L'ametista maledetta: Una scia di sfortuna e miseria segue l'antica gemma

 

Lo zaffiro viola di Delhi, alias l'ametista maledetta. Fonte: © The Trustees of the Natural History Museum, Londra.
Lo zaffiro viola di Delhi, alias l'ametista maledetta. Fonte: © The Trustees of the Natural History Museum, Londra.

L'ametista maledetta, conosciuta anche come zaffiro viola di Delhi, fu erroneamente identificata come uno zaffiro nel XIX secolo. Questa leggendaria gemma rimase nascosta per tre secoli sotto il Museo di Storia Naturale di Londra, prima che il curatore Peter Tandy la rimuovesse dalla sua scatola per scoprire una curiosa nota nascosta sotto di essa che raccontava una storia tragica, e a volte bizzarra, che ha portato questa pietra ad essere descritta come "trebly cursed" (tre volte maledetto).


La maledizione dell'ametista

Dopo che la ribellione indiana del 1857 fu sedata, l'esercito britannico cercò di dare una lezione ai futuri ribelli e saccheggiò sistematicamente centinaia di santuari, templi e palazzi. I soldati britannici fecero irruzione nelle camere sacre e rubarono molte tonnellate di antichi tesori indiani. Uno di questi templi saccheggiati era il Tempio di Indra a Cawnpore (Kanpur) che era dedicato a Indra, il dio indù della guerra e dei temporali, che cavalcava sulla schiena di un elefante bianco e portava un fulmine.

Indra, il dio indù della guerra e dei temporali.
Indra, il dio indù della guerra e dei temporali.

Fu durante l'assedio di Cawnpore che il colonnello W. Ferris, della cavalleria del Bengala, sollevò lo "zaffiro viola" (in realtà un'ametista) che credeva avrebbe assicurato la futura ricchezza della sua famiglia. Ma il soldato non era ancora tornato in Inghilterra quando una serie di disgrazie finanziarie si dispiegò, e per di più, ogni membro della famiglia di Ferris fu colpito da una serie di gravi malattie.

Questo "apparente" modello di miseria, sfortuna e distruzione fu trasmesso anche a coloro che ereditarono la pietra, poiché quando il figlio di Ferris ereditò l'artefatto e lo diede a un amico, si dice che "di punto in bianco" si suicidò. Così iniziò una serie di eventi oscuri che insieme sono diventati noti come la Maledizione dell'Ametista o la "Maledizione dello Zaffiro Viola di Delhi".


Gettare il diavolo in mare

Nel 1890, il figlio di Ferris diede la pietra a Edward Heron-Allen, un rispettato polimatico, scrittore e scienziato britannico, che oltre alla ricerca accademica di tradurre la letteratura araba, aveva anche una passione per l'"arte" della chiromanzia. Secondo l'Economic Times, India, quando Heron-Allen diede la pietra a un amico cantante, "la sua voce era morta e sepolta, e non ha mai più cantato".

Edward Heron-Allen soffriva della presunta maledizione dello zaffiro viola di Delhi.
Edward Heron-Allen soffriva della presunta maledizione dello zaffiro viola di Delhi.

Questo disastro confermò a Heron-Allen che l'artefatto era davvero diabolico, e la storia sostiene che lo gettò nel Regent Canal di Londra. Mentre questo è piuttosto difficile da credere, la storia continua: tre mesi dopo un dragatore del fiume recuperò la pietra viola e un commerciante alla fine la restituì a Heron-Allen, e il Museo di Storia Naturale dice che Heron-Allen descrisse l'ametista come "maledetta e macchiata di sangue".

Atlas Obscura dice che Heron-Allen tentò di "neutralizzare" il potere malvagio della pietra maledetta e la fece "legare con un anello d'argento a forma di serpente a due teste, e due perle di scarabeo ametista" e inscrisse anche l'anello con i dodici simboli dello zodiaco, prima di chiuderlo nel caveau della sua banca in sette scatole sigillate.


Heron-Allen aveva ordinato che esattamente tre anni dopo la sua morte, nel 1943, sua figlia avrebbe dovuto aprire ciascuna delle sette scatole e consegnare la pietra al museo, con la sua nota che descriveva in dettaglio la storia malvagia della pietra. Secondo KOJewel, quella nota diceva:

 "Chiunque la aprirà, dovrà prima leggere questo avvertimento, e poi fare quello che vuole con il gioiello. Il mio consiglio è di gettarlo in mare".


Il gioiello conosciuto come lo zaffiro viola di Delhi, ovvero l'ametista maledetta.
Il gioiello conosciuto come lo zaffiro viola di Delhi, ovvero l'ametista maledetta.

La "fede" è il motore soprannaturale di tutte le maledizioni

Andando avanti fino al 2007, quando l'ametista è stata esposta per la prima volta al Museo di Storia Naturale, all'interno dell'anello d'argento con due perle di scarabeo, in un video di History Channel Museum Secrets, il curatore del museo Richard Savin ha detto che quando lui e sua moglie avevano trasportato lo zaffiro viola Delhi da un simposio della Heron-Allen Society hanno guidato attraverso "la tempesta più incredibile che avessimo mai visto con lampi su entrambi i lati della macchina".

Il curatore del museo ha detto che sua moglie ha gridato, "butta via quel dannato gioiello, non avresti dovuto portarlo!" E se questo non bastasse a far risorgere con forza le idee antiche sul fatto che la pietra fosse maledetta, il curatore ha detto che ogni volta che ha tentato di partecipare a un incontro successivo si è "ammalato violentemente", ma ha anche ammesso che questo potrebbe "essere tutta una coincidenza".


La struttura dell'ultima dichiarazione del curatore è molto rivelatrice e la dice lunga su ciò che molto probabilmente sta accadendo qui da quando la gemma è stata rubata in India. Notate che anche il curatore del museo racconta la storia delle sue esperienze "maledette" e alla fine ci butta dentro che potrebbe essere "tutto una coincidenza".

Nel 2020, nell'era della scienza, si dovrebbe affrontare correttamente una situazione del genere al contrario, dove l'ipotesi di base dovrebbe essere "tutto questo è una coincidenza", ma potrebbe anche essere una maledizione. Riuscite a vedere come il cavallo guida il carro qui, e come una maledizione richiede una componente chiave per funzionare, e questa è la "convinzione"?


L'ascesa dei capitalisti della paura

Storicamente, si credeva che le maledizioni si formassero in invocazioni, preghiere e rituali in cui un desiderio di sfortuna è rivolto ad un'altra persona, oggetto o luogo. Secondo skepdic.com, storicamente, le maledizioni "sembrano essere state una parte regolare delle culture antiche e possono essere state un modo per spaventare i nemici e spiegare le apparenti ingiustizie del mondo".

Mentre non esiste uno straccio di prova empirica che suggerisca che qualcuno abbia mai sollevato poteri occulti per infliggere danni agli altri, ci sono magazzini di file negli scantinati degli psicologi che forniscono la prova che le persone che "credono" di essere state maledette possono portare grave miseria nella loro esistenza mentre sfruttano la loro credenza. E questa credenza può far cadere le vittime in trappole come il "bias di conferma" -dove solo gli eventi e gli avvenimenti relativi alla loro credenza nella maledizione hanno valore, portando il "credente" ad avere stringhe di eventi interconnessi relativi alla "loro maledizione" o "credenza".

Bottiglie da strega, create per la protezione contro le maledizioni.
Bottiglie da strega, create per la protezione contro le maledizioni.

La fede, e la sua sorella "credenza", sono archetipi centrali nell'Antico Testamento, e questo libro che cambia i paradigmi può essere accuratamente descritto come un antico "libro di maledizioni". Non c'è da meravigliarsi che nel mondo occidentale le maledizioni siano state così spesso usate per spiegare perché spesso accadono cose brutte alle persone buone: "Oh, tuo padre è morto giovane perché è stato maledetto come tuo nonno, perché suo nonno ha rubato una mucca"; mentre alla base di questa tragedia potrebbe esserci una storia familiare di malattia coronarica, di cui si sapeva poco o nulla.

Inoltre, quando succedevano cose terribili nella storia, non c'erano libri di medicina e la maggior parte della gente consultava i loro santoni locali, che a loro volta consultavano il "libro delle maledizioni" biblico per le risposte - che naturalmente avevano sempre una base soprannaturale. E in quel vecchio mondo, dove l'ingenuità era l'impostazione predefinita - in confronto al mondo odierno di risposte scientifiche - la parola "coincidenza" non esisteva. Da questo buco nero scientifico è emersa una compagnia di sensitivi, canalizzatori di spiriti, lettori di foglie di tè e chiaroveggenti che offrivano cure per combattere gli effetti delle maledizioni, ovviamente, per quello che non era mai un "piccolo" compenso.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia