Tutta la verità sulla campagna della Monsanto per screditare gli scienziati e ingannare il popolo

 

Tutta la verità sulla campagna della Monsanto per screditare gli scienziati e ingannare il popolo

Di Michael L. Baum childrenshealthdefense.org


"The Whole Truth About the Monsanto Papers", di Gilles-Eric Seralini e Jérôme Douzelet, descrive in dettaglio come Monsanto ha compromesso riviste scientifiche, accademie, agenzie di regolamentazione, media e governi per ingannare il pubblico sulla tossicità dell'erbicida di punta della Monsanto, Roundup.


NOTA DELL'EDITORE: Qui sotto c'è l'introduzione scritta dall'avvocato Michael Baum a "The Whole Truth About the Monsanto Papers", un libro degli scienziati Gilles-Eric Seralini e Jérôme Douzelet. 

Baum, senior managing partner dello studio legale Baum Hedlund Aristei & Goldman, ha fatto parte del team del processo per le prime tre cause sul Roundup della Monsanto ad andare davanti alle giurie. 

"The Whole Truth About the Monsanto Papers", disponibile in francese e in inglese, spiega come la Monsanto abbia compromesso riviste scientifiche, accademie, agenzie di regolamentazione, media e governi per ingannare il pubblico sulla tossicità dell'erbicida di punta del produttore chimico, il Roundup.

Nel 2013, un paio d'anni prima che l'Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) dell'Organizzazione Mondiale della Sanità analizzasse il diserbante della Monsanto, il glifosato, e lo considerasse un probabile cancerogeno per l'uomo, una rivista tecnica chimica ritrattò un articolo su un gruppo di ratti nutriti con mais geneticamente modificato della Monsanto e un po' dell'erbicida di punta della compagnia, Roundup.

Fino ad allora, non erano stati condotti studi sugli animali per più di 90 giorni usando glifosato e tutte le altre sostanze chimiche nella formulazione dell'erbicida che hanno reso il Roundup così efficace nell'uccidere le erbacce.

Per far approvare e commercializzare il Roundup sono state utilizzate prove a breve termine o prove che utilizzavano solo il glifosato. Cento giorni era circa il tempo in cui ratti o topi hanno iniziato a mostrare tumori - così mantenere le prove a 90 giorni o meno ha impedito l'osservazione della formazione di tumori e ha permesso alla Monsanto di commercializzare Roundup come non cancerogeno.

Contrariamente all'ortodossia normativa accettata all'epoca, lo studio ritrattato ha dimostrato il contrario - il Roundup potrebbe essere cancerogeno.

Comprensibilmente, con miliardi di dollari in gioco e l'industria agroalimentare dipendente dal Roundup, la comunità scientifica ortodossa sembrò radunarsi in difesa del Roundup, affermando che lo studio era difettoso, non era stato adeguatamente rivisto, aveva usato ratti inclini al cancro e aveva ogni sorta di altri nefasti difetti metodologici e scientifici.

La "scienza" ha prevalso con l'articolo "imperfetto" e il suo autore incatramato e piumato fuori dalla città della scienza. Almeno questo è quello che sembrava.

In realtà era l'ultimo di una serie di colpi nascosti contro quell'autore, il professor Gilles E. Seralini, un vero scienziato da banco che ha avuto la curiosità e la temerarietà di prendere lo studio di 90 giorni della Monsanto del 2004, usato per ottenere l'approvazione regolamentare del Roundup, ed eseguirlo a lungo termine, per 2 anni, che è la durata della vita ordinaria dei ratti.

I ratti nutriti con acqua e cibo corretto con il Roundup hanno sviluppato più tumori e altri gravi deficit di salute, suggerendo che il Roundup non era così sicuro come si diceva. Infatti, lo studio ha mostrato:

Monsanto ha orchestrato lavori di successo in risposta alle scoperte di Seralini al fine di preservare la quota di mercato del Roundup, o nei termini di Monsanto, per mantenere la sua "Libertà di operare". Monsanto ha deciso di mantenere la sua "Libertà di Operare", nonostante la consapevolezza tra gli stessi scienziati della società che non potevano dire sinceramente che Monsanto aveva stabilito che il Roundup non era cancerogeno - Monsanto aveva volutamente evitato e abilmente navigato i test normativi che avrebbero dimostrato la cancerogenicità della formulazione del Roundup.


Così, piuttosto che condurre effettivamente i test a lungo termine e avvertire, a quel punto, quasi tutta la popolazione che il magico diserbante e protettore delle colture geneticamente modificate potrebbe essere cancerogeno, Monsanto si mise a sopprimere i critici.

Monsanto aveva diversi nomi per questi programmi di soppressione, come "Freedom to Operate" o "FTO", "Let Nothing Go", "Whack-a-Mole", "Project Spruce", ecc. I programmi erano condotti in modo surrettizio, a volte utilizzando vere e proprie spie dell'intelligence aziendale e in pensione, in modo che persone come Seralini e la comunità scientifica non sapessero perché un articolo veniva rifiutato, o perché un articolo pubblicato veniva ritirato... o perché le carriere venivano rovinate, i finanziamenti si prosciugavano, i posti di lavoro venivano persi o i consumatori morivano di linfoma non-Hodgkin.

La saga di Seralini sarebbe probabilmente rimasta uno di quegli sfortunati misteri se non fosse stato per il fatto che una scappatoia negli ordini di protezione che regolano la riservatezza dei documenti aziendali interni è stata usata per svelare migliaia di pagine di complotti interni della Monsanto, orchestrazione e sotterfugi - che divenne noto come "The Monsanto Papers".

I "Monsanto Papers" di Seralini forniscono la sua visione dall'interno di ciò che è stato come essere soggetto agli attacchi ai suoi studi e alla sua credibilità provocati dalla Monsanto. Egli guida i lettori attraverso i documenti stessi per dimostrare che è stata la Monsanto a manipolare le revisioni paritarie, impegnata in articoli di ghostwriting che hanno imbiancato la genotossicità del Roundup, soppresso l'analisi di genotossicità di uno scienziato indipendente, alimentato storie pre-scritte per i giornalisti di pubblicare "indipendentemente" - e aveva anche il direttore della rivista sotto un contratto finanziario con la Monsanto al momento lo studio di due anni è stato ritrattato.

I documenti mostrano come la Monsanto ha coordinato la campagna di lettere all'editore, con punti di discussione scriptati, che sembrava una comunità scientifica indignata che gridava fallo, quando invece era la Monsanto che si impegnava in illeciti scientifici, violando le linee guida COPE per la revisione tra pari, plagio/ghostwriting e conflitti di interesse.

Una serie di e-mail interne della Monsanto in particolare esemplifica il motivo per cui è così importante che questo libro e altri come esso evidenzino la corruzione della scienza, da parte di aziende chimiche e farmaceutiche con una visione a tunnel finanziaria, che mina le reti di sicurezza cruciali di cui abbiamo bisogno per evitare che sostanze chimiche, farmaci e vaccini pericolosi arrivino a pazienti e consumatori inconsapevoli.

A metà del 2009, Seralini ha completato uno studio sulle cellule del fegato esposte al Roundup, documentando i danni alle cellule epatiche e poi dimostrando che un trattamento, DIG1, proteggeva dalla morte cellulare provocata dagli erbicidi a base di glifosato nelle linee cellulari del fegato umano. Lo studio ha mostrato il danno del Roundup e un rimedio per prevenirlo.

Ironicamente, e in grossolana violazione di ogni forma di conflitto d'interessi e dei fondamenti della scienza peer-reviewed, a un tossicologo della Monsanto, Bill Heydens, fu chiesto di condurre una peer review del documento di Seralini sul Roundup della Monsanto.

Come se questo non fosse abbastanza una violazione delle linee guida della peer-review, invece di mantenere la riservatezza della bozza del manoscritto, Heydens l'ha fatta circolare tra i membri del team FTO di Monsanto, Donna Farmer, David Saltmiras e Steven Levine, e poi ha sintetizzato i loro commenti in quello che si è complimentato come "eccellente materiale di confutazione".

Così, invece di un'analisi neutrale e confidenziale di un manoscritto che identifica un danno indotto dal Roundup e un trattamento che lo previene, Heydens ha riunito il team di soppressione della scienza per confutare il documento. Hanno raccomandato di rifiutare la pubblicazione con una serie di punti elenco che confutano i risultati e la metodologia dell'articolo.

E ci sono riusciti - il caporedattore di Regulatory and Toxicology and Pharmacology, Gio Batta Gori, ha adottato la raccomandazione di "Heyden" di rifiutare la pubblicazione. Gori passò la spiacevole notizia a Seralini, senza dire a Seralini che uno dei principali revisori tra pari era Bill Heydens della Monsanto.

Heydens ha fatto circolare la "buona notizia" al suo team FTO e si sono congratulati a vicenda per il loro bel risultato.

E così la scienza utile che trasmetteva un danno e un rimedio fu soppressa e Monsanto poté mantenere la libertà di operare con il Roundup, senza essere ostacolata da una fastidiosa pubblicazione sulla sicurezza.

Qualche anno più tardi, dopo aver ingegnerizzato con successo la ritrattazione dello studio sul tumore, il team ha ricevuto un premio per il suo eccellente lavoro FTO:  "Achievement Title: I Smell a Rat - Risposta a Seralini".


Ecco una descrizione del premio:

"Lo studio Seralini è stato un evento multimediale progettato per la massima pubblicità negativa. Il team di tossicologia della Monsanto è stato mobilitato per fornire una rapida valutazione degli aspetti tecnici, mentre il team degli affari scientifici ha aiutato a organizzare scienziati di terze parti che sono stati pienamente impegnati a rispondere al documento. In tutto, ci sono stati sei mesi di sforzi per rispondere che includevano la valutazione tecnica di Monsanto, una lettera all'editore (più lunga del manoscritto originale), le risposte della Task Force del glifosato, presentazioni in powerpoint, risposte a numerose richieste delle autorità di regolamentazione, post sul blog e articoli della stampa popolare. Questo è stato il risultato di sforzi coordinati e sinergie da parte di persone provenienti da più squadre di regolamentazione".

Senza rimorsi o rimorsi - in realtà orgogliosi dei loro risultati - gli sforzi del team Monsanto per combattere il pensiero critico per quanto riguarda la sicurezza del Roundup sarebbe andato senza controllo se non per la pubblicazione dei "The Monsanto Papers" e le trascrizioni delle prove di linfoma non-Hodgkin - e se non per la coraggiosa indagine scientifica di individui come Seralini e le decine di altri scienziati che si sono degnati di presentare studi indipendenti che mostrano i rischi del Roundup.

Infatti, 2,4 miliardi di dollari di premi della giuria in tre processi consecutivi, ripetute perdite in appello, 10,5 miliardi di dollari di accordi e la condanna mondiale della condotta della Monsanto dimostrata da "The Monsanto Papers" e le trascrizioni dei processi della giuria non hanno portato a una sola scusa, o un avvertimento - o davvero qualsiasi cambiamento nell'intimidazione e invalidazione della Monsanto di scienziati indipendenti come Seralini, gli analisti dello IARC o gli esperti dei processi della giuria.

Pertanto, è importante mantenere la Libertà di Criticare la pseudoscienza finanziata dall'industria - e continuare a tirare il sipario mentre Monsanto e i suoi alleati accusano gli altri della stessa corruzione scientifica che hanno commesso per decenni.

The Monsanto Papers" di Seralini è un altro forte strattone nella ricerca di tirare indietro il sipario.


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia