42 nuove "sostanze chimiche misteriose" trovate negli esseri umani

Scienziata di laboratorio

 

Gli scienziati della University of California San Francisco hanno rilevato 109 sostanze chimiche in uno studio sulle donne incinte, tra cui 55 sostanze chimiche mai segnalate prima nelle persone e 42 "sostanze chimiche misteriose", le cui fonti e usi sono sconosciuti.

Le sostanze chimiche provengono molto probabilmente da prodotti di consumo o da altre fonti industriali. Sono stati trovati sia nel sangue delle donne incinte, così come i loro bambini appena nati, suggerendo che stanno viaggiando attraverso la placenta della madre.

Lo studio è stato pubblicato il 17 marzo 2021 in Environmental Science & Technology.

"Queste sostanze chimiche sono state probabilmente nelle persone per un bel po' di tempo, ma la nostra tecnologia ci sta aiutando a identificarne di più", ha detto Tracey J. Woodruff, Ph.D., professoressa di ostetricia, ginecologia e scienze riproduttive alla UCSF.

Tracey Woodruff, PhD, MPH
Tracey Woodruff, PhD, MPH


Ex scienziato dell'EPA, Woodruff dirige il Programma sulla salute riproduttiva e l'ambiente (PRHE) e il Centro di ricerca ambientale e traduzione per la salute (EaRTH), entrambi alla UCSF.

"È allarmante che continuiamo a vedere certe sostanze chimiche viaggiare dalle donne incinte ai loro figli, il che significa che queste sostanze chimiche possono essere con noi per generazioni", ha detto.

Il team scientifico ha usato la spettrometria di massa ad alta risoluzione (HRMS) per identificare le sostanze chimiche prodotte dall'uomo nelle persone.

Gli scienziati hanno scoperto decine di sostanze chimiche inedite che la maggior parte di noi porta nel proprio corpo.
Gli scienziati hanno scoperto decine di sostanze chimiche inedite che la maggior parte di noi porta nel proprio corpo.

Ma, mentre queste sostanze chimiche possono essere identificate provvisoriamente utilizzando librerie chimiche, devono essere confermate confrontandole con le sostanze chimiche pure prodotte dai produttori che sono note come "standard analitici". E i produttori non sempre li rendono disponibili.

Recentemente, per esempio, il produttore chimico Solvay ha smesso di fornire l'accesso a uno standard chimico per un composto di acido perfluoroctanoico (PFAS) che è emerso come un sostituto per i composti PFAS eliminati. I ricercatori hanno usato questo standard chimico per valutare la presenza e la tossicità dei PFAS sostitutivi.

"Queste nuove tecnologie sono promettenti nel permetterci di identificare più sostanze chimiche nelle persone, ma i risultati del nostro studio rendono anche chiaro che i produttori di sostanze chimiche devono fornire standard analitici in modo che possiamo confermare la presenza di sostanze chimiche e valutare la loro tossicità", ha detto l'autore Dimitri Panagopoulos Abrahamsson, Ph.D.

Le 109 sostanze chimiche che i ricercatori hanno trovato nei campioni di sangue delle donne incinte e dei loro neonati si trovano in diversi tipi di prodotti. Per esempio, 40 sono usati come plastificanti, 28 nei cosmetici, 25 nei prodotti di consumo, 29 come prodotti farmaceutici, 23 come pesticidi, 3 come ritardanti di fiamma, e 7 sono composti PFAS, che sono usati in moquette, tappezzeria, e altre applicazioni. I ricercatori dicono che è possibile che ci siano anche altri usi per tutte queste sostanze chimiche.



I ricercatori riferiscono che 55 delle 109 sostanze chimiche che hanno identificato provvisoriamente sembrano non essere state precedentemente segnalate nelle persone:


1 è usato come pesticida (bis(2,2,6,6-tetrametilpiperidini-4-y) decanedioate)

2 sono PFAS (metile perfluoroundecanoato, molto probabilmente usato nella produzione di pentole antiaderenti e tessuti impermeabili; acido 2-perfluorodecil etanoico)

10 sono usati come plastificanti (per esempio Sumilizer GA 80-usato in imballaggi alimentari, piatti di carta, piccoli elettrodomestici)

2 sono usati nei cosmetici

4 sono prodotti chimici ad alto volume di produzione (HPV)

37 hanno poche o nessuna informazione sulle loro fonti o usi (es, 1-(1-Acetil-2,2,6,6-tetrametilpiperidin-4-il)-3-dodecilpirrolidina-2,5-dione, usato nella produzione di profumi e vernici - questa sostanza chimica è così poco conosciuta che attualmente non esiste un acronimo - e (2R0-7-idrossi-8-(2-idrossietil)-5-metossi-2-,3-diidrocromen-4-one (Acronimo: LL-D-253alpha), per il quale ci sono poche o nessuna informazione sui suoi usi o fonti


"È molto preoccupante che non siamo in grado di identificare gli usi o le fonti di così tante di queste sostanze chimiche", ha detto Woodruff. "L'EPA deve fare un lavoro migliore nel richiedere all'industria chimica di standardizzare la segnalazione dei composti chimici e degli usi. E devono usare la loro autorità per garantire che abbiamo informazioni adeguate per valutare i potenziali danni alla salute e rimuovere dal mercato le sostanze chimiche che rappresentano un rischio".

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia