Assassini uccidono il presidente di Haiti in casa sua di notte

 

Assassini uccidono il presidente di Haiti in casa sua di notte

Il primo ministro uscente di Haiti Claude Joseph ha confermato l'assassinio del presidente Jovenel Moïse nelle prime ore di mercoledì da sospetti mercenari stranieri in un "atto odioso, inumano e barbaro".


Moïse ha preso il posto del predecessore Michel Martelly all'indomani delle caotiche elezioni del 2015 come presidente segnaposto. Moïse ha insistito che il suo mandato è iniziato nel 2017, rendendolo così presidente legittimo fino al 2022, ma ha affrontato l'opposizione che ha sostenuto che il suo mandato era scaduto da quest'anno e lo ha bollato come dittatore. I leader dell'opposizione hanno tentato di installare un presidente parallelo, il giudice 72enne Joseph Mécène, a febbraio, ma Mécène non ha ricevuto alcun riconoscimento internazionale e non ha fatto alcuna dichiarazione pubblica significativa da quando è diventato presidente.


Oltre alle pressioni dei leader dell'opposizione per dimettersi, Moïse ha affrontato le richieste crescenti da parte dei leader d'affari haitiani di considerare la possibilità di stabilire relazioni con la Cina. Haiti è una delle poche nazioni rimaste al mondo a riconoscere la sovranità di Taiwan e a mantenere stretti legami con quel paese. Secondo la politica "Una sola Cina" del Partito Comunista, Pechino non mantiene relazioni diplomatiche con i paesi che riconoscono Taiwan. In un'intervista con Taiwan News pubblicata mercoledì, l'ambasciatore di Haiti a Taiwan ha affermato che Moïse apprezza la relazione bilaterale e non ha intenzione di accettare lucrative offerte di prestiti cinesi per abbandonare la relazione di Haiti con Taiwan.


Joseph, il primo ministro, doveva presto lasciare il suo posto dopo aver servito tre mesi in carica. Moïse ha annunciato la nomina del suo settimo primo ministro, Ariel Henry, lunedì. Joseph si è congratulato con Henry e non ha indicato alcun conflitto tra i due.


"Verso l'una (1) del mattino, nella notte tra martedì 6 e mercoledì 7 luglio 2021, un gruppo di individui non identificati, alcuni dei quali parlavano in spagnolo, ha attaccato la residenza privata del Presidente della Repubblica e ha così ferito mortalmente il Capo dello Stato", si legge nella dichiarazione di Joseph al pubblico haitiano, secondo l'uscita nazionale Haiti Libre. "Ferita da un colpo di pistola, la First Lady sta ricevendo le cure che la sua situazione richiede".


Joseph ha definito l'uccisione come "odiosa, inumana e barbara" e ha invitato il pubblico a rimanere calmo. La dichiarazione ha anche affermato che la situazione era "sotto controllo". Le autorità hanno chiuso l'aeroporto internazionale di Port-au-Prince per impedire la fuga dei sospetti e hanno impedito l'atterraggio di aerei in arrivo su voli partiti prima dell'assassinio.


Oltre alla First Lady Martine Moïse, uno dei figli del presidente era presente all'attacco ma, secondo quanto riferito, è rimasto illeso. Moïse aveva 53 anni.


Joseph ha assunto la guida del paese nella sua dichiarazione. Mécène non ha rilasciato alcuna dichiarazione al momento della stampa o tentato di affermare la sua pretesa alla presidenza in qualsiasi modo noto al pubblico.


Moïse ha trascorso gran parte del 2021 avvertendo che gli "oligarchi" stavano tentando un "colpo di stato" per rimuoverlo dalla carica. A febbraio, all'indomani dell'opposizione che ha dichiarato Mécène presidente, Moïse ha concesso un'intervista al quotidiano in lingua spagnola El País in cui ha dichiarato di sentire il suo governo minacciato da "gruppi economici" che, in passato, avevano goduto di una significativa influenza nei governi precedenti. Ha anche insistito che non si sarebbe ricandidato nel 2022 e che non era un "dittatore".


"Il colpo di stato non è solo un atto specifico, ma una sequenza di azioni. Fino ad ora, i governi erano burattini dei gruppi economici, ma questo non accade oggi e le nostre decisioni sono molto mal accolte da coloro che si sentono potenti e intoccabili", ha detto Moïse a El País. "Un piccolo gruppo di oligarchi è dietro il colpo di stato e vuole prendere il controllo del paese".


I media haitiani hanno recentemente notato che la dichiarazione della presidenza di Mécène è scomparsa dall'attenzione pubblica, poiché Mécène stesso non ha fatto dichiarazioni o apparizioni pubbliche, né è sembrato tentare di esercitare i poteri presidenziali in alcun modo.


"Sono passati ormai tre mesi da quando il giudice Joseph Mécène Jean-Louis è stato nominato 'Presidente' della Transizione", notava a maggio una colonna critica dell'opposizione nell'outlet Haïti Liberté. "Da quella data, a parte alcuni parenti di sua "Eccellenza", nessuno lo ha incontrato a casa sua o in un edificio che serve da "palazzo" in attesa della sua installazione che, secondo alcuni funzionari che appoggiano la sua "presidenza", è imminente".


"'Presidente' Joseph Mécène Jean-Louis non si trova da nessuna parte da quando il suo destino è cambiato il 7 febbraio 2021. È un completo silenzio radio", ha osservato la rubrica. "Alcuni dicono che si nasconde nell'Artibonite (di cui è originario) solo per proteggersi dagli scagnozzi e dai segugi dell'ANI (Agenzia Nazionale di Intelligence) di Jovenel ... Altri dicono che soffre di una malattia che gli impedisce di apparire davanti al popolo".


Mentre affrontava una sfida alla sua legittimità in patria, tra i compiti più importanti di Moïse all'estero c'era quello di mantenere le relazioni con Taiwan. Moïse ha visitato personalmente il paese nel 2018, settimane dopo che la Repubblica Dominicana, con cui Haiti condivide l'isola di Hispaniola, ha scelto di tagliare i legami con Taipei in cambio di lucrosi accordi economici cinesi.


"Sulla scia della rottura dei legami della Repubblica Dominicana con Taiwan, alcuni analisti ora considerano il confine nazionale tra i due paesi come un nuovo fronte in una campagna diplomatica di influenza condotta dalla Cina", ha riportato Taiwan News all'epoca.


Un anno dopo, i funzionari cinesi hanno detto ai media asiatici che il Partito Comunista era interessato a investire Haiti con "prestiti senza interessi", un'offerta che Moïse non ha accettato.


"Fin dall'instaurazione delle relazioni diplomatiche, Haiti è sempre stata un'alleata incrollabile e impegnata di Taiwan", ha detto l'ambasciatore haitiano a Taiwan Roudy Stanley Penn in un'intervista con Taiwan News pubblicata dopo l'assassinio di Moïse mercoledì. "Il presidente Moïse sottolinea spesso il suo interesse per la cooperazione taiwanese. Tutto questo per dire che la cooperazione sta andando bene, e da parte mia, non risparmierò sforzi per renderla ancora più rassicurante, lavorando per rafforzare i legami economici e culturali che possono contribuire ad avvicinare i due popoli."


fonte: www.breitbart.com

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia