La Russia dice di aver sparato colpi di avvertimento contro una nave da guerra britannica vicino alla Crimea

 La Russia dice di aver sparato colpi di avvertimento contro una nave da guerra britannica vicino alla Crimea

MOSCA - Il ministero della Difesa russo ha detto mercoledì che una delle sue navi aveva sparato colpi di avvertimento contro un cacciatorpediniere britannico vicino alla Crimea nel Mar Nero e che un jet da combattimento russo aveva lanciato bombe sul percorso del cacciatorpediniere dopo che era entrato in acque russe, affermazioni che sono state rapidamente negate dalla Gran Bretagna.


"Crediamo che i russi stessero facendo un esercizio di artiglieria nel Mar Nero e abbiano fornito alla comunità marittima un avvertimento preventivo della loro attività", ha detto il Ministero della Difesa britannico sull'incidente che ha coinvolto il cacciatorpediniere Defender. "Nessun colpo è stato diretto alla H.M.S. Defender e non riconosciamo l'affermazione che le bombe sono state lanciate sul suo percorso".


Questo resoconto era in netto contrasto con i rapporti iniziali russi di Interfax, che citano il ministero della Difesa russo, che ha detto che la nave britannica si era avventurata quasi due miglia all'interno delle acque territoriali della Russia e si era ritirata immediatamente dopo il presunto confronto.


Il ministero ha detto che lo stallo ha avuto luogo vicino a Capo Fiolent, vicino alla città portuale di Sebastopoli, dove la Russia mantiene una grande base navale.


"Il cacciatorpediniere era stato avvertito che le armi sarebbero state usate se avesse oltrepassato il confine russo", ha detto il ministero in una dichiarazione.


La Gran Bretagna ha anche negato questa affermazione russa, dicendo che la nave stava partecipando alle esercitazioni della NATO in quel momento.


"La nave della Royal Navy sta conducendo un passaggio innocente attraverso le acque territoriali ucraine in conformità con il diritto internazionale", ha detto il ministero in una dichiarazione su Twitter.

twitter.com/DefenceHQPress/status/


Nel 2014, la Russia ha annesso la penisola di Crimea dall'Ucraina in una mossa che ha spinto la condanna internazionale e le sanzioni. Da allora, l'area intorno alla penisola nel Mar Nero è diventata un punto di attrito militare tra Russia, Ucraina e paesi della NATO.


In aprile, la Russia ha fatto scattare l'allarme ammassando decine di migliaia di truppe al confine con l'Ucraina orientale. Settimane dopo, ha ritirato la maggior parte delle forze, dicendo che stavano solo conducendo delle esercitazioni. A quel punto, aveva ottenuto un invito dal presidente Biden per un incontro al vertice, che secondo gli analisti era stato un chiaro obiettivo del presidente Vladimir V. Putin fin dall'inizio.


La Russia ha condotto frequenti sorvoli minacciosi nelle vicinanze dello spazio aereo della NATO nel nord Europa. A marzo, la NATO ha richiamato aerei da combattimento 10 volte in sei ore per intercettare gli aerei russi che dicevano essere vicini allo spazio aereo dell'alleanza nel Nord Atlantico, nel Mare del Nord, nel Mar Baltico e nel Mar Nero.


In una dichiarazione di mercoledì, reagendo ai rapporti delle azioni russe, il ministro degli esteri dell'Ucraina, Dmytro Kyleba, ha chiamato le azioni della Russia nel Mar Nero abitualmente "aggressive e provocatorie", aggiungendo che la "militarizzazione della Crimea da parte della Russia rappresenta una minaccia duratura per l'Ucraina".

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia