Cappuccetto Rosso contro Okuri-Inu

Cappuccetto Rosso contro Okuri-Inu


Nel corso della storia il buio della notte ha sempre portato paura. Le foreste tranquille, le strade o i sentieri erano un luogo dove l'immaginazione si scatenava su ciò che accadeva di notte. In Occidente, Cappuccetto Rosso era la storia creata per mettere in guardia i viaggiatori su ciò che poteva aggirarsi in questi luoghi desolati e non protetti. In Giappone, il lupo compagno del viandante del bosco si presentava sotto forma di Okuri-Inu.


L'Okuri-Inu e le sue somiglianze con il lupo cattivo

Attraverso la ricerca e la comprensione impariamo di più sulla cultura e le comunicazioni verbali dei racconti e delle storie che trascendono il tempo. Mentre queste storie "viaggiano", vediamo che i dettagli cambiano quando raggiungono aree diverse, ma i messaggi rimangono gli stessi.


Sia l'Okuri-Inu che le sue somiglianze con il Grande Lupo Cattivo mostrano la paura dell'ignoto, anche se ci sono molte ragioni legittime per cui i viaggiatori temono di essere soli, anche quando viaggiano su un sentiero ben noto illuminato dalla luce della luna.


"Un viaggiatore senza spirito di osservazione è un uccello senza ali". - Saadi Shirazi.


Molti ti diranno che c'è qualcosa là fuori. Nella favola di Cappuccetto Rosso in Europa era conosciuto come il Grande Lupo Cattivo. In Giappone era conosciuto come l'Okuri-Inu (il cane che uccide) o abbastanza spesso come l'Okuri-Okami (il lupo che uccide).


Entrambi i racconti sono venerati nella cultura che li rispetta e hanno dato a molti sia gioia che avvertimento nel sentirli, dato che le prime culture usavano la narrazione di storie come forma di comunicazione: offrendo consigli che le strade davanti erano piene di pericoli, o confortando bambini e adulti durante la notte per alleviare le loro preoccupazioni.


Cappuccetto Rosso contro Okuri-Inu


La storia di Cappuccetto Rosso e il lupo cattivo

Pur avendo un numero sorprendente di somiglianze, entrambi i racconti provengono da due continenti molto diversi. Entrambi trattano di una persona che cammina da sola su un sentiero che incontra un cane/lupo e a seconda delle loro azioni il risultato è la sopravvivenza o la morte.


Prendi la storia di Cappuccetto Rosso. Questa storia, originaria dell'antica Grecia o di Roma, racconta la storia di una giovane vergine che deve essere sacrificata ad un essere ammantato di lupo o ad una creatura simile al lupo. Spesso l'entità simile al lupo appare nella storia con diversi nomi e travestimenti per ingannare la bambina. La bambina viene poi salvata dal suddetto lupo da un eroe di passaggio.


Le interpretazioni successive che hanno portato alla ben nota favola di oggi sono arrivate nel 17° secolo nel libro di favole italiano, La Finta Nonna. Questa versione fu raccontata in tutta Europa e in seguito sarebbe stata tradotta e interpretata nelle fiabe dei fratelli Grimm. Mentre questa storia è stata raccontata e ripetuta da vari individui in tutta Europa e anche nel mondo moderno oggi, il suo messaggio è chiaro: fai attenzione a chi incontri mentre cammini da solo sui sentieri o nella foresta.


Altri hanno dato un'ulteriore interpretazione alla storia, come Jake Zipes (editore) nel suo libro "The Trials and Tribulations of Little Red Riding Hood"(Le prove e le tribolazioni di Cappuccetto Rosso). Zipes, con un'ampia ricerca da parte sua, attraverso molteplici racconti e rivisitazioni solleva l'idea che la storia abbia un significato più profondo:

"Un racconto come Cappuccetto Rosso è stato il mio caso e il mio punto di vista. La sua storia unica può rivelare fino a che punto i confini della nostra esistenza si sono evoluti dalla fantasia maschile e dalle lotte sessuali per il dominio." [Menzionato nella prefazione e ampliato in tutto il libro].


I suoi studi sostenevano che il racconto avesse anche dei significati sessuali e credeva che, pur essendo un racconto ammonitore, il lupo fosse un predatore in più di un modo. Il suo studio fu accolto con polemica, tuttavia, in quanto sembra andare oltre l'idea principale su cui è stata creata la storia originale.


Cappuccetto Rosso è ancora una storia popolare e viene raccontata ai bambini di tutte le età come storia della buonanotte. Non è più usata solo o unicamente per trasmettere i pericoli che l'"ascoltatore" potrebbe affrontare su sentieri oscuri. Invece, viene usata oggi per stimolare l'immaginazione dei bambini e aiutarli ad entrare nel mondo della narrazione. Questo non vuol dire che il racconto non abbia valore oggi, ma solo che nel mondo di oggi un lupo non verrebbe a divorarti vestito da nonna.


Cappuccetto Rosso contro Okuri-Inu


L'Okuri-Inu nei racconti degli spiriti yokai giapponesi

Mentre ci sono centinaia di spiriti yokai mitici che camminano nelle foreste e nelle strade "da favola" o "mitiche" del Giappone, uno che era temuto nei primi giorni del paese era senza dubbio lo yokai (spirito) Okuri-Inu.


Sebbene si conoscano poche informazioni, "The Hour of Meeting Evil Spirits" di Matthew Mayer, descrive l'Okuri-Inu come un segugio soprannaturale che abita gli oscuri passi di montagna o le strade solitarie della foresta.


Questi segugi yokai (o lupi) seguono il viaggiatore "passo dopo passo" e aspettano che inciampi e cada. Poi balzano e divorano la loro preda. Quando una persona cade sul sentiero, ingannano lo spirito fingendo di essere caduti di proposito, o fingendo di essere stanchi. Il viaggiatore è al sicuro finché non cade di nuovo. Se riesce a raggiungere in sicurezza la sua destinazione, si lava i piedi e placa l'Okuri-Inu ringraziandolo e offrendo del cibo allo spirito cane (o lupo).


Gli spiriti yokai giapponesi non sono tutti intrinsecamente malvagi. Come dice il suo nome, l'Okuri-Inu cammina dietro il viaggiatore e a causa della sua natura feroce protegge inavvertitamente il viaggiatore. Che si venga uccisi sul sentiero o che si arrivi a destinazione, il cane (o il lupo) è il compagno di viaggio.


Anche se non c'è Cappuccetto Rosso nel racconto Okuri-Inu, è ancora usato come lo stesso racconto di avvertimento per i viaggiatori e i bambini quando viaggiano da soli. Nel Giappone di oggi il termine Okuri-Okami è usato per descrivere gli uomini predatori che vanno dietro alle donne più giovani. È qui che il racconto rimane rilevante fino ad oggi, poiché propone ancora che c'è qualcosa o qualcuno sulla strada che si percorre che sarà il lupo che ti perseguita.


Anche se non era l'intenzione originale di questo racconto, proprio come Cappuccetto Rosso, anch'esso è stato cambiato per riflettere il periodo di tempo. Mentre l'Okuri-Inu è parlato solo raramente nella società giapponese moderna, è ancora uno yokai che ha resistito alla prova del tempo ed è stato uno che ha contribuito a portare una forma di significato alle notti solitarie e buie su un sentiero da solo.


Il simbolismo del lupo in Giappone e in Europa

L'immagine del lupo nel folklore dell'Asia orientale era spesso usata come il cattivo in questi racconti, non solo perché era una potente forza della natura difficile da capire, ma anche perché la mancanza di comprensione della specie portava a una grande paura, che era la premessa di queste storie.


Nella religione animista scintoista giapponese, i lupi erano messaggeri degli dei e, anche se non sono usati nello stesso modo dei lupi delle favole occidentali, sono ancora considerati maestri di lezioni preziose.


Sul sito web themedievalhunt.com, uno scrittore descrive come la caccia ai lupi fosse un evento comune in diverse terre d'Europa man mano che gli umani si spingevano sempre di più nei territori dei lupi. Lo descrivono come una forma di controllo dei parassiti.


I lupi venivano cacciati anche per le loro pelli, per proteggere il bestiame e, in rari casi, per proteggere i viaggiatori e gli abitanti delle città che entravano nelle foreste oscure. Le trappole per lupi erano elaborate. Gli europei mettevano porte trappola sopra una fossa o posizionavano strategicamente delle recinzioni per mettere l'animale in un angolo. Il lupo sarebbe stato indotto con l'inganno ad entrare nella trappola.


Da molti è stato affermato che questa pratica era stata usata per molti anni nella società umana, man mano che si espandeva nei territori dove prosperavano ancora bestie selvatiche e pericolose. 


Attraverso studi successivi di varie organizzazioni di fauna selvatica nel corso degli anni (come la World Wildlife Federation), è stato stabilito che i lupi raramente interagiscono con gli umani e generalmente corrono con il loro branco.


Tuttavia, nel corso dei secoli questi tipi di racconti hanno insegnato ai bambini i molti pericoli che potevano affrontare quando erano soli in luoghi oscuri. E anche nei tempi moderni questi racconti continuano a insegnarci cose simili.


Questi racconti ci hanno anche dato un'idea di come i nostri antenati vedevano il mondo e del potere che la natura ha su di noi. E che il mondo naturale può essere tanto pericoloso quanto ispiratore. I racconti di Cappuccetto Rosso e Okuri-Inu non sono che due di queste storie di avvertimento, ma rimangono comunque le più famose nelle loro rispettive culture.


Cappuccetto Rosso contro Okuri-Inu


Lezioni comparative imparate

Queste due storie sono davvero molto diverse, ma le somiglianze sono difficili da scartare. Il lupo cattivo è molto simile all'Okuri-Inu poiché viaggiava dietro Cappuccetto Rosso per un certo periodo prima di ingannarla e farla "cadere" o viaggiare fuori dal suo percorso, il che ha causato lo svolgersi degli eventi.


I lupi in queste storie sono spesso visti come il cattivo in quanto erano una forza sconosciuta che portava sfortuna. Oggi, grazie alle ricerche dei biologi, sappiamo che questo non è il modo in cui i lupi si comportano ovunque.


Ma ai tempi della nostra ignoranza, erano temuti e spesso usati come strumento di insegnamento per i bambini piccoli per spaventarli e insegnare loro a prestare attenzione a ciò che li circonda. E, soprattutto, a stare attenti e a non fidarsi di tutti quelli che incontrano, perché non tutti sono quello che sembrano.


Dalle immagini persuasive usate all'interno di Cappuccetto Rosso e l'Okuri-Inu, si può concludere che non è solo sui sentieri che bisogna essere prudenti. C'è un lato da lupo o da bestia in alcuni esseri umani, soprattutto uomini in questo caso, che potresti incontrare in luoghi isolati.


Prendi per esempio la nonna di Cappuccetto Rosso. È stata divorata dal lupo nella storia ma poiché il lupo indossa la camicia da notte della nonna per ingannare la ragazza, si può tranquillamente assumere che il messaggio è che dovresti essere cauto e consapevole dei pericoli nella tua stessa casa.


Lo stesso avvertimento si trova anche nel racconto dell'Okuri-Inu. Mentre la storia non ha un lupo che entra in casa, fa notare che quando si torna a casa si dovrebbe eseguire un rituale per ringraziare del passaggio sicuro. Se non lo fai, il "cane" oscuro potrebbe continuare a seguirti finché lo spirito non ti cattura.


Concludendo

In tempi moderni, queste storie vengono ancora raccontate ai bambini di tutto il mondo, nella loro forma originale di racconto orale o raccontate in film e videogiochi come "Hoodwinked" e "The Wolf Among Us", così come nei manga giapponesi e nei fumetti di tutto il mondo.


Il racconto di queste storie aiuta a coinvolgere l'immaginazione degli ascoltatori ed era un modo per descrivere il mondo come lo conoscevano meglio che potevano. È anche un modo per riunire le generazioni oltre ad essere un modo in cui la comunità raccontava storie intorno al fuoco, tra familiari e anche tra amici. Era un modo per condividere il tempo insieme. Raccontare storie è stato un punto fermo nella tradizione familiare fino ad oggi. Queste due storie fanno parte di quella storia e sono sopravvissute alla prova del tempo per dare vita all'immaginazione e per esplorare il mondo attraverso la narrazione.


La paura dei lupi è diventata un punto fermo nella nostra società. È uno dei pochi animali che cammina su questa terra che gli umani vedono come un temibile predatore della notte ma anche una nobile bestia della foresta.


I nativi americani venerano il lupo come protettore. A Roma, il lupo era un simbolo delle loro origini nella storia di Romolo e Remo.


Il lupo per secoli ha catturato l'immaginazione degli uomini in tutto il mondo. È un simbolo di cooperazione (il branco caccia e viaggia insieme) e anche del solitario (il lupo solitario). Ed è ancora la bestia "soprannaturale" che ti dà la caccia durante il tuo viaggio su oscuri e remoti sentieri sconosciuti.


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia