USA e Iraq si incontrano per colloqui dopo che le forze pro-Iran minacciano di tagliare l'orecchio al premier iracheno

 

USA e Iraq si incontrano per colloqui dopo che le forze pro-Iran minacciano di tagliare l'orecchio al premier iracheno

BAGHDAD - Le 2.500 truppe statunitensi di stanza in Iraq dall'inizio dell'amministrazione Biden continueranno il loro ruolo di addestramento e consulenza per le forze di sicurezza irachene (ISF), hanno detto mercoledì i delegati statunitensi e iracheni, dopo che l'Iraq ha chiesto un terzo ciclo di colloqui strategici USA-Iraq.


Secondo una dichiarazione congiunta rilasciata da entrambi i paesi, "la transizione delle forze statunitensi e di altre forze internazionali dalle operazioni di combattimento all'addestramento, all'equipaggiamento e all'assistenza dell'ISF riflette il successo della loro partnership strategica".


La partnership in corso "assicura il sostegno agli sforzi continui dell'ISF per assicurare che l'ISIS non possa mai più minacciare la stabilità dell'Iraq", si legge nella dichiarazione.



Durante i colloqui, entrambi i paesi hanno sottolineato la necessità di continuare la cooperazione sulla sicurezza nella regione per contrastare l'ISIS.


"Le forze statunitensi sono in Iraq su invito del governo iracheno al solo scopo di sostenere le forze irachene nella campagna contro l'ISIS, e naturalmente, quella campagna rimane importante e rimane in corso", hanno detto i governi.


Il segretario di stato americano Anthony Blinken e il sottosegretario di stato per gli affari politici David Hale, e il ministro degli esteri iracheno Fuad Hassan e la sua delegazione, che includeva rappresentanti del governo regionale del Kurdistan, hanno partecipato alle discussioni.


Il portavoce del Pentagono John Kirby ha detto lunedì che gli Stati Uniti condividono l'obiettivo iracheno di "avere una forza di sicurezza capace di difendere la sovranità dell'Iraq e di negare ai gruppi terroristici l'uso dell'Iraq come base per le operazioni".


Ha aggiunto: "La coalizione continua a sostenere le forze partner in Iraq e in Siria con il supporto aereo di consulenza, la fornitura di intelligence, sorveglianza e ricognizione, e la cessione di attrezzature basata sulle condizioni".


Il ministro degli Esteri iracheno Fuad Hassan ha detto in una dichiarazione durante i colloqui che l'Iraq ha ancora bisogno del sostegno degli Stati Uniti per addestrare, armare e consigliare i suoi militari.


I colloqui - tenuti virtualmente a causa della pandemia - sono iniziati a giugno sotto l'amministrazione Trump. Il round di mercoledì, il primo sotto il presidente Joe Biden, è stato incentrato su una serie di questioni, dalla sicurezza energetica dell'Iraq agli sforzi antiterrorismo in corso.


Le fazioni politiche sciite e le milizie fedeli all'Iran hanno esercitato pressioni sui politici iracheni e fatto minacce contro i leader nella speranza di costringere le truppe statunitensi a lasciare completamente l'Iraq.


La settimana scorsa, le milizie locali in Iraq fedeli a Teheran hanno minacciato il primo ministro Mustafa al-Kadhimi, chiedendo che cacciasse le truppe americane dal paese. Un convoglio di miliziani sciiti pesantemente armati ha guidato apertamente attraverso Baghdad, denunciando la presenza degli Stati Uniti mentre minacciavano di tagliare l'orecchio ad al-Kadhimi.


Due funzionari iracheni hanno detto mercoledì che al-Kadhimi ha successivamente chiesto ai leader iraniani di tenere a freno le milizie sostenute dall'Iran in Iraq e ha suggerito che avrebbe affrontato le fazioni pro-Iran. Nella nota, al-Kadhimi ha minacciato di "annunciare chiaramente chi sostiene questi gruppi", hanno detto i funzionari.


Il messaggio ha portato a una visita di due giorni questa settimana del capo della Forza Quds della Guardia Rivoluzionaria iraniana, Ismail Qaani, a Baghdad, dove ha incontrato i leader politici sciiti e delle milizie e ha invitato alla calma, secondo un alto politico sciita iracheno.


I due funzionari iracheni e il politico sciita hanno tutti parlato a condizione di anonimato perché non erano autorizzati a parlare con i giornalisti.


Le fazioni pro-iraniane in Iraq sono state più vocali e violente nei loro sforzi per spingere fuori le forze sostenute dall'Occidente nel paese, culminati in una visita del gen. iraniano Qassem Soleimani a Baghdad l'anno scorso, che ha portato alla sua morte. All'epoca, i legislatori sciiti avevano approvato una risoluzione non vincolante che cercava di porre fine alla presenza delle truppe statunitensi in Iraq.


L'Iraq ha anche visto decine di attacchi missilistici mirati alla base della coalizione intorno a Baghdad negli ultimi anni, che si pensa siano opera di milizie pro-Iran, che hanno attirato i contrattacchi della coalizione e delle forze statunitensi.


Gli iracheni si sentono divisi tra l'allearsi con gli Stati Uniti o con l'Iran. Teheran, per esempio, chiede miliardi di dollari come pagamento per le forniture cruciali di gas ed elettricità all'Iraq. I funzionari iracheni dicono che il denaro è inattivo in un conto presso la Trade Bank of Iraq a causa delle restrizioni statunitensi e dei timori di sanzioni.


L'amministrazione Biden il mese scorso ha permesso una deroga alle sanzioni di 120 giorni per l'Iraq per continuare a importare energia dall'Iran, il tempo massimo consentito. I rinnovi delle deroghe sotto Trump erano spesso per periodi più brevi e carichi di condizioni.


Tuttavia, i funzionari iracheni dicono che richiedono la clemenza degli Stati Uniti per ripagare Teheran direttamente per le importazioni di energia cruciale, rinunciando a un complesso sistema di pagamento progettato per eludere le sanzioni statunitensi sul commercio con l'Iran.


L'Iraq dipende dalle forniture iraniane per un terzo del fabbisogno energetico, specialmente durante i mesi estivi di punta. I tagli all'elettricità per questioni di pagamento hanno portato a violente proteste nella provincia meridionale di Bassora nell'estate del 2018. Mentre l'Iraq pianifica le elezioni parlamentari a livello nazionale a ottobre, la necessità di evitare disordini è alta.


Attualmente, l'Iraq può pagare l'Iran indirettamente per le forniture in diversi modi. Può pagare in beni umanitari o medicinali, cancellare il debito estero dell'Iran e pagare le bollette come le spese dell'ambasciata iraniana, i costi delle aziende iraniane che operano in Iraq e quelli dei pellegrinaggi iraniani nei luoghi sacri sciiti in Iraq.


Durante i colloqui, gli Stati Uniti hanno espresso un sostegno continuo all'indipendenza energetica dell'Iraq, data la sua attuale dipendenza dall'Iran.


"La delegazione statunitense ha riaffermato che le aziende americane possono aiutare in questa diversificazione investendo in progetti che creeranno posti di lavoro, miglioreranno i servizi pubblici e contribuiranno a sviluppare le risorse energetiche del paese", si legge nella dichiarazione congiunta.


"Gli Stati Uniti hanno espresso il loro sostegno agli sforzi dell'Iraq per riformare il suo settore energetico in modo che i suoi cittadini abbiano un'elettricità più economica e affidabile, e meno carenze di energia. Entrambi i paesi hanno affermato il loro sostegno all'Iraq che diversifica le sue fonti di energia costruendo maggiori legami con i suoi vicini in Giordania e nel Consiglio di cooperazione del Golfo, anche andando avanti con progetti di interconnessione della rete elettrica".


Il portavoce militare iracheno Brig. Gen. Yahya Rasool ha detto dopo i colloqui che al-Kadhimi ha ordinato la formazione di un comitato che avrebbe tenuto colloqui tecnici con la parte americana per approvare "meccanismi e tempi" relativi a potenziali schieramenti di truppe.


"Sulla base della crescente capacità dell'ISF, le parti hanno confermato che la missione delle forze statunitensi e della coalizione è ora passata a una focalizzata sull'addestramento e sui compiti di consulenza, consentendo così il dispiegamento di qualsiasi forza di combattimento rimanente dall'Iraq, con i tempi da stabilire nei prossimi colloqui tecnici", si legge nella dichiarazione congiunta.


Kirby ha detto che la dichiarazione non rappresenta un accordo per iniziare un ulteriore ritiro delle forze statunitensi.


L'amministrazione Trump ha sostenuto un ritiro delle truppe statunitensi da regioni come l'Iraq, pur dicendo che alcune sarebbero rimaste per sostenere le forze irachene. (Fonte)


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia