USA ritirano le truppe dall'Afganistan

USA ritirano le truppe dall'Afganistan


Il presidente Joe Biden mercoledì ha annunciato che si muoverà per riportare a casa le truppe americane in Afghanistan dopo quasi 20 anni e dopo che il suo predecessore, l'ex presidente Donald Trump, ha tentato più volte di ritirare le truppe.


"Non possiamo continuare il ciclo di estendere o espandere la nostra presenza militare in Afghanistan sperando di creare le condizioni ideali per il nostro ritiro, aspettandoci un risultato diverso", ha detto Biden. "Ora sono il quarto presidente americano a presiedere una presenza di truppe americane in Afghanistan. Due repubblicani. Due democratici. Non passerò questa responsabilità a un quinto".


Biden ha aggiunto che ora è "tempo di porre fine alla guerra più lunga dell'America" e "tempo per le truppe americane di tornare a casa", notando che gli attacchi dell'11 settembre 2001 a New York City "non possono spiegare" perché i soldati americani dovrebbero rimanere nel paese dell'Asia centrale.


Biden visiterà anche il cimitero nazionale di Arlington per rendere omaggio ai soldati morti durante la guerra in Afghanistan, secondo la Casa Bianca.


Il presidente ha detto di essersi consultato con i vertici militari e con il vicepresidente Kamala Harris per prendere la decisione, dicendo che le truppe saranno completamente ritirate entro l'11 settembre 2021. Biden ha detto che ha anche parlato recentemente con l'ex presidente George W. Bush - che ha lanciato le guerre in Afghanistan e Iraq - riguardo alla decisione.


L'anno scorso, Trump ha annunciato un accordo con i talebani, dicendo che le truppe si sarebbero ritirate dall'Afghanistan entro il 1° maggio 2021.


"Siamo andati in Afghanistan a causa di un orribile attacco avvenuto 20 anni fa. Questo non può spiegare perché dovremmo rimanere lì nel 2021", ha detto il presidente. "Piuttosto che tornare in guerra con i talebani, dobbiamo concentrarci sulle sfide che determineranno la nostra posizione e la nostra portata oggi e negli anni a venire".


Gli Stati Uniti forniranno assistenza di sicurezza all'esercito dell'Afghanistan, ha detto Biden. Se i talebani attaccano gli Stati Uniti, le truppe si difenderanno con "tutti gli strumenti disponibili", ha aggiunto.


I talebani saranno anche "ritenuti responsabili" per non permettere ad altri gruppi terroristici, tra cui al-Qaeda, di prosperare in Afghanistan, ha detto il presidente.


"Continueremo a fornire assistenza alle forze di difesa e di sicurezza nazionali afgane. Insieme ai nostri partner, stiamo addestrando ed equipaggiando quasi 300.000 persone. E loro continuano a combattere valorosamente per conto del loro paese e a difendere il popolo afgano, a caro prezzo", ha aggiunto Biden. "Sosterremo i colloqui di pace tra il governo dell'Afghanistan e i talebani, facilitati dalle Nazioni Unite".



A partire da quest'anno, circa 2.500 soldati statunitensi rimangono in Afghanistan.


Il leader della minoranza al Senato Mitch McConnell (R-Ky.) e altri repubblicani hanno detto che il piano di Biden di rimuovere le truppe è un "grave errore".


"I terroristi stranieri non lasceranno gli Stati Uniti da soli perché i nostri politici si sono stancati di combattere contro di loro", ha detto McConnell martedì al Senato. L'amministrazione "deve spiegare al popolo americano perché pensa che abbandonare i nostri partner e ritirarsi di fronte ai Talebani renderà l'America più sicura", ha aggiunto.


Alcuni legislatori repubblicani hanno lodato la decisione di Biden.


Il senatore Ted Cruz (R-Texas) ha detto che è "contento che le truppe stiano tornando a casa", mentre il senatore Josh Hawley (R-Mo.) ha scritto che "è ora che questa guerra eterna finisca".


Viene come un rapporto di valutazione delle minacce dall'Ufficio del Direttore dell'Intelligence Nazionale ha segnalato che il Partito Comunista Cinese, la Russia e la Corea del Nord sono le principali minacce.


Per quanto riguarda un accordo di pace in Afghanistan, il rapporto ha detto che "le prospettive per un accordo di pace rimarranno basse durante il prossimo anno", e i talebani "è probabile che facciano progressi sul campo di battaglia, e il governo afgano avrà difficoltà a tenere a bada i talebani se la coalizione ritira il sostegno".


Il rapporto ha inoltre osservato che l'Iran costruirà "legami sia con il governo di Kabul che con i talebani in modo da poter trarre vantaggio da qualsiasi risultato politico".


Fonte voanews.com


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia