3° Ministro della Salute licenziato in Repubblica Ceca

 

Il primo ministro ceco Andrej Babis (L) e il nuovo ministro della salute ceco Petr Arenberger parlano con i media durante l'inaugurazione di Arenberger nel suo nuovo ufficio a Praga, Repubblica Ceca, il 7 aprile 2021
Il primo ministro ceco Andrej Babis e il nuovo ministro della salute ceco Petr Arenberger parlano con i media durante l'inaugurazione di Arenberger nel suo nuovo ufficio a Praga, Repubblica Ceca, il 7 aprile 2021.

PRAGA - Il primo ministro ceco Andrej Babis ha licenziato mercoledì il suo ministro della salute, il terzo ad essere stato estromesso durante la pandemia in uno dei paesi più colpiti d'Europa.


Jan Blatny è stato sostituito da Petr Arenberger, il direttore dell'ospedale universitario di Praga Vinohrady, che ha prestato giuramento dal presidente Milos Zeman.


La mossa apre la strada a un possibile uso di vaccini russi e cinesi, che non sono stati approvati dal regolatore dei farmaci dell'Unione Europea.


Babis ha ripetutamente criticato Blatny per la sua gestione della pandemia, compresa l'imposizione di condizioni severe per l'uso di farmaci sperimentali per trattare i pazienti COVID-19.


Blatny era anche sotto il fuoco di Zeman, un alleato di Babis che è noto per le sue opinioni pro-russe e pro-cinesi. Zeman ha chiesto il mese scorso al primo ministro di sostituire Blatny per il suo rifiuto di permettere l'uso del vaccino russo Sputnik V perché non è stato approvato dall'Agenzia europea dei medicinali, o EMA.


Zeman ha detto che si è rivolto alle sue controparti russe, cinesi e israeliane con una richiesta di aiuto per i vaccini e ha ricevuto una risposta positiva da tutti loro. Israele ha donato 5.000 vaccini Moderna alla Repubblica Ceca in febbraio.


"Sfortunatamente, il suo predecessore ha bloccato il processo", ha detto Zeman ad Arenberger durante una cerimonia, incolpando Blatny per quelli che sono morti.


Blatny ha respinto tali critiche. Ha detto che ha permesso l'uso dei soli vaccini approvati per assicurare alla gente che "sono sicuri, testati e funzionano davvero". E lo stesso vale per i farmaci contro la COVID".


"Le mie decisioni si sono sempre basate su dati e analisi scientifiche", ha detto Blatny.


Babis ha detto in precedenza che lo Sputnik V potrebbe essere un'opzione per il paese a causa di un lento rollout dei vaccini approvati dall'UE.


"Stiamo aspettando l'approvazione dell'EMA", ha detto mercoledì.


Arenberger ha detto che la sua priorità sarebbe quella di acquisire vaccini registrati. Ha detto che c'è un'opzione per condurre "studi clinici" con lo Sputnik V nel paese, ma non ha dato immediatamente ulteriori dettagli.


Il controverso vaccino russo ha fatto crollare il governo del primo ministro Igor Matovic nella vicina Slovacchia, dopo aver orchestrato un accordo segreto per acquistare 2 milioni di vaccini Sputnik V - nonostante il disaccordo dei suoi partner di coalizione.


Blatny è entrato in carica il 29 ottobre per sostituire l'epidemiologo Roman Prymula, che è stato licenziato dopo essere stato fotografato mentre visitava un ristorante che avrebbe dovuto essere chiuso come parte delle misure restrittive del paese.


Blatny, uno specialista in ematologia pediatrica, era vice direttore dell'ospedale universitario nella seconda città ceca di Brno prima di diventare ministro della salute.


Prymula aveva sostituito Adam Vojtech nella carica il 21 settembre, per consentire un approccio diverso alla pandemia in mezzo a infezioni in aumento.


L'ultimo licenziamento arriva mentre le infezioni da coronavirus nella Repubblica Ceca sono state in declino, con nuovi casi giornalieri a 5.522 martedì, il numero più basso in un giorno feriale dal 14 dicembre.


La nazione di 10,7 milioni ha riportato 1,65 milioni di infezioni confermate e 27.329 morti.


Articolo di Karel Janicek (fonte)

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia