Dal passaporto vaccinale al passaporto personale del carbonio: Preparatevi a CLIMATE-21 e i lockdown dei virus dei combustibili fossili

 Dal passaporto vaccinale al passaporto personale del carbonio: Preparatevi a CLIMATE-21 e i lockdown dei virus dei combustibili fossili


COVID-19 giustifica i piani globali del carbonio?


Autore dell'articolo:Terence Corcoran


Da qualche parte nel profondo del cranio dell'intellighenzia del clima è stato piantato un seme per produrre la florida idea che il virus globale COVID-19 potrebbe servire come ispirazione per l'umanità per affrontare una volta per tutte la crisi climatica incombente. Mark Carney, il maestro globale della crociata climatica del corporativismo moderno, dedica un intero capitolo del suo libro Value(s) al nesso COVID/clima. "Se ci uniamo per affrontare le più grandi sfide della biologia medica, possiamo anche unirci per affrontare le sfide della fisica del clima e le forze che guidano la disuguaglianza".


Il legame tra la pandemia del virus e la pandemia della politica climatica è stato piantato aggressivamente quasi due anni da Klaus Schwab del World Economic Forum. COVID-19, ha detto, apre la porta al Grande Reset, un grande rifacimento del potere e della politica globale. "Le possibilità di cambiamento e il conseguente nuovo ordine", ha detto Schwab, "sono ora illimitate e limitate solo dalla nostra immaginazione".



L'immaginazione di Schwab è ormai radicata. Dagli amministratori delegati agli scrittori medici, agli economisti e agli scienziati che giocano per il potere e l'attenzione, la transizione politica dalla guerra al virus COVID-19 alla guerra al virus dei combustibili fossili CLIMATE-21 è stata saldamente stabilita.


Questo messaggio è arrivato chiaramente questa settimana quando 220 riviste mediche di tutto il mondo - tra cui il Canadian Medical Association Journal - hanno pubblicato lo stesso "editoriale" sotto il titolo: "Appello per un'azione di emergenza per limitare l'aumento della temperatura globale, ripristinare la biodiversità e proteggere la salute".


Il piano d'azione, secondo l'establishment medico mondiale, è un'applicazione globale del modello COVID-19: "Molti governi hanno affrontato la minaccia della pandemia COVID-19 con finanziamenti senza precedenti. La crisi ambientale richiede una risposta di emergenza simile. Saranno necessari enormi investimenti, al di là di ciò che viene considerato o consegnato in tutto il mondo. Ma tali investimenti produrranno enormi risultati economici e sanitari positivi. Questi includono posti di lavoro di alta qualità, riduzione dell'inquinamento atmosferico, aumento dell'attività fisica e miglioramento degli alloggi e della dieta. Una migliore qualità dell'aria da sola realizzerebbe benefici per la salute che compensano facilmente i costi globali della riduzione delle emissioni".


I medici sono incredibili, ma come hanno fatto i redattori di 220 riviste mediche dall'India al Canada e all'Africa orientale a diventare esperti in scienza del clima, economia e ambiente? Non l'hanno fatto. Le riviste dentistiche e altre pubblicazioni mediche hanno semplicemente accettato la linea ufficiale delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico per raggiungere conclusioni predeterminate.


Dicono i medici: "I governi devono intervenire per sostenere la riprogettazione dei sistemi di trasporto, delle città, della produzione e della distribuzione del cibo, dei mercati degli investimenti finanziari, dei sistemi sanitari e molto altro ancora. È necessario un coordinamento globale per assicurare che la corsa alle tecnologie più pulite non avvenga al costo di una maggiore distruzione ambientale e dello sfruttamento umano".


Dato lo stato attuale della pandemia globale, l'ipotesi che l'esperienza di controllo del COVID mostri la strada da seguire può sembrare a molti un po' prematura. Non è ovvio che abbiamo bisogno di combattere il clima con grandi interventi governativi, sostenuti dalle corporazioni, per rimodellare totalmente il sistema economico e di potere globale.


Uno dei centinaia di rimodellatori aziendali è Noel Quinn, CEO di Hong Kong e Shanghai Banking Corporation (HSBC). In una tavola rotonda con Carney recentemente, Quinn ha detto che l'impegno di HSBC nel nuovo corporativismo climatico sta incontrando un grande sostegno da parte dei clienti grazie alla pandemia. "I clienti stanno effettivamente venendo per quel dialogo in modo proattivo piuttosto che noi dobbiamo andare da loro", ha detto Quinn. "Penso che COVID abbia aiutato in questo senso. Tutti nel mondo si sono svegliati su quanto sia fragile l'economia mondiale. Con questo campanello d'allarme, penso che il ritmo del cambiamento si sia accelerato".


Il creep politico da COVID al clima ha colpito le pagine della rivista Nature Sustainability il mese scorso in un articolo che promuove le Personal Carbon Allowances. Si dice che "la finestra di opportunità politica fornita dalla crisi del COVID-19, in combinazione con la necessità di affrontare il peggioramento delle crisi del clima e della biodiversità", rende possibile l'assegnazione di quote di carbonio personali agli individui. In breve, i passaporti vaccinali COVID potrebbero essere sostituiti da passaporti personali di carbonio.


Più recentemente, la connessione COVID/clima è stata citata dall'economista Mark Jaccard in un commento di Policy Options che valuta i meriti della "sincerità" delle piattaforme elettorali di controllo del carbonio dei partiti politici del Canada. Jaccard ha detto di aver usato un modello economico computerizzato chiamato gTech di Navius Research per concludere che i liberali avevano il miglior piano per frenare la produzione di emissioni di gas serra (GHG).


Scrivi cosa ne pensi

Condividi la tua opinione nel rispetto degli altri. Niente link.

Nuova Vecchia