Rivelazioni su un'Antica Città Egizia

Rivelazioni su un'Antica Città Egizia


CAIRO - Il più noto archeologo egiziano sabato ha rivelato ulteriori dettagli su una città faraonica recentemente trovata nella provincia meridionale di Luxor.


Zahi Hawass ha detto che gli archeologi hanno trovato case di mattoni, manufatti e strumenti di epoca faraonica nel sito della città perduta di 3.000 anni. Risale ad Amenhotep III della XVIII dinastia, il cui regno è considerato un'epoca d'oro per l'antico Egitto.


"Questa è davvero una grande città che è stata persa. ... L'iscrizione che abbiamo trovato qui dentro dice che questa città era chiamata: 'L'abbagliante Aten'", ha detto Hawass ai giornalisti sul sito.


Gli archeologi hanno iniziato a scavare nella zona l'anno scorso, alla ricerca del tempio mortuario del re ragazzo Tutankhamon. Tuttavia, in poche settimane hanno trovato formazioni di mattoni di fango che alla fine si sono rivelate essere una grande città ben conservata.


Si dice che siano presenti mura della città e persino stanze piene di forni, ceramiche di stoccaggio e utensili usati nella vita quotidiana. Gli archeologi hanno anche trovato resti umani che erano visibili ai giornalisti e ai visitatori sabato.


"Abbiamo trovato tre quartieri principali, uno per l'amministrazione, uno per il sonno degli operai, uno per l'industria, e (una) zona per la carne secca", ha detto Hawass, che ha parlato ai giornalisti nel sito indossando il suo iconico cappello da Indiana Jones.


Ha detto che crede che la città sia "la scoperta più importante" da quando la tomba di Tutankhamon fu dissotterrata nella Valle dei Re a Luxor quasi completamente intatta nel 1922.


Hawass ha anche respinto l'idea che i resti della città fossero già stati scoperti in precedenza, come è stato suggerito nei post che circolano sui social media.


"È impossibile ... che io scopra qualcosa che è stato scoperto in precedenza", ha detto.


Paola Cartagena, laureata in Egittologia all'Università di Manchester, ha detto che la scoperta è di "grande importanza".


"L'archeologia di insediamento è estremamente preziosa per imparare fatti storici veri e ampliare la nostra comprensione di come vivevano gli antichi egizi", ha scritto su Twitter.


La città appena riportata alla luce si trova tra il tempio del re Ramses III e i colossi di Amenhotep III sulla riva occidentale del Nilo a Luxor. La città continuò ad essere usata dal nipote di Amenhotep III, Tutankhamon, e poi dal suo successore, il re Ay.


Alcuni mattoni di fango portano il sigillo del cartouche del re Amenhotep III, o insegna del nome.


Amenhotep III, che governò l'antico Egitto tra il 1391 a.C. e il 1353 a.C., costruì le parti principali dei templi Luxor e Karnak nell'antica città di Tebe.


L'Egitto ha cercato la pubblicità per le sue scoperte archeologiche nella speranza di rilanciare il suo settore turistico, che è stato gravemente colpito dai disordini dopo la rivolta del 2011, e ora la pandemia di coronavirus.


L'annuncio è arrivato pochi giorni dopo che l'Egitto ha spostato 22 delle sue preziose mummie reali in una parata di gala al loro nuovo luogo di riposo: il Museo Nazionale della Civiltà Egizia, appena aperto al Cairo.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia