Il principe Filippo e il mostro di Loch Ness

Il principe Filippo e il mostro di Loch Ness


A pochi giorni dal funerale di S.A.R. il Principe Filippo, Duca di Edimburgo, non sarebbe fuori luogo menzionare dei vari e numerosi articoli e documentari, per i quali aveva un interesse per i misteri della vita.


Ascoltando i vari tributi al Duca di Edimburgo, ho saputo che aveva accumulato un totale di oltre diecimila libri nella sua biblioteca a Buckingham Palace. Questi avrebbero coperto una vasta gamma di argomenti per saziare la sua mente indagatrice. Navale, storico, equino, teologico e altri riempivano gli scaffali e apparentemente anche il suo vivo interesse per gli UFO dopo che uno di essi era presumibilmente atterrato nella tenuta di suo zio, Lord Mountbatten (vedi link).


Quell'interesse sembrava essere persistito, dato che ci viene detto che solo nel 2019, stava leggendo un libro sull'incidente UFO di Rendlesham Forest nel Suffolk. A quanto pare ha accumulato un numero considerevole di libri su quell'argomento. Ma che dire dell'altro mistero che nuota nelle profondità di Loch Ness? Quanti libri possedeva su quell'argomento? Sospetto più di una manciata.


Negli anni '60 e '70, sembrerebbe che fosse abbastanza ben collegato sull'argomento attraverso la sua associazione con Sir Peter Scott (entrambi sotto). Il loro amore condiviso per l'ornitologia e il lavoro di conservazione ha portato a un'amicizia duratura. Il lavoro di Scott con il mostro di Loch Ness è ben noto. Infatti, nello stesso anno in cui invitava il principe Filippo ad essere il primo presidente del World Wildlife Fund, stava anche creando un'altra organizzazione, il Loch Ness Phenomena Investigation Bureau.


Era improbabile che invitasse il principe a patrocinare una tale organizzazione allo stesso modo, soprattutto dopo l'imbarazzante episodio dell'anno precedente in cui Scott aveva usato le sue connessioni reali per convincere la regina e il duca di Edimburgo ad essere tra i primi spettatori del film di Tim Dinsdale e a discutere della creatura che veniva chiamata "Elizabethia Nessiae" in suo onore.

Il principe Filippo e il mostro di Loch Ness


Tuttavia, è abbastanza certo che Sir Peter Scott tenesse il Duca al corrente degli sviluppi del loch, specialmente quando tendevano a sedere insieme alle riunioni del consiglio del WWF. Si sospetta, però, che la prudenza gli impedisse di registrare tali conversazioni private. Una fonte migliore proviene dal libro di David Clarke, "Britain's X-traordinary Files". In esso menziona come un altro dei fondatori del Loch Ness Phenomena Investigation Bureau, David James, sia stato coinvolto.


Apprendiamo che James ebbe una conversazione con il principe Filippo riguardo ai suoi piani per il Bureau al lago e come finanziarlo dopo la loro seconda spedizione lì. Scommetto che Peter Scott fece incontrare i due. La risposta del principe fu di contattare Solly Zuckerman, consigliere scientifico capo del ministero della difesa. Il prestito di attrezzature e competenze sonar è stato discusso, ma il Ministero della Difesa non ha ritenuto prudente essere visto utilizzare risorse militari nella ricerca di un mostro. David sottolinea anche sul suo blog un altro caso in cui il Duca è stato coinvolto:

Infatti quando gli avvistamenti ricominciarono dopo la guerra, il Duca di Edimburgo suggerì di chiamare la Royal Navy per risolvere il mistero.


Sembra che anche questo suggerimento non sia andato molto lontano. Il Duca di Edimburgo evidentemente aveva un amore per i misteri, ma siamo lasciati con una domanda senza risposta a cui lui non è più qui per rispondere - cosa pensava che fosse il mostro? Ho il sospetto che la risposta sarebbe dipesa dall'anno in cui gliel'avete chiesto. 


Forse la sua ultima risposta sarebbe stata "un mucchio di dannate sciocchezze", che sembrava una frase attribuita a lui. 


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia