Amazon in guerra su Twitter perché Jeff Bezos incazzato

Amazon in guerra su Twitter perché Jeff Bezos incazzato


I tweet sarcastici rivolti ai Senatori Bernie Sanders ed Elizabeth Warren sono arrivati dopo che il CEO ha detto ai dirigenti che non stavano spingendo abbastanza forte sui critici.

Amazon è stata a lungo in contrasto con i senatori Bernie Sanders (I-VT) ed Elizabeth Warren (D-MA) per le loro critiche al lavoro e alle pratiche commerciali dell'azienda. Ma la discordia ha raggiunto nuove vette la scorsa settimana quando Amazon ha attaccato aggressivamente entrambi i senatori su Twitter in un attacco insolito per una grande azienda. Con ogni nuovo tweet sprezzante di un dirigente di Amazon o dell'account Twitter ufficiale della società, gli addetti ai lavori e gli osservatori hanno posto una versione della stessa domanda: "Che diavolo sta succedendo?


Si è scoperto che i leader di Amazon stavano seguendo un ampio mandato dal vertice della società: Combattere.


Recode ha appreso che il CEO di Amazon Jeff Bezos ha espresso insoddisfazione nelle ultime settimane che i funzionari della società non erano più aggressivi nel modo in cui hanno respinto le critiche della società che lui e altri leader ritengono inesatte o fuorvianti. Ciò che è seguito è stata una serie di tweet sarcastici e aggressivi che hanno finito per alimentare i propri cicli mediatici.


Il tempismo non è stato probabilmente casuale. Bezos e altri leader di Amazon sono sul filo del rasoio perché la società sta affrontando la più grande elezione sindacale della sua storia nel suo magazzino di Bessemer, Alabama. I risultati delle elezioni saranno conteggiati all'inizio di questa settimana, e i funzionari di Amazon capiscono che se la maggioranza dei dipendenti vota per sindacalizzare, potrebbe scatenare una reazione a catena in altre strutture - potenzialmente costringendo il gigante dell'e-commerce a rivedere il modo in cui gestisce le sue centinaia di migliaia di lavoratori in prima linea negli Stati Uniti.


C'era il terrore all'interno dei ranghi esecutivi di Amazon l'ultima volta che si è tenuta un'elezione sindacale in una struttura statunitense di Amazon - e si trattava solo di un piccolo sottoinsieme della forza lavoro di un magazzino, la maggioranza dei quali ha votato contro la sindacalizzazione. Quel voto è avvenuto all'inizio del 2014 e consisteva solo di 27 tecnici e meccanici in un magazzino Amazon nel Delaware. In Alabama, però, la posta in gioco è molto più alta con quasi 6.000 lavoratori aventi diritto al voto. Bezos conosce bene tutto questo.


Così, quando la scorsa settimana si è diffusa la notizia che Sanders stava progettando di visitare l'Alabama negli ultimi giorni di voto, il top executive di Amazon Dave Clark ha sparato un thread su Twitter che iniziava con il seguente post.


"Do il benvenuto a @SenSanders a Birmingham e apprezzo la sua spinta per un posto di lavoro progressista", ha postato mercoledì l'account di Clark. "Dico spesso che siamo il Bernie Sanders dei datori di lavoro, ma questo non è del tutto corretto, perché in realtà forniamo un luogo di lavoro progressista".



Poche ore dopo, l'account ufficiale "Amazon News" per le relazioni con i media su Twitter, con più di 170.000 seguaci, è scattato di nuovo contro il rappresentante della Camera Mark Pocan, che aveva messo in discussione l'affermazione di Clark sul "posto di lavoro progressista", alludendo a storie sul ritmo di lavoro di Amazon, così impegnativo che i lavoratori devono "urinare nelle bottiglie d'acqua".


"Non credete davvero alla storia della pipì nelle bottiglie, vero?" ha twittato l'account ufficiale di Amazon News. "Se fosse vero, nessuno lavorerebbe per noi".



E dopo un botta e risposta con Warren che è iniziato con lei che criticava i pagamenti fiscali della società, lo stesso account Amazon ha "citato" Warren con questo messaggio:



Un portavoce di Amazon non ha risposto a una richiesta di commento.


Se Bezos voleva che il ciclo di notizie non riguardasse il sindacato per un po', in un certo senso ha funzionato. Ma invece di parlare del sindacato, i media e gli osservatori dell'industria si sono concentrati sulla rarità e sul giudizio di un'azienda da un trilione di dollari che litiga con potenti legislatori su Twitter. Il pushback di Amazon sul commento di Pocan sui lavoratori che pisciano nelle bottiglie ha anche acceso un altro ciclo di notizie dopo che l'Intercept ha rivelato comunicazioni interne di Amazon che riconoscono che gli appaltatori che consegnano i pacchetti di Amazon a volte defecano nei sacchetti e urinano nelle bottiglie.


I magazzinieri di Amazon che hanno parlato con Recode nel corso degli anni dicono che è davvero raro sentire di un dipendente del magazzino - al contrario di un autista delle consegne - urinare nelle bottiglie al lavoro. Ma il punto più grande che molti fanno è che non è raro che i lavoratori prendano altre misure, come limitare quanto bevono, per ridurre il loro bisogno di usare il bagno per paura di mancare le loro quote di produzione o di essere redarguiti dai supervisori per troppo "tempo fuori compito", come Amazon lo chiama.


All'interno di Amazon, i dipendenti di rango sono stati anche perplessi dall'approccio dell'azienda su Twitter. "Attività sospetta sull'account Twitter di @amazonnews", era il titolo di un biglietto di supporto interno - chiamato un trouble ticket all'interno della società - presentato da un ingegnere della sicurezza di Amazon la scorsa settimana, secondo uno screenshot visto da Recode.


"Negli ultimi due giorni, ci sono stati due thread da @amazonnews in risposta a commenti fatti da funzionari del governo degli Stati Uniti che hanno ricevuto una notevole attenzione", si legge nel biglietto. "I tweet in questione non corrispondono al solito contenuto pubblicato da questo account".


L'ingegnere della sicurezza ha notato che i tweet sono stati pubblicati utilizzando la web app di Twitter piuttosto che Sprinklr, il software di gestione dei social media tipicamente utilizzato dall'account Amazon News per pubblicare i tweet.


I tweet, secondo l'ingegnere della sicurezza, "sono inutilmente antagonisti (rischiando il marchio di Amazon) e possono essere il risultato di un accesso non autorizzato".


Il ticket di supporto è stato chiuso senza azione.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia