Il testimone del rapimento alieno di Travis Walton ritratta

Il testimone del rapimento alieno di Travis Walton ritratta


Il mondo dell'ufologia ruota attorno ad alcune famose storie di avvistamenti e rapimenti. Un racconto di rapimento che ha resistito alle prove del tempo, degli scettici, delle indagini e di una rappresentazione cinematografica è quello di Travis Walton. Nel 1975, sei colleghi boscaioli a Snowflake, Arizona, tra cui un certo Mike Rogers, riferirono alle autorità locali di aver incontrato un disco volante verso il quale Travis era saltato dal camion e aveva corso, solo per essere buttato a terra da un raggio di luce. Pensando che fosse morto, lo lasciarono e, quando tornarono con i cercatori, non riuscirono a trovarlo. Walton si presentò cinque giorni dopo con la storia di essere stato rapito e portato su una nave spaziale, di aver incontrato due specie di alieni e di essere stato abbandonato a poche miglia di distanza. I testimoni, specialmente l'amico di Walton, il capo dell'equipaggio e camionista Mike Rogers, rimasero fedeli alle loro storie e superarono i test della macchina della verità. Walton scrisse "The Walton Experience" che divenne la base per il film del 1993 "Fire in the Sky" e ha continuato a raccontare la sua storia. (Una ricerca su Google porta a molti resoconti della storia.) Per quanto riguarda Mike Rogers ...

"Io, Michael H. Rogers, essendo di mente sana e razionale, comunico che non sono più da considerare un testimone del presunto rapimento di Travis C. Walton del 5 novembre 1975".

Il testimone del rapimento alieno di Travis Walton ritratta
Travis Walton

Questo post è apparso sulla pagina Facebook di Rogers il 19 marzo 2021. Dopo tutti questi anni, sta dicendo che il rapimento alieno di Travis Walton che ha detto di aver visto nel 1975 non è mai avvenuto e che lui, Mike Rogers, è un bugiardo di sana pianta? I commenti su questo post e altri nei giorni successivi potrebbero formare un altro libro - o meglio ancora, una sceneggiatura di soap opera - ma non rispondono realmente alla domanda. In una risposta a una domanda simile, Rogers dice:

"No, non era una truffa o una bufala, per quanto ne so, ***. Ma non si sa mai?"


Per quanto ne sa lui? Non si sa mai? Questo è piuttosto vago - come un'osservazione fatta per ottenere attenzione piuttosto che rilasciare nuove informazioni o fare una confessione. I commenti e i contro-commenti sui post - specialmente il botta e risposta tra Rogers e lo stesso Travis Walton - suggeriscono una sorta di vendetta personale alla fonte... e quella vendetta è, non a caso, sui soldi. Sembra che nei post si parli di un remake di "Fire in the Sky" e si sottintende che questo sia alla base di questa grande - almeno nel mondo dell'ufologia - lotta. Il denaro è stato una parte di questa storia fin dall'inizio, con il National Enquirer che ha dato a Walton e ai suoi collaboratori un premio di 5.000 dollari per il "miglior caso UFO dell'anno" dopo aver superato i test della macchina della verità amministrati dall'Enquirer.


"Ho aspettato molto tempo per dire questo... Sono molto stanco di tenermelo dentro".


Vi sembra qualcuno che cerca una fetta più grande della torta o qualcuno che ha a che fare con la copertura di una bugia per 45 anni? Travis Walton si attiene alla sua storia, che non è cambiata in 45 anni. Questo, più i testimoni, è ciò che ha dato alla sua storia tanta credibilità e durata. Al momento in cui scrivo, non sembrano esserci altri testimoni che si fanno avanti per discolparsi. I post successivi sulla pagina Facebook di Rogers indicano molti altri commenti "Ha detto... ha detto" e, va notato, la promozione di un libro di illustrazioni a cui Rogers sta lavorando.


Una soap opera della vita reale farà crollare uno dei più duraturi casi di UFO e rapimenti alieni di tutti i tempi? Non si sa mai. Si può dire che questa storia è tutt'altro che finita.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia