Bill Gates ha collaborato con i cinesi per condurre una ricerca sul potenziamento dei virus

 

Bill Gates ha collaborato con i cinesi per condurre una ricerca sul potenziamento dei virus

Negli ultimi cinque anni, il Partito Comunista Cinese (PCC) attraverso la National Natural Science Foundation (NSFC) della Cina ha mantenuto una partnership con la Bill & Melinda Gates Foundation che comporta la conduzione di ricerche scientifiche su, avete indovinato: coronavirus di pipistrello.


Il National Pulse ha pubblicato un'esposizione approfondita sulla partnership, rivelando che l'Esercito Popolare di Liberazione (PLA) ha condotto ricerche sui coronavirus dei pipistrelli insieme alla Bill & Melinda Gates Foundation presso il famigerato Istituto di Virologia di Wuhan, che è dove il coronavirus Wuhan (Covid-19) si crede sia "scappato" dopo essere stato inviato lì da Ralph Baric dell'Università del North Carolina a Chapel Hill.


Il gruppo scientifico di proprietà statale dice di essere "guidato dal pensiero socialista del presidente Xi Jinping", che normalmente comporta la creazione di "accordi strategici di cooperazione" con la Commissione militare centrale del PCC. Tuttavia, la Fondazione Gates è stata coinvolta già nel 2015, firmando un memorandum d'intesa con la NSFC per "sostenere congiuntamente progetti di ricerca e workshop bilaterali".


"Insieme, la Fondazione Gates e NSFC avrebbero "co-finanziato premi fino a 1 milione di dollari e 4 anni per collaborazioni tra investigatori cinesi e internazionali"," scrive Natalie Winters per The National Pulse, evidenziando i punti chiave del memo della Fondazione Gates.


Il miliardario Gates sta usando i soldi dei vostri contribuenti per sviluppare nuovi "vaccini" per il Covid

Al momento in cui scriviamo, la Fondazione Gates sta ancora lavorando con la NSFC alla ricerca sull'influenza Fauci. È stata identificata come una delle diverse organizzazioni scientifiche gestite dal CCP che hanno "collaborato" con il regime su una sovvenzione di 5 milioni di dollari per "identificare e confermare i casi, isolare in sicurezza e curare i pazienti e accelerare lo sviluppo di trattamenti e vaccini".


In diverse occasioni, i rappresentanti della NSFC hanno visitato la sede della Fondazione Gates a Seattle per discutere di nuovi progetti. Il vicepresidente Hou Zengqian ha fatto un'apparizione lì nell'ottobre 2019. Già nel 2016, una delegazione NSFC ha anche incontrato il vicedirettore di Discovery & Translational Sciences della Gates Foundation.


Uno dei motivi per cui probabilmente non hai mai sentito nulla di questo è perché la Fondazione Gates controlla la maggior parte delle principali "notizie", dirigendo ciò che viene riportato per brillare favorevolmente su Gates e i suoi sforzi in ogni momento.


Fortunatamente, quella morsa di censura sta cominciando a mostrare alcune crepe man mano che Pulse e altri portano alla luce verità che collegano Gates e i suoi amici alla plandemia del virus cinese.


Gates ha anche tenuto la sua famigerata esercitazione pandemica "Event 201" nell'autunno del 2019, pochi mesi prima che l'influenza Fauci fosse annunciata dai media mainstream come una nuova spaventosa minaccia per la quale dobbiamo rinunciare alle nostre libertà.


L'Evento 201 rappresentava una partnership pubblico-privato quasi esattamente come quella che ora sappiamo esistere tra la Fondazione Gates e la Cina comunista che viene utilizzata per inaugurare un nuovo ordine mondiale sulla base di un allarme di malattia mortale.


Gates stava chiaramente annunciando la plandemia del coronavirus di Wuhan (Covid-19) prima che accadesse, e pochissime persone sembravano notarlo al momento. Tuttavia, più persone stanno sicuramente collegando i punti in questi giorni.


"Un altro degli operatori di Satana, sia lui che Soros", ha scritto uno dei nostri commentatori su Bill Gates. "Quei due hanno l'aspetto più brutto e sono corrotti fino al midollo. Assolutamente disgustosi!"


"È stato gestito in collaborazione con il globalista 'Global Economic Forum' di cui la Cina fa parte", ha scritto un altro.


Un altro ancora ha detto bene spiegando che l'unica pandemia in corso in questo momento è "la politica della paura per vendere vaccini tossici e ridurre la popolazione nel mondo". L'"élite" non potrebbe preoccuparsi meno della salute di nessuno, e chiunque pensi il contrario sta vivendo nell'illusione.


Fonte: newstarget.com

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia