7 Italiani delle Brigate Rosse arrestati in Francia

7 Italiani delle Brigate Rosse arrestati in Francia


La polizia di Parigi ha arrestato sette italiani che erano in fuga dopo essere stati condannati in Italia per accuse di terrorismo legate al gruppo militante di estrema sinistra delle Brigate Rosse, che ha condotto violenti attacchi nel paese per decenni.


Gli arresti sono arrivati dopo un'operazione congiunta tra Parigi e Roma per localizzare le persone che si sono rifugiate in Francia dopo la fine della violenza degli "Anni di piombo" che ha afflitto l'Italia per 20 anni e ha lasciato centinaia di morti tra gli scontri tra gruppi terroristici e il governo. 


L'ufficio del presidente francese ha confermato gli arresti e ha detto che le autorità del paese stanno ancora cercando altri tre sospetti che sono in fuga.


"La Francia, anch'essa colpita dal terrorismo, comprende il bisogno di giustizia per le vittime", ha detto un portavoce del presidente francese in un comunicato.


Tra i fermati, la polizia ha catturato Giorgio Pietrostefani, co-fondatore dell'organizzazione di estrema sinistra Lotta Continua e condannato a 22 anni di carcere nel 1972 per l'omicidio di un commissario di polizia di Milano, mentre gli altri sei facevano parte delle Brigate Rosse e hanno ricevuto l'ergastolo per una serie di omicidi e rapimenti.


Gli "anni di piombo" - che andarono dal 1968 al 1988, e furono un periodo di disordini sociali e politici in tutta Italia mentre la nazione cercava di industrializzarsi - ancora perseguitano il paese, vedendo una recrudescenza dal 1999 al 2005.


Mentre sette sono stati arrestati e altri tre sono ricercati dalle autorità, l'Italia sta ancora cercando l'estradizione di più di 200 persone che sono state collegate alla violenza che si è verificata durante quel periodo di due decenni.


Il ministro dell'Interno francese, Gerald Darmanin, ha confermato che le persone arrestate saranno ora portate davanti a un tribunale nazionale che deciderà se saranno estradate in Italia per scontare la loro pena.


L'operazione congiunta ha fatto seguito a un incontro tra i ministri della giustizia francese e italiano, che stavano valutando quali misure adottare prima che la prescrizione dei mandati d'arresto europei emessi scadesse tra la fine di quest'anno e il 2023.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia