Come capire se Sandy Hook è realtà o finzione

 

Come capire se Sandy Hook è realtà o finzione
(In alto) una foto reale di Adam Lanza, e una versione del New York Times. (In basso) una foto reale di Martin Bryant, e la versione che fa strabuzzare gli occhi

Di Mary W Maxwell gumshoenews.com


Permettetemi di far finta di insegnare una lezione di liceo su "Come pensare".  Il problema davanti a noi è l'affermazione da parte del governo e dei media nel 2012 che una sparatoria scolastica ha avuto luogo in Connecticut, in cui sono morti 20 bambini e 4 membri del personale. C'è qualche possibilità che sia una storia "psy-op", intesa a spaventare la gente? (O anche solo per controllare la credulità della gente?)


Io stesso ho scritto a lungo su tre storie false - il massacro di Port Arthur del 1996, l'assedio di Sydney del 2014 e l'attentato alla maratona di Boston del 2013. Ho il sospetto che l'evento di Sandy Hook sia uno psy-op, ma non ho fatto ricerche. Vediamo se c'è un modo per valutare a braccio la sua veridicità. Voglio che gli studenti sappiano che non devono aspettare di avere prove in mano per formarsi un'opinione intelligente.


Punto # 1. C'è una barriera per indagare su Sandy Hook, dal momento che si tratta di una tragedia. Certo, è terribilmente maleducato mostrare mancanza di rispetto ai genitori in lutto. Ma possiamo contrastare questa barriera come segue:  (a) Potremmo indagare solo sui 4 membri dello staff che sono morti.  (b) Per quanto riguarda tutti i 24 che sono morti, se c'era un'assicurazione sulla vita è normale che venga presentata una prova della morte. (c) Sandy Hook ha avuto un grande impatto sulla società, quindi è giusto assumere una posa da avvocato del diavolo nella ricerca. Ognuno può museificare ipoteticamente "E se non ci fossero stati morti?".


Punto 2. C'è la paura della rappresaglia forzata. Cari studenti, fate finta di essere un giornalista, o di avere un ruolo designato a proteggere la società, come quello di un ecclesiastico. Qualcuno viene da voi con informazioni che contraddicono la storia ufficiale di Sandy Hook.  Cosa potreste fare? Molti giornalisti ed ecclesiastici non intraprenderanno nemmeno la semplice missione di sollevare la questione.


Scommetto che pensano che sia la questione delicata della tragedia dei genitori a tenerli in silenzio. Ma più probabilmente è la paura della forza. Due uomini inquirenti hanno già sentito la forza:  Jim Fetzer, PhD, del Wisconsin è stato citato in giudizio per 450.000 dollari (per aver affermato che il certificato di morte di un bambino era falso) e la casa in Florida di Wolfgang Halbig è stata oggetto di un'incursione nel cuore della notte perché ha inviato e-mail alle vittime. (Sì, il Primo Emendamento permette l'invio di email, ma la sua email è stata considerata una molestia, un reato minore).


Studenti, è saggio "segnalare" qualsiasi attacco fatto ai critici delle notizie. Quegli attacchi possono essere visti come prove circostanziali di protezione del crimine, alias, copertura di un crimine.  L'insabbiamento - insieme alla distruzione delle prove - è un crimine blackstoniano standard. E a proposito, è un principio di diritto che tutto può essere presunto contro il profanatore di prove! "Omnia praesumuntur, contra spoliatorem". Ah, la legge è stupenda.


Punto #3. Applicare il buon senso.   Cos'altro possiamo guardare, per giudicare la veridicità della storia? Basta usare la propria esperienza di vita per misurare la probabilità che Adam Lanza, 20 anni, abbia sparato a tutti quei bambini. E cercate di capire la logica del perché avrebbe ucciso sua madre, Nancy Lanza, prima della strage, e si sarebbe sparato dopo.


Soffermatevi sulle stranezze. Se Adam sapeva che sarebbe finito morto, che senso aveva uccidere la mamma (Nancy Lanza)? Nel massacro australiano di Port Arthur del 1996, Martin Bryant avrebbe sparato a due albergatori prima di scatenarsi. Perché? "Per un vecchio rancore". La logica dice che non si uccide improvvisamente gente che, molti anni fa, ti ha fatto un male minore. Non ha senso.


Immagino che l'uccisione degli albergatori - da parte di qualcuno diverso da Martin - sia stata fatta per renderli indisponibili come testimoni della sua innocenza.  Allo stesso modo, la morte di Nancy Lanza ha garantito che non potesse parlare in difesa di suo figlio.


Punto 4.  Provate la metodologia Cock Robin. Uso la filastrocca Chi ha ucciso Cock Robin? per vedere chi era ufficialmente presente all'evento.  "Io, disse la spia con il mio piccolo occhio, l'ho visto morire; io, disse il pesce con il mio piccolo piatto, ho preso il suo sangue," - e così via. L'idea mi è venuta dall'indagine di Chris Bollyn sull'11 settembre.  Egli pone domande come: "Chi ha creato la narrazione? Chi aveva la custodia delle prove? Chi era responsabile della sicurezza? Le compagnie di assicurazione hanno fatto storie? I giudici si sono comportati in modo normale? Se si scopre che le risposte a queste domande sono custodite segretamente, si può (provvisoriamente) sentire odore di malaffare nell'aria. Per ripetere: sono chiaramente ineleggibile per il titolo di "esperto di Sandy Hook". Ma io - e voi - possiamo fare del lavoro da una poltrona.


Punto 5. Cari studenti, si può iniziare con fatti indiscussi. Quelli che seguono sono due fatti indiscussi della "sparatoria" del 14 dicembre 2012 che, di per sé, sollevano le sopracciglia:


Fatto Uno - C'era un'esercitazione della FEMA programmata e realizzata a Newton CT il giorno precedente, il 13 dicembre, e il giorno stesso, il 14 dicembre 2012.


Fatto due - In seguito, la scuola è stata rasa al suolo. Così come la bella casa di periferia di Nancy Lanza - per nessuna ragione nota.


Fatto 3 - Il rapporto tra morti e feriti era estremamente alto. Adam Lanza, che non era un tiratore scelto, si dice che in pochi minuti abbia fatto morire 24 persone con la sua pistola, mentre solo due sono state colpite e non uccise. Anche nell'esercito, un tale rapporto tra morti e feriti è inaudito. Lasciate che le vostre sopracciglia si alzino in alto.


Punto #6.  Puoi essere un osservatore del tribunale. La base del mio libro, Inquest, sull'"assedio di Sydney" del dicembre 2014, è stata la mia presenza alle udienze del medico legale. La base per il mio libro, Boston's Marathon Bombing, sono state le trascrizioni del processo Tsarnaev (un processo scioccamente corrotto). Sandy Hook ha avuto finora due casi giudiziari - Pozner contro Fetzer, nel tribunale del Wisconsin, e Soto contro Remington, in diversi tribunali, principalmente nel Connecticut. In questi due casi, le decisioni della corte sono state finora vividamente insolite. Lenny Pozner ha fatto causa al Prof Jim Fetzer per aver pubblicato un'accusa secondo cui Lenny aveva fornito un falso certificato di morte per suo figlio Noah Pozner. In un caso di diffamazione, si arriva a sostenere che la propria accusa è vera. A Fetzer non è stato permesso di farlo!    (Ha almeno uno spettro di possibilità di ottenere che questo venga ribaltato dalla Corte Suprema del Wisconsin).


Il giudice della Corte Distrettuale si è pronunciato contro Fetzer emettendo un giudizio sommario in favore di Pozner. (Si può immaginare un coltello metaforico puntato alla gola del giudice, vero?  O forse uno reale). Il giudice ha poi chiamato una giuria, ma solo per decidere sull'ammontare dei danni. Hanno assegnato 450.000 dollari.


La seconda causa è stata intentata da genitori guidati da Donna Soto, contro Remington Arms, il produttore della presunta pistola di Lanza, la Bushmaster. Normalmente un produttore di armi non è responsabile di ciò che accade, ma la corte ha stabilito che lo statuto federale che proibisce le cause contro i produttori di armi non vale per le armi di tipo militare.  Così, Remington ha perso e ha dichiarato bancarotta. I suoi assicuratori hanno offerto ai querelanti poco meno di 33 milioni di dollari.


Punto 7. Si può fiutare una falsa bandiera.  È normale interpretare un evento false flag come fatto allo scopo di evidenziare "il nemico sbagliato".  In Australia, è ben accettato che il "Port Arthur" è stato fatto per spaventare la gente e portare ad una legge sul controllo delle armi. Il nuovo primo ministro nel 1996, John Howard, aveva in tasca la legislazione anti-armi, pronta a scattare "quando necessario".


Non vi sorprenderà sapere che i "teorici della cospirazione" che hanno iniziato a dubitare della colpevolezza di Martin Bryant erano i possessori di armi in Australia, specialmente gli agricoltori, che hanno visto attraverso la bufala. (Per bufala intendo la falsità di attribuire il lavoro con le armi a Bryant).


Per quanto riguarda Sandy Hook, è un po' strano che i club delle armi non abbiano sollevato la questione della bufala. Infatti, nel caso Soto contro Remington, nel 2017, quando la NSSF - National Shooting Sports Foundation - ha presentato una memoria amicus curiae per sottolineare l'immunità legale del produttore di armi, hanno dichiarato: "La sparatoria ha causato la morte di venti bambini e sei adulti". Sarebbe stato meglio aggiungere la parola "presumibilmente" prima del verbo "rivendicato". I giudici raramente aprono, sua sponte, una questione che nessuna delle parti ha sollevato.


Chiedete: La NSSF non ha notato che se nessuno è morto a Sandy Hook, non c'è nessun caso contro la pistola Bushmaster?


Punto 8. Si può calcolare la direzione generale in cui si sta muovendo il potente. Mi chiedo: Le lobby delle armi di oggi sono dinki di? Infiltrarle sarebbe stata un'alta priorità per gli autoritari del Mondo Unico, no? La mia defunta amica Trish Fotheringham, una sopravvissuta al controllo mentale MK-Ultra, mi ha detto che quando i suoi co-sopravvissuti venivano mandati a infiltrarsi nei gruppi ambientalisti, non si rendevano nemmeno conto di essere usati; è un bel sistema! E George Soros è pesantemente coinvolto nel mettere al bando il Secondo Emendamento....


Nel 2006, quando mi sono candidato al Congresso nel New Hampshire, gli elettori del Secondo Emendamento mi hanno abbracciato (cioè mi hanno sorriso) quando ho affermato che il diritto di portare armi include i missili a spalla. (Da non confondere con l'affermazione del candidato David Thistle che può avere una portaerei ormeggiata al suo molo!) Ma ora che ci penso, nei miei discorsi più recenti sui comizi, non vengo colpito da sorrisi o abbracci.


Cari studenti, guardate cosa stanno facendo le varie lobby delle armi in questi giorni. E sfogliate gli ultimi 100 titoli di un grande giornale per vedere quanti riguardano sparatorie. Per favore, provate a immaginare che ogni sparatoria riportata potrebbe non essere accaduta affatto.  Voglio dire che potrebbe essere un fluff del giornale "per uno scopo".  O potrebbe essere stata effettivamente eseguita - per uno scopo!


Ricordate il memorandum declassificato di Northwoods del 1962, firmato dal capo del Joint Chiefs of Staff Jay Lemnitzer. Egli discusse spudoratamente con i suoi colleghi del Pentagono un piano per creare un finto incidente aereo, al fine di incolpare i cubani e iniziare una guerra contro Cuba. Stava anche progettando di organizzare "falsi funerali" per i "falsi passeggeri" dell'aereo abbattuto. (Ops, voglio dire l'"aereo" abbattuto).


Penso che sia perfettamente ragionevole prendere in considerazione la possibilità che la storia da prima pagina del 2012 dei bambini uccisi con la pistola fosse un piano per "toglierci le armi" e lasciare così i cittadini senza protezione contro un tiranno.  C'è innegabilmente una direzione in cui i potenti si stanno muovendo oggi, cioè il controllo totale. Una cosa del genere è sempre stata nella mente dei Padri Fondatori e non hanno mai esitato a discuterne apertamente. Quindi non siate timidi!


Punto 9. Guardate il lato positivo. Se si dovesse dimostrare che le morti di Sandy Hook non hanno avuto luogo, questa sarebbe una grande notizia per tutti.  Probabilmente metà della nazione è stata traumatizzata o rattristata dall'annuncio, poco prima del Natale 2012, che dei bei bambini di cinque anni sono stati colpiti da un pazzo. Sarebbe una notizia piacevole per tutto il mondo che quei bambini, che ora avrebbero 14 anni o più, si stanno ancora godendo la vita.


Tra l'altro, se è così, devono essere sottoposti a qualche pressione personale sulle loro possibili identità false.  Non è mai stata colpa loro se è stata fatta circolare una storia falsa.  Dovrebbero sentirsi liberi di farsi avanti e chiedere il nostro aiuto. Saremmo lieti di accoglierli.


Punto #10.  Guardate gli investigatori che perseguono dati concreti. Nel caso Sandy Hook, Wolfgang Halbig, un cittadino la cui precedente occupazione era quella di esperto di sicurezza scolastica, ha tormentato "senza pietà" le persone del FOIA (Freedom of information Act). Loro a loro volta lo hanno ignorato senza pietà. Francamente, ho una regola personale (chiedetemi del caso del generale Boykin): Se il FOIA non arriva, dite loro "Omnia praesumuntur, contra spoliatorem".


Pensate: come può essere giusto che quelli della FOIA rifiutino le richieste di un cittadino rispettabile come Halbig? Avrebbe tutto il diritto di assegnare Punti Informazioni Rifiutate - IRP - come pesi contro la validità della storia ufficiale, quando pesa il suo giudizio sulla validità dell'evento Sandy Hook.


Si prega di notare che ogni cittadino può richiedere indagini ufficiali da parte di un legislatore, o presentare una petizione alla corte per un Writ of Error Coram Nobis. Né il fallimento federale né il giudice del Connecticut che presiede all'accordo tra Remington Arms e i nove querelanti di Soto sono obbligati ad approvare il pagamento di 33 milioni di dollari. Per quanto riguarda il tribunale in Alabama, ho particolare fiducia in loro. La mia esperienza del 2017 in quello stato mi ha steso di buona volontà.


Le fotografie qui sotto sono un confronto tra gli occhi grandi e l'intervista reale mesi dopo. Quando è stata scattata quella di sinistra e perché aveva le stesse tende blu del video dell'interrogatorio mesi dopo?





Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia