Scontro tra UE e UK sul pesce

Scontro tra UE e UK sul pesce


L'Unione europea ha detto giovedì che il Regno Unito non ha rispettato l'accordo commerciale post-Brexit quando ha imposto "condizioni aggiuntive" ai pescherecci francesi nella Manica.


L'ultima disputa sulla pesca è stata innescata quando il governo locale di Jersey ha detto che le barche francesi avrebbero dovuto ottenere delle licenze per continuare a pescare nelle acque dell'isola.


Le comunità di pescatori francesi si sono lamentate del fatto che alcune barche che hanno operato lì per anni hanno improvvisamente avuto il loro accesso limitato.


La Commissione europea ha detto giovedì che le "condizioni aggiuntive" allegate alle nuove licenze rappresentano una violazione dell'accordo commerciale.


La portavoce Vivian Loonela ha detto che secondo l'accordo, qualsiasi nuova condizione specifica che limiti l'attività di pesca dell'UE nelle acque del Regno Unito "deve essere conforme agli obiettivi e ai principi" che sono stati stabiliti.


"Inoltre, ma è un punto importante, queste condizioni devono essere notificate in anticipo all'altra parte, in modo che ci sia tempo sufficiente per valutare e reagire alle misure proposte", ha detto a un briefing di Bruxelles.


"Su questa base, abbiamo indicato che fino a quando non avremo ricevuto ulteriori giustificazioni dalle autorità britanniche, riteniamo che queste nuove condizioni non debbano essere applicate".


All'inizio di giovedì, decine di pescherecci francesi si sono riuniti al porto di St Helier, il principale porto dell'isola, per protestare contro le nuove regole di pesca di Jersey.


Il governo britannico ha inviato due navi della Royal Navy - HMS Severn e HMS Tamar - per pattugliare le acque intorno a Jersey come "misura precauzionale" dopo aver avvertito che i pescherecci francesi potrebbero cercare di bloccare St Helier.


In risposta, l'autorità marittima francese ha detto che stava inviando due motovedette della polizia - Athos e Themis - sull'isola "per garantire la protezione della vita umana in mare".


Ian Gorst, ministro delle relazioni esterne di Jersey, ha detto che il primo ministro Boris Johnson ha "ribadito il suo sostegno personale" per l'isola giovedì.


"Abbiamo concordato che tutte le parti rimangono impegnate a impegnarsi con i nostri partner nell'UE e in Francia per risolvere le preoccupazioni derivanti dal rilascio delle licenze di pesca nell'ambito dell'accordo di commercio e cooperazione, che ha portato alla protesta di oggi", ha detto Gorst.


All'inizio di questa settimana, il ministro dei mari francese Annick Girardin ha detto che il suo paese potrebbe tagliare le forniture di elettricità a Jersey, che importa il 95% della sua elettricità dalla Francia.


Girardin ha detto di essere "disgustata" nell'apprendere che Jersey ha rilasciato 41 licenze con condizioni imposte unilateralmente, compreso il tempo che i pescherecci francesi possono trascorrere nelle sue acque.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia