Scienziati russi installano telescopio nel lago Baikal

 

Scienziati russi installano telescopio nel lago Baikal

Gli scienziati russi hanno dispiegato un telescopio gigante nelle gelide profondità del lago Baikal nella Siberia meridionale per cercare le più piccole particelle conosciute nell'universo. 

Il telescopio, Baikal-GVD, è progettato per cercare i neutrini, che sono particelle subatomiche quasi senza massa e senza carica elettrica. I neutrini sono ovunque, ma interagiscono così debolmente con le forze che li circondano che sono estremamente difficili da rilevare.

Ecco perché gli scienziati stanno cercando sotto il lago Baikal, che, con i suoi 1.700 metri di profondità, è il lago più profondo della Terra. I rivelatori di neutrini sono in genere costruiti sottoterra per proteggerli dai raggi cosmici e da altre fonti di interferenza. L'acqua dolce e la spessa e protettiva copertura di ghiaccio rendono il lago Baikal un luogo ideale per la ricerca di neutrini. 

Scienziati russi installano telescopio nel lago Baikal


Gli scienziati hanno dispiegato il rilevatore di neutrini attraverso il ghiaccio a circa 4 chilometri dalla riva del lago nella parte meridionale del lago il 13 marzo, calando moduli fatti di corda, sfere di vetro e acciaio inossidabile fino a 1.310 metri nell'acqua. 

Le sfere di vetro contengono quelli che sono chiamati tubi fotomoltiplicatori, che rilevano un particolare tipo di luce che viene emessa quando un neutrino passa attraverso un mezzo chiaro (in questo caso, l'acqua del lago) a una velocità superiore a quella della luce che viaggia attraverso lo stesso mezzo. Questa luce è chiamata luce Cherenkov da uno dei suoi scopritori, il fisico sovietico Pavel Cherenkov. 

Scienziati russi installano telescopio nel lago Baikal


I ricercatori hanno cercato i neutrini sotto il lago Baikal dal 2003, ma il nuovo telescopio è il più grande strumento utilizzato finora. Tutto sommato, le stringhe e i moduli misurano circa mezzo chilometro cubo, ha detto Dmitry Naumov dell'Istituto congiunto per la ricerca nucleare. Secondo il consorzio scientifico che ha sviluppato il telescopio, sarà utilizzato anche per cercare la materia oscura e altre particelle esotiche. 


Baikal-GVD è circa la metà del più grande rivelatore di neutrini sulla Terra, l'IceCube South Pole Neutrino Observatory, che consiste nello stesso tipo di moduli di rilevamento della luce come Baikal-GVD, incorporati in 1 km cubico di ghiaccio antartico. IceCube rileva circa 275 neutrini dall'atmosfera terrestre ogni giorno, secondo gli scienziati del progetto. Gli scienziati russi e i loro collaboratori nella Repubblica Ceca, Germania, Polonia e Slovacchia progettano di espandere Baikal-GVD alle dimensioni di IceCube o più grandi nei prossimi anni.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia