Le città perdute del deserto di Dubai: La storia nascosta

 

Le città perdute del deserto di Dubai: La storia nascosta
Ipotetica rappresentazione delle future rovine della odierna Dubai

Dubai coltiva un'immagine ultramoderna di architettura abbagliante e ricchezza senza sforzo. Eppure i suoi deserti nascondono città dimenticate e una storia nascosta che rivela come i suoi primi abitanti si sono adattati e hanno superato i drammatici cambiamenti climatici del passato.

Non c'è dubbio che Dubai sia l'ultima città del 21° secolo. Vanta l'edificio più alto del mondo, attrae tredici milioni di visitatori all'anno, e il suo aeroporto ha recentemente rivendicato la corona di più trafficato del mondo, per numero di passeggeri internazionali.

Quindi è comprensibile che l'archeologia e le antichità non siano cose che la maggior parte delle persone associa a Dubai e agli Emirati Arabi Uniti. Eppure questo regno del deserto ha una storia sorprendentemente ricca. Lungi dall'essere un deserto vuoto, gli Emirati Arabi Uniti hanno molte città perdute e siti archeologici che vengono esplorati solo ora, e che rivelano una storia inaspettata dello sviluppo umano nella penisola araba - da oltre 100.000 anni fa, quando gli esseri umani si avventurarono per la prima volta "fuori dall'Africa", attraverso millenni di esistenza nomade di cacciatori-raccoglitori, per sviluppare l'agricoltura e poi diventare un centro importante per una tecnologia che cambia il mondo - il bronzo.

Illustrazione della mappa da 'Sand Kings of Oman' pubblicato da Methuen nel 1947.
Illustrazione della mappa da 'Sand Kings of Oman' (I Re della Sabbia di Oman) pubblicato da Methuen nel 1947.

La misteriosa terra di Magan e le città più antiche

Cinquemila anni fa gli sviluppi nelle montagne Hajar a est di Dubai hanno cambiato il mondo. Dopo millenni in cui aveva sostenuto solo una magra esistenza di cacciatori-raccoglitori, l'area vicino all'attuale confine con l'Oman fu scoperta come una rara fonte di rame. Ben presto gli uomini impararono a estrarre il metallo e a mescolarlo con lo stagno per produrre il bronzo.

La "Terra di Magan", come era conosciuta, divenne rapidamente il principale fornitore di bronzo per utensili e armi per l'intera regione del Medio Oriente, e in particolare per le prime città del mondo che stavano emergendo in Sumeria a quel tempo, città come Ur e Uruk. Il bronzo contribuì a rendere l'agricoltura più efficiente e la civiltà possibile in questi luoghi.

Numerosi edifici, tombe e sezioni di corsi d'acqua falaj risalenti a questo periodo sono stati scavati su un'area di circa cinquanta acri a Hili, appena a nord di Al Ain, la terza città più grande degli Emirati Arabi Uniti, e sono il fulcro dell'unico sito patrimonio dell'umanità dell'UNESCO. Il pezzo forte è una tomba circolare splendidamente restaurata di circa dieci metri di diametro con un ingresso decorato con due orici scolpiti sopra di esso, blocchi di pietra tagliati in modo così preciso che non si potrebbe mettere un pezzo di filo interdentale tra loro (vedi immagine in evidenza). Sono come una versione più piccola dei grandi muri di pietra Inca a Machu Picchu, eccetto che quelli sono costruzioni relativamente recenti di appena 500 anni, mentre la pietra della tomba di Hili ha 4.700 anni.


Le città perdute dell'età del ferro: Mleiha, Tell Abraq e Ad-Dur

Andando avanti di 2000 anni, il ferro aveva sostituito il bronzo e stava rivoluzionando la vita nella penisola araba, e un luogo chiave per la produzione e la lavorazione del ferro era Mleiha, una città fortificata ai margini del deserto vicino ad Al Dhaid, a circa un'ora di macchina da Dubai.

Nel suo periodo di massimo splendore, intorno all'epoca di Cristo, Mleiha era uno dei più grandi insediamenti della regione - una città larga un miglio con centinaia di case e siti di lavorazione del metallo, continuamente abitata per oltre 500 anni dalla metà dell'età del ferro fino al primo secolo d.C., quando fu abbandonata e dimenticata, le sue mura lasciate a sgretolarsi e coperte dalla sabbia alla deriva.

I muri parzialmente restaurati della sua grande fonderia di ferro fortificata quadrata, circa 200 piedi quadrati, sono oggi ospitati sotto un hangar di metallo. Gli scavi hanno rivelato due fonderie di ferro, che producevano sia armi che monete, protette dal forte e circondate da molte case, indicando che un numero significativo di persone viveva e lavorava lì.

Mleiha, un tempo uno dei più grandi insediamenti degli Emirati (Foto David Millar)
Mleiha, un tempo uno dei più grandi insediamenti degli Emirati (Foto David Millar)

I lingotti di ferro e i prodotti finiti venivano trasportati da Mleiha verso nord fino alla costa a Tell Abraq e Ad-Dur, da dove venivano spediti lungo il Golfo Persico ai clienti in Mesopotamia e nel Levante.

Tell Abraq e Ad-Dur sono siti notevoli di per sé. Tell Abraq stesso è stato continuamente abitato per duemila anni da poco dopo l'occupazione di Hili, ed è stato un sito archeologico attivo per molti anni. La vicina Ad-Dur si trova sulla costa di fronte alla moderna Umm al-Quwain ed è un enorme sito di circa quattro miglia di diametro. È facile da esplorare, le pietre delle sue antiche case giacciono indisturbate tra le dune di sabbia della costa.


Julfar: l'ultima città perduta araba medievale

Una delle più famose città perdute d'Arabia - allettante perché gli storici hanno saputo che esisteva da documenti scritti ma semplicemente non sono riusciti a trovarla - è la città medievale di Julfar. Patria del leggendario navigatore arabo Ahmed ibn Majid, nonché presumibilmente del fantomatico Sindbad il marinaio, Julfar ha prosperato per mille anni prima di cadere in rovina e scomparire dalla memoria umana per quasi due secoli. A differenza delle città del deserto di cui sopra, Julfar era un porto fiorente, di fatto il fulcro del commercio arabo del Golfo meridionale nel Medioevo.

Si sapeva che Julfar si trovava da qualche parte sulla costa del Golfo Persico a nord di Dubai, ma il sito effettivo fu trovato dagli archeologi solo negli anni '60. I primi segni di insediamento trovati sul sito risalgono al VI secolo, quando i suoi abitanti commerciavano già regolarmente fino all'India e all'Estremo Oriente.

I secoli dal 10° al 14° furono un'età d'oro per Julfar e per il commercio arabo a lunga distanza e la navigazione, con i navigatori arabi che viaggiavano abitualmente per mezzo mondo. Gli arabi avevano navigato nelle acque europee molto prima che gli europei riuscissero a navigare attraverso l'Oceano Indiano e nel Golfo Persico, per esempio. Come base principale per questi viaggi e per il commercio, Julfar fu la più grande e importante città del Golfo meridionale per oltre mille anni. I mercanti arabi facevano abitualmente il mastodontico viaggio di diciotto mesi per mare fino alla Cina e commerciavano quasi tutto l'immaginabile.

Pagine del Libro delle informazioni utili, il capolavoro sulla navigazione di Ahmed ibn Majid, il cittadino più famoso di Julfar
Pagine del Libro delle informazioni utili, il capolavoro sulla navigazione di Ahmed ibn Majid, il cittadino più famoso di Julfar

Scavi di salvataggio in corso a Julfar, aprile 2010
Scavi di salvataggio in corso a Julfar, aprile 2010

Un centro commerciale così prezioso attirava però l'attenzione costante delle potenze rivali. I portoghesi ne presero il controllo nel 16° secolo, quando Julfar era una città importante con circa 70.000 persone. Un secolo dopo i persiani se ne impadronirono, per poi perderla nel 1750 a favore della tribù dei Qawasim di Sharjah che si stabilirono nella vicina Ras al-Khaimah, che continuano a governare ancora oggi, lasciando la vecchia Julfar a decadere gradualmente fino a quando le sue rovine furono dimenticate tra le dune di sabbia della costa. Oggi la maggior parte di Julfar rimane probabilmente ancora nascosta sotto le tentacolari dune a nord di Ras al-Khaimah.

Il deserto, che copre circa il 95% degli EAU, nasconde senza dubbio ancora molti segreti. Quasi ogni anno vengono fatte scoperte significative che riempiono qualche altro spazio vuoto nel puzzle del passato di questo straordinario paese. Tuttavia, tutti questi siti e molti altri (descritti più dettagliatamente nel mio libro Beyond Dubai: Seeking Lost Cities in the Emirates) si trovano a un'ora di macchina da Dubai e sono facilmente accessibili al pubblico, aggiungendo una dimensione diversa ed esotica a qualsiasi visita a questa modernissima città.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia