Disparati Illuminati-Relativi, Tangenti e Riflessioni

Disparati Illuminati-Relativi, Tangenti e Riflessioni

Di TERRY MELANSON


Thompson, Arthur R. To The Victor Go The Myths & Monuments: The History of the First 100 Years of the War Against God and the Constitution, 1776 - 1876, and Its Modern Impact. American Opinion Foundation Publishing. Kindle Edition. (2016)


Prima di acquistare il libro di Arthur Thompson, ho guardato la sua serie di video, Myths vs. Facts, che ripercorre le sue ricerche sugli Illuminati, i massoni e i rivoluzionari. Non li affronterò qui, perché è ovvio che le informazioni sono state raccolte/escritte dal suo libro.


Primo video della serie:


Il signor Thompson è stato il CEO della John Birch Society (JBS) dal 2005 al 2020, quando si è ritirato. To The Victor Go The Myths & Monuments è un'offerta familiare della JBS. L'adesione alla tesi del Master Conspiracy è esplicita in tutto.


Nella sezione 'About the Author', ciò che vi aspetta è reso abbondantemente chiaro:

Al fine di rilasciare quest'opera il più presto possibile, l'autore ha deciso di non aspettare un anno per farlo leggere come un romanzo scorrevole. Si legge più come un libro di fatti. I fatti non sono annotati. Al giorno d'oggi, in caso di dubbio o se si desidera una maggiore elaborazione, si può navigare in Internet per scoprire da soli il 95% dei fatti. Inoltre, l'autore vuole che il lettore dubbioso si informi da solo ed esplori completamente la storia. Essere scettici è un buon inizio. Questo è più un racconto che un libro. Sarà ripetitivo di tanto in tanto per ricordare al lettore i retroscena di certe personalità che furono coinvolte in vari movimenti durante un periodo di decenni.  (Kindle Location 68)


Alcune persone amano questa mia caratteristica, altre non tanto. Sarò schietto: incompetenza, pigrizia o sotterfugio? Indipendentemente da ciò, può essere facilmente interpretato come un insulto al lettore e a coloro che si procurano le fonti correttamente. Anche gli storici dilettanti possono giocare in serie A. Citi le tue fonti, così possiamo controllare il tuo lavoro. La "peer review" non è solo per gli studiosi. È comune cortesia che l'autore fornisca i mezzi per valutare le proprie affermazioni.


Fortunatamente, ho studiato abbastanza sugli Illuminati bavaresi per navigare nel testo e localizzare da dove, alla fine, una dichiarazione proviene.


In To The Victor Go The Myths & Monuments (KL 307, 312):

Recentemente abbiamo visto un afflusso di nuovi libri che raccontano parte della storia, e alcuni autori che ora ammettono che la principale fonte di cospirazione in Europa, gli Illuminati, non è morta quando i nostri libri di storia l'hanno detto. Quindi ammettendo, il lettore medio assume che il resto del libro sia accurato, anche quando propaga il mito dell'inefficacia degli Illuminati. L'idea ora è quella di nascondere agli americani interessati che leggono tali argomenti che esiste una qualsiasi connessione americana con i primi Illuministi e l'influenza diretta di questi uomini su organizzazioni e personaggi americani.


All'insaputa del lettore, Thompson ha qui in mente un individuo singolare e molto influente: Thomas Paine. Ho spulciato le liste dei veri membri degli Illuminati dal 2005. In Perfectibilists ci sono 448 biografie di membri, e il conteggio ufficiale dei veri iniziati è di 1339. (Premere il pulsante play, a sinistra, per avviare l'interrogazione del database - risultati 1339 membri). Appartenenza significa appartenenza. Illuminati-adiacenti non è sufficiente. Gli studiosi degli Illuminati sono specializzati e hanno bisogno di cifre accurate e di fonti primarie solide a sostegno dell'identificazione dei membri. Paine non era un Illuminato, né Nicolas de Bonneville.


Con il recente afflusso di libri sugli Illuminati, Thompson sta pensando a Mark Dice, Jim Marrs, Marco di Luchetti, Joe Wages, Jeva Singh-Anand, e me. Nessuno nella lista precedente "propaga il mito dell'inefficacia degli Illuminati", né "nasconde agli americani interessati alla lettura" fatti rilevanti e aggiornati sugli Illuminati. (Chi nasconde cosa? Tu nascondi le tue fonti.) Joe Wages fu colui che scoprì un piano segreto degli Illuminati per stabilire una colonia in America; nome d'ordine degli Illuminati, Elysium nelle corrispondenze. Ho anche scritto ampiamente sul miglior membro confermato degli Illuminati che può essere rintracciato dopo in America. Un sacco di nuovo territorio da esplorare.


Scorrendo le note del Kindle, un altro punto saliente cattura la mia attenzione. Thompson cita da "Il sionismo contro il bolscevismo" di Winston Churchill, con l'avvertimento che "la sua motivazione può essere messa in discussione". Nota a me stesso in Kindle (indelicato può essere): "Churchill sta parlando qui di ebrei. Che Weishaupt era un ebreo come tutti gli altri e che la cospirazione è ebraica. Sii sincero su ciò che citi".


Nesta Webster e i suoi seguaci ebbero un ruolo importante nelle cospirazioni proposte dalla John Birch Society.

Al KL 1198, Thompson scrive della "credenza popolare" che gli Illuminati erano stati soppressi, e poi cita John Robison, che gli Illuminati erano in effetti:

rinacque subito dopo, sotto un nome diverso, e in una forma diversa, in tutta la Germania. Fu di nuovo individuato e apparentemente sciolto; ma aveva ormai messo radici così profonde, che ancora sussiste senza essere individuato, ci viene detto, in tutti i paesi d'Europa.


In una risposta direttamente sotto la citazione di Robison, Thompson scrive:

Altre opere "erudite" ammettono che gli Illuminati sono esistiti fino al 1800, ma cercano in tutti i modi non solo di convincere il lettore che non ci sono prove della sua esistenza dopo questo periodo, ma negano gli storici che affermano che certi individui ne erano membri, come Buonarroti e Mirabeau.


Le ultime vestigia degli Illuminati sono raccontate nella seguente bio '9. Friedrich Ludwig Ulrich Schröder (1744-1816)' (e nel mio libro, 131-133 [edizione a stampa]). Vedi anche, in Perfectibilists 60-68, la sezione sulle interconnessioni della società di lettura degli Illuminati - fondata, infiltrata o altro. Inoltre, è stato fatto uno sforzo eccessivo per includere i dettagli di qualsiasi affiliazione a società di lettura nelle biografie dei membri; e documentare le associazioni con i Cavalieri di Malta, o l'Ordine dell'Ospedale di San Giovanni di Gerusalemme; Ordine della Giarrettiera; Ordine del Vello d'Oro; Ordine dell'Elefante; Ordine del Dannebrog ecc.


Qui stiamo iniziando ad entrare nel territorio della critica delle fonti, un fondamento della storiografia. Avendo scritto una monografia su quella che è probabilmente la più infame società segreta della storia, conosco fin troppo bene questo processo. Può essere esasperante - ed esasperante - passare attraverso un'affermazione dopo l'altra che persiste da più di 240 anni. E da quando Thompson ha menzionato il Buonarroti, la nostra comprensione di Filippo Buonarroti, e della sua rete di società segrete, è maturata. Si veda in particolare questo saggio: Massoneria militante: Amis de la Vérité, Buonarroti Masters and French Carbonari,


La ricerca ritenuta attendibile sulle cospirazioni, richiede disciplina e temerarietà. L'autore di politica profonda Jeffrey M. Bale ha scritto:

Pochissime nozioni al giorno d'oggi generano tanta resistenza intellettuale, ostilità e derisione all'interno dei circoli accademici quanto la credenza nell'importanza storica o nell'efficacia delle cospirazioni politiche. ... Questo pregiudizio è così forte tra gli accademici che, anche quando chiare prove di un complotto vengono inavvertitamente scoperte nel corso delle loro ricerche, essi si sentono spesso costretti, sia per un senso di imbarazzo o per il desiderio di disinnescare le critiche anticipate, a prefigurare il loro resoconto ostentando di non credere nelle cospirazioni.


("Paranoia politica V. Realismo politico: On Distinguishing Between Bogus Conspiracy Theories And Genuine Conspiratorial Politics," Patterns of Prejudice, Vol. 41, No. 1, 2007, p. 47)


Un'altra osservazione che dovrebbe essere ovvia:

... le tecniche rigorose di critica delle fonti primarie e secondarie che sono state a lungo impiegate con successo dagli storici seri sono in effetti molto adatte per analizzare il tipo di informazioni frammentarie che periodicamente affiorano in relazione a casi reali di politica cospirativa. [corsivo mio] (Ibid., p. 60).


In altre parole, i teorici della cospirazione non devono essere "teorici". Trattatela come qualsiasi soggetto storico e usate la stessa metodologia.


***


In Thompson, le affermazioni del paragrafo seguente potrebbero avere bisogno di qualche chiarimento:

Eppure persiste l'evidenza che questi ultimi argomenti non possono essere veri. Fu Mirabeau, dopo tutto, che invitò il leader illuminista Christian Bode a portare il programma dell'Illuminismo in Francia. Talleyrand lavorò con Mirabeau per convincere Bode. Fu Mirabeau che fu la figura pubblica degli Illuminati in Francia. Scrisse con gli illuministi, assunse degli illuministi, e fece uno sloganeering del pensiero e dell'azione illuminista. (enfasi mia) (KL 1204, 1210)


Prima di tutto, l'ultima frase mi trova completamente d'accordo. Non lasciamo Mirabeau fuori dai guai per l'evidente interconnessione della sua rete di soci e conoscenti Illuminati, massoni e bancari. Ancora una volta, sono già stato sul territorio: 2 * Gabriel Honoré Riqueti, Comte de Mirabeau (1749-1791). Per quel che vale: in questo caso, non importa se ha firmato un giuramento all'Ordine. La collaborazione è adeguatamente documentata. Mirabeau certamente "scrisse con gli Illuministi, assunse Illuministi, e sloganizzò il pensiero e l'azione Illuminista".


E ci sono casi simili, come quello di Christian G. Salzmann.


Da Perfettibilisti, pp. 403-405; 431:

Salzmann, Christian Gotthilf (1744 Sömmerda, Germania - 1811 Schnepfenthal, Germania)

Nonostante la convinzione generalmente sostenuta dagli investigatori precedenti, l'iniziazione di Salzmann agli Illuminati non fu mai pienamente realizzata.52 Tuttavia, egli fu comunque molto importante per l'Ordine e i suoi obiettivi, fu corteggiato per anni, e gli Illuminati di Gotha finanziarono il famoso istituto educativo di Salzmann a Schnepfenthal.


Studiò teologia a Jena, divenne pastore nel 1768, diacono a Erfurt nel 1772, e membro dell'Accademia delle Arti e delle Scienze di Erfurt utile al pubblico nel 1780.53 Salzmann andò a Dessau per diventare pedagogo. Dal 1781-85 fu professore al Philanthropinum, una famosa scuola istituita da Johann Bernhard Basedow. I filantropi modellarono la loro pedagogia sugli insegnamenti del suo fondatore e su quelli di Jean-Jacques Rousseau.


Salzmann progettò la formazione di una scuola a Dessau con l'Illuminato Rudolph Zacharias Becker, senza successo. Ben presto cercò altrove per realizzare il sogno di fondare un proprio istituto.


Salzmann era già collegato ai circoli "illuminati" di Erfurt: uomini come il sospetto illuminato Carl Friedrich Bahrdt (1741-1792), e l'illuminato Karl Theodor von Dalberg (allora governatore di Erfurt). Non era anche estraneo all'Illuminato duca Ernst II di Saxe-Gotha, essendo già stato raccomandato al sovrano da Christoph Martin Wieland nel 1778. Il duca Ernst era desideroso di istituire una scuola di formazione a Gotha, e Salzmann era pronto per il compito. Le raccomandazioni di Becker avrebbero sciolto gli ultimi dubbi sull'idoneità di Salzmann come leader di una scuola di formazione dedicata all'indottrinamento della gioventù nei principi dell'Illuminismo.54


Come osserva la dottoressa Christine Schaubs, l'educazione delle giovani generazioni per la realizzazione del piano dell'Ordine era una questione di sopravvivenza per gli Illuminati; era imperativo trovare uomini adatti al compito. Le accademie Minerval dell'Ordine accettavano solo giovani adulti dai 16 anni in su. Gli Illuminati vedevano in Salzmann una persona capace di educare una generazione ancora più giovane, in modo che potesse essere accettata in seguito senza difficoltà nelle loro "scuole di saggezza, le Chiese Minervali. "55


Dalle lettere scambiate tra Bode, Helmholt e Wehmeier risulta chiaro che la creazione dell'istituto educativo di Salzmann fu sostanzialmente preparata dagli Illuminati. Inoltre, Christine Schaubs scrive che Salzmann e Becker furono specificamente menzionati da Bode in relazione alla fondazione di una scuola di formazione a Gotha.


Su raccomandazione di una schiera di Illuminati, l'ammissione di Salzmann nell'Ordine era quasi sicura alla Loggia di Gotha nel gennaio 1783. Tuttavia, il duca Ernst II aveva precedentemente decretato che l'adesione doveva essere limitata, con il risultato finale che Salzmann non era mai stato ufficialmente introdotto. Bode propose nuovamente Salzmann come membro in agosto; e Weishaupt era felice della prospettiva di ammettere un tale uomo nel suo Ordine. Nel settembre 1783 quest'ultimo scrive che Salzmann dovrebbe essere sostenuto e osservato, e se possibile dovrebbe essere conquistato alla causa.56


Nonostante il fatto che Salzmann non fosse ancora un membro, tutti i preparativi per l'istituto educativo a Schnepfenthal furono condotti dagli Illuminati di Gotha. Le trattative per assicurarsi la proprietà furono condotte dagli Illuminati C. Helmolt e Wehmeier dopo il febbraio 1783. Quando la contessa Zech von Berbisdorf fornì il denaro per la proprietà in ottobre, Salzmann fu solo un intermediario nella transazione, e consegnò la somma a Helmolt. In dicembre Becker, insieme a Wehmeier, ricevette una donazione dal duca Ernst II per acquistare la proprietà. Ogni passo del procedimento era controllato dagli Illuminati, ed Ernst II mise in chiaro che Salzmann doveva essere solo nominato capo dell'istituto piuttosto che controllare finanziariamente l'impresa.57

Nell'estate del 1784 l'istituto fu inaugurato dal duca Ernst II e battezzato "New Philanthropinum". La nuova scuola di Salzmann a Schnepfenthal era progettata esclusivamente per i bambini delle classi superiori ed era sotto il patrocinio della famiglia reale di Saxe-Gotha. La scuola doveva diventare famosa e attirava studenti da tutta Europa. Il primo allievo fu Karl Ritter, il fondatore della geografia comparata. Dopo la morte di Salzmann, la scuola fu continuata dai membri della sua famiglia, e continuò ad esistere per oltre un secolo.58 Gli stessi figli di Weishaupt, per volere del duca, vi furono educati.59


[...]


52 Sull'autorità di Richard van Dülmen, ero pronto a riconoscere che Salzmann

era un membro confermato. Tuttavia, il dottor Hermann Schüttler, Peggy Pawlowski,

e in particolare la ricerca della dottoressa Christine Schaubs ("Salzmanns Schulgründung im Lichte

der Illuminaten", URL: http://web.archive.org/web/20030121091617/www.geheimegesellschaften.

de/Schaubs-Salzmann.htm) ha confermato che l'insinuazione di Salzmann

non si è mai verificata. Che sia stato proposto per l'adesione in numerose occasioni è vero, ma

in tutte le comunicazioni ancora scoperte tra i membri degli Illuminati, Salzmann è

Salzmann non è mai stato chiamato con il suo pseudonimo (una volta ufficialmente introdotto, principalmente per la segretezza, i membri non sono

in seguito non si fa mai riferimento ai membri con i loro veri nomi).

53 Schüttler, "Christian Gotthilf Salzmann", URL: http://www.2hap.org/Geheime-Gesellschaften/

Illuminaten/salzmann.html.

54 Vedi Schaubs, op. cit.

55 Ibid.

56 Ibid.

57 Ibidem.

58 Dr. Anthony F. Gilberti, "I grandi educatori", URL: http://web.archive.org/web/20060904090524/http://isu.indstate.edu/gilberti/ite671_672/lesson14.html.

59 René Le Forestier, Les Illuminés de Bavière et la Franc-Maçonnerie Allemande [Parigi

1914], ristampa Archè, 2001, p. 551.

***


Johann Joachim Christoph Bode non era stato invitato a Parigi da Mirabeau come sostenuto da Thompson in precedenza. Una voce che suggerisce ciò può essere trovata nelle Memorie di Augustin Barruel che illustrano la storia del giacobinismo (1798; Edizione Real View Books, 1995), tuttavia.


Alla fine degli anni 1790, esiliato in Inghilterra dopo la rivoluzione, l'ex gesuita Abbé Barruel aveva divorato gli ultimi intrighi dalla Francia e dalla Germania. Ha riferito la tesi della cospirazione del maestro, completamente formata nella sua immaginazione:


Si ricordi poi che è al Comitato degli Amis réunis che Mirabeau aveva diretto i fratelli illuminanti della Germania - Savalette e Bonneville avevano fatto di questo comitato il punto centrale della rivoluzione e dei misteri. Lì si riunivano in consiglio, nei giorni stabiliti, non solo gli adepti parigini, ma quelli di tutte le province che erano giudicati degni di essere ammessi ai profondi misteri della Setta. C'erano da vedere gli Eletti del Filalete [sic], i profondi Rosacroce e i Cavalieri Kadosch, gli Eletti della Rue Sourdière, delle Nove Sorelle, della Loggia del Candore, e dei comitati più segreti del Grande Oriente. Questo era il luogo di approdo dei fratelli viaggiatori provenienti da Lione, Avignone e Bourdeaux. Gli emissari della Germania non potevano trovare un punto centrale più adatto ai loro nuovi misteri che questo comitato; e fu lì che spiegarono tutta l'importanza della loro missione. Il codice di Weishaupt fu ordinato di giacere sul tavolo, e furono nominati dei commissari per esaminarlo e fare il loro rapporto.


Ma qui le porte di questo senato segreto sono chiuse contro di noi. Non pretendo di penetrare nell'oscuro recesso e descrivere le deliberazioni che ebbero luogo in questa occasione. Molti fratelli mi hanno informato che ricordano la deputazione, da [sic] che a malapena ricordano Amelius-Bode e Bayard-Busche sotto un'altra denominazione che quella dei fratelli tedeschi. Hanno visto questi deputati ricevuti in diverse Logge [sic] con tutta l'etichetta dovuta a visitatori di grande importanza; ma non era in tali occasioni che si discuteva di una coalizione tra gli antichi misteri della Massoneria e quelli del moderno Spartaco. Tutto ciò che i miei memoriali dicono in proposito è che ebbero luogo delle trattative; che i deputati riferirono al loro Areopago; che le trattative durarono più a lungo di quanto ci si aspettasse; e che alla fine fu deciso che i nuovi misteri dovessero essere introdotti nelle Logge francesi, ma sotto una forma massonica; e che tutti dovessero essere illuminati, senza nemmeno conoscere il nome della Setta i cui misteri stavano adottando. Solo le parti del codice di Weishaupt dovevano essere selezionate come le circostanze avrebbero richiesto per accelerare la rivoluzione. Se i fatti che seguirono immediatamente questo negoziato non fossero trapelati per indicarne gli effetti, saremmo ancora all'oscuro del suo grande successo; la notizia del quale Amelius e Bayard riportarono ai loro fratelli illuminati in Germania. Ma fortunatamente per la storia, i fatti hanno parlato; e sarà facile vedere quanto questa famosa ambasciata abbia influenzato la rivoluzione francese.  (Barruel, op. cit. 738-9)


Questo è un perfetto esempio della necessità di interrogare le proprie fonti - a partire dalle prime. Barruel non cita nessuno, nonostante le affermazioni molto specifiche.


La principale ispirazione di Barruel fu il professor Leopold Alois Hoffmann, editore della Wiener Zeitschrift, che fu tra i capostipiti del conservatorismo tedesco che combatteva la massoneria, gli Illuminati e i giacobini nei primi anni 1790. Barruel leggeva regolarmente molti giornali e periodici stranieri che mettevano in guardia dagli Illuminati e dai Giacobini.


Il defunto storico, Klaus Epstein elenca quanto segue nella sezione del saggio bibliografico: "Wiener Zeitschrift (6 volumi, Vienna, 1792-93). La famosa rivista di Hoffmann che apparve in sei volumi trimestrali tra gennaio 1792 e settembre 1793. La maggior parte degli articoli furono scritti da lui stesso, e l'insieme porta l'impronta della sua personalità". (The Genesis of German Conservatism, Princeton University Press, 1966, p. 697)


"La Wiener Zeitschrift si guadagnò la sua reputazione", ha scritto Steven Luckert, "non come un giornale dedicato a una discussione imparziale delle notizie, ma come un organo polemico, specializzato in denunce, attacchi personali e smascheramento di cospirazioni rivoluzionarie". Fu il primo "a strombazzare una versione completa della teoria del complotto degli illuminati". (in Gesuiti, massoni, Illuminati e giacobini: Conspiracy theories, secret societies, and politics in late eighteenth-century Germany, Ph.D. dissertation, State University of New York at Binghamton, 1993, pp. 524; 556.)


Barruel: "era al Comitato degli Amis réunis che Mirabeau aveva indirizzato i fratelli illuminanti della Germania". Inventato di sana pianta. Mirabeau non è mai stato associato alla Loggia Amis Réunis e tanto meno ha diretto il suo "comitato" per illuminare i fratelli provenienti dalla Germania. È vero, però, che la Amis Réunis aveva contatti con una moltitudine di riti massonici e occulti in tutta Europa.


Come ho scritto in "Karl R. H. Frick su The Philalèthes":


Per quanto riguarda l'intero ambiente della Massoneria di alto livello durante l'Illuminismo, i Filaltesi sono degni di nota. Il Rito stesso - più che altro un regime - e la Loggia "Amis Réunis" da cui è stato fondato, costituivano una camera di compensazione per tutte le cose occulte o esoteriche sul continente e oltre; Savalette de Langes e il Marchese de Chefdebien possono anche essere descritti come impegnati nello spionaggio massonico. Non c'è un solo volume sulla massoneria del XVIII secolo che non dia i dettagli principali degli Amis Réunis e dei Philalèthes. I membri del rito provenivano non solo dalla Francia, ma dalla Germania, dall'Inghilterra, dall'Italia, dall'Austria, dalla Svezia e dalla Russia (e come è stato dimostrato con la pubblicazione del diario di J. J. C. Bode nel 1994, gli Illuminati bavaresi erano riusciti ad unirsi ufficialmente ad esso appena due anni prima della rivoluzione).


Per Barruel, ancora, dal passo sopra citato: "Savalette e Bonneville avevano fatto di questo comitato il punto centrale della rivoluzione e dei misteri". È un'affermazione incendiaria, ma solo questo: un'affermazione. Bonneville, per esempio, non è documentato da nessuna parte come se fosse mai stato associato agli Amis Réunis né c'è alcuna indicazione che conoscesse o corrispondesse con Savalette de Langes. Il Cercle Social e la Bouche de Fer non erano collegati agli Amis Réunis. L'opera di riferimento seminale Philalèthes/Amis Réunis, Les Philalèthes Et Les Convents De Paris di Charles Porset: Une Politique De La Folie, H. Champion (1996), per esempio, menziona Bonneville solo alcune volte di sfuggita - il che significa che Bonneville non era né un Philalèthes né un membro degli Amis Réunis. E due, nessuna menzione di Bonneville o Mirabeau nella lista dei membri in Pierre-François Pinaud "Une loge prestigieuse à Paris à la fin du xviiie siècle : les Amis Réunis, 1771-1791", Chroniques d'histoire maçonnique, n° 45, 1992.


***

Al KL 1210, Thompson scrive:


Talleyrand, uno dei più importanti luminari della massoneria eclettica, e lui stesso illuminista, fu determinante con altri illuministi nell'ascesa di Napoleone I dal 1797 al 1799.


Talleyrand non è presente in nessuna lista autentica degli Illuminati. Infatti non era nemmeno un massone prima o durante la rivoluzione, e tanto meno un massone di Rito Eclettico. Lo storico massone Jean Bossu, in "Talleyrand et la Franc-Maçonnerie", scrive che la prima volta che Talleyrand fu iniziato alla massoneria fu nel 1805, alla Loge Impériale des Francs-Chevaliers. Era una loggia di adozione, che iniziava sia uomini che donne.


Il prossimo paragrafo di Thompson:


Mirabeau è detto da alcuni di essere stato iniziato all'Illuminismo a Brunswick. Secondo Howard Mumford Jones in America And French Culture, 1750-1848, Mirabeau fu iniziato come Illuminato da Bode a Berlino. Indipendentemente da ciò, la prova è schiacciante che Mirabeau era un membro degli Illuminati.


Ora abbiamo una fonte, ma ahimè nessun numero di pagina - ovviamente. Bode è menzionato solo una volta nel libro di Jones del 1927, alle pagine 397-398. Jones sta effettivamente scrivendo degli Illuminati in queste pagine - oggettivamente:


Per un certo periodo la società languì; poi nel 1780 il genio organizzativo del barone Adolf Freiderich Knigge si applicò al compito di estendere la fraternità, e nel 1784 c'erano 2000 o 3000 membri, tra cui vari principi tedeschi di persuasione liberale, Herder, Goethe e Pestalozzi. Il 22 giugno 1784, Karl Theodor di Baviera, che dal 1779 era stato anti-liberale e ultramontano, lanciò il primo di una successione di editti contro l'ordine che dal 1787 era scomparso in Baviera, e che non riuscì a fiorire fuori da quello stato. Nel frattempo, tuttavia, le rivelazioni reali e immaginarie sullo scopo degli Illuminati, coincidendo con il desiderio dei conservatori ovunque di spiegare l'improvviso sconvolgimento della Rivoluzione Francese, portarono alla fondazione della grande leggenda in cui erano ugualmente implicati i Club Democratici, i massoni, i gesuiti e gli Illuminati; vale a dire, che i leader della Rivoluzione Francese e i philosophes erano membri di una vasta società mondiale che mirava a distruggere la cristianità e il governo.37


37 Questa teoria sembra essere stata avanzata seriamente per la prima volta in riferimento a Bode e Mirabeau. Secondo questa teoria, Mirabeau, durante la sua residenza a Berlino nel 1786-7, era stato introdotto nell'ordine da Johann Joachim Christoph Bode (1730-1793), il successore di Weishaupt, e al suo ritorno a Parigi indottrinò quel ramo della massoneria francese conosciuto come Philalèthes o Amis Réunis con l'Illuminismo, Bode e Busche vennero a Parigi nel 1787 per assistere nella fondazione dell'Illuminismo francese. La Massoneria francese divenne così il fondamento di un movimento rivoluzionario segreto che il 14 luglio 1789 scaturì la sua mina nella distruzione della Bastiglia. Tutti i successivi eventi della Rivoluzione furono ricondotti all'Ordine. (enfasi mia)


Non c'è da stupirsi che Thompson non citi correttamente. In questo caso, inventa quello che vorrebbe essere la verità e poi lo attribuisce alla fonte. Nella pagina successiva, Jones nomina poi i principali promulgatori della teoria: Un solo paragrafo sui libri di cospirazione di Robison e Barruel e infine il panico degli Illuminati in America, tratto da New England and the Bavarian Illuminati di Vernon Stauffer (1918).


Al KL 1215, Thompson fa riferimento alla presunta "lista degli Illuminati" inviata a Vienna. L'ho già affrontato su questo sito nel 2011:


C'è un comunicato diplomatico ufficiale, datato 1791, che nomina Mirabeau tra gli "Illuminati e massoni". Fu inviato dal ministro degli Esteri bavarese, il conte Karl Matthäus von Vieregg (1719-1802), all'ambasciatore imperiale Ludwig Konrad von Lehrbach (1750-1805) a Monaco, che poi lo inoltrò a Vienna. Ci sono alcuni individui menzionati nella lista che da allora sono stati confermati come Illuminati, quindi Vieregg era meglio informato dei suoi contemporanei.14 Oltre a Mirabeau elenca rivoluzionari francesi come il Duca d'Orléans, Lafayette, Antoine Barnave, Jacques Pierre Brissot, Claude Fauchet, persino Thomas Paine. Ma alla fine, poiché non viene fatta alcuna distinzione tra massoni e Illuminati in buona fede, è effettivamente inutile.15


14 Le autorità bavaresi tennero segreti molti dei nomi che si trovavano negli scritti originali degli Illuminati - di proposito - per paura delle ripercussioni, mentre gli Illuminati stessi, nelle corrispondenze, spesso davano solo uno pseudonimo o delle iniziali e ci lasciavano ben poco altro da cui partire. Alcuni dei nomi mancanti, ma non tutti, sono stati identificati. I rimanenti "non identificati" sono elencati in Schüttler, op. cit., pp. 188-195, se qualcuno volesse fare un tentativo.


15 Scoperto in un archivio austriaco e pubblicato per la prima volta in Sebastian Brunner, Die Mysterien der Aufklärung in Oesterreich, 1770-1800: Aus archivalischen und andern bisher unbeachteten Quellen (F. Kirchheim [Mainz] 1869), p. 35 [visibile su Google books]; cfr. René Le Forestier, Les Illuminés de Bavière et la Franc-Maçonnerie Allemande [Paris: 1915], ristampa Archè, 2001, pp. 654-5.


A quanto pare ero un po' credulone. Più scetticismo era d'obbligo una volta che la storia della lista - la sua provenienza - è raccontata più in dettaglio. L'ideatore non è altri che Leopold Alois Hoffmann menzionato prima. Lo storico degli Illuminati Eberhard Weis, in Montgelas: Zwischen Revolution und Reform 1759-1799 (1988), ha i dettagli (pp. 74-5).


Secondo il defunto Jeva Singh-Anand, traduttore dei rituali degli Illuminaten (nella mia comunicazione via e-mail con lui, marzo 2014), il succo è questo: "...in poche parole, Monaco è ancora in preda alla paura degli Illuminati, e sullo sfondo della Rivoluzione Francese, anche Leopoldo II è colpito dal panico generale sugli Illuminati, anche se l'ordine è ormai defunto e non ci sono prove di riunioni di membri. Il conte Lehrbach riferisce a Leopoldo II l'8 luglio 1791. L'Elettore e il ministro Vieregg si offrono di prestare a Leopoldo i loro file sugli Illuminati e le misure di sicurezza, e lui accetta la loro offerta. Il defunto cancelliere privato Kreittmayr aveva scoperto importanti documenti che fornivano informazioni sull'identità del membro. All'ex Illuminato Eckartshausen, che era stato accusato di aver rubato importanti documenti degli Illuminati, viene ordinato di fornire all'Imperatore una lista di membri che aveva ricevuto dal professor Hoffman, un avversario degli Illuminati, a Vienna. Poi segue il passaggio tradotto Ti ho già mandato":

Lehrbach invia la lista all'imperatore insieme a una lettera di Frank, ma nota subito che la lista contiene un misto di Illuminati e di massoni ordinari, completamente non banditi.46 Oltre agli Illuminati veri e propri come i duchi Ernst di Sassonia-Coburgo-Gotha e Karl August di Sassonia-Weimar con il consigliere di corte Wieland, Dalberg, il cancelliere per la Boemia conte Kollowrath e l'inviato imperiale a Londra, Philipp conte Stadion, così come suo fratello Friedridt, il canonico di Würzburg46 , la lista include anche personalità la cui appartenenza non è confermata da altre fonti, come il principe ereditario (Friedrich Wilhelm III. ) di Prussia, l'ex ministro Hertzberg, il cancelliere per l'Ungheria conte Palffy e dalla Francia il duca d'Orleans, Necker, La Fayette, Barnave, Brissot e Mirabeau, dall'Inghilterra Thomas Paine, dai professori di Göttingen Frise, mentre si nota di Schlözer, Spittler e Meiners che avevano "rinunciato solennemente" all'Ordine.

 

Lehrbach invia la lista insieme a una lettera di [Ignaz] Frank all'imperatore, ma nota subito che in questa lista sono mescolati insieme Illuminati e massoni ordinari, del tutto innocui (46). Oltre agli Illuminati veri e propri, come i duchi Ernesto di Sassonia-Coburgo-Gotha e Carlo Augusto di Sassonia-Weimar, insieme al consigliere privato Wieland, Dalberg, il cancelliere di Boemia, conte Kollowrath, e il delegato imperiale a Londra, conte Philipp Stadion, nonché suo fratello Friedridt, canonico della cattedrale di Wurtzburg (46), la lista comprende anche persone la cui appartenenza non è confermata da altre fonti, come il principe ereditario (Federico Guglielmo III) di Prussia, l'ex ministro Hertzberg, il cancelliere d'Ungheria, il conte Palffy, e in Francia: il duca d'Orleans, Necker, La Fayette, Barnave, Brissot e Mirabeau; in Inghilterra: Thomas Payne; e dei professori di Goettingen: Frise, mentre si dice di Schloezer, Spittler e Meiners che avevano "rinunciato solennemente" all'ordine. 

 

Oltre all'ovvio punto che Lehrbach si è preso il tempo di aggiungere un'osservazione che non c'era alcuna distinzione tra massoni e illuminati nella lista; la fonte ultima di Eckartshausen, come rivelato sopra, era Hoffmann e l'ex gesuita Ignatius Franciscus Franck Ignaz Franck, Zirkeldirektor della Croce Dorata e Rosa di Monaco - nemici giurati contro l'ordine degli Illuminati. Inutile dire che "[Duca] [d']Orleans, Necker, La Fayette, Barnave, Brissot, e Mirabeau; in Inghilterra: Thomas Payne," non sono (ancora) saltati fuori in una lista ufficiale dei membri degli Illuminati.


Nel 1791, Hoffman era al servizio di Leopoldo II per scoprire le trame che provenivano dalle società segrete e dai club e salotti rivoluzionari. Parte del suo compito era quello di combattere il fuoco con il fuoco:


Il compito principale della polizia segreta di Leopoldo era la sorveglianza della burocrazia stessa.


Il punto è illustrato dai rapporti di Leopold con L. A. Hoffmann, editore della Wiener Zeitschrift.36 Hoffmann sapeva molto sui rami più reconditi della massoneria, compresa la sua propaggine gli Illuminati, che erano defunti da diversi anni. Le loro macchinazioni, sosteneva, erano la vera causa della Rivoluzione Francese. Era abbastanza disposto, comunque, a vedere tali metodi impiegati per far avanzare la Rivoluzione dall'Alto. Sotto le istruzioni di Leopoldo, iniziò nel 1791 ad organizzare un'Associazione con una gerarchia di quattro livelli di segretezza. Il "segreto" più basso era quello di combattere la Rivoluzione Francese, inculcare l'obbedienza nel popolo, e ottenere "un equilibrio più sicuro tra il monarchismo moderato e il democratismo." Il successivo segreto più alto era quello di opporsi all'"aristocratismo" nella misura in cui esso ostacolava i piani del governo. Il "segreto più alto" era quello di portare il principe ereditario, Francesco II, a questi punti di vista; e il segreto più alto di tutti, l'allergeheimster Zweck, era quello di esercitare un'influenza sugli stati stranieri. In tutto il programma, e specialmente nell'idea di fare propaganda in paesi stranieri, Leopold e Hoffmann si proponevano di fare esattamente ciò che imputavano (forse "proiettavano" è il termine dello psicologo moderno) ai capi della Rivoluzione in Francia. Era il secondo livello di segretezza che era più vicino agli interessi continui di Leopold: la campagna contro l'"aristocratismo" all'interno del suo stesso impero. Egli sperava di rafforzare la burocrazia la cui inadeguatezza aveva causato il fallimento dei piani di Giuseppe; di infiltrare il servizio governativo con membri segreti della sua Associazione, uomini conosciuti solo tra di loro, una élite disciplinata con idee condivise, che rispondeva a direttive riservate, ispezionando, riferendo, e portando avanti gli impiegati ordinari del governo; lavorando, in breve, per una rivoluzione dall'alto, e realizzando in effetti ciò che gli Illuminati avevano vanamente sognato. Hoffmann riuscì a reclutare varie persone per l'Associazione, tra cui diversi professori e un medico hannoveriano, J. G. R. Zimmermann, che era medico personale del re d'Inghilterra. Ma Leopoldo morì prima che l'Associazione potesse essere veramente formata, e con la sua morte fu dimenticata.


R. R. Palmer, The Age of the Democratic Revolution: A Political History of Europe and America, 1760-1800 (1959; 2014), p. 495.

***


Nel seguente screenshot di Thompson, egli cita il mio libro (senza numero di pagina).


Thompson continua a scrivere che gli Illuminati ebbero "un tale successo che furono in grado di prendere il controllo della Massoneria del Grande Oriente sul continente." (KL 1491) Questo è un grande equivoco che è stato perpetuato nelle offerte di cospirazione degli Illuminati negli ultimi cento anni. In realtà, gli Illuminati hanno fatto poca strada nel Grande Oriente. Sono riusciti a conquistare una gran parte delle Logge nelle terre di lingua tedesca, al nord, al sud e nell'Europa centrale. E dopo la dissoluzione del Rito della Stretta Osservanza nel 1782, molte logge degli Illuminati si trasformarono immediatamente in logge Eklektischer Bund (Rito Eclettico), fondate dall'Illuminato Franz Dietrich Freiherr von Ditfurth nel 1783. Un "Consolidamento ed espansione della Federazione Massonica Eclettica" avvenne nel 1790 sotto la guida della fazione degli Illuminati di Gotha, del Duca Ernst II e di Bode. (Vedi Perfectibilists, pp. 131-3, per i dettagli oltre la morte di J. J. C. Bode nel dicembre 1793)


Dal KL 1423 al 1447, Thompson si intrattiene con le dichiarazioni esagerate dei Rosacroce, che durante il XIX secolo e nel revival occulto a cavallo del XX - in un appello alle reclute - rivendicavano la discendenza dagli Illuminati bavaresi, nella completa ignoranza della loro storia. Gli imbroglioni rosacrociani, racconta Thompson:


sostengono che prima esisteva un Consiglio dei Tre composto da Benjamin Franklin, George Clymer, e Thomas Paine, poi Paine fu sostituito da Lafayette. Franklin e Lafayette appartenevano entrambi alla Loggia Humanidad, che presumibilmente era un'entità rosicruciana. È raro che qualcuno confuti questi due fatti: la loro appartenenza e che fosse un'entità rosacrociana.


Non c'era nessuna "Loggia della Humanidad" durante l'Illuminismo. C'era una Loggia spagnola, "La Logia Amigos de la Naturaleza y Humanidad", fondata nel 1850. Nel 1908 divenne la Loggia Madre del Rito Primitivo di Memphis-Misraïm. Vedi Galtier, Maçonnerie égyptienne, Rose-Croix et néo-chevalerie: Les fils de Cagliostro (1989), pp. 297, 301, 327. "È raro che qualcuno confuti questi due fatti: la loro appartenenza e che fosse un'entità rosacrociana", scrive Thompson. Raro che qualcuno dichiari Franklin e Lafayette come membri di una loggia allora inesistente... a meno che tu non sia un ciarlatano rosacrociano in cerca di compensi e reclute.


To The Victor Go The Myths & Monuments è una polemica complottista gratuita, e per molti aspetti non soddisfa nemmeno gli standard di JBS. Sono un babbeo per le punizioni, suppongo, ma la sezione "Informazioni sull'autore" - così come è scritta - è probabilmente adeguata per allontanare le persone razionali dallo sprecare il loro tempo e denaro.

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia