Il film delle profezie sull'Uomo Falena e il disastro di Chernobyl dell'aprile 1986: Qual è la verità?

Il film delle profezie sull'Uomo Falena e il disastro di Chernobyl dell'aprile 1986: Qual è la verità?


Di tanto in tanto, mi viene chiesto se l'Uomo Falena (Mothman in inglese) è stato davvero visto - in più occasioni - sul luogo del disastro di Chernobyl nell'aprile 1986. E, come seguito al mio recente articolo su Mothman, Gray Barker e John Keel, è successo di nuovo: due persone mi hanno chiesto della storia Mothman-Chernobyl. Il fatto è che, no, Mothman non è stato visto specificamente a Chernobyl. Tuttavia, ci sono buone ragioni per cui la gente potrebbe pensare che la minaccia alata fosse lì. Prima di entrare nel merito dell'argomento, però, ecco un po' di informazioni di base su ciò che accadde a Chernobyl. La Commissione di regolamentazione nucleare degli Stati Uniti ha detto del terribile incidente: "Il 26 aprile 1986, un improvviso aumento di potenza durante un test dei sistemi del reattore ha distrutto l'unità 4 della centrale nucleare di Chernobyl, in Ucraina, nell'ex Unione Sovietica. L'incidente e l'incendio che ne seguì rilasciarono massicce quantità di materiale radioattivo nell'ambiente. Le squadre di emergenza che hanno risposto all'incidente hanno usato elicotteri per versare sabbia e boro sulle macerie del reattore. La sabbia serviva a fermare il fuoco e ulteriori rilasci di materiale radioattivo; il boro a prevenire ulteriori reazioni nucleari. Poche settimane dopo l'incidente, gli equipaggi coprirono completamente l'unità danneggiata in una struttura temporanea di cemento, chiamata 'sarcofago', per limitare ulteriori rilasci di materiale radioattivo".

Il film delle profezie sull'Uomo Falena e il disastro di Chernobyl dell'aprile 1986: Qual è la verità?


La Commissione ha detto che: "Il governo sovietico ha anche tagliato e sepolto circa un miglio quadrato di foresta di pini vicino alla centrale per ridurre la contaminazione radioattiva nel sito e nelle sue vicinanze". Gli altri tre reattori di Chernobyl sono stati successivamente riavviati, ma alla fine tutti hanno chiuso definitivamente, con l'ultimo reattore che ha chiuso nel 1999. Le autorità nucleari sovietiche presentarono il loro rapporto iniziale sull'incidente a una riunione dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica a Vienna, in Austria, nell'agosto 1986. Dopo l'incidente, i funzionari chiusero l'area di Chernobyl entro 30 chilometri (18 miglia) dall'impianto, eccetto per le persone con affari ufficiali nell'impianto e quelle persone che valutavano e trattavano le conseguenze dell'incidente e operavano i reattori non danneggiati. Il governo sovietico (e poi russo) ha evacuato circa 115.000 persone dalle zone più pesantemente contaminate nel 1986, e altre 220.000 persone negli anni successivi".

Il film delle profezie sull'Uomo Falena e il disastro di Chernobyl dell'aprile 1986: Qual è la verità?


Detto questo, è il momento di dare un'occhiata alla controversa connessione di Chernobyl. O, non connessione. Il Portalista dice: "Nei decenni successivi al disastro, le voci sono volate negli angoli di internet inclini alla criptozoologia che i lavoratori di Chernobyl e i residenti di Pripyat hanno visto qualcosa di molto inquietante nei giorni precedenti l'esplosione." Il Portalista continua: "Secondo quanto riferito, una bizzarra creatura alata è stata vista volare sopra la città in numerose occasioni. Anche alcuni lavoratori di Chernobyl avrebbero visto la stessa creatura librarsi sopra l'impianto. Ancora più strano, coloro che sostenevano di aver visto la creatura erano afflitti da incubi e molestati da incessanti telefonate minacciose. Molti hanno affermato che la creatura assomigliava a un uccello simile a un uomo con gli occhi rossi, e alcuni sono arrivati a chiamarla 'l'uccello nero di Chernobyl'".


Ora passiamo a Loren Coleman, che dice di tutto questo: "John Keel ed io abbiamo discusso apertamente con i media, e abbiamo fatto del nostro meglio per chiarire la storia del mito che è diventato il racconto del 'Mothman' di Chernobyl. La storia di Chernobyl, il legame uragano Galveston-Mothman e altri esempi riportati nel film del 2002 erano pura finzione". Loren ha continuato dicendo che "subito dopo l'uscita del film, vari siti web hanno pubblicato gli avvistamenti di Chernobyl/Mothman come reali. Ma non c'è un solo filo di prova che dimostri che prima dell'incidente di Chernobyl siano stati avvistati degli strani esseri alati. Si tratta di un po' di finzione cinematografica che, sfortunatamente, si è spostata nella criptozoologia pseudo-factoide". La situazione, però, non è del tutto conclusa. Ora dobbiamo tornare indietro di trent'anni.

Il film delle profezie sull'Uomo Falena e il disastro di Chernobyl dell'aprile 1986: Qual è la verità?


Nel 1991, IllumiNet Press ha pubblicato una nuova edizione del libro di John Keel del 1975, The Mothman Prophecies. Alla fine del libro c'è una nuova postfazione di 7 pagine di Keel datata 10 luglio 1991. Verso la fine della Postfazione Keel dice qualcosa di interessante: "La storia si ripete e negli anni '80 l'Unione Sovietica fu improvvisamente sommersa da UFO e mostri in una classica ripetizione di ciò che accadde negli USA negli anni '50 e '60. Come nella Grande Onda Americana di quei decenni, tutto sembrava avere significati molto importanti e gli innumerevoli eventi erano soggetti ad ogni tipo di interpretazione che andava dall'occulto e religioso allo scientifico e al cosmico. Le luci brillanti infestavano gli impianti atomici sovietici e centinaia di piccole città russe remote erano immerse nello stesso tipo di orrore alla "Twilight Zone" che un tempo attanagliava Point Pleasant".


Facendo riferimento, nel 1991, (A) all'Unione Sovietica "sommersa da UFO e mostri"; (B) alle "centrali atomiche sovietiche"; e (C) alle "piccole città russe" "immerse nello stesso tipo" di orrore che scese su Point Pleasant, è possibile che sia stato lo stesso Keel a contribuire inavvertitamente a provocare le leggende di Chernobyl [corsivo mio]. Certamente, è facile capire come e perché i riferimenti di Keel agli impianti atomici sovietici e ai mostri in Russia - e tutto nello stesso respiro, niente di meno - potrebbero aver provocato voci di un collegamento con Chernobyl negli anni successivi.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia