Ranavalona la spietata Regina del Madagascar

 

Ranavalona la spietata Regina del Madagascar

Ranavalona fu il sovrano del Regno del Madagascar nel XIX secolo. Visse in un periodo in cui c'erano sempre più contatti tra il regno dell'isola e gli europei. Ranavalona, tuttavia, perseguì una politica di isolazionismo e autosufficienza, in modo da ridurre la dipendenza da queste potenze straniere. Questo è stato interpretato come un mezzo con cui la regina combatteva l'invasione degli europei e proteggeva la sovranità del suo regno. Questa, tuttavia, è una rivalutazione più recente del regno di Ranavalona. Tradizionalmente, gli studiosi dipingono la regina come una tiranna le cui politiche causarono grandi sofferenze ai suoi sudditi, una visione propagata per la prima volta dai suoi contemporanei europei.


La prima vita della regina Ranavalona

La regina Ranavalona nacque nel Regno del Madagascar, conosciuto anche come Regno Merina, intorno al 1788. Il suo nome di nascita era Ramavo. I nomi dei genitori biologici della futura regina si sono purtroppo persi nella storia.


Secondo i racconti storici, quando Ranavalona era ancora una bambina, suo padre avvertì Andrianampoinimerina, il re del Madagascar, di un complotto contro la sua vita. La cospirazione per assassinare Andrianampoinimerina era guidata da uno degli zii del re, che, insieme ad altri tradizionalisti conservatori, si opponeva al suo sostegno all'adozione di modi occidentali nel regno. Come ricompensa per avergli salvato la vita, il re adottò Ranavalona come sua figlia e la promise a suo figlio ed erede, il principe Radama.

Re Andrianampoinimerina del Madagascar.
Re Andrianampoinimerina del Madagascar.

Andrianampoinimerina è probabilmente il sovrano più famoso del Regno del Madagascar. Il suo nome si traduce liberamente e significa "il re che non è come gli stupidi" o "quello che resterà sempre nel cuore dei Merina". Il Regno del Madagascar fa risalire la sua storia ad Andrianerinerina, un re leggendario che si dice sia sceso dal cielo, che sottomise il popolo Vazimba.


Tuttavia, non si conoscono documenti scritti sui governanti del regno prima del 16° secolo. Tuttavia, si sa che prima del regno di Andrianampoinimerina, il Regno del Madagascar era una piccola entità e il suo territorio era limitato agli altipiani centrali dell'isola. Inoltre, come risultato di una guerra civile nel 18° secolo, il regno fu diviso in quattro stati più piccoli.


Nel 1787, Andrianampoinimerina prese il trono di uno dei regni Merina e iniziò l'unificazione del Madagascar. Negli anni successivi perseguì una politica espansionistica e nel 1806 aveva conquistato i tre regni rimanenti. L'obiettivo finale di Andrianampoinimerina, tuttavia, era quello di unire l'intera isola come un unico grande regno sotto il suo dominio.


La sola riunificazione del regno del Madagascar da parte di Andrianampoinimerina avrebbe assicurato la sua eredità. Tuttavia, il re stabilì anche una serie di riforme all'interno del regno, che contribuirono ulteriormente alla sua fama. Queste includono la creazione di depositi di riso per gli orfani e le vedove, un nuovo codice penale, così come le regole per la coltivazione del riso, la pulizia delle strade e la vita sociale.    


Andrianampoinimerina non raggiunse il suo obiettivo di unire l'intera isola del Madagascar, poiché morì nel 1810. Gli successe il figlio Radama, che all'epoca aveva solo 18 anni. Fortunatamente per Andrianampoinimerina, anche suo figlio condivideva le sue ambizioni, e quindi il nuovo re continuò a perseguire le politiche del padre.

Il re Radama I segue le orme di suo padre, Andrianampoinimerina, amico dell'Occidente.
Il re Radama I segue le orme di suo padre, Andrianampoinimerina, amico dell'Occidente.

Radama segue come re le orme del padre

Nel 1824, il re Radama sconfisse il popolo Betsimisaraka, che occupava la costa orientale dell'isola. Dopo questa vittoria, il re avrebbe proclamato: "Oggi possiedo tutto il paese - ora il Madagascar ha un re! In effetti, Radama riuscì a conquistare la maggior parte dell'isola.

Il re Radama era anche simile a suo padre nella sua adozione delle idee occidentali. Questo si vede, per esempio, nel permesso che concesse ai missionari britannici di operare nel regno. Oltre a diffondere il cristianesimo tra i malgasci, i missionari costruirono anche scuole e svilupparono una lingua scritta per il popolo.

Oltre a questo, Radama iniziò ad abolire il commercio di schiavi nel suo regno, grazie all'intercessione degli inglesi. Anche la modernizzazione dell'esercito malgascio fu realizzata con l'aiuto britannico. Per inciso, gli inglesi erano disposti ad aiutare Radama a rafforzare il suo esercito in parte a causa del loro desiderio di utilizzare il regno per contrastare l'influenza dei francesi nella zona.

È interessante notare che, anche se Radama era desideroso di adottare le idee occidentali, egli stesso non si convertì al cristianesimo. Alcune delle sue azioni possono anche essere considerate "non cristiane", in particolare, forse, il fatto che aveva 12 mogli.

Poiché Ranavalona era la prima moglie di Radama, era l'unica ad essere ufficialmente chiamata "regina". Nonostante il suo alto status, Ranavalona non era la moglie preferita del re e non diede mai a Radama dei figli. Il re, tra l'altro, aveva diversi figli con le altre mogli. Una delle ragioni dell'incompatibilità tra Radama e Ranavalona era il fatto che la regina, in diretta opposizione al marito, aveva una visione più conservatrice e tradizionale. Mentre il re era ancora in vita, tuttavia, Ranavalona non fu in grado di fare molto per la politica del marito.

Nel 1828, Radama morì prematuramente all'età di 35 anni. I registri storici forniscono resoconti contrastanti sulla causa della morte del re, anche se si pensa comunemente che sia stato il forte consumo di alcol a portarlo alla morte prematura.

Radama non aveva nominato un successore al momento della sua morte. Tuttavia, secondo le usanze locali, gli sarebbe succeduto il principe Rakotobe, uno dei suoi nipoti. Se il principe fosse succeduto a Radama, avrebbe dovuto eliminare Ranavalona. Ciò era dovuto non solo al fatto che lei era la regina di Radama, ma anche a una tradizione locale che afferma che qualsiasi figlio da lei generato sarebbe stato considerato come proprio di Radama, indipendentemente dal padre. Un tale bambino avrebbe avuto una pretesa al trono più forte di Rakotobe.

La regina Ranavalona sale sul trono e comincia a disfare il lavoro favorevole all'Occidente dei due re precedenti.
La regina Ranavalona sale sul trono e comincia a disfare il lavoro favorevole all'Occidente dei due re precedenti.

La regina Ranavalona sale sul trono e cambia tutto

Il programma di modernizzazione di Radama aveva alienato le élite più conservatrici del suo regno. E queste élite vedevano Ranavalona come un mezzo per ripristinare le vecchie abitudini. Perciò, si unirono alla sua causa e ottennero abbastanza supporto dai militari per prendere il trono con la forza.

Sembra che Rakotobe e i suoi sostenitori non fossero in grado di opporre alcuna resistenza, e quindi il principe fu costretto a rinunciare alla sua pretesa al trono. Rakotobe e sua madre furono tra le prime vittime della regina Ranavalona, poiché erano ovviamente considerati una minaccia alla sua posizione. La regina mise a morte anche molti altri rivali politici per assicurarsi la sua posizione.

La regina Ranavalona non deluse i suoi sostenitori, poiché rovesciò immediatamente le riforme istituite dal suo defunto marito. La regina cancellò gli accordi commerciali che il suo regno aveva con la Gran Bretagna e la Francia, ed espulse dal Madagascar mercanti, insegnanti e diplomatici europei.

Per rappresaglia, i francesi lanciarono un attacco al regno di Ranavalona. I malgasci, tuttavia, respinsero con successo l'invasione, grazie soprattutto al fatto che molti dei soldati francesi furono colpiti dalla malaria. Dopo la battaglia, la regina fece decapitare 21 soldati nemici. Le loro teste furono infilzate su delle picche e allineate lungo la spiaggia, in modo da mettere in guardia i loro compatrioti dal tentare un altro attacco.

La regina Ranavalona prese di mira anche i missionari e i loro convertiti cristiani locali. Il cristianesimo fu messo fuori legge, e coloro che si rifiutarono di rinunciare alla loro fede furono trattati crudelmente. Questi cristiani furono picchiati, torturati e giustiziati con vari mezzi. Si dice che i parenti di questi cristiani fossero costretti ad assistere a queste punizioni brutali, in modo da incutere loro paura. In un'occasione, la regina ordinò che 15 capi cristiani fossero appesi a delle corde su un burrone roccioso. Poi fece tagliare le corde, facendoli precipitare verso la morte.

La regina Ranavalona sul suo trono mentre comincia a cambiare il sistema legale e adotta modi sempre più "crudeli".
La regina Ranavalona sul suo trono mentre comincia a cambiare il sistema legale e adotta modi sempre più "crudeli".

La regina Ranavalona ha anche ripreso pratiche legali crudeli

Oltre a rovesciare le politiche occidentali del suo defunto marito e la sua persecuzione dei cristiani, la regina, da conservatrice tradizionalista, reintrodusse pratiche tradizionali. Queste includevano i processi per ordalia, che erano usati per determinare se una persona accusata di un crimine fosse innocente o meno.

Uno di questi processi è noto come la tangena, dal nome di una noce velenosa che provoca il vomito dopo averla mangiata. Questo processo era usato in particolare contro persone sospettate di slealtà e prevedeva che l'accusato mangiasse tre pezzi di pelle di pollo, seguiti dalla noce di tangena. Se l'accusato era innocente, avrebbe rigurgitato tutti e tre i pezzi di pelle di pollo. Se l'accusato non era in grado di farlo, veniva dichiarato colpevole.

Una delle persone sottoposte alla tangena da Ranavalona era Adriamihaja, un giovane ufficiale militare che aveva sostenuto la pretesa al trono di Ranavalona dopo la morte di Radama. Adriamihaja era anche l'amante della regina e il padre biologico di suo figlio, il principe Rakoto. Adriamihaja fu ricompensato con il posto di primo ministro, ma alla fine incontrò la sua fine a causa della sua infedeltà. Adriamihaja fu sorpreso dalla regina con un'altra donna e gli fu data la possibilità di subire il processo della tangena. Tuttavia rifiutò, preferendo invece essere giustiziato.

La crudeltà di Ranavalona non si limitava certo alle persone a lei vicine, e nemmeno ai cristiani che perseguitava. Anche i comuni malgasci non furono risparmiati: nessuno nel regno era al sicuro da lei. Per esempio, fece pieno uso della tradizione della fanompoana, o lavoro forzato al posto del pagamento delle tasse in denaro o beni. In altre parole, questi lavoratori erano schiavi, e soffrivano molto.

Le condizioni di lavoro erano brutali, i lavoratori lavoravano lontano dalle loro case, dovevano tornare a casa a piedi ed erano malnutriti. Di conseguenza, molti persero la vita in condizioni di vita così spaventose. È stato stimato che alla fine del governo della regina Ranavalona, la popolazione del suo regno si era ridotta da 5 milioni a circa 2,5 milioni di persone.

Ranavalona potrebbe essere stata anche mentalmente instabile. Nel 1845, pretese che tutta la sua corte si imbarcasse in una caccia al bufalo. Insieme ai servi e agli schiavi, la squadra di cacciatori era composta da circa 50000 persone. Sembra che la caccia sia stata una decisione casuale da parte della regina, dato che il gruppo di cacciatori portò con sé provviste insufficienti. Inoltre, si dovette costruire una strada man mano che il gruppo di caccia avanzava. Si sostiene che alla fine della caccia, che durò quattro mesi, 10000 persone erano morte per fame e sfinimento. Per inciso, nessun bufalo fu ucciso durante la caccia.

Rakoto, il figlio della regina Ranavalona, complottò più di una volta contro di lei senza successo, ma salì comunque al trono.
Rakoto, il figlio della regina Ranavalona, complottò più di una volta contro di lei senza successo, ma salì comunque al trono.


Complotti contro la regina Ranavalona da parte del figlio Rakoto

Il figlio di Ranavalona, Rakoto, si opponeva alla politica della madre e aveva opinioni più in linea con quelle del suo predecessore. Rakoto partecipò a diversi complotti contro la regina, che si conclusero tutti con un fallimento.

Uno di questi complotti fu lanciato nel 1857 e coinvolse due francesi, Jean Laborde e Joseph-François Lambert. Sebbene la regina fosse generalmente contraria agli europei nel suo regno, era abbastanza accorta da riconoscere il loro valore quando necessario. Laborde, per esempio, era arrivato in Madagascar nel 1831, dopo un naufragio al largo dell'isola. La regina lo accettò nella sua cerchia ristretta, poiché aveva le conoscenze necessarie per la fabbricazione di pistole, polvere da sparo e altri beni industriali. Laborde fu anche responsabile della costruzione di un palazzo per la regina su una collina di Antananarivo. Sfortunatamente, il palazzo fu distrutto in un incendio nel 1995.

Nonostante fosse uno dei confidenti della regina, Laborde sostenne Rakoto e si rivoltò contro di lei nel 1857. Il complotto fu sventato e i cospiratori furono epurati. Gli europei furono risparmiati, forse grazie all'intervento del principe, ma esiliati dal regno. I malgasci che parteciparono al complotto, invece, furono meno fortunati e furono messi a morte. Quanto a Rakoto, rimase come erede al trono, anche se tentò più volte di rovesciare la madre.

La regina Ranavalona governò il Regno del Madagascar per un totale di 32 anni e morì nel sonno nel 1861. La sua morte fu pianto in tutto il regno per nove mesi, e parte dei rituali funerari prevedeva la macellazione di migliaia di animali, la cui carne veniva poi distribuita al popolo. A Ranavalona successe suo figlio, Rakoto, che adottò il nome di Radama II.

Anche se i documenti storici ritraggono la regina Ranavalona come un despota estremamente crudele, bisogna dire che fu un'abile politica, dato che riuscì a mantenere la sua presa sul potere per un periodo così lungo.

Inoltre, fu in parte grazie alle sue politiche isolazioniste che il Regno del Madagascar fu in grado di mantenere la sua sovranità di fronte al colonialismo. Al contrario, i suoi successori furono molto meno capaci di lei, e nel 1895 il Madagascar divenne un protettorato francese. L'anno seguente, l'isola fu ridotta allo status di colonia.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia