Il Pentagono è in isolamento dopo una sparatoria, 2 morti, un poliziotto e presunto aggressore

Il Pentagono è in isolamento dopo una sparatoria
WASHINGTON

Aggiornamento 4/8/2021:

I funzionari dicono che un ufficiale del Pentagono è morto dopo essere stato accoltellato durante uno scoppio di violenza in una stazione di transito fuori dall'edificio. E' probabile che l'ufficiale fosse collegato agli eventi del 6 Gennaio come gli altri 4 che si sono suicidati in questi mesi e che riportiamo in fondo all'articolo.

-----------

Un ufficiale di polizia del Pentagono è morto dopo essere stato accoltellato martedì durante un'esplosione di violenza in un centro di transito fuori dall'edificio, e un sospetto è stato colpito dalle forze dell'ordine ed è morto sulla scena, hanno detto i funzionari.


Il Pentagono, il quartier generale dell'esercito degli Stati Uniti, è stato temporaneamente messo in isolamento dopo che qualcuno ha attaccato l'ufficiale su una piattaforma di autobus poco dopo le 10:30. La violenza che ne è seguita, che ha incluso una raffica di colpi di pistola, ha provocato "diverse vittime", ha detto Woodrow Kusse, il capo dell'Agenzia di protezione della forza del Pentagono, che è responsabile della sicurezza nella struttura.


Le morti dell'ufficiale e del sospetto sono state confermate da funzionari che non erano autorizzati a discutere la questione e hanno parlato con The Associated Press a condizione di anonimato. Il dipartimento di polizia della contea di Fairfax ha anche twittato le condoglianze per la morte dell'agente.


Le circostanze sono rimaste poco chiare anche ore dopo la fine della violenza. Ma l'episodio su un tratto trafficato del sistema di trasporto dell'area di Washington ha scosso i nervi di una regione già pronta ad essere in allerta per la violenza e i potenziali intrusi fuori dagli edifici del governo federale, in particolare dopo la rivolta del 6 gennaio al Campidoglio.


In una conferenza stampa del Pentagono, Kusse ha rifiutato di confermare che l'ufficiale era stato ucciso o di fornire anche informazioni di base su come la violenza si era svolta o quanti potrebbero essere i morti. Ha detto solo che un ufficiale era stato attaccato e che "c'è stato uno scontro a fuoco".


Kusse e altri funzionari hanno rifiutato di escludere il terrorismo o di fornire qualsiasi altro potenziale motivo. Ma, Kusse ha detto che il complesso del Pentagono era sicuro e "non stiamo cercando attivamente un altro sospetto in questo momento". Ha detto che l'FBI stava conducendo le indagini.


"Non posso compromettere l'indagine in corso", ha detto Kusse.


L'FBI ha rilasciato una dichiarazione simile, confermando solo che stava indagando e che non c'era "nessuna minaccia in corso per il pubblico", ma rifiutando di offrire dettagli o un possibile motivo.



AGGIORNAMENTO che potrebbe non essere inerente al fatto ma comunque degno di nota- Un QUARTO agente di polizia che ha risposto alla rivolta del 6 gennaio al Campidoglio "è morto per suicidio", ha confermato ieri sera la sua famiglia. Kyle DeFreytag è morto il 10 luglio. Questo annuncio è arrivato poche ore dopo la notizia di un terzo suicidio.


La lista sta crescendo. Finora degli agenti presenti il 6 gennaio al Campidoglio sono 4 i suicidi noti:

Ufficiale Gunther Hashida

Ufficiale Kyle DeFreytag

Ufficiale Jeffrey Smith

Ufficiale Howard Liebengood

Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia