Aziende tedesche accusate di trarre profitto dal lavoro forzato dei musulmani uiguri in Cina

 

Aziende tedesche accusate di trarre profitto dal lavoro forzato dei musulmani uiguri in Cina
www.euronews.com


Diverse aziende tedesche sono state accusate di "trarre profitto" dal lavoro forzato dei musulmani uiguri in Cina.


L'accusa è stata fatta dalla ONG con sede a Berlino, il Centro europeo per i diritti costituzionali e umani (ECCHR).


Marchi di alto profilo, tra cui le catene di abbigliamento Hugo Boss e C&A, e le catene di discount Lidl, Aldi Nord e Aldi Sud sono stati nominati nella denuncia.


L'ECCHR ha detto che le aziende sono state complici "direttamente o indirettamente" del lavoro forzato dei membri della minoranza musulmana uigura nella provincia cinese dello Xinjiang.


L'associazione ha detto che i marchi sono colpevoli di "presunta complicità in crimini contro l'umanità". Le aziende hanno negato le accuse.



DIMENSIONE DEL TESTO

AaAa

Diverse aziende tedesche sono state accusate di "trarre profitto" dal lavoro forzato dei musulmani uiguri in Cina.


L'accusa è stata fatta dalla ONG con sede a Berlino, il Centro europeo per i diritti costituzionali e umani (ECCHR).


Marchi di alto profilo, tra cui le catene di abbigliamento Hugo Boss e C&A, e le catene di discount Lidl, Aldi Nord e Aldi Sud sono stati nominati nella denuncia.


L'ECCHR ha detto che le aziende sono state complici "direttamente o indirettamente" del lavoro forzato dei membri della minoranza musulmana uigura nella provincia cinese dello Xinjiang.


L'associazione ha detto che i marchi sono colpevoli di "presunta complicità in crimini contro l'umanità". Le aziende hanno negato le accuse.


Gli Stati Uniti dichiarano che la Cina sta "commettendo un genocidio" contro la minoranza uigura

I deputati votano per congelare il controverso accordo di investimento UE-Cina

Diversi paesi occidentali hanno accusato la Cina di detenere i musulmani uiguri in vasti campi di lavoro nella parte occidentale del paese.


Gli Stati Uniti sostengono che Pechino sta compiendo un genocidio contro gli uiguri e altri turchi nello Xinjiang, dove gli esperti stimano che più di un milione di persone sono imprigionate.



Pechino rifiuta il termine genocidio e ha descritto i campi come centri di formazione professionale.


Ma gli uiguri dicono di essere costretti ad abbandonare le loro tradizioni religiose e di essere imprigionati mentre lavorano per fabbriche tessili che riforniscono le multinazionali.


Nella sua denuncia, l'ECCHR dice che mantenendo gli affari con la regione, le aziende tedesche stanno "aiutando e favorendo questi crimini", anche se non ci sono prove tangibili di lavoro forzato.


"Questi cinque casi sono solo un esempio di un problema molto più grande e sistematico", ha detto all'AFP Miriam Saage-Maass, direttore dell'ECCHR.


C&A ha detto in una dichiarazione che non "tollera il lavoro forzato nella sua catena di approvvigionamento".


Aldi nel frattempo ha dichiarato di aver stabilito "standard vincolanti per tutti i partner commerciali" per prevenire questi problemi.


Hugo Boss ha anche detto in una dichiarazione che aveva "chiesto ai fornitori diversi mesi fa di scoprire e confermare che la produzione di beni nella catena di fornitura è effettuata in conformità con i diritti umani" e ha aggiunto che ha dato "priorità assoluta" alla questione.


Lidl nel frattempo ha condannato le pratiche in questione e ha detto all'AFP che la denuncia della ONG era basata su "vecchie liste di fornitori".


In aprile, una denuncia simile contro quattro multinazionali dell'abbigliamento è stata presentata in Francia dal gruppo anti-corruzione Sherpa.



Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia