Vaccini Moderna e Pfizer - necessario vaccinare nuovamente dopo 6 mesi

Vaccini Moderna e Pfizer - necessario vaccinare nuovamente dopo 6 mesi


Una nuova ricerca sostiene che il vaccino Moderna COVID-19 durerà "almeno" sei mesi, ma suggerisce anche che nuovi colpi di richiamo saranno necessari quando la quasi-immunità del vaccino svanisce o emergono nuovi ceppi di COVID-19.


Avevamo già informato sulla seguente: Israele: doppia vaccinazione ogni 6 mesi


Secondo ABC Chicago, "Una nuova ricerca suggerisce che la protezione che il vaccino Moderna dà contro il COVID-19 dura almeno sei mesi" e "Il rapporto di martedì nel New England Journal of Medicine fa eco a ciò che Pfizer ha detto la scorsa settimana sul suo vaccino, che funziona in modo simile".


Tuttavia, se il livello di immunità dato dai vaccini - che non impediscono agli individui di contrarre il COVID-19, ma invece diminuiscono i sintomi - vacillasse, o se le varianti del virus di origine cinese non fossero controllate dal vaccino, i richiami diventeranno una necessità per coloro che cercano di essere completamente immunizzati contro la malattia, per non rischiare il tasso di recupero del 99%.


"Pfizer e Moderna hanno detto che stanno lavorando per aggiornare i loro vaccini, o eventualmente progettare un colpo di richiamo, nel caso in cui siano necessari contro le varianti", ABC 7 lo ha riportato.


Lo studio, pubblicato sul New England Journal of Medicine, nota che c'erano 33 partecipanti allo studio che "avevano il sangue prelevato oltre 6 mesi di vaccinazione" e "#SARSCoV2 attività neutralizzante non mantenuta in tutti i pazienti".


Su Twitter, NEJM ha notato, "Un'emivita di 202 giorni è stata determinata per l'attività di neutralizzazione del virus vivo," che sarebbe poco più di sei mesi, potenzialmente rendendo necessaria un'altra dose del vaccino.


33 partecipanti che hanno ricevuto entrambe le dosi del vaccino Moderna mRNA-1273 hanno avuto un prelievo di sangue oltre 6 mesi dopo la vaccinazione. L'attività neutralizzante di #SARSCoV2 è stata mantenuta in tutti i pazienti. Un'emivita di 202 giorni è stata determinata per l'attività di neutralizzazione del virus vivo.

 

Questo viene come i ricercatori hanno determinato un legame tra il vaccino concorrente AstraZeneca e coaguli di sangue nel cervello. Come riportato in precedenza: "Marco Cavaleri, il presidente del team di valutazione del vaccino presso l'EMA, ha detto al quotidiano Il Messagero che a suo parere, 'possiamo ora dire che è chiaro che c'è un'associazione (dei coaguli di sangue nel cervello) con il vaccino'. Cavaleri ha aggiunto che mentre era sicuro che ci fosse un 'chiaro legame' con il vaccino AstraZeneca e i coaguli di sangue, non si sa ancora quale sia la causa effettiva dei coaguli cerebrali mortali".

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia