Israele trova relazione tra vaccino Pfizer e miocardite

Israele trova relazione tra vaccino Pfizer e miocardite


Il documento trapelato ha mostrato che la maggior parte dei casi sono stati riportati tra i giovani uomini di età compresa tra i 18 e i 30 anni. Un totale di 62 casi di miocardite si sono verificati finora in Israele nel periodo della vaccinazione, 56 dei quali dopo la seconda dose. Circa 55 casi si sono verificati tra gli uomini.


Senza trattamento, la miocardite può portare ad aritmia cardiaca e persino alla morte.


Nella maggior parte dei casi, i pazienti sono stati dimessi dall'ospedale in buone condizioni. Tuttavia, due persone - una donna di 22 anni e un uomo di 35 - sono morte. Secondo il rapporto, non avevano alcuna condizione preesistente, ma ulteriori indagini erano necessarie per confermare la diagnosi.

I medici hanno sottolineato che un ulteriore studio è necessario anche per confermare un legame tra il vaccino e i problemi cardiaci, ma secondo Channel 12 lo hanno descritto come "probabile" nel rapporto.


"Questi risultati sono stati presentati a Pfizer, che ha detto che non ha rilevato risultati simili nel resto del mondo in questo momento e che esaminerà più a fondo il fenomeno... Una possibile ragione per la mancanza di risultati simili in altri paesi finora può essere collegata al basso tasso di vaccinazione tra i giovani, dal momento che la maggior parte dei casi si è verificata tra gli uomini sotto i 30 anni", ha rivelato lo studio.

 

I ricercatori hanno scritto: "In questa fase, secondo i risultati preliminari, che hanno bisogno di ulteriori conferme, c'è l'impressione di un numero più alto del previsto, soprattutto per le età fino ai 30 anni. Un rapporto più avanzato sull'argomento sarà preparato presto".


"L'impressione è che ci sia un aumento dell'incidenza del fenomeno soprattutto nei giovani uomini sulla scala di 1:20.000 dopo la vaccinazione", hanno aggiunto. "È probabile che l'insorgenza della miocardite sia associata alla ricezione del vaccino (soprattutto la seconda dose)".

 

I risultati sono stati trasmessi al direttore generale del Ministero della Salute Chezy Levy, così come alla Food and Drug Administration statunitense e alla Pfizer.


"Il Ministero della Salute ha istituito comitati di esperti per il monitoraggio professionale e sta facendo grandi sforzi per monitorare i fenomeni che sono apparsi in prossimità della vaccinazione", ha detto il ministero in risposta al rapporto secondo Channel 12. "Questo fa parte della sua responsabilità verso la salute del pubblico e nella trasparenza".


Il ministero ha sottolineato che sono stati pubblicati quattro rapporti approfonditi sugli effetti collaterali del vaccino.


"Il rapporto citato non mostra con certezza un aumento della mortalità dovuta al vaccino, né c'è certezza che ci sia un aumento della miocardite rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso", ha aggiunto. 
"Questo è un rapporto importante che è attualmente in discussione tra gli esperti del Ministero della Salute, e i risultati e il rapporto saranno resi pubblici, proprio come i rapporti che sono già stati pubblicati".

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia