Canada obbligo vaccinale per viaggiatori aerei, ferroviari e marittimi e per i dipendenti statali

 

Canada obbligo vaccinale per viaggiatori aerei, ferroviari e marittimi e per i dipendenti statali


Il Canada richiederà presto che molti viaggiatori su aerei, treni e navi da crociera nazionali siano completamente vaccinati contro il COVID-19, ha annunciato venerdì il governo federale. Ottawa renderà la vaccinazione obbligatoria anche per i dipendenti pubblici federali, e ha detto che si aspetta che i datori di lavoro delle industrie regolate a livello federale e le Crown corporations facciano lo stesso.


L'annuncio, fatto solo due giorni prima di una chiamata alle elezioni federali prevista per domenica, è una partenza dalla precedente posizione del governo liberale, e mette pressione sugli avversari politici del primo ministro Justin Trudeau per rispondere mentre il Canada entra nella sua quarta ondata di COVID-19.


"Abbiamo visto quanto sia stato devastante il COVID-19 per i nostri settori del trasporto e del turismo. Dobbiamo proteggere i guadagni duramente conquistati", ha detto il ministro dei trasporti Omar Alghabra, che ha fatto l'annuncio venerdì. "I canadesi meritano di sentirsi sicuri quando viaggiano che l'ambiente che li circonda è sicuro".


Quasi l'82% dei canadesi idonei di 12 anni e più aveva almeno una dose di vaccino al 7 agosto, mentre il 70% era completamente vaccinato.


Il signor Alghabra non ha detto quale forma assumerà la prova della vaccinazione, ma il governo ha precedentemente detto che svilupperà un passaporto di vaccinazione.


Il governo ha detto che richiederà la vaccinazione già dalla fine di settembre in tutto il servizio pubblico federale. Il signor Alghabra ha detto che i lavoratori del trasporto aereo, ferroviario e marittimo regolato a livello federale dovranno essere vaccinati non più tardi della fine di ottobre. La prova della vaccinazione sarà richiesta anche per i viaggiatori delle compagnie aeree commerciali, dei treni interprovinciali e delle navi da crociera.


"I canadesi non vogliono tornare alle chiusure. I canadesi non vogliono tornare alle restrizioni di viaggio. I canadesi vogliono tornare alla normalità il più rapidamente possibile", ha detto il signor Alghabra.


Coloro che non possono essere vaccinati per motivi medici o perché hanno meno di 12 anni saranno esentati.


Quasi mezzo milione di persone lavorano direttamente per il governo federale, una società della Corona, l'esercito o la RCMP. Quasi un altro milione lavora in industrie regolate a livello federale, che includono banche e compagnie aeree.


Il signor Trudeau mesi fa ha respinto l'idea dei mandati per i vaccini, ma la settimana scorsa ha detto che avrebbe chiesto al cancelliere del Privy Council di esaminare la possibilità per i dipendenti federali. Dominic LeBlanc, capo del Privy Council, ha detto venerdì che la nuova e più trasmissibile variante Delta del coronavirus ha cambiato le cose.


"Questa è un'evoluzione della posizione del governo nel proteggere la salute e la sicurezza dei canadesi dall'inizio della pandemia", ha detto il signor LeBlanc. "Abbiamo dati scientifici ma anche prove del mondo reale su quanto siano notevolmente efficaci i vaccini che sono stati approvati per l'uso da Health Canada".


Mathew Clancy, un portavoce del leader conservatore Erin O'Toole, ha detto che i vaccini sono lo strumento più importante nella lotta contro il COVID-19, e il partito incoraggia tutti a prenderne uno. Ma ha aggiunto: "I conservatori sostengono il diritto dei canadesi di determinare le proprie scelte sanitarie" e hanno detto che la gente si aspetta misure ragionevoli come test rapidi per coloro che non sono vaccinati.


Il leader dell'NDP Jagmeet Singh ha detto che il suo partito ha sostenuto fin dall'inizio che le vaccinazioni obbligatorie potrebbero essere richieste e che i lavoratori e i sindacati devono essere coinvolti nei piani. "Invece di chiamare un'elezione nel mezzo di una pandemia, Justin Trudeau dovrebbe concentrarsi sul lavoro con le province per aiutare tutti a ottenere un vaccino", ha detto.


Le maggiori compagnie aeree canadesi hanno detto di sostenere il piano, ma hanno invitato Ottawa a rimuovere i requisiti di test più ingombranti.


In una dichiarazione, Air Canada ha definito l'annuncio un passo gradito, e ha detto che ha sostenuto misure basate sulla scienza per mantenere i viaggiatori e i dipendenti al sicuro. Ha detto che il COVID-19 Testing and Screening Expert Advisory Panel del governo a maggio ha raccomandato di non effettuare test prima della partenza per i viaggiatori completamente vaccinati, poiché i test alla partenza e all'arrivo sono eccessivi per questi passeggeri. Air Canada ha 22.700 dipendenti attivi.


Il vicepresidente esecutivo del gruppo WestJet, Mark Porter, ha detto che la compagnia accoglie con favore le vaccinazioni obbligatorie per i dipendenti delle compagnie aeree e sta cercando dettagli dal governo federale. WestJet ha circa 6.000 dipendenti attivi e 4.000 che sono inattivi o in furloughed.


In una e-mail, Via Rail Canada Inc. ha detto che avrebbe fornito ulteriori informazioni sul suo piano il più presto possibile. Via Rail impiega circa 3.200 lavoratori. Ha detto che ha altamente raccomandato ai suoi dipendenti di vaccinarsi.


Le grandi banche canadesi hanno incoraggiato i dipendenti ad essere vaccinati - alcuni aiutano le cliniche - ma non ne hanno fatto un requisito.


"Stiamo esaminando l'annuncio di oggi e non vediamo l'ora di lavorare con il governo del Canada per quanto riguarda l'aspettativa che hanno stabilito per le istituzioni regolate a livello federale", ha detto il portavoce della Bank of Montreal Paul Gammal in una e-mail.


Stéphane Aubry, vicepresidente nazionale dell'Istituto professionale del servizio pubblico del Canada (PIPSC), ha detto che il suo sindacato ha anticipato un mandato per i vaccini, ma è stato sorpreso dalla rapidità con cui il governo si è mosso per introdurlo. Il PIPSC rappresenta circa 67.000 dipendenti pubblici, soprattutto professionisti come ingegneri e medici.


Il signor Aubry ha detto che alcuni membri sono in regioni dove i vaccini COVID-19 sono meno accessibili, e alcuni, come gli specialisti di computer e i revisori, non hanno bisogno di interagire fisicamente con gli altri, ha detto.


"Non vediamo la necessità per [questi ultimi] di avere un vaccino obbligatorio in quanto potrebbero essere in una situazione di tele-lavoro e non sono andati in ufficio nell'ultimo anno e mezzo", ha detto.


Fonte: www.theglobeandmail.com


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia