Il "frutto proibito" nel giardino dell'Eden era davvero una mela?

 

Il "frutto proibito" nel giardino dell'Eden era davvero una mela?

Nessuno lo sa perché la Bibbia ebraica dice solo "frutto".

Qual è la probabile identità del "frutto proibito" descritto nel Giardino dell'Eden della Bibbia, che si dice che Eva abbia mangiato e poi condiviso con Adamo?


Se la tua ipotesi è "mela", probabilmente ti sbagli.

La Bibbia ebraica non specifica effettivamente quale tipo di frutto Adamo ed Eva mangiarono. "Non sappiamo cosa fosse. Non c'è alcuna indicazione che fosse una mela", ha detto il rabbino Ari Zivotofsky, professore di scienza del cervello all'Università Bar-Ilan di Israele. 

La scena cruciale è descritta nella Genesi, il primo libro della Bibbia ebraica, poco dopo che Dio avverte Adamo di non mangiare dall'"albero della conoscenza". Un serpente nel giardino, tuttavia, dice a Eva di andare avanti e dare un morso. 

"Quando la donna vide che l'albero era buono da mangiare e un piacere per gli occhi, e che l'albero era desiderabile come fonte di saggezza, prese del suo frutto e ne mangiò. Ne diede anche a suo marito ed egli ne mangiò" (Genesi 3:6), secondo la traduzione della Jewish Publication Society su Sefaria.org.

Per quanto riguarda il tipo di frutto, è descritto come "solo il 'frutto dell'albero'", ha detto Zivotofsky. "Questo è tutto ciò che dice. Nessuna identificazione. Non sappiamo che tipo di albero, non sappiamo che frutto". 

La parola ebraica usata in quel verso è "peri", una parola generica per frutta sia nell'ebraico biblico che in quello moderno, secondo Zivotofsky. La parola ebraica moderna per mela, "tapuach", d'altra parte, non appare da nessuna parte nella Genesi o nei primi cinque libri della Bibbia ebraica, ha detto Zivotofsky. Nei tempi biblici, "tapuach" era una parola per indicare un frutto generico.

vetrata di Adamo ed Eva
vetrata di Adamo ed Eva


Quindi, se il frutto proibito non era una mela, cos'era?   

I rabbini che commentano la Bibbia ebraica nel Talmud, una raccolta di insegnamenti rabbinici e legge biblica, e altri scritti completati intorno al 500 d.C., hanno notato diverse idee sull'identità del frutto misterioso, ma - allarme spoiler - la mela non è una di queste, ha detto Zivotofsky. 

Nel corso degli anni, i rabbini hanno scritto che il frutto avrebbe potuto essere un fico, perché nella Bibbia ebraica, Adamo ed Eva si accorsero di essere nudi dopo aver mangiato dall'albero della conoscenza, e quindi usarono foglie di fico per coprirsi. O forse, hanno scritto alcuni rabbini, era grano, perché la parola ebraica per il grano, "chitah", è simile alla parola per il peccato, "cheit", ha detto Zivotofsky. L'uva, o il vino fatto con l'uva, sono un'altra possibilità. Infine, i rabbini hanno scritto che potrebbe essere stato un cedro, o "etrog" in ebraico - un frutto agrodolce, simile al limone, usato durante la festa autunnale ebraica di Sukkot, una celebrazione del raccolto in cui gli ebrei costruiscono abitazioni temporanee.

Dati tutti questi potenziali frutti proibiti, come hanno fatto le mele - che non sono nemmeno del Medio Oriente, ma del Kazakistan in Asia centrale, secondo uno studio del 2017 sulla rivista Nature Communications - a diventare l'interpretazione predominante?

Il frutto del cedro simile al limone è chiamato "etrog" in ebraico.
Il frutto del cedro simile al limone è chiamato "etrog" in ebraico.


Si scopre che questa interpretazione probabilmente non ha avuto origine nella tradizione ebraica, ha detto Zibotofsky. "Non credo che all'interno della tradizione ebraica sia mai diventata la mela, nel senso che nell'arte ebraica non la si trova", ha detto Zivotofsky.

Invece, il possibile percorso dalla frutta alla mela iniziò a Roma nel 382 d.C., quando Papa Damaso I chiese a uno studioso di nome Girolamo di tradurre la Bibbia in latino, secondo l'Enciclopedia Britannica. Come parte di quel progetto, Girolamo tradusse l'ebraico "peri" nel latino "malum", secondo Robert Appelbaum, professore emerito di letteratura inglese all'Università di Uppsala in Svezia e autore di "Aguecheek's Beef, Belch's Hiccup, and Other Gastronomic Interjections" (University of Chicago Press, 2006).

"La parola ["malum"] in latino si traduce in una parola in inglese, apple, che stava anche per qualsiasi frutto ... con un nucleo di semi nel mezzo e la carne intorno. Ma era anche un termine generico [per la frutta]", ha detto Appelbaum. Apple aveva questo significato generico fino al XVII secolo, secondo il Dizionario Etimologico Online. Jerome ha probabilmente scelto la parola "malum" per indicare la frutta, perché la stessa parola può anche significare il male, ha detto Appelbaum. Quindi è un gioco di parole, riferendosi al frutto associato al primo grande errore dell'uomo con una parola che significa essenzialmente questo.

Il dipinto della "Pala di Gand" del XV secolo mostra Eva (a destra) con un cedro.
Il dipinto della "Pala di Gand" del XV secolo mostra Eva (a destra) con un cedro.


Nel frattempo, dipinti e altre ricreazioni artistiche del Giardino dell'Eden hanno contribuito a solidificare la mela come frutto proibito. Nell'arte, a differenza della scrittura, un frutto non può essere puramente generico, ha detto Appelbaum. "Gli artisti, più degli scrittori, dovevano mostrare qualcosa", ha detto. Non sempre hanno mostrato una mela: Le rappresentazioni artistiche della "Caduta dell'Eden" raffiguravano il frutto come un cedro ("Pala di Gand" di Hubert e Jan van Eyck, 1432), come un'albicocca ("Eva tentata dal serpente" di Defendente Ferrari, 1520-25), e come un melograno ("La caduta dell'uomo" di Peter Paul Rubens, 1628-29), secondo Appelbaum.

Tuttavia, nel XVI secolo, la mela era entrata anche nella proverbiale ciotola della frutta. Nel 1504, un'incisione del pittore tedesco Albrecht Dürer e un dipinto del 1533 del pittore tedesco Lucas Cranach il Vecchio, rappresentavano il frutto come una mela, secondo NPR. Sempre secondo NPR, nel poema epico "Paradise Lost", pubblicato per la prima volta nel 1667, il poeta inglese John Milton usa la parola "mela" due volte per riferirsi al frutto proibito.

Ma la mela in "Paradise Lost" era davvero la mela a cui pensiamo oggi, o era un generico frutto carnoso con semi nel mezzo? C'è almeno un po' di spazio per il dubbio su questo, secondo Appelbaum. Milton descrive la "mela", una volta che Eva ha dato un morso, "come confusa all'esterno, ed estremamente succosa e dolce e ambrosa. Tutte parole che sono attaccate alle pesche", ha detto Appelbaum. 

Il cosiddetto Franken-tree ("Albero Frankenstein"), un moderno albero innestato con 40 tipi di frutta, non esisteva ai tempi della Bibbia, ma se fosse esistito, potrebbe chiarire questo mistero.


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia