Pandemia o PLANdemia? Come e cosa è successo?

Pandemia o PLANdemia? Come e cosa è successo?


Puoi supportare le persone dietro questo lavoro con una donazione qui. E' incentrato sul servizio sanitario nazionale del Regno Unito, ma non troverai grosse differenze a confronto con altri stati.

Più di un anno dopo l'ordine di "Restare a casa > Proteggere il servizio sanitario nazionale > Salvare vite", vale la pena chiedersi perché e come siamo arrivati qui. Questa pandemia ha avuto più di un anno di vita e come è nata è un argomento estremamente controverso e divisivo. Possiamo speculare su quanto indietro dobbiamo guardare per individuare quando una pandemia di questa natura è stata anticipata per la prima volta. Per gli scopi di questo articolo, mi concentrerò su alcune date chiave degli ultimi anni e sull'anno passato della pandemia stessa.


Questo articolo è stato scritto da DomJazzSoul.

L'influenza suina (H1N1) e la definizione di "pandemia" dell'OMS

Il 4 maggio 2009, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha cambiato la sua definizione di pandemia d'influenza eliminando dalla sua descrizione l'impatto risultante di "un enorme numero di morti e malattie". Questo cambiamento è stato fatto appena prima, e alcuni sostengono per consentire la dichiarazione di una pandemia dallo scoppio dell'influenza "suina" (H1N1) un mese dopo. Le proiezioni dell'impatto del virus erano desolanti e di conseguenza molti paesi hanno acquistato grandi quantità di vaccini, anche se sottoutilizzati, per proteggere le loro popolazioni. Nonostante questo, il numero di morti fu basso e tuttavia milioni di persone furono vaccinate con farmaci approvati dopo studi clinici minimi e con l'indennizzo fornito ai loro produttori. La seguente clip di Channel 4 è una buona introduzione a questa debacle. Purtroppo, alcuni dei destinatari di questi farmaci hanno sofferto di reazioni avverse che hanno cambiato la vita, come lo sviluppo della narcolessia.


Scenari pandemici

Nel 2010, un anno dopo l'epidemia di influenza suina, la Fondazione Rockefeller ha pubblicato un rapporto intitolato Scenarios for the Future of Technology and International Development. Il rapporto esaminava l'uso della tecnologia nell'affrontare scenari mondiali futuri. Uno di questi scenari, intitolato "Lock Step", prevedeva una futura pandemia di influenza molto peggiore dell'epidemia H1N1 dell'anno precedente. Prevedeva l'impatto dannoso che questo avrebbe avuto sulle economie mondiali e sui viaggi internazionali. Descrive come paesi, come la Cina, se la siano cavata meglio imponendo misure come la quarantena e l'uso di maschere alle sue popolazioni. Anche quando la pandemia si è attenuata, il controllo autoritario del governo è rimasto e, in alcuni casi, si è intensificato.

Saltiamo al 2019 e il Global Preparedness Monitoring Board (GPMB), affiliato all'OMS, ha rilasciato il suo primo rapporto annuale Un mondo a rischio. Il rapporto ha lo scopo di catturare la capacità del mondo di rispondere alle principali minacce per la salute, evidenziando le azioni che i leader mondiali devono intraprendere.

Il rapporto ha stabilito una serie di indicatori di progresso per il prossimo anno, compresa la seguente raccomandazione:

Le Nazioni Unite (compresa l'OMS) conducono almeno due esercizi di addestramento e simulazione in tutto il sistema, compreso uno che copre il rilascio deliberato di un patogeno respiratorio letale.


Esercizi di pandemia: Clade X e Evento 201

Parlando di esercizi di simulazione, uno di questi era avvenuto nel maggio 2018 e un altro ancora più significativo un mese dopo il primo rapporto GPMB, nell'ottobre 2019. Il primo esercizio, ospitato dal Johns Hopkins Center for Health Security, si concentra sulla risposta al rilascio intenzionale del nuovo virus Clade X che causa la morte del 2% della popolazione globale, devastazione economica, carestia e disordini civili.

L'anno successivo, il 18 ottobre 2019, la Johns Hopkins insieme al World Economic Forum e alla Bill & Melinda Gates Foundation ha ospitato la prossima esercitazione sulla pandemia, Event 201.


L'evento 201 simula un'epidemia di un nuovo coronavirus zoonotico trasmesso dai pipistrelli ai maiali alle persone che alla fine diventa efficacemente trasmissibile da persona a persona, portando a una grave pandemia. L'agente patogeno e la malattia che causa sono modellati in gran parte sulla SARS.


Questo esercizio si concentra nuovamente sull'impatto sanitario, economico e sociale di una pandemia e tocca le soluzioni che coinvolgono la limitazione della libertà di movimento e la lotta alla disinformazione, soprattutto online, "inondando la zona". Guarda i punti salienti qui.


Prima di questi esercizi, il Servizio Sanitario Nazionale (NHS) e i partner in Inghilterra avevano anche ospitato il proprio esercizio di influenza pandemica il 18-20 ottobre 2016, intitolato Exercise Cygnus. Il rapporto di questa esercitazione non è stato pubblicato fino al 2020, dopo che erano state fatte notevoli pressioni sul governo per farlo. L'esercizio ha rilevato che la preparazione del Regno Unito per una pandemia di influenza era "insufficiente" con particolare attenzione al settore delle case di cura.


Wuhan e il focolaio

Alla fine del 2019, una serie di malattie respiratorie sono state registrate a Wuhan, in Cina. All'inizio del 2020, è emerso che i malati erano stati infettati da un nuovo coronavirus successivamente etichettato come SARS-CoV-2. Nelle settimane successive sono stati identificati dei casi nei paesi vicini e che si stava verificando una trasmissione da uomo a uomo. Alla fine di gennaio, Wuhan e altre parti della Cina erano in "Lockdown" e la malattia aveva raggiunto l'Europa.

Fonte: The Guardian

L'inizio di febbraio ha visto il curioso caso della nave da crociera Diamond Princess in partenza da Hong Kong. Poiché uno dei passeggeri era risultato positivo al coronavirus, la nave fu immediatamente messa in quarantena per 14 giorni. Le quarantene dovevano essere una risposta comune alle epidemie del virus e alla fine di febbraio la regione settentrionale dell'Italia è stata messa sotto stretta sorveglianza nel tentativo di fermare la diffusione della malattia respiratoria ora nota come COVID-19. Particolare attenzione è stata posta sulla provincia di Bergamo nella regione della Lombardia, dove sono state riportate storie dell'esercito chiamato ad assistere nella rimozione dei cadaveri. All'inizio di marzo furono introdotte severe misure sanitarie in tutta l'Italia e altri paesi dell'Europa continentale seguirono l'esempio. Allo stesso tempo, il direttore generale dell'OMS dichiarò COVID-19 una "pandemia globale".


Lo stato del COVID-19 nel Regno Unito

Il Regno Unito si è considerato in ritardo di qualche settimana rispetto all'Europa e come tale la sua risposta iniziale è stata quella di permettere al virus di circolare per creare una "immunità di gregge" nella popolazione. Tuttavia, il 13 marzo è stato annunciato che le elezioni locali sarebbero state sospese per un anno. Nonostante le misure adottate, in particolare nel settore sanitario, lo status di COVID-19 come malattia infettiva ad alte conseguenze (HCID) è stato declassato il 19 marzo.

A partire dal 19 marzo 2020, COVID-19 non è più considerata una malattia infettiva ad alto rischio (HCID) nel Regno Unito. Il gruppo HCID di salute pubblica delle 4 nazioni ha fatto una raccomandazione provvisoria nel gennaio 2020 per classificare COVID-19 come una HCID. Questo si è basato sulla considerazione dei criteri HCID del Regno Unito sul virus e la malattia con le informazioni disponibili durante le prime fasi dell'epidemia. Ora che si sa di più su COVID-19, gli organismi di salute pubblica del Regno Unito hanno rivisto le informazioni più aggiornate su COVID-19 rispetto ai criteri HCID del Regno Unito. Hanno stabilito che diverse caratteristiche sono ora cambiate; in particolare, sono disponibili più informazioni sui tassi di mortalità (bassi nel complesso), e ora c'è una maggiore consapevolezza clinica e un test di laboratorio specifico e sensibile, la cui disponibilità continua ad aumentare. Anche il Comitato consultivo sugli agenti patogeni pericolosi (ACDP) è del parere che il COVID-19 non debba più essere classificato come HCID.
Fonte: Gov.UK (HCID)

Politica sanitaria e comunicazione

Il 17 marzo l'NHS ha chiesto agli ospedali di cancellare tutte le operazioni non urgenti e di dimettere tutti i pazienti idonei dal punto di vista medico con l'obiettivo di liberare 30.000 letti d'ospedale. Sulla base di "dati internazionali e britannici emergenti", all'NHS è stato detto di prepararsi per un gran numero di pazienti ricoverati che richiedono supporto respiratorio. Il processo per la dimissione accelerata dei pazienti è stato stabilito in COVID-19 aggiornato requisiti del servizio di scarico dell'ospedale il 19 marzo. Al servizio sanitario è stato detto che "qualsiasi risorsa extra di cui il nostro NHS ha bisogno per far fronte al coronavirus - la otterrà".


Lockdown e tre settimane per "appiattire la curva"

Due giorni dopo l'approvazione del regolamento sul Coronavirus, il primo ministro britannico si è rivolto alla nazione il 23 marzo, istruendo la gente a rimanere a casa, iniziando effettivamente la prima chiusura del Regno Unito in risposta al COVID-19. Alcuni critici hanno poi sostenuto che l'Inghilterra ha aspettato troppo a lungo per l'isolamento e che il suo precedente approccio di "immunità di gregge" era irresponsabile. Tuttavia, in seguito si è scoperto che il blocco della nazione era sempre stato inevitabile, poiché i contratti pubblicitari erano stati concordati settimane prima della decisione.

Il periodo iniziale di isolamento doveva essere di tre settimane per "appiattire la curva", descrivendo efficacemente come gli interventi fossero destinati a ritardare e ridurre l'impatto della pandemia sulla salute della nazione e sui servizi sanitari. Il segretario alla salute ha annunciato piani per costruire ospedali Nightingale in tutto il paese per fornire ulteriore capacità di assistenza critica. L'isolamento è durato più di tre settimane con un graduale allentamento delle restrizioni a partire dall'inizio di giugno, ma con un certo numero di interventi non farmaceutici (NPI) da mantenere in vigore, come il "distanziamento sociale". L'obbligo di indossare coperture per il viso è stato introdotto a metà giugno, nonostante le prove precedenti che indicavano la loro efficacia limitata, uno dei molti annunci di inversione a U durante l'anno scorso.


Scientific Advisory Group for Emergencies (SAGE - Gruppo consultivo scientifico per le emergenze)

I regolamenti sui coronavirus sono presumibilmente "guidati dalla scienza", gran parte della quale è informata dallo Scientific Advisory Group for Emergencies (SAGE). Il SAGE, che consiglia il governo su tali eventi a partire dalla suddetta pandemia di influenza del 2009, è composto dal campo accademico e pratico. Il sottogruppo SAGE Influenza pandemica scientifica sul comportamento e le comunicazioni (SPI-B&C) ha evidentemente avuto un ruolo chiave nell'informare la politica. I verbali di una delle riunioni del SAGE all'inizio della pandemia hanno addirittura suggerito quanto segue:

"Il livello percepito di minaccia personale deve essere aumentato tra coloro che sono compiacenti, usando una messaggistica emotiva duramente colpita".


La risposta è stata rispecchiata in tutto il mondo, una strategia mondiale per aumentare i livelli di paura per giustificare le misure draconiane attuate in nome della salute pubblica. Per sostenere la diffusione di questa messaggistica che induce paura, il governo ha emesso specifiche linee guida di trasmissione attraverso il suo Ufficio delle Comunicazioni (Ofcom).

Spetta ad ogni emittente prendere una decisione editoriale su come fornire un'adeguata protezione per il loro pubblico in queste circostanze. Ciò potrebbe essere ottenuto in diversi modi, tra cui assicurando una sfida tempestiva e solida da parte dei presentatori del programma o di altri ospiti. I presentatori dovrebbero quindi essere pronti a intervenire per fornire una sfida sufficientemente forte e un contesto nel caso in cui i collaboratori del programma facciano commenti potenzialmente imprecisi o dannosi sul Coronavirus.
Fonte: Ofcom letter to broadcasters

Di conseguenza, abbiamo assistito a rapporti unilaterali e a un ridotto controllo giornalistico della politica del governo sul COVID-19. Questa messaggistica ha avuto un profondo impatto sulla soppressione del dibattito scientifico pubblico, come catturato da questo pezzo della BBC Newsnight dello scorso novembre.



Fornitura di dispositivi di protezione individuale (DPI) e ventilatori

Nonostante la notevole quantità di risorse impegnate per affrontare la COVID-19, ci sono state sfide logistiche per quanto riguarda la fornitura di dispositivi di protezione individuale (DPI) al personale sanitario e di assistenza e le preoccupazioni circa la disponibilità di ventilatori meccanici per il trattamento dei pazienti in terapia critica. Nonostante la richiesta di ventilatori, è emerso in seguito che i risultati sono migliori con i trattamenti non invasivi e che la diminuzione dell'uso dei ventilatori ha coinciso con la riduzione delle possibilità di morte.


Test & traccia e la definizione di un "caso"

Un'altra delle misure chiave che richiedono risorse ritenute necessarie per misurare e gestire l'impatto di COVID-19 è il test per identificare la diffusione e il volume dei casi di coronavirus. Il segretario alla salute ha iniziato un programma ambizioso nell'aprile 2020 con l'obiettivo di raggiungere 100.000 test al giorno entro la fine di quel mese. Da allora i volumi di test hanno superato 1 milione al giorno. I casi di COVID-19 sono identificati prevalentemente attraverso il campionamento di tamponi e l'analisi con test di reazione a catena della polimerasi (PCR) piuttosto che affidarsi alla diagnosi clinica. Grazie a questo approccio i casi positivi possono essere identificati in persone senza sintomi.

Il test dei soggetti asintomatici è ritenuto necessario sulla base del fatto che la trasmissione può avvenire senza sintomi, nonostante non sia stato precedentemente considerato un fattore di diffusione della malattia respiratoria e senza prove scientifiche del suo verificarsi. L'identificazione di casi senza sintomi è resa possibile anche dalla metodologia di test PCR che non distingue se i risultati positivi sono infettivi. I risultati possono benissimo identificare che le tracce del virus che sono presenti da settimane o addirittura mesi prima del tampone. Molte preoccupazioni sono state sollevate anche per quanto riguarda il tasso di falsi positivi (dove la persona non è malata, ma il test segnala in modo impreciso che lo è) prodotti dai test PCR.

L'identificazione dei casi è il motore della prevalenza e anche una componente chiave per determinare se i decessi sono associati o causati dalla presenza del coronavirus. Dalla prima segnalazione, i casi di morte per COVID-19 sono stati segnalati per qualsiasi morte di una persona che era precedentemente risultata positiva al coronavirus in qualsiasi momento, il che significa effettivamente che dopo un test positivo non si può più guarire dal COVID-19. Questa anomalia è stata modificata per segnalare i decessi entro 28 giorni da un test positivo e/o quando il COVID-19 era menzionato sul certificato di morte del deceduto.


Morti in eccesso

La mortalità in eccesso è una misura più completa dell'impatto totale della pandemia sui decessi rispetto al solo conteggio dei decessi confermati COVID-19. I decessi in eccesso sono definiti dal volume di decessi osservati al di sopra della quantità prevista in condizioni "normali", che di solito si basa sulla media dei 5 anni precedenti.


Il grafico sottostante dell'Office for National Statistics (ONS) presenta il livello di eccesso di decessi per luogo di morte nei primi mesi della pandemia in Inghilterra. In particolare, l'eccesso maggiore si è verificato nelle case di cura e nelle case private.

C'è stata una notevole controversia sui decessi nelle case di cura, dato che molti pazienti sono stati dimessi dagli ospedali all'inizio della primavera e successivamente molti residenti sono morti senza vedere i loro parenti a causa delle strette restrizioni sociali che sono state messe in atto. Si è anche scoperto che sono stati emessi ordini di non tentare la rianimazione cardiopolmonare (DNACPR) sui residenti delle case di cura all'inizio della pandemia, causando morti potenzialmente evitabili.


La tendenza settimanale delle morti in eccesso dall'inizio dell'anno scorso racconta una storia interessante. Sembra strano che una malattia che era stata in circolazione durante i mesi invernali non abbia avuto un impatto sulla mortalità fino alla primavera, quando è stata annunciata una pandemia e sono state messe in atto restrizioni di isolamento. Dato che non c'è stato alcun eccesso di mortalità prima dell'isolamento, alcuni potrebbero sostenere che queste morti aggiuntive sono dovute all'isolamento piuttosto che al COVID-19.

Mentre le morti in eccesso negli ospedali e nelle case di cura sono arrivate a "ondate", si sono verificate nelle case private ogni settimana dall'inizio della pandemia. Questo è molto probabilmente l'effetto di un accesso ridotto all'assistenza sanitaria dovuto alle politiche del NHS o al comportamento della popolazione indotto dalla pandemia.

La classificazione dei decessi per COVID ha suscitato notevoli controversie. Le linee guida dell'OMS pubblicate in aprile hanno chiarito che la COVID-19 dovrebbe essere registrata sui certificati di morte quando essa o qualsiasi altro coronavirus ha causato, o si sospetta abbia contribuito alla morte. Come accennato in precedenza, la morte per COVID-19 include anche qualsiasi entro 28 giorni da un test PCR positivo. I decessi ospedalieri in Inghilterra sono segnalati attraverso diverse disaggregazioni tra cui etnia, sesso e gruppo di età e la presenza di condizioni preesistenti. I dati riportati di seguito indicano che il 96% dei decessi COVID-19 avvenuti in ospedale riguardava pazienti con una o più condizioni preesistenti e più della metà aveva più di 80 anni. Al momento della segnalazione, i decessi ospedalieri per COVID al di sotto dei 60 anni e senza condizioni preesistenti note sono 691 su una popolazione di 56 milioni di persone.

Impatto più ampio sull'assistenza sanitaria

L'NHS è costantemente sotto pressione per le sue risorse, specialmente durante i mesi invernali. I piani per l'anno contrattuale 2020-21 dell'NHS sono stati messi in attesa dopo la dichiarazione della pandemia e, come descritto sopra, l'NHS è stato incaricato di "sgomberare i ponti" per creare capacità per un'ondata di pazienti COVID-19. Allo stesso tempo, l'NHS ha iniziato a raccogliere dati COVID-19 giornalieri dagli ospedali per quanto riguarda i pazienti e il personale, con il numero di ricoveri come metrica chiave. La definizione di un ricovero COVID-19 comprendeva i pazienti con sospetti sintomi COVID e quelli che risultavano positivi al test PCR. È possibile contare due volte i pazienti se prima si sospetta e poi si conferma la presenza di COVID-19 e vale anche la pena notare che queste cifre includono una proporzione significativa di casi asintomatici. Il picco di pazienti ricoverati per COVID si è verificato a metà aprile e ha raggiunto oltre 21.000. Tuttavia, degli ospedali Nightingale eretti rapidamente, solo quello di Londra fu utilizzato, e il picco di pazienti ricoverati fu di 33 su 500 letti disponibili il 19 aprile. Nella seconda ondata, l'NHS incontrò un maggior volume di pazienti COVID-19 positivi in ospedale. Tuttavia, le proporzioni erano molto simili alla primavera, poiché questa volta i trattamenti elettivi non sono stati cancellati di routine.

L'annuncio di una 'pandemia' e il mantra di accompagnamento di "stare a casa e proteggere il NHS" ha certamente ridotto il carico di cure di emergenza sul NHS. Le statistiche di Accident & Emergency (A&E) degli ultimi due anni indicano che le presenze e i ricoveri di emergenza sono calati significativamente nella primavera del 2020 e devono ancora recuperare i livelli pre-pandemia.

Chiamata a NHS 111 servizi aumentati significativamente dopo l'arrivo annunciato di coronavirus, tuttavia il numero risultante in ambulanze essere disposto non è aumentato indicando un aumento di ansia pubblica intorno COVID piuttosto che la presenza di sintomi gravi. Infatti, i trasporti in ambulanza ai dipartimenti di emergenza sono diminuiti nei mesi primaverili.

Sebbene si riconosca che i pazienti più gravemente malati hanno bisogno di cure critiche, la maggior parte dei pazienti ricoverati positivi alla COVID sono trattati in letti generali del NHS. Durante la primavera 2020 una media giornaliera di 10.000 letti generali del NHS sono stati chiusi (alcuni sono stati riproposti come cure critiche) rispetto ai trimestri precedenti e i livelli di occupazione erano meno di due terzi del trimestre corrispondente dell'anno precedente. Per quantificare questo c'erano oltre 3 milioni di notti di letto inutilizzate nel primo trimestre, il culmine della pandemia. Alcune chiusure di letti erano anche dovute a un alto livello di malattia del personale durante la prima ondata. È forse sorprendente che non ci sia stato un aumento corrispondente dei turni di banca e di agenzia per coprire queste assenze.

Al momento della scrittura, l'impatto su altri settori della sanità è stato profondo. Il numero di pazienti che aspettano più di un anno per un trattamento NHS è aumentato da 1.600 a 304.000 nello spazio di un anno e anche i trattamenti contro il cancro si sono ridotti significativamente durante i mesi primaverili. L'accesso ridotto alle cure primarie ha anche visto un calo significativo nelle consultazioni faccia a faccia dei medici di base e nei rinvii alle cure secondarie durante lo stesso periodo. Mentre i servizi del NHS sono ora concentrati sul recupero, l'impatto sui gruppi vulnerabili ed emarginati è stato estremo e si prevede che da questo periodo difficile nascerà una pandemia di malattia mentale.


Le vaccinazioni e la seconda ondata

Lo sviluppo di vaccini per trattare una malattia enigmatica è iniziato nel gennaio 2020, due mesi prima che COVID-19 fosse dichiarata pandemia. Il codice genetico è stato rilasciato dalla Cina l'11 gennaio 2020 e il protocollo di sperimentazione è stato approvato solo due giorni dopo. Tutto questo nonostante il messaggio contrario del Centro cinese per il controllo delle malattie (CDC) un anno dopo che il virus non era stato isolato.


Il governo britannico ha condotto una consultazione nel settembre 2020 sulle modifiche ai regolamenti di medicina umana per sostenere il lancio dei vaccini COVID-19. Questo ha stabilito l'intenzione di concedere l'approvazione per "l'autorizzazione temporanea della fornitura di prodotti senza licenza", rafforzare la protezione dei produttori dalla responsabilità, espandere la forza lavoro che può somministrare i vaccini ed eliminare il divieto di promuovere farmaci senza licenza.


Più o meno nello stesso periodo la strategia precedentemente sostenuta per acquisire una naturale "immunità di gregge" non era più possibile secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità che cambiò la sua definizione per affermare che poteva essere raggiunta solo attraverso la vaccinazione.


Il primo vaccino ha ottenuto l'approvazione del Regno Unito all'inizio di dicembre, la cui somministrazione è iniziata una settimana dopo iniziando con gli anziani, i clinici vulnerabili e gli operatori sanitari e di assistenza in prima linea. Sfortunatamente l'impatto non è stato abbastanza rapido da prevenire una seconda ondata di morti per eccesso di COVID-19, molte delle quali si sono verificate negli ospedali e nelle case di cura.

Il fatto che l'aumento dei decessi si sia verificato nello stesso periodo del lancio della vaccinazione di massa ha guadagnato una certa attenzione da parte dei giornalisti indipendenti. Ci sono stati anche molti casi di picchi di morti nelle case di cura dopo che i residenti hanno ricevuto le loro vaccinazioni COVID-19, nonostante le affermazioni che la correlazione non prova la causalità. Applicando la stessa logica che viene usata per le morti del COVID-19, sarebbe interessante conoscere il numero di morti entro quattro settimane dalla vaccinazione.


Dati e confronti internazionali

Mentre molti possono suggerire che l'impatto del COVID-19 potrebbe essere stato peggiore senza le restrizioni del coronavirus, è difficile ignorare l'approccio adottato dalla Svezia. A differenza della maggior parte dei paesi europei, la Svezia non ha imposto restrizioni e di conseguenza non è andata peggio in termini di mortalità da COVID-19. Forse non sorprende che questo sia ancora un argomento di grande dibattito.


Confronti diretti possono ora essere fatti anche tra gli stati americani, dove alcuni rimangono completamente aperti, e altri sono ancora sotto gradi di chiusura con l'obbligo di maschera nei luoghi pubblici. Nonostante un numero molto inferiore di regole e restrizioni, la Florida si trova da qualche parte nel mezzo di tutti gli stati su una varietà di metriche di coronavirus ed è andata particolarmente meglio della California, che è ancora in isolamento, negli ultimi mesi.

Forse la risposta più radicale e "leggera" al COVID-19 era presente in Tanzania dove il presidente recentemente scomparso, John Magufuli, ha proposto tre giorni di preghiera per combattere il coronavirus e certamente nessun blocco. Magufuli aveva precedentemente messo in dubbio l'accuratezza dei test PCR per il coronavirus, restituendo risultati di test positivi per una capra e un frutto di papaia.


La presenza di COVID-19 ha anche avuto un impatto sulla prevalenza, così come il trattamento, di altre malattie. Dato che il COVID viene diagnosticato prevalentemente tramite test piuttosto che tramite i sintomi, c'è una maggiore probabilità di diagnosi errate. I cosiddetti "esperti" hanno dichiarato che la riduzione dei casi di influenza quest'inverno è dovuta all'uso di disinfettanti per le mani, maschere e allontanamento sociale. Questa affermazione è fatta nonostante le stesse misure non abbiano sradicato il coronavirus. Il rapido declino dell'influenza è anche un fenomeno mondiale che per coincidenza è iniziato all'inizio della pandemia di COVID-19.

Pandemia o cosa?

Considerando la debacle dell'influenza suina N1N1, è evidentemente possibile dichiarare una pandemia quando probabilmente non lo è, e mentre quella si spegneva, i preparativi per la prossima, che avrebbe avuto un impatto maggiore, erano ben avviati. Il copione è stato scritto per una pandemia globale di agenti patogeni respiratori ad alto impatto.
Fonte: Bob Moran

La risposta alla minaccia del COVID-19 si è rispecchiata in tutto il mondo con i governi nazionali in Lockstep. Mentre il Regno Unito voleva sembrare avere un approccio diverso, il lockdown era sempre inevitabile. Il governo britannico ha firmato contratti pubblicitari multimilionari settimane prima del lockdown e prima che la COVID-19 fosse dichiarata "pandemia".


La messaggistica del governo britannico e la politica sanitaria hanno avuto un profondo impatto sul trattamento dei malati in tutti gli angoli della società. C'era un'ampia capacità di curare le persone in ospedale piuttosto che costringerle a morire nelle case e negli istituti di cura. Se ci fosse veramente una pandemia, perché dovrebbe aspettare mesi per avere un impatto sulla mortalità in eccesso e coincidere con chiusure, ritiro dell'assistenza sanitaria, dimissioni di massa degli anziani, aumento dell'uso degli ordini DNACPR, propaganda di massa che induce paura mentre le persone sono isolate e legate a casa?


Il NHS è stato iperprotetto e sovraccaricato da pratiche insensate implementate attraverso la lente del COVID-19. Viene da chiedersi: si tratta di una reazione eccessiva a una minaccia esagerata che alla fine fa più male che bene? La cura finora è stata peggiore della malattia.


Molte delle decisioni riguardanti la gestione del COVID-19 sembrano essere state politiche piuttosto che nell'interesse della salute pubblica. I confronti nazionali e internazionali e le voci ragionate (quando possono essere ascoltate) che criticano la politica del governo indicano che la risposta dominante alla pandemia è stata a beneficio delle corporazioni mondiali piuttosto che dei cittadini del mondo.


Le libertà personali vengono limitate in tutto il mondo, tutto in nome della lotta contro una malattia non più mortale di quella che sembra aver sostituito. Il mondo prescritto di un più stretto controllo governativo dall'alto e di una leadership più autoritaria è ora molto più di uno scenario pandemico.


Puoi supportare le persone dietro questo lavoro con una donazione qui.


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia