Tombe Megalitiche di Malaga: chi le ha costruite?

 

Dolmen di Viera Antequera Málaga
Dolmen di Viera Antequera Málaga

Migliaia di anni fa, una serie di tombe megalitiche furono costruite nel paesaggio mozzafiato di Malaga in Spagna. La magnificenza delle costruzioni attrae migliaia di turisti ogni anno. Le tombe di pietra nascondono ancora molti segreti, tra cui le origini di quella che oggi è la provincia di Antequera. Queste costruzioni megalitiche preistoriche permettono alle persone moderne di entrare in un'atmosfera unica di antico mistero e intrigo che risale a 5.000 anni fa.

I dolmen furono ufficialmente scoperti e registrati tra il 1903 e il 1905 dai fratelli Antonio e José Viera di Antequera, una provincia di Malaga. La distanza tra il Dolmen di Viera e il Dolmen di Menga è di soli 70 metri. Anche se le due tombe sono state fatte durante millenni diversi, i monumenti rivelano una chiara continuazione del pensiero religioso e rituale fin dalla preistoria.

Come la maggior parte delle tombe risalenti allo stesso periodo in Iberia, entrambi i dolmen sono orientati a 96° sud-est. Questa posizione si ispira al solstizio d'estate, ma la sorprendente precisione della tecnologia che usavano confonde ancora gli esperti. Inoltre, i dolmen di Malaga rivelano l'eredità di persone la cui storia può essere raccontata solo dalle costruzioni che hanno lasciato.



Il Dolmen di Viera

Il Dolmen di Viera si trova sotto un tumulo, chiamato anche tumulo. Ha un diametro di 50 metri . Il corridoio che porta alla camera sepolcrale è abbastanza lungo, misurando 21 metri. Tuttavia, la camera sepolcrale è piuttosto piccola - solo 200 cm di altezza e 180 cm di larghezza. Le piccole dimensioni della tomba possono essere deludenti per le persone che cercano tombe incredibilmente enormi e ricche, come quelle dell'antico Egitto.

L'unico modo per scoprire maggiori informazioni sui costruttori dei dolmen di quest'epoca è studiare i corredi funerari, gli artefatti abbandonati e le misure del megalite.

All'interno del Dolmen di Viera.
All'interno del Dolmen di Viera.

Una caratteristica interessante notata dai ricercatori è legata alle pietre dei lati e del tetto del dolmen. Le pietre all'interno della costruzione erano state preparate in modo molto attento e preciso. È facile notare che gli operai passavano più tempo a lucidarle per farle combaciare bene.


Il Dolmen di Menga

Il Dolmen di Menga si crede sia più antico, circa 1.000 anni. Secondo i resoconti storici, fu costruito come tomba per le famiglie che governavano in questo territorio circa 5.000 anni fa.

Dolmen di Menga.
Dolmen di Menga.

I costruttori dei dolmen

Secoli fa, si credeva che i dolmen fossero stati costruiti da spiriti soprannaturali. Tuttavia, gli scavi hanno rivelato che erano chiaramente monumenti fatti dall'uomo. La costruzione è legata a un culto del sole.

Secondo il documento ufficiale della Junta de Andalucia:


I costruttori dei megaliti di Antequera furono le prime comunità agricole che occuparono le fertili pianure (la cosiddetta vega) della valle del Guadalhorce. Non lontano dai monumenti megalitici, sono stati identificati una serie di insediamenti del Neolitico e dell'Età del Rame (i periodi in cui fiorì il fenomeno megalitico, dal 5000 al 2200 a.C. circa). Nella formazione carsica di El Torcal (a sud di Antequera) e nella Sierra de Mollina (più a nord-ovest), sono stati trovati insediamenti rupestri del Neolitico -come Cueva del Toro, Cueva de la Pulsera o Cueva de la Higuera- e in alcuni di essi sono state effettuate ricerche archeologiche. L'insediamento più vicino alla necropoli megalitica, tuttavia, è il Cerro de Marimacho, una piccola collina situata a circa 200 metri a est di Menga e Viera. Qui, nella tarda Età del Rame (circa 2600-2200 a.C.), c'era un piccolo villaggio all'aperto con abitazioni semisotterranee simili a capanne. È probabile che l'impegnativa impresa di costruire i massicci monumenti megalitici abbia richiesto una stretta cooperazione tra diverse comunità che condividevano codici religiosi, nonché una nozione di parentela comune o di ascendenza tribale".


L'ingresso al Dolmen di Viera.
L'ingresso al Dolmen di Viera.

È difficile identificare le origini del popolo che ha creato i megaliti di Antequera. Tuttavia, ogni giorno, quando il sole sorge, il rituale di celebrare il suo potere vitale si ripete. L'antica religione è stata dimenticata molto tempo fa, ma le costruzioni monumentali ricordano le vecchie credenze. La magnificenza del sito è stata apprezzata dall'UNESCO e da molte altre organizzazioni legate alla protezione del patrimonio mondiale.


Tesoro dell'Andalusia

La fama della scoperta lo portò a diventare Monumento Nazionale nel 1923. Oggi, i dolmen rimangono una delle maggiori attrazioni per gli appassionati di storia che visitano Malaga.

Il sito dei dolmen è uno dei luoghi preistorici più preziosi della Spagna. Attira migliaia di turisti ogni anno. Se qualcuno vuole sperimentare un evento che cambia la vita, un viaggio ai dolmen è fortemente raccomandato. Lo scopo principale è quello di vedere il sorgere del sole dalla prospettiva dei sacerdoti o sciamani preistorici che veneravano i raggi vivificanti migliaia di anni fa.

Tholos de El Romeral; muri di piccole macerie, pietre megalitiche.
Tholos de El Romeral; muri di piccole macerie, pietre megalitiche.

Vicino ai Dolmen c'è una struttura chiamata Tholos de El Romeral. I ricercatori sono sicuri che questi due siti sono collegati e se potessero parlare racconterebbero una storia dimenticata di persone i cui nomi non saranno mai recuperati dalle ceneri del passato.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia