Zealandia: l'ottavo continente

 

Zealandia: l'ottavo continente

Il continente sottomarino si è staccato dal Gondwana 80 milioni di anni fa.

Zealandia ("Zelanda" o "Zelandia") è un "continente perduto" sommerso che ospita la Nuova Zelanda e il territorio della Nuova Caledonia (parte del quale è mostrato nella precedente foto) nel Sud Pacifico.

Una nuova spedizione di mappatura degli oceani sta disegnando i confini di Zealandia. 

Zealandia si staccò dal supercontinente Gondwana tra 79 milioni e 83 milioni di anni fa. Tranne la Nuova Zelanda e la Nuova Caledonia, questo frammento di crosta continentale si trova ora sul fondo dell'oceano. Non è l'unico pezzo di crosta continentale che si è staccato da un continente più grande, ma è il più grande con 1,9 milioni di miglia quadrate (4,9 milioni di chilometri quadrati). Questo è sei volte più grande del prossimo frammento continentale più grande, il microcontinente del Madagascar.

Zealandia, conosciuta anche come Te Riu-a-Māui in Māori, ha ricevuto lo status di continente nel 2017. Da allora, i ricercatori hanno lavorato per mappare il continente perduto - un'impresa non facile, dato che il 94% di esso è sott'acqua. 

Zealandia: l'ottavo continente
Una mappa batimetrica del continente perduto di Zealandia.

Ora, Derya Gürer, uno scienziato della terra presso l'Università del Queensland in Australia, e i suoi colleghi hanno raccolto nuovi dati sul bordo nord-occidentale della Zealandia, che si trova al largo nel Parco Marino del Mar dei Coralli del Queensland. I ricercatori hanno trascorso 28 giorni a bordo della nave Falkor esplorando la regione, mappando 37.000 km quadrati. 


"La nostra spedizione ha raccolto dati topografici e magnetici del fondo marino per capire meglio come si è formata la stretta connessione tra il Tasman e il Mar dei Coralli nella regione del Cato Trough, lo stretto corridoio tra l'Australia e la Zelanda", ha detto Gürer


Zealandia: l'ottavo continente

L'area tra la placca Australia e la placca Zealandia è probabilmente molto complicata, ha detto Gürer. Ci sono probabilmente diversi microcontinenti sommersi lì, tutti scheggiati dalle masse continentali principali quando l'Australia si è liberata dal Gondwana. (Il supercontinente comprendeva quello che oggi è il Sud America, l'Africa, l'Antartide, l'Australia, la Zelanda, l'Arabia e il subcontinente indiano). Questi frammenti di crosta continentale sono diversi dalla crosta oceanica circostante del fondo del mare, che è più densa e sottile della crosta continentale. 

Zealandia: l'ottavo continente

Realizzata in collaborazione con lo Schmidt Ocean Institute, la mappatura faceva parte della spedizione Seafloor to Seabirds. I dati di mappatura alimenteranno anche un progetto più grande, la collaborazione Seabed 2030, che mira a rendere disponibile al pubblico una mappa completa del fondo dell'oceano entro il 2030. 

Zealandia: l'ottavo continente


Secondo la National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA), meno del 10% del fondo marino è stato mappato con i moderni metodi sonar, che usano il suono per rivelare la topografia sottomarina. La spedizione Seafloor to Seabird non solo ha raccolto informazioni sulla topografia, ma anche dati sull'intensità del campo magnetico nella zona. Poiché la crosta oceanica e quella continentale sono fatte di diverse concentrazioni di minerali con diverse firme magnetiche, questi dati permetteranno ai ricercatori di ricostruire i frammenti rotti del Gondwana.


Una mappa tettonica che mostra l'età e il tipo di roccia sotto la Zealandia.
Una mappa tettonica che mostra l'età e il tipo di roccia sotto la Zealandia.



"Il fondale marino è pieno di indizi per comprendere la complessa storia geologica delle placche continentali australiana e zelandese", ha detto Gürer.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia