Biden fa arrestare il giornalista che registrò l'omicidio di Ashli Babbitt

Biden fa arrestare il giornalista che registrò l'omicidio di Ashli Babbitt


L'amministrazione Biden arresta il giornalista che ha registrato l'omicidio di Ashli Babbitt mentre il Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti nasconde l'identità del tiratore


Gli agenti federali hanno sfondato la porta d'ingresso di Samuel Montoya e lo hanno accusato di quattro capi d'accusa


Mentre il Dipartimento di Giustizia continua a nascondere l'identità dell'agente che ha sparato e ucciso Ashli Babbitt, l'amministrazione Biden ha arrestato un giornalista che ha registrato il suo omicidio.

Ashli Babbitt, la manifestante disarmata per l'integrità delle elezioni e veterana dell'USAF, è stata uccisa da un ufficiale della polizia del Campidoglio il 6 gennaio, durante le proteste al Campidoglio degli Stati Uniti a Washington DC. Mercoledì, il Dipartimento di Giustizia ha annunciato che non avrebbe perseguito le accuse contro l'ufficiale responsabile, sostenendo che non c'erano "prove sufficienti" per determinare se i suoi diritti civili erano stati violati.


Le riprese video dell'uccisione di Babbitt sono state viste in tutto il mondo, documentando il tragico incidente, e un giornalista che ha filmato le riprese più "chiare" è stato Samuel Montoya, un giornalista video del Texas. Montoya, tuttavia, è stato arrestato dagli agenti federali mercoledì mattina, e accusato di quattro capi d'accusa, tra cui "interferenza con gli affari del governo" e "condotta disordinata e dirompente in un edificio del Campidoglio".


Secondo l'affidavit del mandato d'arresto dell'FBI, Montoya si era ripetutamente "descritto ad altri all'interno del Capitol Building come 'reporter' o 'giornalista' mentre cercava di farsi largo tra la folla", ma poiché "nessuno con quel nome ha credenziali stampa del Congresso come individuo o tramite altre organizzazioni", non poteva apparentemente contare come un giornalista, nonostante avesse documentato gran parte degli eventi del giorno, tra cui l'uccisione di Babbitt, per Infowars, un importante media outlet.


Tucker Carlson di Fox News ha discusso l'arresto di Montoya nel suo show mercoledì sera, notando che il suo filmato dimostra che Babbitt non costituiva una minaccia per nessun agente al momento della sua morte. "Siamo grati di avere quel nastro. Se non l'avessimo, il New York Times ci direbbe che Ashli stava picchiando a morte la gente con un estintore quando è stata uccisa", ha detto Carlson.



Carlson ha fatto esplodere la decisione di basare se qualcuno è un giornalista o meno sulla sola base di ciò che dice l'ufficio delle credenziali del Congresso degli Stati Uniti. "Samuel Montoya aveva forti opinioni politiche personali? Apparentemente sì, ma avrete notato che non è così insolito nel giornalismo in questo momento", ha sostenuto Carlson. "Se questo accadesse in Ucraina, quali sono le possibilità che NBC News descriva Samuel Montoya come un 'giornalista dissidente', e poi descriva Ashli Babbitt come una 'dimostrante disarmata e pro-democrazia'? Le possibilità sono all'incirca del 100%, e questa è l'America, e non lo stanno dicendo".


Gli avvocati che rappresentano la famiglia di Ashli Babbitt si stanno impegnando a continuare la loro lotta legale per la giustizia. Terry Roberts, l'avvocato della famiglia, ha detto in una dichiarazione che "sono fortemente in disaccordo con la decisione del procuratore degli Stati Uniti". Roberts ha dichiarato che non sono "dissuasi dal nostro obiettivo di rivendicare alla fine i diritti costituzionali di Ashli Babbitt in ambito civile", insinuando che una causa civile contro l'ufficiale o il governo federale potrebbe essere imminente.


COMUNICATO STAMPA:  Terry Roberts, avvocato della famiglia di Ashli Babbitt, risponde al procuratore degli Stati Uniti per il distretto di Columbia.

 

Articolo originariamente apparso su nationalfile.com


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia