Storie delle vittime dei vaccini covid - Facebook cancella il gruppo di 120.000 membri

 

Storie delle vittime dei vaccini covid - Facebook cancella il gruppo di 120.000 membri

Facebook ha cancellato un gruppo popolare e in rapida crescita sulla sua piattaforma dove i membri avrebbero condiviso storie su presunti effetti collaterali negativi del vaccino COVID-19.


Il gruppo, "COVID-19 VACCINE VICTIMS AND FAMILIES" (VITTIME DEL VACCINO COVID-19 E FAMIGLIE) , aveva oltre 120.000 membri quando è stato rimosso dalla piattaforma di social media, e stava guadagnando più di 10.000 partecipanti a settimana.


La chiusura della pagina segue l'annuncio da parte del gigante tecnologico di nuove restrizioni che limitano ciò che gli utenti sono autorizzati a pubblicare sui vaccini COVID-19.


Secondo le nuove regole, le seguenti affermazioni sono ora vietate su Facebook:

  • Affermazioni che "i vaccini non sono efficaci nel prevenire la malattia da cui sono destinati a proteggere".
  • Affermazioni che "il COVID-19 è fatto o prodotto dall'uomo".
  • Affermazioni che "è più sicuro prendere la malattia che il vaccino".
  • Affermazioni che "i vaccini sono tossici, pericolosi o causano l'autismo".

Inoltre, Facebook sta aggiungendo etichette di fact-check a tutti i post riguardanti il coronavirus e i vaccini. Queste etichette affermano che i vaccini sono sicuri e indirizzano gli utenti a fonti che Facebook ha ritenuto "autorevoli", come l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).


La spudorato propaganda del business dei vaccini

Non solo Facebook sta censurando ciò che gli utenti possono pubblicare sul coronavirus e sui vaccini, ma sta anche promuovendo aggressivamente i contenuti pro-vaccino da parte di funzionari sanitari, organizzazioni non governative (ONG) e agenzie delle Nazioni Unite (ONU):

Pubblicando messaggi in cima al "muro" attraverso il suo "Centro informazioni COVID-19" che "rende più facile per le persone vedere dove e quando possono essere vaccinati in pochi tocchi".

Dare 120 milioni di dollari in crediti pubblicitari per "aiutare i ministeri della salute, le ONG e le agenzie delle Nazioni Unite a raggiungere miliardi di persone in tutto il mondo con il vaccino COVID-19 e informazioni sanitarie preventive"

Collaborare con i governi per creare linee di assistenza WhatsApp che "condividono informazioni tempestive sui vaccini su WhatsApp".

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia