Gli avvistamenti UFO della foresta di Rendlesham

 

UFO che atterra nella foresta di notte: Questa è la storia degli avvistamenti UFO nella foresta di Rendlesham!
UFO che atterra nella foresta di notte: Questa è la storia degli avvistamenti UFO nella foresta di Rendlesham! 

A volte la verità è più strana della finzione. L'incidente UFO di Rendlesham Forest è senza dubbio una delle storie più strane, definita da notevoli prove e anche da serie domande. Il 28 dicembre 1980, il vice comandante della base dell'US Air Force, il tenente colonnello Charles Halt, ricevette notizia di bizzarri avvistamenti vicino e intorno alle basi aeree RAF Bentwaters e RAF Woodbridge. Queste molteplici osservazioni di prima mano di luci soprannaturali e avvistamenti di imbarcazioni si sono verificati durante il cuore della notte e la verità dietro questi fatti non è affatto facile da svelare. Ciò che gli incidenti UFO di Rendlesham Forest suggeriscono sono ancora difficili da comprendere, ma questo non li rende necessariamente una bufala.

I resoconti del personale aeronautico Sargent Jim Penniston, dell'ufficiale John Burroughs, dell'ufficiale Budd Stevens e di altri includevano vaghe descrizioni di avvistamenti che andavano da insolite luci soprannaturali, veicoli spaziali triangolari densi e lucidi come l'ossidiana e segni bruciati nel terreno. Anche se Penniston e Burroughs erano perfettamente chiari su ciò che avevano visto, il loro ufficiale in comando disse loro di rimanere in silenzio e di non menzionare la storia completa nel loro rapporto... finché gli avvistamenti non si fossero ripetuti. La seconda volta la notizia fu inviata direttamente al vice comandante della base, il tenente colonnello Charles Halt, che stava mangiando nella sala mensa.  Il tenente colonnello non ebbe altra scelta che mettere da parte la sua cena e il suo dubbio, prendere il suo registratore e vedere di persona cosa stava succedendo fuori.

Incidente della foresta di Rendlesham di oliverink da deviantart
Incidente della foresta di Rendlesham di oliverink da deviantart


Il primo incidente UFO della foresta di Rendlesham: Cosa è stato visto?

L'incidente UFO di Rendlesham Forest è uno dei più famosi avvistamenti UFO mai registrati, coperto quasi quanto l'incidente di Roswell del 1947. L'incidente di Rendlesham ha creato una vasta gamma di avvistamenti di prima mano, registrazioni audio, rapporti multipli e testimonianze continue. E questo ha creato un fenomeno popolare che continua a riportare gli appassionati di UFO in questa zona boscosa per saperne di più. Ma con così tante angolazioni e prospettive di questa storia, quali sono effettivamente corrette e cosa è successo esattamente? Per comprendere tutte le prove relative a questo mistero extraterrestre, è essenziale rivedere le figure chiave, le variazioni alla storia, e le principali spiegazioni alternative di altri esperti. Solo allora si può giungere ad una conclusione obiettiva su ciò che questi resoconti dicono e su ciò che, in definitiva, si nasconde dietro di essi.

Di tutti i resoconti che esistono, le esperienze più notevoli provengono da Jim Penniston, John Burroughs e il colonnello Halt. Hanno raccontato di luci multicolori che bruciavano intensamente, imitando un collage caleidoscopico di luci rosse e blu, provenienti da un misterioso aereo. Questo evento ha avuto luogo in due giorni consecutivi a partire dal 26 dicembre 1980, per Penniston e Burroughs, e poi di nuovo il 28 dicembre 1980, per il colonnello Halt e la sua squadra di soldati. In entrambi gli incontri, l'aereo misterioso rifletteva luci, si librava, atterrava, decollava a velocità allarmante, e poi sembrava "magicamente" dissolversi o svanire.

L'East Gate della RAF Woodbridge, dove ebbe inizio l'incidente UFO di Rendlesham Forest.
L'East Gate della RAF Woodbridge, dove ebbe inizio l'incidente UFO di Rendlesham Forest.


Il primo incidente: Cosa videro Penniston e Burroughs

Il 26 dicembre 1980, al cancello est della base RAF Woodbridge, la pattuglia di sicurezza Budd Stevens e il sergente Jim Penniston videro strane luci rosso fuoco intensamente luminose che brillavano tra gli alberi della foresta di Rendlesham. Quando riferirono i loro avvistamenti alla baracca di guardia, il loro comandante confermò che qualcosa era stato rilevato mentre scendeva in una piccola radura vicino al bordo orientale della foresta. Fu allora, alle 3:00 del mattino, che Penniston ricevette l'ordine di indagare su quanto visto. Anche se Stevens rimase al suo posto, Penniston fu accompagnato da John Burroughs in una jeep fino al punto in cui il "carrello" sarebbe atterrato. Fu qui che Burroughs e Penniston videro un misterioso velivolo luminoso il cui movimento e la cui velocità sfidavano le leggi della fisica. Nonostante la sua rapida velocità, il velivolo non emise quasi nessun suono.  Dei due uomini, solo Penniston fornì un rapporto sull'avvistamento. Nella sua dichiarazione, ha detto:


"...L'imbarcazione era alta tre metri e larga circa tre metri alla base [...] Non si vedeva alcun carrello di atterraggio, ma sembrava che fosse su gambe fisse... Mi sono avvicinato un po' di più... Ho camminato intorno all'imbarcazione e, infine, mi sono avvicinato all'imbarcazione. Ho notato che il tessuto del guscio era più simile a un vetro nero liscio e opaco..." (Young 2020)


Ma mentre osservavano l'imbarcazione, questa improvvisamente decollò a tutta velocità, dirigendosi verso un fienile, causando ulteriore scompiglio poiché le sue luci brillanti disturbavano la fauna locale e gli animali della fattoria. Burroughs e Penniston lo inseguirono di corsa, scavalcando una recinzione, e poi guardarono come le luci rosse e blu che brillavano dal velivolo svanirono mentre passava il fienile.

Quando sia Penniston che Burroughs tornarono alla base, erano diffidenti nello scrivere il loro rapporto dell'incidente per il loro ufficiale di turno. Entrambi decisero di scrivere una versione che minimizzava ciò che avevano visto. Nelle loro testimonianze, hanno semplicemente dichiarato:


"...Abbiamo visto un oggetto meccanico con luci rosse, blu e bianche, ma il mezzo è scomparso prima che potessimo vedere meglio..." (Cutler e Castro 2019).


Con sgomento, sia a Penniston che a Burroughs fu ordinato di tacere su ciò che avevano visto. Tuttavia, questo comando non ha impedito a Penniston di tornare nella zona il giorno successivo per esaminare il sito di atterraggio. Sul suolo della foresta, Penniston scoprì delle impronte circolari fatte da un oggetto pesante, che erano distanziate di 9,8 piedi (3 metri). Fece immediatamente delle impronte in gesso dei segni dell'atterraggio. Burroughs e Penniston rivelarono anche che danni da bruciature e rami spezzati erano presenti vicino alle rientranze nel terreno. Anche se il loro comandante di turno ha detto loro di rimanere in silenzio, i calchi in gesso e i danni agli alberi hanno reso altri militari estremamente curiosi, trasformando la vista in un hotspot di curiosità per il personale militare. 


Il secondo incidente: Cosa vide il tenente colonnello Halt

Il 28 dicembre, il vice comandante della base, il tenente colonnello Charles Halt, fu informato che l'UFO era tornato, vicino al luogo dell'avvistamento originale. Anche se le affermazioni di Burroughs e Penniston erano state respinte, il tenente Halt decise di assemblare una squadra di personale armato di riflettori, cannocchiali notturni, dispositivi di registrazione audio e rilevatori di radiazioni per registrare tutto ciò che stava accadendo.

Mentre ordinava di sistemare i riflettori intorno al perimetro del sito, il tenente Halt disse ai suoi uomini di fare letture di radiazioni con i contatori Geiger nella zona. Tuttavia, i riflettori non funzionavano bene, costringendo i suoi uomini a indagare ulteriormente con i cannocchiali per la visione notturna. Quando vennero visti attraverso i cannocchiali notturni, le abrasioni sugli alberi emisero firme di calore. I contatori Geiger leggevano immense bruciature da radiazioni. E poi l'UFO apparve di nuovo, avvicinandosi da sud, volando a velocità incredibile e facendo pulsare una luce rossa vibrante attraverso i rami degli alberi. Una delle migliori citazioni dalla registrazione di Halt ha catturato le sensazioni di quell'esperienza: 


"...Sembra un occhio che ti strizza l'occhio... Ecco che arriva da sud, viene verso di noi adesso... ora stiamo osservando quello che sembra essere un raggio che scende verso il suolo. Questo è irreale..." (trascrizione Ridpath Halt)


Le luci svolazzavano invitanti tra gli alberi, ma quando l'imbarcazione si muoveva sembrava cadere a pezzi. La luce che brillava dal velivolo era così forte che i sensori dei cannocchiali notturni si bruciarono. Le luci continuavano a librarsi e a proiettare sulla foresta e sul campo. Chiaramente, il tenente colonnello Halt e la sua squadra avevano confermato un avvistamento UFO.


Quando Halt condivise la sua storia con l'Office of Special Investigations (OSI), come Boroughs e Penniston, gli fu detto di mantenere il silenzio sulla sua esperienza per proteggere la propria reputazione e, cosa più importante, la reputazione della U.S. Air Force. Anche se Boroughs e Penniston avevano giurato di mantenere il segreto, il tenente colonnello Halt fu autorizzato a scrivere una nota al Ministero della Difesa sugli eventi che erano accaduti. Grazie all'U.S. Information act del 1983, il memorandum del tenente colonnello Halt è su disco pubblico, perché chiunque possa leggerlo.

Presto altri si fecero avanti per discutere degli avvistamenti UFO di Rendlesham Forest. E in breve tempo divenne ovvio che c'erano una serie di contraddizioni sconcertanti tra la registrazione su nastro del colonnello, la testimonianza di un informatore anonimo, e il memorandum che il tenente colonnello Halt ha scritto.


Le contraddizioni tra i vari resoconti

Il 25 gennaio 1985, The Guardian pubblicò un articolo in cui si discuteva di ciò che era stato visto nell'incidente UFO di Rendlesham Forest. Prima di ottenere l'attenzione del Guardian, un misterioso aviatore statunitense, usando lo pseudonimo di "Art Wallace", aveva partecipato a molte interviste televisive e giornalistiche locali su ciò che aveva visto il 26 e 28 dicembre 1980.

Art Wallace, che fu poi confermato essere Larry Warren, affermò di essere un testimone delle luci UFO insieme a Burroughs, Penniston e Halt. Tuttavia, i suoi resoconti sembravano essere più coloriti degli altri tre. Nella versione di Wallace, egli sostenne che il colonnello Halt e alcuni altri ufficiali chiave incontrarono l'astronave in atterraggio e si presentarono ai piccoli alieni che erano atterrati sul nostro pianeta. Questo resoconto contraddiceva ciò che il colonnello Halt aveva dichiarato, poiché aveva solo menzionato che lui e i suoi uomini di equipaggio furono testimoni di strane luci della foresta. Halt non ha mai menzionato alcuna informazione riguardante l'incontro con gli alieni né nel suo rapporto audio registrato né nel memo che ha prodotto per il Ministero della Difesa.

Wallace ha anche affermato che l'ISO gli fece il lavaggio del cervello iniettandogli il siero della verità e lo costrinse a guardare film sugli UFO per inquadrarlo come un individuo mentalmente disturbato al fine di respingere la storia che stava già facendo trapelare alla stampa.

A causa di queste contraddizioni, Halt, Burroughs e Penniston si tennero lontani da Wallace, perché sentivano che le sue imprecisioni stavano sminuendo ciò che era realmente accaduto quella notte.


Molti anni dopo il tenente colonnello Halt si impegna di più

In un altro singolare incidente, nel giugno 2010, l'ex tenente colonnello Halt accettò di mettere su carta i suoi ricordi dell'incidente UFO di Rendlesham Forest in un affidavit di due pagine. I suoi ricordi, purtroppo, erano anche contraddittori in termini di direzione delle luci, le posizioni dei "segni di atterraggio", e il numero di oggetti che sono apparsi nel cielo. Anche se intendeva convalidare gli eventi originali del 26 e 28 dicembre, ha inavvertitamente gettato più confusione e dubbi sull'intera storia. Nel 2015, l'anziano tenente colonnello Halt ha cercato di ristabilire la sua reputazione ottenendo dichiarazioni scritte dagli operatori radar della RAF Brentwater che lavoravano nelle notti in questione.

La vecchia torre di controllo ATC dell'ex campo d'aviazione RAF Bentwaters, dove avvenne l'incidente UFO di Rendlesham Forest. Il luogo è ora un parco.
La vecchia torre di controllo ATC dell'ex campo d'aviazione RAF Bentwaters, dove avvenne l'incidente UFO di Rendlesham Forest. Il luogo è ora un parco.

Nelle loro dichiarazioni, gli operatori radar hanno ammesso di aver tracciato gli oggetti il 26 e 28 dicembre. Ma si sono sentiti a loro agio a parlare di ciò che stavano tracciando solo dopo essersi ritirati dall'esercito. Gli anonimi ex operatori radar hanno detto di aver visto le luci percorrere 60 miglia (96 chilometri) in tre secondi, ruotare e fermarsi improvvisamente vicino a una torre d'acqua, e tornare di nuovo nella foresta dove la squadra del colonnello Halt era a terra a indagare. Queste informazioni aggiuntive degli operatori radar danno sostegno alle precedenti dichiarazioni di Halt, Burroughs e Penniston.

Tuttavia, anche con le dichiarazioni convincenti di più militari in pensione, gli scettici hanno dubitato dei racconti dei testimoni oculari. Questi scettici credono che le loro spiegazioni alternative siano più credibili degli UFO.


Rendlesham Forest UFO: cosa è vero e cosa no?

Dopo quasi quarant'anni di militari statunitensi in pensione che si sono fatti avanti con dettagli più contraddittori nella storia dell'UFO di Rendlesham Forest, ci sono state altrettante spiegazioni alternative che hanno creato ulteriore confusione su ciò che è realmente accaduto in quei giorni del dicembre 1980.

In una possibilità alternativa, è stato detto che ciò che gli aviatori statunitensi stavano vedendo era, infatti, una pioggia di meteoriti che è stata vista sopra l'Inghilterra meridionale. La British Astronomical Association Meteor section ha riferito che una pioggia di meteoriti intensamente luminosa si è verificata mentre il tenente colonnello Halt stava cercando l'UFO. L'intensità e la luminosità della pioggia di meteoriti potrebbe aver causato gli accecanti punti caldi che hanno bruciato i sensori del telescopio notturno.

Il faro di Orfordness, il faro più luminoso del Regno Unito, che potrebbe essere stato la fonte delle strane luci negli avvistamenti UFO della foresta di Rendlesham.
Il faro di Orfordness, il faro più luminoso del Regno Unito, che potrebbe essere stato la fonte delle strane luci negli avvistamenti UFO della foresta di Rendlesham.

Un'altra affermazione è che nello stesso momento della pioggia di meteoriti, i militari potrebbero aver intravisto la luce del faro di Orfordness, che all'epoca era considerato dal Ministero della Difesa il faro più luminoso del Regno Unito.

Queste due teorie alternative si basano su spiegazioni di illuminazione atmosferica e industriale. Tuttavia, un'altra possibile spiegazione sembra essere la più oltraggiosa di tutte.

Secondo il ricercatore UFO Dr. David Clark, le sue fonti anonime hanno affermato che l'intero incidente UFO di Rendlesham Forest potrebbe essere stato una "vendetta" da parte del Servizio Aereo Speciale britannico (SAS) nei confronti del personale della U.S. Air Force di stanza a RAF Woodbridge e RAF Bentwaters. La spiegazione del perché il SAS avrebbe tentato uno scherzo così elaborato si riferisce ad un precedente test di sicurezza eseguito su entrambe le basi. Presumibilmente, secondo il Dr. Clark, il SAS aveva paracadutato diverse truppe per simulare un attacco di invasione, che ha spinto i militari statunitensi a catturare i soldati SAS paracadutati.

Questo ha portato all'internamento, all'abuso, al pestaggio e all'umiliazione dei soldati SAS catturati, finendo con l'affermare da parte dell'aviazione americana che i prigionieri catturati erano "stranieri non identificabili". A causa di un tale atto di aggressione contro una simulazione giocosa, le SAS decisero di tramare la loro vendetta mettendo in scena una vera "invasione aliena".

La dottoressa Clark continuò a dettagliare come lo scherzo delle SAS fu portato a termine. Le SAS apparentemente idearono dei razzi multicolori che dovevano esplodere in determinati momenti nella foresta, mentre alcuni membri del personale delle SAS controllavano a distanza palloni di elio di colore scuro insieme ad alianti e aquiloni controllati per imitare un singolo veicolo in movimento. Data l'ossessione americana per gli alieni dopo l'incidente di Rosewell del 1947 e i film popolari usciti in quel periodo, si sperava di convincere gli Stati Uniti che gli alieni stavano davvero arrivando, e si sperava che questo avrebbe dato loro una lezione.

Con tutte le diverse spiegazioni alternative, l'evento UFO di Rendlesham Forest sembra impossibile da risolvere. Se la reputazione era a rischio, perché è stato ancora permesso di scrivere, presentare e persino trasmettere promemoria e testimonianze poco dopo l'evento?

L'incidente UFO di Rendlesham Forest è stato solo l'inizio. Altri avvistamenti continuano ad essere riportati.
L'incidente UFO di Rendlesham Forest è stato solo l'inizio. Altri avvistamenti continuano ad essere riportati.


Perché l'incidente di Rendlesham è stato discusso ad alti livelli?

Anche se i resoconti di prima mano registrati da diversi militari statunitensi dipingevano un quadro elaborato di circostanze straordinarie, perché questi eventi furono mai discussi ad alti livelli?

In una dichiarazione, è stato detto che il Ministero della Difesa credeva che gli avvistamenti provenissero dalla confusione di massa creata dal faro di Orfordness a causa del suo potere luminescente e della vicinanza agli avvistamenti delle luci "UFO". Per questo motivo, il Ministero della Difesa ritenne che l'evento fosse insignificante e non rappresentasse una minaccia alla sicurezza nazionale. Pertanto, non furono necessarie ulteriori indagini. Ma questo non risponde alla domanda sul perché i rapporti sono stati presentati al Ministero della Difesa dal tenente colonnello Halt, l'ufficiale di grado più elevato delle basi.

In un altro resoconto, l'ISO sosteneva che il "Progetto Blue Book", una serie di studi sistematici sugli UFO condotti dalla United States Air Force (USAF), era stato interrotto il 19 gennaio 1970. E quindi non c'era più bisogno di discutere degli avvistamenti UFO. Eppure, tutti i promemoria sull'evento menzionavano luci misteriose. Quindi, se il governo degli Stati Uniti voleva insabbiare la cosa, perché si sono preoccupati di scrivere i memorandum in primo luogo?

Perché sia gli Stati Uniti che il Ministero della Difesa britannico non hanno seppellito completamente i resoconti dei testimoni oculari, e perché non sono mai stati perseguiti? Era perché nessuno ci avrebbe creduto, o potrebbe essere che le storie erano una completa opera di fantasia?

Infine, anche se questo evento è accaduto quasi quarant'anni fa, perché allora gli avvistamenti UFO continuano ad essere segnalati nella foresta di Rendlesham oggi?

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia