UFO a caccia di cacciatorpedinieri USA al largo della California

 

UFO a caccia di cacciatorpedinieri USA al largo della California

Nel luglio del 2019, una serie davvero bizzarra di eventi si è svolta intorno alle Channel Islands della California. Per un certo numero di giorni, gruppi di aerei non identificati (meglio dire UFO), che la Marina degli Stati Uniti si riferisce semplicemente a "droni" o "UAV" (unmanned aerial vehicle = veicolo aereo senza equipaggio), hanno inseguito le navi di quel servizio, spingendo un'indagine di alto livello. 


Durante gli incontri serali, sono stati segnalati fino a sei aerei che brulicavano intorno alle navi contemporaneamente. I droni sono stati descritti come volanti per periodi prolungati in condizioni di bassa visibilità, ed eseguendo manovre sfacciate sopra le navi da guerra della Marina vicino a un campo di addestramento militare sensibile meno di 100 miglia al largo di Los Angeles. L'indagine che ne è seguita ha incluso elementi della Marina, della Guardia Costiera e del Federal Bureau of Investigation (FBI). Gli incidenti hanno ricevuto grande attenzione, anche dal capo delle operazioni navali, il vertice della catena di comando della Marina. 


Quanto segue è la nostra indagine su questi eventi, durante la quale abbiamo scoperto che questi eventi erano molto più estesi in scala di quanto compreso in precedenza.


Emerge una strana storia

L'anno scorso, il documentarista Dave Beaty ha scoperto i dettagli iniziali sugli eventi, incentrati sul cacciatorpediniere di classe Arleigh Burke USS Kidd (DDG-100). Quel resoconto iniziale ha descritto un incontro teso, culminato nel dispiegamento di squadre di intelligence a bordo.

Arleigh Burke USS Kidd (DDG-100)
Arleigh Burke USS Kidd (DDG-100)

Nuovi documenti espandono significativamente la conoscenza del pubblico della portata e della gravità di quell'incidente e ne rivelano altri che si sono verificati nello stesso periodo. Questi dettagli provengono in gran parte dalle nostre richieste di Freedom of Information Act (FOIA), che hanno portato alla divulgazione dei registri di coperta delle navi coinvolte. Inoltre, la nostra indagine ha utilizzato centinaia di gigabyte di dati di localizzazione delle navi del sistema di identificazione automatica (AIS) per ricostruire forensicamente la posizione delle navi militari e civili nella zona durante questa strana serie di eventi.


Usando la posizione della USS Kidd come punto di partenza, siamo stati in grado di identificare diverse altre navi in prossimità di essa durante gli incidenti in questione, compresi i cacciatorpediniere della marina statunitense USS Rafael Peralta, USS Russell, USS John Finn e USS Paul Hamilton. Successive richieste FOIA per i registri di queste navi ci hanno permesso di costruire un quadro composito degli eventi nel loro complesso.

UFO a caccia di cacciatorpedinieri USA al largo della California

Prima notte: 14 luglio 2019

Sembra che gli incidenti siano iniziati con un primo avvistamento di UFO da parte della USS Kidd intorno alle 22:00 della notte del 14 luglio 2019. I registri di ponte come quello qui sotto forniscono informazioni sulla rotta e la velocità della nave. Inoltre, registrano qualsiasi altra informazione rilevante su eventi insoliti o cambiamenti nel comportamento della nave. Questo registro registra il primo avvistamento del drone:


Come precedentemente riportato, due droni, tipicamente descritti come UAV o veicoli aerei senza equipaggio in tutti i registri, sono stati avvistati dalla Kidd. Il team Ship Nautical Or Otherwise Photographic Interpretation and Exploitation, o "SNOOPIE team", si riferisce a una squadra di intelligence fotografica di bordo incaricata di documentare contatti sconosciuti, eventi di interesse e altri oggetti di interesse in breve tempo.

Un membro della squadra SNOOPIE di un cacciatorpediniere con una videocamera in mano.
Un membro della squadra SNOOPIE di un cacciatorpediniere con una videocamera in mano.

Anche se una nave equipaggiata con Aegis come la USS Kidd ha alcuni dei sensori più sofisticati sulla terra, i marinai equipaggiati con fotocamere di tipo consumer agiscono come una sorta di team agile di spotting e registrazione di eventi, in grado di adattarsi rapidamente alle condizioni mutevoli, fornendo al contempo la consapevolezza della situazione e registrando ciò che vedono attraverso i metodi tradizionali di video e foto. Puoi vedere un team SNOOPIE in azione e uno dei loro prodotti nel video qui sotto:


Poco dopo l'avvistamento del 14 luglio, la USS Kidd entrò in una condizione di comunicazioni ristrette progettata per migliorare la sicurezza operativa e migliorare la sopravvivenza. Questo è annotato in molti dei registri come "River City 1". Durante gli eventi, le navi hanno spesso inserito il "controllo delle emissioni", o EMCON, protocolli progettati per ridurre al minimo il loro profilo di emissioni elettroniche.


Meno di 10 minuti dopo l'avvistamento, la USS Kidd avvisò la USS Rafael Peralta della situazione. I registri della USS Rafael Peralta mostrano che intorno alle 22:00 ha attivato la propria squadra SNOOPIE. Mostrano anche che i rapporti di ulteriori avvistamenti arrivavano dalla USS John Finn.


Da parte sua, i log della USS John Finn hanno semplicemente segnalato una possibile attività UAV e la disattivazione del sistema di transponder AIS della nave. In effetti, la disattivazione selettiva dell'AIS è stata una sfida per noi nel ricostruire le posizioni delle navi, poiché a volte abbiamo dovuto fare affidamento sul confronto incrociato dei log del ponte per individuare la posizione delle navi.


Poco dopo l'avvistamento iniziale, è stata avvistata una luce rossa lampeggiante.


Tra le voci più drammatiche nei diari di questo incidente c'è quella qui sotto della USS Rafael Peralta, che descrive una luce bianca che si libra sul ponte di volo della nave.


Il registro riflette che il drone è riuscito a eguagliare la velocità del cacciatorpediniere con l'imbarcazione che si muoveva a 16 nodi per mantenere una posizione sospesa sopra la piattaforma di atterraggio degli elicotteri della nave. Per complicare ulteriormente quella che era già una manovra complessa, il drone stava operando in condizioni di bassa visibilità (meno di un miglio nautico) e di notte. 


A questo punto, l'incontro era durato più di 90 minuti - significativamente più a lungo di quello che i droni disponibili in commercio possono tipicamente sostenere. 

Il ponte illuminato di rosso di un cacciatorpediniere della classe Arleigh Burke di notte.
Il ponte illuminato di rosso di un cacciatorpediniere della classe Arleigh Burke di notte.

Secondo i dati AIS, poche navi civili erano nelle immediate vicinanze. L'AIS non è strettamente obbligatorio in tutti i casi, e può essere disattivato, quindi è possibile che anche altre navi fossero nelle vicinanze. La portarinfuse civile Bass Strait, citata più tardi nell'inchiesta, era situata verso il bordo settentrionale dell'area dell'incontro. Una petroliera battente bandiera liberiana, la Sigma Triumph, era appena a sud della posizione dei tre cacciatorpediniere. La ORV Alguita, un catamarano di 50 piedi, brevemente oggetto di interesse nell'indagine ufficiale che sarebbe venuta, era appena al largo della punta occidentale dell'isola di San Clemente. È importante notare che l'isola di San Clemente è di proprietà della Marina ed è spesso usata per scopi di addestramento e test militari.


La seguente mappa mostra il traffico marittimo intorno ai porti di Los Angeles e San Diego il 14 luglio. La posizione di ogni nave alle 22:00 è segnata con un indicatore nero, e la traccia della nave prima e dopo l'ora dell'incidente è segnata con punti colorati. Le posizioni approssimative di ogni gruppo di navi sono contrassegnate numericamente.


I due gruppi di cacciatorpediniere e la ORV Alguita formano una forma approssimativamente triangolare con ogni lato lungo circa 50 miglia nautiche (92Km), contenente un'area di poco più di 1000 miglia nautiche quadrate (1852Km quadrati). Lo Stretto di Bass e la USS Paul Hamilton erano relativamente vicini al marker uno. La ORV Alguita era al largo della punta settentrionale dell'isola di San Clemente al punto due. La USS Kidd era al marker tre, e la formazione di tre cacciatorpediniere era al marker quattro. La petroliera Sigma Triumph era appena a ovest della formazione di tre cacciatorpediniere, al quinto punto.


Seconda notte: 15 luglio 2019

A causa di nuove rivelazioni FOIA, ora sappiamo che un'altra importante serie di incursioni si è verificata la notte successiva, il 15 luglio 2019.


Questa volta, la USS Rafael Peralta è stata la prima a individuare gli oggetti e a schierare le sue squadre SNOOPIE alle 20:39.


Alle 21:00, anche la USS Kidd aveva individuato i droni e ha nuovamente schierato la sua squadra SNOOPIE. I droni sembrano aver inseguito le navi, anche se hanno continuato a manovrare durante l'incidente.


Alle 21:20, i registri della USS Kidd riportano semplicemente "Multiple UAVs around ship" (UAV multipli intorno alla nave) - con la parola "above" cancellata:


17 minuti dopo, viene emesso il comando di presidiare le stazioni Mark 87:


Il significato di questo non è esattamente chiaro, ma potrebbe riferirsi al Mark 87 Electro-Optical Director che è un componente della massiccia torretta a infrarossi e ottica nota come Mk20 Electro-Optical Sighting System (EOSS) situata sopra il ponte. Questo sistema è stato originariamente pensato per aiutare a dirigere il cannone da 5 pollici della nave, ma fornisce anche sorveglianza e tracciamento su lunghe distanze. Questo potente sistema ottico avrebbe potuto essere utile per cercare di capire cosa stava succedendo intorno alla nave e per identificare eventualmente i droni di notte.

Il Mk20 EOSS.
Il Mk20 EOSS.

Il riferimento potrebbe anche essere in relazione ai cannoni a catena 25mm/87 Mk38 della nave che sono anche equipaggiati per l'uso remoto tramite una sfera FLIR, anche se questo è meno probabile. C'è anche l'adattatore del fucile da lancio Mk 87 usato per sparare linee ad altre navi durante il rifornimento in navigazione e altre attività, ma questo ha poco senso nel contesto del momento. 


All'incirca nello stesso momento, la USS Russell registra una frenesia di attività:


I registri descrivono i droni che scendono di quota, e apparentemente si muovono avanti e indietro, a sinistra e a destra.


Nel frattempo, la USS Rafael Peralta ha ricevuto una chiamata radio da una nave da crociera di passaggio, la Carnival Imagination, notificando loro che i droni non sono loro, e che vedono anche cinque o sei droni che manovrano nelle vicinanze:


L'incidente è continuato nella notte, con la USS Rafael Peralta che ha registrato prima due UAV e poi quattro UAV vicino alla loro nave:


Avvicinandosi alla mezzanotte, la USS Russell riporta un ultimo avvistamento:


Nonostante la durata di quasi tre ore dell'evento, nessuna delle navi da guerra coinvolte sembra essere stata in grado di identificare i droni.

Un cacciatorpediniere Arleigh Burke in navigazione notturna.
Un cacciatorpediniere Arleigh Burke in navigazione notturna.

In contrasto con la prima notte, la seconda serie di incontri si è verificata più vicino alla riva. Molti degli avvistamenti del drone hanno collocato la loro posizione tra l'isola di San Clemente e San Diego. Le posizioni approssimative delle navi e degli avvistamenti del drone sono rappresentate qui sotto. Si noti che i punti di traccia indicano la posizione delle navi durante l'evento, con un punto nero più grande che indica la posizione di ogni nave vicino all'inizio dell'incidente alle 20:45.


L'indagine ufficiale

Come ci si potrebbe aspettare per una serie di incontri così insoliti, un'indagine formale sembra essere stata lanciata immediatamente. La prima e-mail che abbiamo ottenuto era datata 17 luglio, e faceva riferimento a precedenti conversazioni telefoniche.


Entro la mattina del 18 luglio, un collegamento della Marina alla Guardia Costiera ha iniziato a richiedere aggiornamenti per informazioni sulle navi coinvolte nell'incontro, citando "visibilità di livello superiore".


Un'ora dopo, un agente speciale del Naval Criminal Investigative Service (NCIS), assegnato alla 3a Flotta come "Staff CI Officer", dove CI sta probabilmente per "counter-intelligence", ha ringraziato un collega della Guardia Costiera. Hanno menzionato che l'informazione sarebbe andata direttamente al comandante della Flotta del Pacifico e al Capo delle Operazioni Navali (CNO) - il vertice della gerarchia della Marina, e un membro dei Capi di Stato Maggiore.


Sembra che l'obiettivo iniziale della loro indagine fosse la ORV Alguita. Un'e-mail inviata appena 10 minuti dopo esprimeva la necessità di trasmettere le informazioni sulla nave a una squadra più grande.


A questo punto, un agente dell'ufficio di Los Angeles dell'FBI è stato incluso nella catena di e-mail. Le informazioni preliminari indicavano che mentre l'ORV Alguita aveva dei droni a bordo, questi avevano capacità molto limitate.


Una mail di follow-up la sera del 18 luglio ha indicato che la Guardia Costiera aveva contattato la nave direttamente tramite telefono satellitare. In base al riferimento dell'oggetto all'isola di San Nicolas e al periodo di tempo indicato dagli investigatori, sembra che la ORV Alguita sia stata esaminata specificamente per gli eventi del 14 luglio.


Gli investigatori avevano incontrato diversi problemi a questo punto. I proprietari dell'Alguita hanno negato di aver utilizzato un drone durante il periodo in questione, e hanno affermato che i loro droni non erano in grado di operare a più di qualche metro dalla nave. Inoltre, il drone Phantom IV è un piccolo quadcopter e ha un tempo massimo di volo di 28 minuti, secondo il produttore DJI, che non è coerente con la lunga durata degli incidenti e le prestazioni generali descritte come osservate nei registri del ponte.

Phantom 4 Pro.
Phantom 4 Pro.

Anche se non si fa riferimento in queste e-mail, l'Alguita era anche significativamente a ovest degli eventi della seconda notte, il 15 luglio, sulla base dei dati AIS. Apparentemente riconoscendo che l'ORV Alguita non era adatto, gli investigatori hanno ammesso che avevano bisogno di continuare a cercare. Le e-mail riflettono che l'intelligence della Marina ha iniziato ad assumere un ruolo più attivo nelle indagini dal 19 luglio, con il direttore del Maritime Intelligence Operations Center (MIOC) all'interno della Terza Flotta, identificato con l'acronimo C3F, "mettendo in loop" il resto dell'ufficio intelligence del comando, o N2.


Gli investigatori hanno poi cercato di escludere la possibilità che i droni fossero gestiti dalla Marina stessa. Entro martedì della settimana successiva, un rappresentante della Fleet Area Control and Surveillance Facility (FACSFAC) con sede a San Diego ha chiarito che gli UAV erano utilizzati dalla Marina solo in alcune aree limitate. Hanno poi fornito la seguente mappa delle aree operative (OPAREAS) con una ripartizione delle piattaforme in uso.


Un po' cripticamente, uno degli investigatori ha fatto riferimento a "osservazioni recenti" e ha ulteriormente chiarito la necessità di "correlare o escludere operazioni". Ha inoltre richiesto dati che dettagliassero le operazioni tra il 14 e il 17 luglio.


FACSFAC San Diego, a sua volta, ha inviato fogli di calcolo dell'attività programmata in quel periodo, e ha spiegato che le operazioni UAV sono evidenziate in giallo. Anche se i programmi di volo rilasciati a noi per il 14 luglio sono completamente redatti, l'evidenziazione sottostante è visibile. Nessuna evidenziazione gialla può essere vista per il 14 luglio:


Nel pomeriggio del 23 luglio, gli investigatori erano ancora alle prese con la determinazione dell'intento dietro gli incidenti.


L'ultima email che ci è stata rivelata risale al 25 luglio. Si riferisce a un briefing classificato sui droni (qui chiamati UAS).


Un'ulteriore richiesta FOIA per informazioni su questi briefing è stata negata a causa del loro livello di classificazione. Dopo il 25 luglio, la traccia delle e-mail diventa fredda.


Notevolmente, gli incidenti con i droni hanno cominciato a verificarsi di nuovo in questo periodo. Nuovi avvistamenti si sono verificati durante le prime ore del 25 e 30 luglio, proprio mentre gli investigatori stavano iniziando ad esaminare i briefing classificati e stavano apparentemente ancora cercando di identificare l'intento dietro le incursioni del 14 e 15 luglio.


L'incidente del 25 che ha coinvolto la USS Kidd è iniziato intorno all'1. 20 del mattino, e la squadra SNOOPIE è stata disattivata intorno all'1. 52 del mattino.


L'incidente del 30 luglio è stato più lungo, con la squadra attivata intorno alle 2:15 del mattino e disattivata solo alle 3:27:


Questi incidenti successivi sono degni di nota perché si sono verificati durante l'indagine e dopo che la FACSFAC San Diego era stata strettamente consultata. 


Al momento in cui scriviamo, non abbiamo i registri di coperta completi per il mese di luglio, tranne che per la USS Kidd, quindi rimane incerto se anche altre navi hanno continuato ad avere incontri con i droni più tardi nel mese.


Ulteriori informazioni continuano ad emergere dalle richieste FOIA, ma sulla base delle prove disponibili sembra che l'indagine iniziale non abbia infine identificato la fonte dei droni.


Domande sempre più pressanti

Cumulativamente, questi nuovi dettagli sollevano una serie di domande difficili.


Non è chiaro perché qualcuno dovrebbe utilizzare i droni vicino alle navi da guerra della Marina in modo così sfacciato. I droni disponibili in commercio non sono comunemente in grado di volare per periodi così lunghi su grandi distanze con velocità superiori a 45 miglia all'ora. Sulla base dei dati aggregati disponibili dai log del ponte, stimiamo che i droni abbiano percorso almeno 100 miglia nautiche nell'incidente del 14 luglio. 


Inoltre, i droni sono stati in grado di individuare e catturare un cacciatorpediniere che viaggiava a 16 nodi in condizioni di visibilità di meno di un miglio nautico. Altrettanto sconcertante, i loro operatori sembrano aver coordinato almeno cinque o sei droni contemporaneamente. Poi c'è la questione del controllo della linea di vista, e i metodi di controllo in generale, che rendono le capacità descritte ancora più sconcertanti.

Un cacciatorpediniere della marina statunitense naviga sotto le stelle.
Un cacciatorpediniere della marina statunitense naviga sotto le stelle. 

Per essere sicuri, l'isola di San Clemente e la vicina area di addestramento FLETA HOT sono ospiti di una serie di test, che possono includere programmi classificati. È possibile che i droni siano stati azionati dai militari stessi in un test errato di qualche tipo? 


Se è così, le incursioni sono continuate dopo un'indagine concertata che ha raggiunto il più alto livello della gerarchia della Marina. Sembra anche che nessuna attività UAV sia stata programmata dalla FASFAC di San Diego durante il 14 luglio. D'altra parte, si tratta di un'area generale in cui si sono verificate cose estremamente strane in passato.


Se i droni non erano gestiti dai militari americani, questi incidenti rappresentano una violazione della sicurezza molto significativa. Se facevano parte di qualche tipo di azione segreta, non è chiaro perché siano stati fatti volare così apertamente e così frequentemente in modo quasi molesto. Ancora più preoccupante, se un attore statale straniero è stato coinvolto, da dove esattamente sono stati lanciati i droni? 


Una cosa è abbastanza sicura: la Marina degli Stati Uniti ha una grande quantità di dati su questi eventi. I documenti di cui sopra riflettono che sono state impiegate più squadre indipendenti di intelligence fotografica. Queste squadre sono solo una piccola parte di una sofisticata suite di capacità di sorveglianza e sensori avanzati, tra cui la capacità di rilevare le emissioni radio nelle vicinanze delle navi, disponibili per qualsiasi delle navi coinvolte. Questo si aggiunge ai sensori di terra che sorvegliano da vicino l'area. In effetti, è sconcertante che quei sensori, accoppiati con una probabile vasta documentazione fotografica, non fossero sufficienti da soli a risolvere la questione. Questo chiama in causa la designazione di "drone". C'è mai stata una descrizione concreta di queste imbarcazioni al di là delle luci nel cielo?


La domanda rimane: chi stava operando questi velivoli con apparente impunità, e per quale scopo, e questo caso estremamente bizzarro è stato mai risolto? 


La nostra indagine su questo evento è ancora in corso e vi aggiorneremo non appena saranno disponibili ulteriori informazioni. 


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia