La puntura della strega e il marchio del diavolo

 

La puntura della strega e il marchio del diavolo

Strega o no? Colpevole o innocente? La caccia alle streghe era molto in voga nel tardo medioevo e poi in Europa e comportava alcune pratiche piuttosto particolari. Cacciatori di streghe di tutti i tipi emersero in cerca di fama e ricchezza e svilupparono i loro metodi per determinare se una donna (l'80% delle streghe erano donne!) fosse una strega in combutta con il diavolo. La puntura della strega era un test comune, e piuttosto strano. E per quanto rozza fosse la puntura della strega, certi cacciatori di streghe trovavano il modo di "usarla" e condannare a morte donne innocenti. E tutto a loro vantaggio, visto che lavoravano per soldi.


La storia della stregoneria e l'ascesa della punzonatura delle streghe

La stregoneria e la caccia alle streghe sono sempre state un punto dolente nella storia dell'Europa. Emersa nel periodo medievale, la caccia alle streghe si è gradualmente evoluta in una pratica consolidata e diffusa. Durante i periodi di rinascita cattolica e le guerre di religione europee, nei secoli XV, XVI e XVII, la caccia alle streghe raggiunse il suo punto più alto.

Prima o dopo la puntura della strega, la cosiddetta strega sarebbe stata orribilmente torturata!
Prima o dopo la puntura della strega, la cosiddetta strega sarebbe stata orribilmente torturata!

Le ragioni per la pratica della caccia alle streghe e della punzecchiatura delle streghe erano in gran parte religiose e "predavano" la visione ristretta del mondo delle persone durante questo periodo. Poiché la pratica della stregoneria e della magia erano contrarie alla dottrina cristiana, chiunque fosse sospettato di praticarle veniva immediatamente ostracizzato e accusato di stregoneria. E le sentenze erano raramente lievi: la morte non era mai lontana per l'accusato.

Naturalmente, le condizioni di confine che determinavano cosa fosse effettivamente la stregoneria, erano a dir poco lasche. Questo significava che una donna del villaggio che conosceva le erbe e le medicine popolari poteva essere facilmente accusata di stregoneria e stregoneria e bruciata sul rogo per aver semplicemente cercato di aiutare. Tali erano le limitazioni dell'Europa cristiana del tardo medioevo.

Al culmine di queste persecuzioni, tra il 1580 e il 1630, più di 50.000 persone furono bruciate sul rogo o altrimenti assassinate. E, purtroppo, oltre l'80% di queste vittime erano donne. Così, è facile capire che la caccia alle streghe era un modo per la Chiesa cattolica di imporre brutalmente le sue opinioni e di assicurare la fedeltà insensata dei suoi sudditi. Reprimendo direttamente la ricerca della conoscenza, della medicina e della filosofia nelle donne, la chiesa e i suoi seguaci assicuravano una società religiosa ristretta e obbediente. 

Nel corso del tempo, le leggende emersero e scomparvero, e le credenze relative alle streghe esplosero in una gamma infinita di storie e paure titillanti. 

I metodi usati per determinare se qualcuno era una strega o uno stregone erano a dir poco primitivi e riflettevano perfettamente l'ignoranza "arretrata" del tempo.  La tortura era il metodo più comunemente usato per determinare se la stregoneria era in atto. I metodi erano vari ed estremamente crudeli.

Gli esperti concordano sul fatto che la stragrande maggioranza dei giustiziati per stregoneria erano completamente innocenti e in nessun modo coinvolti nel "culto del diavolo". Ciononostante, queste pratiche continuarono per molto tempo. I metodi di determinazione divennero sempre più bizzarri e ingiusti, e i processi erano estremamente parziali.

L'esecuzione delle streghe, dopo che la puntura della strega aveva determinato che erano malvagie, era più comunemente ottenuta bruciandole sul rogo.
L'esecuzione delle streghe, dopo che la puntura della strega aveva determinato che erano malvagie, era più comunemente ottenuta bruciandole sul rogo.

Nessuna pietà per i "malvagi

Le esecuzioni erano le peggiori. Il rogo era il metodo più comune, ma i boia non si fermavano lì. Per esempio, una nota esecuzione di "streghe" avvenne in Francia, quando una levatrice fu accusata di stregoneria e successivamente bruciata a morte in una gabbia piena di 16 gatti neri. Come si può vedere, nemmeno i gatti sfuggirono alle persecuzioni cristiane del Medioevo.

Probabilmente, il cacciatore di streghe di maggior "successo" fu Matthew Hopkins, figlio di un ecclesiastico puritano, che in soli due anni condannò a morte sul rogo oltre 100 "streghe". Proclamandosi come il celebre Witchfinder General, Hopkins e la sua banda di accusatori furono attivi dal 1644 al 1647 circa. Girando per tutta l'Inghilterra orientale alla ricerca di possibili streghe, Hopkins si affidò ad alcuni metodi collaudati per determinare se qualcuno fosse una strega o un mago. Molti di questi metodi erano descritti nel libro di Hopkins, la Scoperta delle Streghe, che scrisse con grande ispirazione tratta dal libro Daemonologie di Re Giacomo.

Inutile dire che la maggior parte, se non tutti i metodi di Hopkins erano ingiusti e crudeli. Anche se la tortura era vietata in Inghilterra all'epoca, il Generale Witchfinder e i suoi scagnozzi la praticavano senza ritegno. Come molti altri, si basava sulla privazione del sonno durante gli interrogatori, e usava anche il ridicolo test del "nuoto".

Si credeva che l'acqua avrebbe "respinto" una strega. Una donna veniva legata ad una sedia e gettata in uno specchio d'acqua. Se le capitava di galleggiare, era sicuramente una strega. Tuttavia, un altro metodo popolare usato da Hopkins ci porta all'argomento in questione: la puntura della strega. 

Durante il periodo della caccia alle streghe, si credeva comunemente che una strega non sanguinasse quando la pelle veniva trafitta. Matthew Hopkins trovò un modo per ingannare questo metodo, usando un coltello smussato. Disegnandolo sulla pelle non avrebbe mai potuto causare sanguinamento, così fu veloce a trovare "streghe" nei suoi processi. In combinazione con questo, Hopkins cercò anche il cosiddetto "Marchio del Diavolo" su tutte le sue vittime. Questo era un presunto marchio portato da tutti i maghi, streghe e stregoni che erano in combutta con il Diavolo. Tale marchio era presumibilmente una parte che era priva di sentimenti e nervi, e quindi non sanguinava quando puntava.

Ma cosa succedeva quando una persona non aveva questo marchio visibile? Beh, i cercatori di streghe non erano dissuasi da questo: si affidavano al metodo della puntura per trovare tali macchie, considerandole invisibili.

Gli strumenti di punzecchiatura delle streghe assomigliavano a questi e la maggior parte di essi erano strumenti "truccati" che sembravano veri ma venivano usati per risultati fraudolenti.
Gli strumenti di punzecchiatura delle streghe assomigliavano a questi e la maggior parte di essi erano strumenti "truccati" che sembravano veri ma venivano usati per risultati fraudolenti.

Gli strumenti e i trucchi della punzecchiatura delle streghe

I punzecchiatori di streghe, come venivano chiamati, punzecchiavano la vittima sospetta con tutti i tipi di strumenti affilati, sperando di convincere i presenti che una strega era veramente davanti a loro. Il sospetto sarebbe stato prima rasato di tutti i peli del corpo, e la puntura avrebbe avuto inizio. I cercatori di streghe sostenevano che ogni strega aveva il suo "familiare" o forma animale. Il famiglio più comune era un gatto nero, e questo animale doveva succhiare il sangue dal "Marchio del Diavolo", come se succhiasse da un capezzolo.

Nel processo di puntura della strega venivano utilizzati vari strumenti. La maggior parte erano strumenti legati alla sartoria, bodkins, aghi e spilli, che di solito venivano usati per fare buchi nel tessuto e per disegnare nastri attraverso gli orli. 

Nel corso degli anni, la punzecchiatura delle streghe era un metodo di "prova" comune nei processi alle streghe, e una forma di prova primaria nella sentenza. Ma, come tutti gli altri metodi, anche questo era estremamente ingiusto. La ragione di ciò era semplice: i cercatori di streghe professionisti divennero un'occupazione o un mestiere "popolare".

Persone di varia estrazione riconoscevano il potenziale e i soldi che si potevano ottenere in questo business ed erano disposti a condannare persone innocenti per guadagnarsi da vivere. Tuttavia, non serviva a nulla se una sospetta "strega" era innocente. E, come tutti sappiamo, se si punge qualcuno con un ago, è certo che sanguinerà. Quindi, come facevano i cercatori di streghe? Beh, hanno imbrogliato.

Come si fa a pungere una persona e assicurarsi che non sanguini? I cercatori di streghe, come Matthew Hopkins, utilizzavano strumenti per pungere le streghe fatti appositamente con manici cavi e punte retrattili e smussate. Quando si premeva un tale strumento sulla pelle della vittima, sembrava che fosse penetrato completamente nella pelle, ma l'ago si ritraeva semplicemente nel manico. Naturalmente, non veniva prelevato sangue e non rimaneva alcun segno sulla pelle, e la persona veniva prontamente accusata di stregoneria. Inutile dire che le masse di sempliciotti riunite urlavano in soggezione e disgusto, e il destino dell'innocente accusato era prontamente segnato.

Tutte le streghe, si credeva, avevano dei famigliari o animali diabolici in loro possesso e i gatti neri erano la prova più evidente di questo.
Tutte le streghe, si credeva, avevano dei famigliari o animali diabolici in loro possesso e i gatti neri erano la prova più evidente di questo.

Grizzel Greedigutt, Vinegar Tom e altri alleati stregoni

Questi non erano gli unici strumenti nell'arsenale degli stregoni. All'epoca erano dei veri e propri maghi e imbroglioni a tutti gli effetti. Quando scoprivano un presunto Marchio del Diavolo (più comunemente una voglia o un grosso neo), i prickers usavano un ago speciale. Questo aveva sia un'estremità affilata che una smussata. Con movimenti rapidi e un gioco di prestigio, una strega esperta pungolava la pelle "normale" con l'estremità affilata, facendo uscire il sangue, e, con movimenti rapidi e luminosi, passava all'estremità smussata per "pungere" il Marchio del Diavolo. Quando non veniva prelevato sangue da quest'ultimo, il processo era completo: una strega era davanti a loro.

Inutile dire che questi metodi erano crudeli, ingiusti, e una vera e propria frode e inganno. Ma all'epoca si può tranquillamente affermare che l'empatia non era una capacità diffusa: un cercatore di streghe faceva presto a condannare un innocente a una morte raccapricciante, anche solo per garantire un misero guadagno.

Ma non si pensi che le pratiche folli dei pungolatori e dei cercatori di streghe si fermassero qui! Queste frodi piatte erano solo la punta dell'iceberg della mania che era la caccia alle streghe. Se guardiamo indietro a questo pensiero in questi tempi moderni, alcuni dei fatti relativi alla caccia alle streghe possono sembrare semplicemente esilaranti. 

Ma quando consideriamo che molte vite innocenti sono state reclamate nella maniera più brutale, tutta l'ilarità si dissipa rapidamente. Per capire questo, basta osservare le pagine del libro Discovery of Witches , scritto dal Witchfinder General Hopkins, in cui descrive i suoi metodi e gli incontri con presunte streghe.

In una di queste descrizioni, scrive di aver incontrato una strega circondata dai suoi "familiari" (molto probabilmente solo animali domestici), che portano nomi che "nessun mortale potrebbe inventare".  Hopkins scrisse questi nomi "demoniaci" e "spaventosi", in tutta la loro esilarante gloria:  Grizzel Greedigutt, Vinegar Tom, Pyewackett, Pecke in the Crowne, Illemauzar, Newes, eSack & Sugar.


Nomi davvero spaventosi che fanno venire i brividi lungo la schiena, non siete d'accordo? Questi nomi esilaranti suonano come i nomignoli stupidi che si danno agli animali domestici, o come alcuni personaggi fantastici di "Harry Potter". Ciononostante, nel 1647 questi furono considerati come prova solida di totale blasfemia e adorazione del Diavolo, e la persona collegata a questa ridicola affermazione fu tristemente giustiziata nel modo più brutale. 

La credenza in questi "familiari" è direttamente associata alla credenza nel Marchio del Diavolo o delle Streghe. Era una connessione comune tracciata dai pungolatori di streghe. Essi credevano che ogni strega possedesse un familiare, che poteva essere sia un animale (di solito un gatto nero), sia creature soprannaturali di varie forme, come folletti, demoni, spiriti e fantasmi. Gli stregoni credevano che questi famigliari aiutassero le streghe nei loro rituali magici, e in cambio la strega li nutriva con il suo stesso sangue, che essi succhiavano dal cosiddetto Marchio del Diavolo. Sostenevano anche che il Diavolo stesso succhiava da tale marchio, mentre dormiva le streghe durante la notte.

Esame di una strega in un processo negli Stati Uniti a metà del 19° secolo d.C.
Esame di una strega in un processo negli Stati Uniti a metà del 19° secolo d.C.

Caccia alle streghe: Un brutto periodo della storia europea

Naturalmente, la ricerca del Marchio del Diavolo da parte dei pungolatori di streghe era totalmente ingiusta, poiché avevano una vasta gamma di possibili segni su cui concentrarsi. Sostenevano che il Marchio del Diavolo poteva essere un neo, un'escrescenza della pelle (acrochordon), una voglia, un capezzolo in più, e altri vari segni sulla pelle che sono un evento naturale nella maggior parte delle persone. Questo significava che potevano trovare qualsiasi semplice segno sulla pelle e proclamarlo come un segno di stregoneria. Quando l'accusato protestava che tale segno era comune e naturale, la sua protesta veniva completamente ignorata.

Purtroppo, la pratica della caccia alle streghe fu lenta a finire in Europa. Le ultime esecuzioni per stregoneria ebbero luogo nel 18° secolo, e la pratica cessò generalmente dopo questo.

Ahimè, nei paesi meno sviluppati del mondo di oggi, c'è ancora una diffusa credenza in streghe e stregoni. In certe zone rurali dell'Africa, anche il minimo sospetto può portare rapidamente al linciaggio pubblico di una presunta strega. Allo stesso modo, in alcuni paesi islamici, soprattutto nelle regioni controllate da gruppi come l'ISIS, non c'è bisogno di molto per giustificare la morte brutale di un individuo. Degni di nota sono i casi pubblicizzati in cui uomini dotti che praticavano equazioni matematiche e fisiche sono stati pubblicamente decapitati per essere "stregoni". Negli anni 2010! Proprio così, solo pochi anni fa.

Per fortuna, non ci sono più queste credenze in Europa o in Nord America. Tuttavia, la punzecchiatura delle streghe, il Marchio del Diavolo e i cercatori di streghe sono tutte macchie molto brutte sulla reputazione di molte nazioni europee, e una crudele eredità della Chiesa Cattolica. È una delle ragioni principali che ha rallentato o addirittura fermato la crescita culturale e scientifica in Europa, e ha portato direttamente alla tragica morte di decine di migliaia di persone innocenti. 

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia