagon di Faraday tra le 22:15 e le 23:00. Niente della coppia sembrava insolito. Ma alle 23:15 la scena aveva preso una piega tragica.


La coppia fu scoperta stesa a terra fuori dall'auto crivellata di colpi. Jensen era a diversi metri dall'auto, morto per cinque ferite d'arma da fuoco alla schiena. Faraday era vicino. Era stato colpito alla testa a distanza ravvicinata. Respirava ancora, ma morì durante il tragitto verso l'ospedale.


I detective avevano pochi indizi, a parte il fatto che c'era stato un precedente scontro nella stessa zona. Bill Crow e la sua ragazza, che erano parcheggiati nello stesso posto di Faraday e Jensen 45 minuti prima, hanno detto alla polizia che qualcuno in una Chevy bianca li ha superati, si è fermato e ha fatto marcia indietro. Crow ha accelerato nella direzione opposta. La Chevy si girò e seguì la coppia, ma non riuscì a tenere il passo dopo che il Corvo fece una brusca svolta a destra ad un incrocio.


Due cacciatori hanno anche riferito di aver visto una Chevy bianca parcheggiata a una svolta di ghiaia su Lake Herman Road. Si sono avvicinati all'auto ma non hanno visto un autista all'interno.


Secondo attacco

Il 4 luglio 1969, Darlene Elizabeth Ferrin, 22 anni, e Michael Renault Mageau, 19 anni, erano parcheggiati al Blue Rock Springs Golf Course a Benicia intorno a mezzanotte, a quattro miglia da dove Jensen e Faraday furono uccisi.


Un'auto si è fermata dietro di loro, impedendo loro di andare via. Un uomo, che Mageau credeva fosse un agente di polizia, ha lasciato l'auto tenendo una torcia luminosa che gli ha oscurato il volto. Lo sconosciuto si è avvicinato al lato del conducente dell'auto e ha immediatamente iniziato a sparare alla coppia, sparando cinque colpi da 9 mm nell'auto, colpendo Ferrin e Mageau.


Il tiratore si è girato per andarsene, ma è tornato dopo aver sentito le grida di Mageau. Ha sparato altre quattro volte. Un proiettile ha colpito Mageau e due hanno colpito Ferrin. Il tiratore è poi salito in macchina e si è allontanato.


In pochi minuti, tre adolescenti si sono imbattuti nella coppia e si sono affrettati a chiedere aiuto. Le autorità hanno trovato Ferrin e Mageau ancora vivi, ma Ferrin è morto prima di raggiungere l'ospedale.


Mageau è sopravvissuto e ha dato alle autorità una descrizione del tiratore: un uomo bianco basso e tarchiato, alto circa 5 piedi e 8 pollici e circa 195 libbre.


Alle 12:40 una telefonata anonima ha contattato il Dipartimento di Polizia di Vallejo, segnalando gli omicidi di Jensen e Faraday e rivendicandone la responsabilità. La polizia ha rintracciato la chiamata ad una cabina telefonica a pochi isolati dal dipartimento di polizia e a meno di un miglio dalla casa di Ferrin.


Il chiamante ha detto alla polizia:

"Vorrei denunciare un doppio omicidio. Se andate un miglio ad est sulla Columbus Parkway verso un parco pubblico, troverete i bambini in una macchina marrone. Sono stati colpiti da una Luger 9 mm. Ho ucciso anche quei bambini l'anno scorso. Arrivederci".


Le lettere dello Zodiaco

Venerdì 1 agosto, le prime lettere dello Zodiaco conosciute sono state ricevute da tre giornali. Il San Francisco Examiner, il San Francisco Chronicle e il Vallejo Times-Herald ricevettero ciascuno lettere quasi identiche scritte da una persona che si prendeva il merito delle aggressioni ai quattro ragazzi. Ha fornito dettagli sugli omicidi e ha incluso un terzo di un misterioso codice in ogni lettera.


L'autoproclamato killer chiedeva che le lettere fossero pubblicate sulle prime pagine dei giornali entro il venerdì successivo o avrebbe ucciso a caso una dozzina di persone durante il fine settimana. Le lettere erano firmate con il simbolo di un cerchio incrociato.


Le lettere sono state pubblicate, e le autorità e i cittadini hanno iniziato gli sforzi per districare i messaggi in codice.


Il 4 agosto, gli investigatori dissero che dubitavano dell'autenticità delle lettere, tentando di convincere l'assassino a contattarli di nuovo. Il piano ha funzionato. Il 4 agosto, un'altra lettera arrivò al San Francisco Examiner.


La lettera iniziava con le parole che da allora hanno ossessionato molti coinvolti nel caso:

"Caro Editore è lo Zodiaco che parla..."


Era la prima volta che il killer usava il nome Zodiac. Includeva informazioni che provavano la sua presenza durante gli omicidi e indicava che la sua identità era nascosta nei codici.

Il mistero irrisolto del killer dello Zodiaco


Decifrare il codice

L'8 agosto, un insegnante di scuola superiore e sua moglie hanno decifrato il codice a 408 simboli. Le ultime 18 lettere non potevano essere decodificate. Il messaggio, scritto in tutte le lettere maiuscole, recitava (senza errori di battitura):

I LIKE KILLING PEOPLE BECAUSE IT IS SO MUCH FUN IT IS MORE FUN THAN KILLING WILD GAME IN THE FORREST BECAUSE MAN IS THE MOST DANGEROUE ANAMAL OF ALL TO KILL SOMETHING GIVES ME THE MOST THRILLING EXPERENCE IT IS EVEN BETTER THAN GETTING YOUR ROCKS OFF WITH A GIRL THE BEST PART OF IT IS THAE WHEN I DIE I WILL BE REBORN IN PARADICE AND THEI HAVE KILLED WILL BECOME MY SLAVES I WILL NOT GIVE YOU MY NAME BECAUSE YOU WILL TRY TO SLOI DOWN OR ATOP MY COLLECTIOG OF SLAVES FOR MY AFTERLIFE EBEORIETEMETHHPITI.

 

MI PIACE UCCIDERE LE PERSONE PERCHÉ È MOLTO DIVERTENTE È PIÙ DIVERTENTE CHE UCCIDERE LA SELVAGGINA NELLA FORESTA PERCHÉ L'UOMO È L'ANIMALE PIÙ PERICOLOSO DI TUTTI UCCIDERE QUALCOSA MI DÀ L'ESPERIENZA PIÙ ECCITANTE È ANCHE MEGLIO CHE FARSI LE SEGHE CON UNA RAGAZZA LA PARTE MIGLIORE È CHE QUANDO MORIRÒ RINASCERÒ IN PARADISO E QUELLI CHE HO UCCISO DIVENTERANNO MIEI SCHIAVI NON VI DARÒ IL MIO NOME PERCHÉ CERCHERETE DI ABBATTERE O SUPERARE LA MIA COLLEZIONE DI SCHIAVI PER LA MIA VITA DOPO LA MORTE EBEORIETEMETHHPITI.


La polizia è rimasta delusa dal fatto che il codice non contenesse l'identità dell'assassino. Alcuni credono che le lettere possano essere riordinate e che si possano aggiungere altre tre lettere per scrivere "Robert Emmet the Hippie".


Terzo attacco

Il 27 settembre, gli studenti universitari Cecelia Ann Shepard, 22 anni, e Bryan Calvin Hartnell, 20 anni, stavano facendo un picnic su una penisola del lago Berryessa vicino a Napa, California. Un uomo che portava una pistola semiautomatica e indossava un costume con cappuccio si avvicinò a loro. Disse di essere un evaso da una prigione del Montana, dove aveva ucciso una guardia e rubato un'auto, e che voleva soldi e la loro auto per andare in Messico.


La coppia cooperò pienamente con le sue richieste, offrendogli denaro e le chiavi dell'auto. I tre parlarono per un po'. L'uomo istruì Shepard a legare Hartnell con pezzi di una corda per vestiti che lui aveva fornito. Poi legò Shepard e disse: "Dovrò accoltellarvi". Prese un lungo coltello a doppio taglio e pugnalò Hartnell sei volte e Shepard 10 volte.


Lasciando la coppia per morta, tornò alla macchina di Hartnell. Disegnò un simbolo a forma di cerchio incrociato sul lato dell'auto e le date degli attacchi a Vallejo.


Un pescatore ha scoperto la coppia e ha chiamato la polizia. Entrambe le vittime erano vive, ma ci volle più di un'ora per l'arrivo dei soccorsi medici. Shepard morì due giorni dopo; Hartnell sopravvisse e diede alla polizia un resoconto dettagliato degli eventi e una descrizione dell'aggressore.


Alle 19:40 una telefonata anonima ha contattato il dipartimento di polizia della contea di Napa e ha parlato con un basso tono monotono all'agente David Slaight:

"Voglio denunciare un omicidio, no, un doppio omicidio. Sono a due miglia a nord della sede del parco. Erano in una Volkswagen Karmann Ghia bianca..." Terminò la chiamata: "Sono io il colpevole".


Come nel caso Vallejo, la chiamata fu rintracciata in una cabina telefonica a pochi isolati dal dipartimento di polizia.

Il mistero irrisolto del killer dello Zodiaco


Quarto attacco

L'11 ottobre, il tassista di San Francisco Paul Stine, 29 anni, raccolse un passeggero in Union Square e guidò fino alla zona ricca di Cherry Street e Nob Hill. Lì, il passeggero sparò a Stine alla tempia, uccidendolo, poi gli tolse il portafoglio e le chiavi dell'auto e gli strappò con cura gran parte della camicia.


Tre giovani hanno assistito all'evento da una finestra del secondo piano. Hanno contattato la polizia e hanno descritto l'assassino come un maschio bianco, dai 25 ai 30 anni, di corporatura robusta e con un taglio a spazzola.


La polizia ha immediatamente lanciato un'intensa caccia all'uomo, ma l'assassino è stato erroneamente descritto come un maschio nero. È stato poi determinato che la polizia ha guidato vicino a un uomo che corrisponde alla descrizione originale a pochi isolati dalla sparatoria, ma a causa dell'errore non è stato considerato un sospetto.


Il 14 ottobre, il Chronicle ricevette un'altra lettera dallo Zodiaco. Era allegato un pezzo della camicia intrisa di sangue di Stine. Lo scrittore si riferiva all'omicidio di Stine, dicendo che la polizia non aveva perlustrato bene la zona, e indicava le sue prossime vittime designate: i bambini della scuola.


Il 22 ottobre, un chiamante che si identificava come lo Zodiaco contattò il Dipartimento di Polizia di Oakland e chiese di andare in onda nel talk show televisivo di Jim Dunbar con F. Lee Bailey o Melvin Belli, famosi avvocati difensori. Belli si presentò allo show e arrivò una chiamata che si presumeva provenisse dallo Zodiaco. Disse che il suo vero nome era Sam e chiese che Belli lo incontrasse a Daly City. Belli accettò, ma il chiamante non si presentò mai. In seguito fu stabilito che la chiamata proveniva da un impostore, un paziente mentale del Napa State Hospital.


Altra posta

L'8 e il 9 novembre, il Chronicle ricevette ogni giorno una lettera dallo Zodiaco. La prima era un cifrario di 340 caratteri. La seconda includeva un altro pezzo della camicia di Stine; una lettera di sette pagine che affermava che la polizia si era fermata a parlare con lui tre minuti dopo aver sparato a Stine; e un disegno schematico della sua "macchina della morte", che era fatta per far saltare in aria grandi oggetti come gli autobus.


Il 20 dicembre, Belli ricevette una cartolina di Natale dallo Zodiaco a casa sua che includeva un altro pezzo della camicia di Stine e l'affermazione che voleva aiuto da Belli, terminando con:

"Per favore aiutatemi, non posso mantenere il controllo ancora per molto".


Belli tentò di far sì che lo Zodiaco lo contattasse di nuovo, ma non successe nulla. Alcuni ipotizzano che il biglietto sia stato scritto durante un momento di lucidità, mentre altri credono che sia stata un'altra bufala dello Zodiaco per attirare l'attenzione.


Chiamata ravvicinata

La sera del 22 marzo 1970, Kathleen Johns, incinta di otto mesi, stava andando ad incontrare sua madre. Aveva la figlia di 10 mesi sul sedile posteriore della sua auto. Mentre si trovava sulla Highway 132 nella contea di San Joaquin, a ovest di Modesto, Johns accostò dopo che un autista le si avvicinò e indicò che qualcosa non andava nella sua auto. L'autista ha accostato e ha detto a Johns che la sua ruota traballava. Ha detto che avrebbe stretto i bulloni della ruota, ma invece li ha allentati, è tornato alla sua auto e se n'è andato.


Quando Johns cominciò ad allontanarsi, la sua ruota cadde. L'uomo in macchina non era molto più avanti. Fece marcia indietro e offrì a Johns un passaggio fino a una stazione di servizio. Lei accettò, ma si spaventò quando lui non si fermò a diverse stazioni di servizio. Il viaggio durò più di tre ore di quello che Johns descrisse come "una guida silenziosa e senza meta". Scappò con il suo bambino quando l'autista si fermò ad un incrocio.


Johns è fuggita attraverso un campo e si è nascosta finché non ha visto l'uomo allontanarsi. Un passante la portò al dipartimento di polizia di Paterson. Lì vide un manifesto con un identikit dello Zodiaco e disse che l'immagine era dell'uomo che l'aveva rapita. La sua auto fu poi trovata sventrata e bruciata.


Nel corso degli anni il resoconto di Johns sugli eventi della notte è cambiato dalla sua dichiarazione originale, portando alcuni a mettere in dubbio la sua storia. Fu l'ultima volta che qualcuno riferì di aver visto lo Zodiaco.


Bomba sullo scuolabus

Il 20 aprile lo Zodiaco inviò una lettera al Chronicle che includeva un codice di 13 caratteri, un diagramma di una bomba che intendeva usare su uno scuolabus e una dichiarazione che non era responsabile dell'attentato del 18 febbraio 1970 a una stazione di polizia di San Francisco. Terminò la lettera con un punteggio "[simbolo dello zodiaco]=10, SFPD=0."


Le autorità interpretarono il numero 10 come un conteggio dei corpi.


La lettera successiva, giunta al Chronicle il 28 aprile, recitava: "Spero che vi divertirete quando avrò il mio BLAST", insieme al simbolo del cerchio incrociato. Sul retro del biglietto, lo scrittore minacciava di usare la sua bomba sull'autobus se il Chronicle non avesse pubblicato la lettera del 20 aprile che aveva inviato descrivendo i suoi piani per far saltare in aria uno scuolabus. Ha anche richiesto che la gente cominciasse ad indossare le spille dello Zodiaco.


A giugno una lettera ricevuta dal Chronicle conteneva un altro codice di 32 lettere. L'autore diceva di essere turbato dal fatto di non aver visto persone indossare le spille dello Zodiaco. Si prendeva il merito per un'altra sparatoria ma non dava dettagli. Gli investigatori sospettarono che si trattasse della morte del sergente Richard Radetich, avvenuta una settimana prima.


Indizi di una bomba piazzata

Era inclusa anche una mappa dell'area della baia. Un volto simile ad un orologio era stato disegnato intorno al Monte Diablo con uno zero in alto, il numero tre sul lato destro, sei in basso e un nove sul lato sinistro. Accanto allo zero, scrisse, "deve essere impostato su Mag.N.".


La mappa e il cifrario dovevano dare la posizione di una bomba che lo Zodiaco aveva sepolto, destinata ad esplodere l'autunno successivo.


Questa lettera era firmata "[simbolo dello zodiaco]=12. SFPD=0."


Il mese successivo, in un'altra lettera inviata al Chronicle, lo Zodiaco si prese il merito di aver rapito Jones quattro mesi prima e descrisse di aver bruciato l'auto, un fatto che solo un giornale locale, The Modesto Bee, aveva stampato.


In un'altra lettera ricevuta due giorni dopo, lo Zodiaco incluse una versione contorta della canzone "I've Got a Little List" dall'operetta di Gilbert e Sullivan "The Mikado", descrivendo come aveva pianificato la raccolta e la tortura che aveva schiavizzato. Sulla lettera era anche disegnato un gigantesco cerchio incrociato, una notazione di punteggio "=13, SFPD=," e le parole:

"PS. The Mount Diablo Code concerns Radians + # inches along the radians."

"PS. Il Codice del Monte Diablo riguarda i radianti + # pollici lungo i radianti".


Nel 1981, il ricercatore dello Zodiaco Gareth Penn capì che mettendo un radiante, o misura d'angolo, sopra la mappa, esso indicava due luoghi dove avvenivano gli attacchi dello Zodiaco.


Passarono tre mesi senza alcuna comunicazione da parte dello Zodiaco. Poi, il 5 ottobre, un biglietto fatto di lettere ritagliate da riviste e giornali fu inviato al Chronicle. Il biglietto, che portava 13 fori, indicava che c'era stata un'altra vittima dello Zodiaco e che si considerava "a prova di crack". Inizialmente considerata una bufala, certe configurazioni di lettere e la frase "a prova di crack" ricomparvero in seguito nelle lettere confermate dello Zodiaco, aggiungendo autenticità a questa.


Omicidio precedente

Il 27 ottobre, Paul Avery, il reporter chiave del Chronicle sul caso Zodiac, ricevette un biglietto di Halloween che includeva una minaccia alla sua vita. La lettera fu pubblicata sulla prima pagina del Chronicle. Giorni dopo Avery ricevette un'altra lettera che lo esortava a indagare sulle somiglianze tra gli omicidi dello Zodiaco e l'omicidio della studentessa universitaria Cheri Jo Bates avvenuto anni prima.


Il 30 ottobre 1966, Bates, 18 anni, aveva studiato alla biblioteca del Riverside City College fino alla sua chiusura alle 21. Gli investigatori sospettano che la sua Volkswagen parcheggiata fuori dalla biblioteca sia stata manomessa prima che lei uscisse. Quando ha cercato di avviare l'auto, la persona che la polizia credeva l'avesse disattivata le si è avvicinata e le ha offerto il suo aiuto.


In qualche modo l'ha attirata in un vialetto appartato tra due case vuote, dove la polizia crede che i due siano rimasti seduti per un'ora e mezza. L'uomo ha poi attaccato la Bates, picchiandola, ferendola al viso e tagliandola 11 volte, sette delle quali l'hanno quasi decapitata.


Gli indizi trovati sulla scena includevano un'impronta di tacco taglia 10, un orologio Timex che mostrava l'ora 12:23, impronte digitali. un'impronta di palmo, tessuto cutaneo sotto le unghie della vittima e capelli e sangue nelle sue mani.


Altra posta dello Zodiaco?

Il mese successivo, lettere identiche furono inviate alla polizia di Riverside e al The (Riverside) Press-Enterprise da qualcuno che sosteneva di aver ucciso la Bates. Le lettere includevano una poesia intitolata "The Cofession" [sic] che offriva dettagli dell'omicidio che solo la polizia e l'assassino potevano conoscere. Le lettere avvertivano che Bates non era la prima o l'ultima vittima. Molti interpretarono il tono della lettera come simile a quello delle lettere dello Zodiaco spedite dopo gli omicidi di Vallejo.


In dicembre un custode del Riverside City College ha scoperto una poesia incisa nella parte inferiore di una scrivania pieghevole. La poesia, intitolata "Sick of living/unwilling to die", aveva un tono simile alle lettere dello Zodiaco e una calligrafia simile. Alcuni hanno creduto che l'autore, che ha firmato la poesia "rh", stesse descrivendo l'omicidio di Bates. Altri teorizzarono che la lettera fosse stata scritta da uno studente che aveva tentato senza successo il suicidio. Tuttavia, l'esaminatore di documenti Sherwood Morrill credeva che l'autore della poesia fosse lo Zodiaco.


Sei mesi dopo l'omicidio di Bates, tre lettere quasi identiche furono ricevute da The Press-Enterprise, dalla polizia di Riverside e dal padre di Bates. Le lettere contenevano più affrancature, e due erano firmate con un simbolo che sembrava la lettera Z accanto al numero 3. Le lettere dello Zodiaco inviate negli anni '70 contenevano un'affrancatura eccessiva, firme a forma di simbolo e minacce che sarebbero seguiti altri omicidi.


Le lettere ricevute dal giornale e dalla polizia recitavano:

BATES HAD

TO DIE

THERE WILL

BE MORE


BATES DOVEVA

MORIRE

CE NE

SARANNO ALTRI

 

L'omicidio di Bates non è mai stato risolto. La polizia di Riverside sostiene che un uomo del posto era il principale sospettato, non lo Zodiaco, anche se le lettere potrebbero essere state scritte da lui.


Il 17 marzo 1971, una lettera fu inviata al Los Angeles Times perché, come disse lo scrittore, "non mi seppelliscono nelle ultime pagine". Nella lettera, lo Zodiaco dava credito alla polizia per aver fatto il collegamento con Bates, ma aggiungeva che stavano ancora trovando i "facili" e molti altri erano "là fuori". La lettera includeva il punteggio, "SFPD-0 [Simbolo Zodiacale]-17+."


Questa fu l'unica lettera inviata al Times e l'unica con timbro postale al di fuori di San Francisco.

Il mistero irrisolto del killer dello Zodiaco


Ancora un altro omicidio

Il 22 marzo il Chronicle's Avery ricevette una cartolina che si pensava fosse dello Zodiaco in cui si prendeva il merito del caso di un'infermiera scomparsa, Donna Lass, dal Sahara Hotel and Casino di Las Vegas, Nevada.


La Lass non fu più vista dopo aver curato il suo ultimo paziente all'1:40 del 6 settembre 1970. Il giorno seguente la sua uniforme e le sue scarpe, segnate dalla sporcizia, furono scoperte in un sacchetto di carta nel suo ufficio. Furono fatte chiamate al suo datore di lavoro e al suo padrone di casa da una persona non identificata che disse che Lass aveva un'emergenza familiare e aveva lasciato la città.


La cartolina che Avery ha ricevuto includeva un collage di lettere tagliate da giornali e riviste e una foto di un annuncio per il complesso condominiale noto come Forest Pines. Le parole "Sierra Club", "Vittima ricercata 12", "sbirciare tra i pini", "passare le zone del lago Tahoe" e "rotondo nella neve" alludevano al luogo dove il corpo di Lass poteva essere trovato, ma una ricerca ha rivelato solo un paio di occhiali da sole.


Alcuni credono che la cartolina fosse un falso, forse il tentativo del vero assassino di far credere alle autorità che Lass fosse una vittima dello Zodiaco. Tuttavia le somiglianze come l'errore di ortografia del nome di Avery ("Averly") e l'uso di una perforatrice richiamavano le lettere dello Zodiaco.


Il caso Lass non fu mai risolto, né il suo corpo fu mai localizzato.


Se la cartolina di The Pines era dello Zodiaco, fu la sua ultima comunicazione per tre anni. Nel 1974 riemerse, anche se questa volta abbandonò la sua frase di apertura, "Qui è lo Zodiaco che parla", e la firma con il simbolo del cerchio incrociato.


Ancora più posta

Il 29 gennaio 1974, il Chronicle ricevette una lettera dallo Zodiaco che descriveva il film "L'esorcista" come "la migliore commedia satirica che io abbia mai visto". Includeva parte di un verso di "The Mikado", un disegno tipo geroglifico, e una minaccia che la lettera doveva essere pubblicata o avrebbe "fatto qualcosa di brutto". Il suo punteggio della firma cambiò in "Me-37 SFPD-0".


In maggio il Chronicle ricevette una lettera da un "cittadino preoccupato" che si lamentava del film "Badlands" e chiedeva al giornale di smettere di pubblicizzarlo. Sebbene lo Zodiaco non si identificasse come l'autore della lettera, alcuni ritenevano che le somiglianze di tono e di scrittura fossero inequivocabilmente quelle dello Zodiaco.


L'8 luglio 1974, una lettera di reclamo riguardante l'editorialista conservatore del Chronicle Marco Spinelli, che usava lo pseudonimo "Conte Marco", fu ricevuta dal giornale. La lettera terminava con:

"Visto che il Conte può scrivere anonimamente, posso farlo anch'io - firmato "il Fantasma Rosso (rosso di rabbia)".


Alcuni credono che lo Zodiaco abbia inviato la lettera; altri no. Il detective del Dipartimento di Polizia di San Francisco (SFPD) David Toschi l'ha inviata al laboratorio criminale dell'FBI, che ha determinato che le lettere sono state probabilmente preparate dall'autore delle lettere dello Zodiaco.


Comportamento scorretto dell'investigatore

Nessuna comunicazione fu ricevuta dallo Zodiaco per quattro anni. Poi, il 24 aprile 1978, una lettera inviata al Chronicle fu consegnata al reporter Duffy Jennings, il sostituto di Avery dopo il suo trasferimento all'Examiner. Jennings contattò Toschi, che aveva lavorato al caso Zodiac fin dall'omicidio Stine ed era l'unico investigatore della polizia di San Francisco che ancora lavorava al caso.


Toschi diede la lettera a John Shimoda del laboratorio criminale del Servizio Postale degli Stati Uniti per determinare se fosse stata scritta dallo Zodiaco. Shimoda concluse che la lettera era stata scritta dallo Zodiaco, ma quattro esperti tre mesi dopo dichiararono la lettera una bufala. Molti puntarono il dito contro Toschi, credendo che avesse falsificato la lettera. Questi sospetti si basavano su un incidente precedente che aveva coinvolto l'editorialista del Chronicle "Tales of the City" Armistead Maupin, il quale ricevette molta posta e si insospettì che Toschi ne avesse scritta una parte sotto falso nome.


Maupin non fece nulla all'epoca, ma quando la contestata lettera dello Zodiaco emerse, Maupin pensò che Toschi potesse essere responsabile e riferì le false lettere dei fan e i suoi sospetti ai superiori di Toschi. Toschi alla fine ammise di aver scritto le lettere dei fan ma negò di aver falsificato la lettera dello Zodiaco.

Il mistero irrisolto del killer dello Zodiaco


Nessuna risoluzione

L'incidente di Toschi è solo uno dei tanti bizzarri colpi di scena che l'indagine sullo Zodiaco ha preso nel corso degli anni. Più di 2.500 sospetti sono stati indagati senza che nessuno sia mai stato accusato. I detective continuano a ricevere telefonate settimanali con suggerimenti, teorie e speculazioni.


Il caso ha ottenuto una rinnovata esplosione di attenzione nel 2018 quando un sospetto è stato arrestato nel caso del Golden State Killer, a lungo inattivo, dopo che la prova del DNA è stata confrontata con il materiale raccolto da un sito web genealogico. Gli investigatori sperano di avere la stessa fortuna con il caso Zodiaco, ma nessun arresto è stato effettuato.


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia