Pfizer dichiara necessaria una terza dose entro 12 mesi

Pfizer dichiara necessaria una terza dose entro 12 mesi


Nonostante il fatto che il vaccino della Pfizer sia apparentemente efficace al 94%, il CEO del gigante farmaceutico, Albert Bourla, ha detto giovedì che il pubblico avrà "probabilmente" bisogno di una terza dose del vaccino Covid-19 della sua azienda entro un anno dalla completa vaccinazione.


Ha anche detto che potrebbero essere necessarie vaccinazioni annuali contro il Covid.


In un'intervista alla CNBC, Bourla ha detto: "Dobbiamo vedere quale sarebbe la sequenza, e per quanto spesso è necessario farlo, questo rimane da vedere.


"Uno scenario probabile è che ci sarà probabilmente bisogno di una terza dose, da qualche parte tra i sei e i 12 mesi e poi da lì, ci sarà una rivaccinazione annuale, ma tutto questo deve essere confermato", ha detto, aggiungendo che le varianti giocheranno un "ruolo chiave".


Bourla ha aggiunto che le varianti del coronavirus giocheranno un "ruolo chiave" nella necessità di una terza dose e della "rivaccinazione annuale".


"È estremamente importante sopprimere il pool di persone che possono essere suscettibili al virus".

A voi le interpretazioni su questa affermazione, nel caso pensiate sia una traduzione sbagliata riportiamo l'originale:

“It is extremely important to suppress the pool of people that can be susceptible to the virus,” Bourla said. Fonte cnbc.com


A febbraio, la Pfizer ha annunciato che gli studi dimostravano che il loro vaccino aveva un tasso di efficacia del 94%, anche se uno studio pubblicato all'inizio di questo mese dichiarava poco più del 91%.


I ricercatori affermano che il vaccino Pfizer è più efficace contro il virus dopo la seconda dose, tuttavia, hanno dichiarato che sono necessari più dati per determinare se la protezione dura dopo sei mesi.


Giovedì, David Kressler, il capo del team di risposta Covid-19 del presidente degli Stati Uniti Biden, ha detto a una commissione del Congresso che gli americani dovrebbero essere pronti a ricevere i richiami del coronavirus come precauzione contro le varianti del virus.


Kressler ha detto alla Sottocommissione per il Coronavirus della Camera: 

"Non sappiamo tutto in questo momento".

"Stiamo studiando la durata della risposta anticorpale".


Kressler ha detto che la risposta anticorpale del vaccino sembra forte, ma che c'è un certo declino di essa insieme alle sfide che vengono con le varianti del virus.


"Penso che per scopi di pianificazione, solo per scopi di pianificazione, penso che dovremmo aspettarci che potremmo dover aumentare".


Questo annuncio segue dopo che l'amministratore delegato di Johnson and Johnson (J&J) Alex Gorsky ha detto a febbraio che le persone potrebbero aver bisogno di ottenere un vaccino Covid ogni anno, proprio come i vaccini per l'influenza stagionale.


Gorsky ha detto: 

"Sfortunatamente, mentre [il virus] si diffonde può anche mutare, ogni volta che muta, è quasi come un altro click del quadrante per così dire dove possiamo vedere un'altra variante, un'altra mutazione che può avere un impatto sulla sua capacità di respingere gli anticorpi o di avere un diverso tipo di risposta non solo ad una terapia ma anche ad un vaccino".

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia